Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19

Discussione: MORTI DI SERIE A, B, C ..........

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    255

    MORTI DI SERIE A, B, C ..........

    Ciao a tutti!
    seguo il consiglio di Djio, sull'onda dello scalpore della notizia della donazione del sacrario di El Alamien, mi sono posto la domanda: e i poveracci seppelliti ad Est?

    Quanti cimiteri di guerra Italiani in Russia, Ucraina, Polonia, Romania, e anche Germania esistono?

    Una volta vidi sulla RAI una trasmissione dedicata ad una zona della Germania o della Polonia, si parlava del posto, di questo e di quello, e fu anche nominato un cimitero militare italiano, e la telecamera mostrò un camposanto abbandonato a se stesso: rovi, frattoni, una cosa indecente!

    Perchè ci si ricorda solo di El Alamein?,

    Perchè chi è seppellito in posti dove le ns lobbies di palazzinari e contrattisti non hanno interessi in loco, non è ricordato?
    E si cari miei! avete idea di cosa sarà* la zona costiera davanti ad el Alamein tra qualche annetto? altro che Sharm!

    E glie l'hanno dato si il Sacrario!! mica sono fessi!! sapete tutti del boom di viaggi organizzati e non, per la nota località*!!
    Hanno odorato il businness! e giù contratti a valanga!

    Perchè nella mia nazione sono ampiamente indicati i cimiteri di guerra stranieri, tenuti come giardini!!, e non ho mai visto un cartello di cimiteri militari italiani?
    Perchè l'Onorcaduti tedesco organizza per le scuole superiori sessioni di manutenzione ai proprii cimiteri sparsi in tutto il mondo?
    Perchè in Nuova Zelanda o in Sud Africa, addirittura sono gli abitanti del luogo che curano o i cimiteri o le cappellette erette dagli allora Italians Prisoners of War?



    E ammazza quanto rompo li cojo...... co tutti sti perchè!![boing]

    Ciao!
    Ivano

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    C'è qualcosa qui...
    http://www.marchi-campertravelest.it/cippi.htm

    altro qui...
    http://www.situs.it/mci-berlino/luoghimemoria.htm

    addirittura in Sud Africa tenuto da un Italiano..
    http://www2.regione.veneto.it/videoinf/ ... aliano.htm

    Saluti
    Corrado
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    255
    Ciao Ado!
    GRAZIE!!

    E abbiamo dato lo spunto per ricordare anche qualcun'altro!

    Ancora grazie!

    Ciao!
    Ivano

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    aggiungo questo...interessante..

    http://www.fronterussounirr.it/cippicommemorativi.html


    Ciaooooo
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    1,596
    eccoci Ivano..

    cercherò di essere breve..
    intanto benvengano elementi di discussione..

    relativamente ad Alamein..lo scalpore lo ha avuto solo chi non era a conoscenza degli avvenimenti..
    non penso che sia una trovata dei palazzinari o lobby varie la nuova via scelta dal governo Egiziano e quello Italiano..
    ci sono organizzazioni che si muovono da tempo..c'è un passaggio del testimone..ci sono tante cose che vanno al di là* del mero interesse economico..
    certo ci sarà* anche una componente pubblicitario/turistica..ma dovuta anche alla continua presenza sul luogo di centinaia se non migliaia di turisti ogni anno..che vanno lì non tanto per il bel mare, ma per ricordare e vedere..

    poi, ad oggi, prova ad andare da quelle parti come semplice turista!?..
    l'area è ancora militare, posti di blocco e controlli..spesso deleteri
    ..la scoperta del petrolio ha già* intaccato tante zone che erano di unica competenza del deserto..ma dagli anni 50..non ora!

    il deserto custodisce ancora ossa..c'è ancora da fare..e c'è chi si da da fare perchè questo avvenga..
    ci sono iniziative spettacolari da parte di associazioni istituzionalizzate.
    Alamein non è solo un cimitero..è una tappa storica di un'epoca andata male..per noi!
    Alamein è stata dimenticata per troppo tempo..e se non fosse stato per pochi ma ottimi personaggi lo sarebbe tutt'oggi!


    per quanto riguarda gli altri cimiteri..sappiamo come andarono le cose per molti di quelli dell'est..eliminati con una bella passata di ruspa..
    e se consideriamo quelli in India Australia Canada e America etc etc
    sicuramente dimenticati più dalle nostre Forze Istituzionali che dai paesi che li ospitarono..cause politiche, economiche, storiche..

    hai ragione quando dici che vediamo indicazioni di cimiteri per tutte le nazionalità* in Italia ed è difficile trovarne di Italiani..
    è anche vero (ad esempio) che mettere in ginocchio la Russia affinchè ci comunichi luoghi di sepolture ormai diventate città*..per i noti fatti successi..è cosa utopica,
    fare delle interpellanze tramite gli organismi preposti..e creare dei comitati delle organizzazioni che si prendano cura con più Amor patrio delle spoglie dei nostri..sia in Italia che all'estero è cosa che alla lunga può premiare..ma serve l'impegno..che spesso noi per primi dimentichiamo|!

    d'altra parte le nostre "Qualità*" di popolo nella gestione della cosa pubblica, e non solo le dimostriamo quotidianamente..
    ci fa male a tutti, ma non riusciamo a fare di meglio..
    quindi quando succede un Fatto tipo ..ALAMEIN..io sono contento..

    e spero possa succedere per tutti gli altri cimiteri, cippi, sacrari che ci riguardano..in Italia e nel Mondo..
    anche se stando con i piedi per terra..lo ritengo di difficile attuazione.
    finchè non cambieremo modo di operare a livello di Sentimento Nazionale!

    ciao
    digjo
    Ciao
    digjo

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    255
    Ciao!
    ma infatti io non me la prendo con Alamein in se stessa, ma con il fatto che ci si ricorda sempre e solo: o di Alamein o di Cefalonia!

    Ed è così!!! per questa o quella ragione!!

    E il mio pensiero và* a quelle migliaia di poveracci morti lì, in posti dove per tutta una serie di questioni, storicamente, si è sempre preferito non ricordare!

    Ciao!
    Ivano

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Rimini
    Messaggi
    2,599
    .. penso che per noi italiano il discorso è un po più complicato, ma di sicuro non siamo, noi italiani, come un nazione un paese che abbia molta cura dei propri soldati morti e quindi della propia memoria.... già* nella prima guerra abbimao dimenticato una sacco di italiani che hanno combattuto con gli austriaci dispersi nei cimiteri abbandanati di Russia o della Polonia... e così nella seconda a seconda (scusate la ripetizione9 del luogo, dell'anno, odella parte... qualcosa stà* piano piano cambiando ma El Alamein prima di tutto è il lavoro, l'attenzione, l'abnegazione di Caccia Dominioni e il minimo che possiamo fare o che può fare lo stato italiano.... mentre per esempio sia tedeschi sia gli alleati (che curano e gestiscono personalmente i loro cimiteri in Italia, e sono "padroni" del terreno come tradizione) hanno sempre avuto uan cura straordinaria (ma è qui lo straordinario è normale) dei loro luoghi... senza distinzione coem è giusto: così gli inglesi curano indistintamente allo stesso modo i loro soldati come i Gurhka o gli indiani o i maori e i tedeschi insieme ai loro i turkomeni o i cecoslavacchi o tutti quellic he hanno servito o combattuto con loro... e noi siamo qui a scrivere poco sotto della pensione che non vogliamo riconoscere a un ascaro che ha fatto la gurra con noi e per noi.....
    cerco e scambio wehrpass linea Gotica adriatica

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053
    Citando una famosa frase di un film di un prete che và* in unione sovietica: "compagno chi ha avuto 15 milioni di caduti in guerra non si può preoccupare dei 2/300.000 morti che il nemico gli lascia in casa", questa è stata la mentalità* in unione sovietica ed ancora oggi è la mentalità* usata nei confronti di chi venne mandato e ci rimase in Russia tra il 1941 e il 1945;
    Non esistono nemmeno dei monumenti ad alcune delle più importanti battaglie, offensive, controffensive o estreme difese da parte dell'Asse in Russia, (Isbuckeskji, Stalingrado, il Don, ecc,), figurarsi sacrari veri e propri ai caduti.
    Ancora oggi in polonia, neanche in Russia, ci sono zone dove sono stati massacrati soldati e ragazzi della HJ dai sovietici ma non è permesso neanche avvicinarsi a quelle zone per fare delle ricerche o almeno portare un fiore, questo fà* pensare al tipo di mentalità* che c'è in merito alla faccenda.

    Saluti
    Die Nadel

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    177
    A proposito dei caduti in russia, c'è un bel libro proprio edito dal Ministero della Difesa.
    Oltre il libro non si è andati!!!
    Qualche anno fà*, si sentiva spesso di salme che "tornavano"(qualcuno diceva pagate molto salate!) dall'Ucraina o da altre zone dell'Est, ma negli ultimi tempi non si è sentito più nulla.

    E' una triste storia, anche questa lasciataci dalla politica!

    Allego la copertina del libro così se vi capita, lo prendete...

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Avete tutti ragione e condivido i vari punti di vista, cominciando dal fatto che non dovrebbero esistere caduti di serie a,b,c,...ma figli di una Nazione che sono morti per essa ma purtroppo spesso, le nostre istituzioni hanno fatto sì che questo accadesse, altrettanto spesso non si ha il rispetto dei vivi figuriamoci dei morti.
    Se non fosse stato per Caccia Dominioni forse il sacrario di El Alamein non sarebbe quello che oggi è.
    Qui da noi non c'è chi di dovere dovrebbe fare o avere la volontà* di fare, tutto è affidato all'iniziativa personale e al volontariato, immaginatevi per un momento se sparissero in Italia tutti i volontari ai quali va tutto il mio rispetto e ringraziamento sarebbe un "disastro"
    Ricordate anche questo topic??? http://www.milistory.net/forumtopic.asp? ... hichpage=1
    E' possibile che siano pochi volontari di loro iniziativa e con mezzi propri a curare poche tombe??
    Cosa fanno i nostri ambasciatori sparsi per il mondo??
    Qualcuno potrebbe dire che sono oberati da tanto lavoro o che seguano le direttive del governo, forse, e a questo punto c'è poco da aggiungere, solo un grande tristezza.
    [ciao2]
    luciano

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •