Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 12 di 12

Discussione: Monumento a i caduti dell'aria ,Sanremo.

  1. #11
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Ok,allora ci siamo.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  2. #12
    Moderatore
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Piombino, Toscana
    Messaggi
    761

    Re: Monumento a i caduti dell'aria ,Sanremo.

    Uno dei personaggi ricordati nel monumento è il Tenente di Complemento AARN (Arma Aeronautica Ruolo Naviganti, a volte riportato come AARC ovvero "Arma Aeronautica Ruolo Combattenti") Mario Ingrellini, Medaglia d'Oro al Valor Militare alla Memoria, caduto il 14 giugno 1942 nella battaglia passata alla storia come, appunto, "Battaglia di Mezzogiugno".
    Il tenente pilota Ingrellini apparteneva al 104° Gruppo AS, 46°Stormo Aerosiluranti.
    Meno di un centinaio di aerosiluranti rischierati per l'occasione in Sardegna ed in Sicilia fronteggiarono l'operazione di rifornimento all'arcipelago Maltese chiamata in codice Harpoon (contemporaneamente in Mediterraneo Orientale era in pieno svolgimento l'Operazione Vigouros, con lo stesso scopo).
    Le perdite furono molto pesanti ma lo scopo fu in parte raggiunto: solo due mercantili ed un'unità* veloce carica di rifornimenti raggiunsero la piazzaforte assediata da Ovest..

    "Ufficiale di complemento, già* decorato al valor militare per l`eroico Suo comportamento su altri fronti, assolveva brillantemente rischiose missioni belliche fortemente contrastate. Capo equipaggio di velivolo aerosilurante, alla vigilia di un`azione contro una potente formazione navale nemica esprimeva la decisione di attaccare a costo di ogni sacrificio la portaerei di scorta. Durante l`attacco fu visto sdegnare due bersagli favorevoli e, benché già* in fiamme, puntare decisamente contro l`obiettivo prefisso che colpiva col siluro. Sottrattosi al fuoco nemico, impossibilitato ormai, date le condizioni del velivolo, a rientrare alla base, fu visto ripiegare nuovamente verso le navi ed infrangersi contro le murate di una di esse. Esempio sublime di eroismo e di sereno spirito di sacrificio. â?? Cielo del Mediterraneo Occidentale, 4 febbraio 1941 -14 giugno 1942"

    Riguardo il 1°Aviere Marconista Gino Vesci.. Egli fa parte di una schiera di Caduti spesso dimenticati, ovvero i molti equipaggi della Regia Aeronautica ed osservatori della Regia Marina caduti nell'adempimento del dovere, nel corso di innumerevoli missioni su aerei superati, in zone fortemente contrastate e contro le stesse condizioni del tempo..
    Il loro sacrificio è ben sottolineato nel libro "Ali Marine" del compianto Ing.Tullio Marcon, libro che vi invito a leggere benchè non sia facilissimo da trovare.. Il giovane 1° Aviere morì in occasione delle operazioni aeronavali passate alla storia come "Battaglia di Punta Stilo" nel luglio 1940.
    Anche il Vesci è decorato di Medaglia d'Oro al Valor Militare alla Memoria, la motivazione non credo che abbia bisogno di ulteriori commenti..

    "Marconista a bordo di un idrovolante in ricognizione strategica, che era costretto ad ammarare perché avariato da tre raffiche di tre caccia nemici, non abbandonava il suo posto di combattimento sebbene mortalmente ferito. Stremato di forze per il gorgoglio incessante del suo sangue generoso, costretto dalle sofferenti ferite ad una parziale immobilità*, riusciva, in piedi, con indomita energia, ad approntare l`apparato radio, con mezzi di fortuna, e a lanciare il segnale di soccorso. Incurante di se stesso, cosciente del proprio stato e solo preoccupato della salvezza dei camerati, con stoicismo ineguagliabile, continuava la trasmissione fino al suo ultimo anelito. La morte lo coglieva così al suo posto di combattimento, e spirava nella serena soddisfazione che l`olocausto della sua fiorente giovinezza avesse potuto contribuire a trarre in salvo i compagni di volo. Esempio di fulgido eroismo di soldato e di sublime abnegazione umana.Mediterraneo Occidentale, 9 luglio 1940"

    Un caro saluto
    cerco qualsiasi materiale, fotografico o documentale, precedente al 1945 relativo all'Isola d'Elba e dintorni.. anche in copia!

    Non amo la spada per la sua lama tagliente, né la freccia per la sua rapidità, né il guerriero per la sua gloria. Amo solo ciò che difendo..

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato