Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 15 di 15

Discussione: Museo reperti aeronautici 2aGM

  1. #11
    Banned
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    37
    ciao Fabio,
    come puoi capire dal mio nickname, l'aeronautica è per me una passione non solo teorica. Il volo è una delle attività* umane più bella ed emozionante, e crea uno spirito di fraternità* e amicizia fra i suoi praticanti, che spesso si è conservata anche in guerra fra i piloti degli opposti schieramenti. Quello che fate oltre ad essere storicamente interessantissimo, è anche molto bello e valido da un punto di vista etico. Grazie a tutti voi.

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Umbria
    Messaggi
    991
    Anche io,ho due aerei da controllare vicino a casa mia.Ne parlai a bologna all'agmen quadratum,se e' cosi'che si scrive,e mi dettero il loro biglietto da visita, x avvertirli non appena ne avessi saputo di piu'.Si tratta di un caccia tedesco caduto in mezzo ad un campo e di questo non ho ancora iniziato neanche a chiedere nulla,mentre l'altro e' uno spit inglese,caduto in collina proprio all'inizio della boscaglia in un piccolo appezzamento di terreno.Nel caso di quest'ultimo,venni a conoscenza della sua presenza,in occasione di un mio incontro con un partigiano,che per essere l'unico insieme ad altri reclusi slavi,ad essere riuscito a fuggire dalle carceri spoletine che fino al 1982 erano ubicate nel castello dominante la citta' e che da quando tale luogo fu demandato a casa di reclusione ai primi dell'ottocento,e fino alla sua chiusura,fu' l'unico a riuscire ad evadere nel 1943 per poi andare nelle montagne della valnerina,dove si uni alla brigata gramsci,formata da slavi e da comunisti italiani,e' considerato un mezzo eroe e sul quale anni fa',fu' scritto anche un libro sulla sua esperienza .Ebbene,mi racconto' che questo pilota inglese, era tenuto nascosto in citta' e che insieme ,raggiunsero appunto i partigiani di cui sopra.Questa persona mi scrisse delle indicazioni su di una mappa I.G.M. del 1898,di quelle che uso x le ricerche,e cosi'riuscii a trovare sia il luogo dell'impatto,che chiedendo gli abitanti di un agglomerato di case a poche centinaia di metri dal posto,i padroni del terreno.ho parlato con una signora di questa famiglia e che seppur a conoscenza dell'accaduto ,non sa' che fine abbia fatto l'aereo,se interrato,o se fu' portato via,in compenso mi ha detto di parlarne con il fratello che quel giorno era presente all'accaduto e che conosce tutta la faccenda,solo che non era in in casa e che io,ancora devo tornarci.In compenso quel giorno,mi diedero il permesso di fare quache passaggio con il metal,ma l'abbondante pioggia caduta per giorni,aveva reso il terreno talmente melmoso,da farmi affondare prima,per poi essere costretto a rinunciare poi,anche se in quel poco tempo che riuscii a fare qualche metro,mi accorsi che era impossibile lavoraci,in quanto pieno all'inverosimile di pezzetti di alluminio.Se avro' l'opportunita',di sicuro ci faro' un salto,prima o poi.Saluti


    La prima cosa che si vede arrivando a Spoleto è la Rocca che sorge sul colle di Sant'Elia.

    Rocca di Spoleto


    Imponente la Rocca, realizzata nel 1300 a cura di Matteo Gattapone da Gubbio su commissione del Cardinale Albornoz, sovrasta buona parte dell'Umbria.
    La Rocca è a pianta rettangolare di dimensioni pari a 130 x 33 metri.Al suo interno è si trovano due corti:
    1.La Corte d'armi (destinata ai soldati)
    2.La Corte d'onore (destinata ai governatori pontifici)

    Le due corti sono tra loro divise da un largo muro trasversale e sovrastate da ben sei torri.
    La Rocca, utilizzata dal 1817 fino al 1982 come carcere, ha avuto come governatore pontificio anche la signora Lucrezia Borgia "messa al sicuro" a Spoleto dal padre Papa Alessandro VI.

  3. #13
    Banned
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    38
    molto bella e ben conservata, ma qual'è l'utilizzo attuale?

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    81
    Citazione Originariamente Scritto da btgak47
    ....segue...
    Gianfranco

    P.S.=Da dove provengono i resti del BF109?
    Per quanto riguarda poi il pilota della RAF puoi indicare se e quando fu abbattuto?
    Ciao, i resti del BF provengono da recuperi, linko la sez con la lista dei recuperi:
    http://www.freeforumzone.com/viewmes...f=61117&idd=97
    il tutto è da aggiornare con alcuni dettagli, appunto con alcune date e info, di cui aspettiamo la certezza dei risultati delle indagini, contatti, archivi ecc ecc.. prima di divulgare notizie che potrebbero essere errate.. Dopo più di 60 anni, è difficile risalire alla storia di quegli eventi, se non usando periodi approssimativi. le testimonianze scarseggiano, purtroppo sempre di più, aggiungiamo le difficoltà* di reperire informazioni dagli archivi militari..
    eh.. se fosse così facile.. lo farebbero le istituzioni.. forse, ma fortunatamente abbiamo instaurato ottimi rapporti con la Luftwaffe, Ambasciata inglese e AM, oltra al patrocinio del Comune di Conselice (RA) e Protezione Civile. Aggiungo uno staff medico legale nel nostro gruppo... è in fase di crescita il secondo museo, situato nelle campagne di Conselice, con annesso hotel e ristorante agrituristico:
    http://www.freeforumzone.com/viewmes...=61117&idd=160
    Questa è la struttura:
    http://www.freeforumzone.com/viewmes...=61117&idd=115
    non mancano importanti contatti con il museo dell' AM di Vigna di Valle, con notevoli reperti da ristrutturare ed esporre nel piazzale antistante il museo:
    http://www.freeforumzone.com/viewmes...=61117&idd=114
    Vi informo che il tutto il materiale recuperato viene rilasciato e certificato dalle autorità* competenti, civili e militari. I pezzi più importanti e "ben messi" sono esposti nel loro stato originale, il resto conservato e comunque visionabile da tutti.
    Certamente abbiamo un pò le spalle "coperte" non finiremo mai di ringraziare le autorità* citate prima, ma tutto il lavoro, la pratica, le ricerche, i sondaggi, la pulizia, lo stoccaggio, il restauro, la manutenzione, le mostre, i raduni, i contatti, le ricerche, l' organizzazione, i convegni, le guide con le scolaresche, insomma tutto dal presidente all' ultimo membro del gruppo, ultimo ma non per questo meno importante, è tutto frutto di volontariato, e non importa dirvi cosa comporta essere un volontario. E' molto.. ma molto impegnativo, perchè devi comunque lavorare e, come me, fare il papà* e marito..
    ma ragazzi.. tutta questa fatica viene ripagata, che ci si metta un mese.. 2.. 3 anni (come con il Serg.Magg.Alverino Capatti) quando riporti alla luce dopo 60 anni e più un giovane di 17 o 20 anni, disperso sotto 10 metri terra nuda.. che altro aveva solo che la passione degli aerei.. come me.. beh.. la forza per continuare la trovi.. aggiungo i vostri complimenti, che contraccambio di cuore e che mi fa piacere condividere.
    ciao

    Fabio Raimondi

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Umbria
    Messaggi
    991
    Ciao husky.La rocca,quando nell'82 chiuse come carcere,vi cominciarono i lavori di ristrutturazione
    abbattendo quello che ,a livello di muratura,era stato fatto nei secoli,fino a riportarla al suo splendore originale.Oggi,oltre che visitabile come monumento(io ancora devo andarci)e' sede di conferenze,esposizioni e spettacoli durante il festival dei due mondi.Saluti

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato