Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 20 di 20

Discussione: Morto sovietico della bandiera sul Reichstag

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Umbria
    Messaggi
    1,071
    Ecco alcune delle uniformi dei vicitori della battaglia...i sovietici, un popolo che ha sofferto moltissimo le conseguenze della guerra.

    MEMENTO AUDERE SEMPER

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2,183
    Bellissimi completi![II]
    Al mondo ci sono persone che sanno tutto. E purtroppo, questo è tutto quello che sanno.

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    263
    ecco a voi il Tovarisch Minin



    Immagine:

    26,69*KB



    Immagine:

    58,75*KB
    ed ecco qua i primi quattro: Giya Zagitov, Aleksandr Lisimenko, Aleksey Bobrov, Mikhail Minin

    Il capitano V. Makov comandante del gruppo disse: Compagno generale! I miei ragazzi sono stati i primi ad alzare la bandiera rossa sul reichstag nella corona di alcune p.....e nude

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    91
    Cavolo Lucas,
    che meraviglia di uniformi! E che cura nell'esporle!

  5. #15
    Banned
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    759
    Il dolore per la perdita dipende dal lato da cui la si guarda; in quella battaglia, l'onore fu dalla parte degli assediati.

  6. #16
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Liguria
    Messaggi
    8,022
    Da parte mia Onore delle Armi ai vincitori ma sopratutto ai VINTI..
    Gigi "Viper 4"

    "...Non mi sento colpevole.. Ho fatto il mio lavoro senza fare del male a nessuno.. Non ho sparato un solo colpo durante tutta la guerra.. Non rimpiango niente.. Ho fatto il mio dovere di soldato come milioni di altri Tedeschi..." - Rochus Misch dal libro L'ultimo

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    224
    L'alzarono di notte perchè di giorno non gli fù possibile, i tiratori scelti della Wehrmacht fecero giustamente un ecatombe dei russi che ci provarono.

    Zolotov, la parola pudicamente censurata è : Puttane?
    In der Wehrmacht keine Probleme, sondern Lösungen.

  8. #18
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324
    Io sapevo che quella foto fu riscattata perchè nella prima versione il soldato aveva DUE orologi al polso e questo non era troppo politically correct, visto che, almeno uno, non lo aveva di certo comprato allo spaccio...
    Pare, infatti, che i sovietici facessero a gara nello sfilare gli orologi militari ai soldati tedeschi...

  9. #19
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053
    Fecero a gara a sfilare gli orologi ai Tedeschi e stop, civili o militari, uomini, donne o bambini era indifferente per loro, l'importante era fregare.
    Il famoso filmato che mostra l'issazione della bandiera sul Reichstag fù una ciofecha fatta dopo la resa della città*, anche perchè sarebbe stato impossibile per un cinoperatore sovietico stare allo scoperto a riprendere i soldati arrivare dentro il palazzo e salire sul tetto, se poi si nota la scena che alzano le armi al cielo per sparare in segno di gioia le armi sono tutte ferme, non se ne vede una scarrellare.

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  10. #20
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324
    Citazione Originariamente Scritto da Die Nadel

    Fecero a gara a sfilare gli orologi ai Tedeschi e stop, civili o militari, uomini, donne o bambini era indifferente per loro, l'importante era fregare.

    Giusto, hai ragione. sono stato poco preciso, ma per precise ragioni...
    Allora, infatti, di orologi ce ne erano pochi, in mano ai civili, specie se tedeschi e l'esercito tedesco aveva i migliori orologi militari del mondo.
    Ne avevano molti(diversi milioni), anche se non è ancora chiaro come e addirittura se erano stati distribuiti... devo ammettere, da alcuni indizi, in base, forse, a raccomandazione...
    Molti paracadutisti tedeschi, anche se truppe di elite, conservavano ancora gli orologi catturati in Olanda (primo esercito della secdonda guerra mondiale ad aver avuto orologi di ordinanza?), in Russia, fronte degli sfigati, non c'è un Longines DH (allora molto ambito) neanche a pagarlo oro. In Francia, fronte dei raccomandati, ce ne è parecchi, forse tutti... è un caso?
    Il pilota abbattuto in Italia, rinvenuto sotto sei-sette metri di terra dopo la caduta, aveva un Roskopf da tasca, di acquisto privato, piuttosto insolito a bordo di un Me109...
    Oggi gli orologi DH se li porti da un tecnico quasi neppure li vuole riparare, ma tecnicamente erano all'avanguardia, e all'epoca si sapeva.
    Forse un giorno ne parleremo, se a qualcuno interesserà*...
    Hai ragionissima per almeno due motivi: all'epoca tutto il mondo aveva fame di orologi da polso. Un compagno di classe di mia madre, oggi sindaco di un paese vicino al mio, disse, con rammarico, dopo la morte del padre, che gli aveva lasciato il suo, "doveva morire mio padre perchè io potessi avere un orologio..." ed erano gli anni sessanta...
    In Unione sovietica, poi, la situazione economica è sempre stata quella che... è sempre stata... erano incazzati ed affamati...
    Anche gli orologi sovietici erano di eccellente qualità*: i migliori pezzi della mia collezione di orologi militari, a livello di precisione, sono due russi e un tedesco, ma per averli dovevi essere almeno colonnello o pilota di eccellente livello.
    I normali piloti si dovevano accontentare di quello da cruscotto, i soldati era tanto che avessero il Moisin Nagant...
    Gli orologi militari sovietici erano spesso copie russe, malfatte e poco rifinite, ma di eccellente progettazione e concezione tecnica, di ottimi orologi della Jaeger Le Coultre, della LIP e della Ulysse Nardin, tutte fornitrici dello zar o della Russia prima della guerra.
    Altre volte erano residuati di acquisti effettuati in epoca zarista, eccellenti e pregiatissimi, ma ormai fragili e tecnicamante superati...

    Il famoso filmato che mostra l'issazione della bandiera sul Reichstag fù una ciofecha fatta dopo la resa della città*, anche perchè sarebbe stato impossibile per un cinoperatore sovietico stare allo scoperto a riprendere i soldati arrivare dentro il palazzo e salire sul tetto, se poi si nota la scena che alzano le armi al cielo per sparare in segno di gioia le armi sono tutte ferme, non se ne vede una scarrellare.

    Dubito che i cineoperatori avessero molto da temere in quei giorni...

    Saluti
    Die Nadel

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •