Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: MUTZE FUR SOLDATEN - parte seconda

  1. #1
    Moderatore L'avatar di der graf
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Marche
    Messaggi
    566

    MUTZE FUR SOLDATEN - parte seconda

    Buonasera a tutti.
    Al fine di rendere più snello questo topic sempre di grande interesse e attualità*, ne apro una "seconda parte" anche per renderne più agevole la consultazione, cercando di dare un senso più concreto, tecnico e pulito al ragionamento iniziato, con le opportune terminologie appropriate e l`ordine storico cronologico dell`evoluzione dei cappelli tedeschi della WH- Heer durante l`ultimo conflitto mondiale.

    In questo topic saranno GRADITE come sempre le integrazioni degli amici collezionisti e utenti del Forum WW, limitandoci alla trattazione di FELDMUTZEN ( berretti da campo, per definizione ) inerenti l`esercito di terra ( Heer ) della WH, sia per ufficiali che per la truppa, e per quanto riguarda il settore continentale.
    Prossimamente e in altra discussione ci occuperemo di Mutzen tropicali.

    Per quanto concerne il materiale di tipo specialistico tipo Panzer e G.Jager, invito i possessori di tale materiale ad aprirne eventualmente un topic parallelo "in tema" non essendo personalmente un collezionista di tali tipologie.

    ------------------------------------------------------------------------------------------

    Feldmutze m.34-35
    Nel 1935 il precedente modello di Feldmutze per la truppa venne modificato nel disegno e nel porto degli attributi originando quel copricapo "Schiffchenform"che vide il battesimo del fuoco dei soldati tedeschi all`inizio della seconda guerra mondiale. Tale "bustina"venne dotata di attributi dapprima su fondo grigio chiaro, poi su verde scuro e in seguito su Feldgrau. Il colore d`arma d`appartenenza materializzato con una "soutache" a forma di V cucita sul davanti venne dismesso dall`estate del `42. Dal 1938 ne venne prodotta una versione anche per gli ufficiali come illustrato in seguito.

    [attachment=29:3bdlm9c3]1.JPG[/attachment:3bdlm9c3]
    [attachment=28:3bdlm9c3]2.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    Altro esempio di Feldmutze m34 con attributi mod.40 e privato del gallone a V indicante il colore dell`arma.
    [attachment=27:3bdlm9c3]3.JPG[/attachment:3bdlm9c3]
    [attachment=26:3bdlm9c3]4.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    l`interno presenta una fodera simile a quella riscontrabile sulle feldbluse del periodo. In questo caso la ditta costruttrice è la Bayerische Mutzenfabrik, con anno di fabbricazione timbrato a grandi cifre
    [attachment=25:3bdlm9c3]5.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    ------------------------------------------------------------------------------------------

    Feldmutze m.42
    Nel luglio`42 venne introdotto un altro copricapo in forma "Schiffchen" per consentire ai soldati maggior protezione contro il freddo essendo realizzato sulla falsariga del berretto destinato alle truppe da montagna, ( si trattava in pratica di un Bergmutzen senza visiera ), tant`è che il fregio previsto fu quello specifico a "T" per i Bergmutzen, anche se furono nel tempo dotati di altre tipologie di fregi.
    Con l`adozione del berretto successivo, ovvero il mod.43, di grande praticità*, molti soldati aggiungeranno alle loro mod.42 una visiera realizzata più o meno individualmente, ma mai da prescritta ordinanza. Di questo copricapo non furono prodotte versioni per ufficiale, sebbene diversi ufficiali ( e generali ) ne fecero uso facendo cucire sulla sommità* un cordoncino argenteo indicante la loro posizione; ne parleremo più avanti nella sezione "per gli ufficiali" sempre nel corso del presente topic.

    [attachment=24:3bdlm9c3]6.JPG[/attachment:3bdlm9c3]
    [attachment=23:3bdlm9c3]7.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    In questo esemplare l`interno presenta un cotone semi- sintetico color nocciola. Visibile il logo del fabbricante per esteso e il dettaglio dei rivetti d`aerazione, con controcoppiglia "a scodella" interna.
    [attachment=22:3bdlm9c3]8.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    ------------------------------------------------------------------------------------------

    Feldmutze m.43 – Einhheitsfeldmutze, berretto di tipo unificato.
    Sull`esempio del pratico mod.41 con visiera usato dall`Afrikakorps e raccogliendo l`esperienza della m.42, venne istituito nel `43 questa tipologia di copricapo che sarà* l`ultimo indossato dai soldati della WH caratterizzando la figura"moderna"del soldato tedesco. Realizzato con panni diversificati tipici della produzione fine guerra, montava usualmente un fregio trapezoidale che racchiudeva aquila e coccarda. Esistono tuttavia evidenze di porto di fregi diversificati e sembra che le prime produzioni di tale berretto mantenessero rivetti di aerazione. Tale tipologia di berretto seguiva la tendenza di unificare la figura del soldato tedesco nelle sue varie branche e specialità*, essendo previsto per tutte le unità* combattenti di terra di mare e di cielo,

    [attachment=21:3bdlm9c3]9.JPG[/attachment:3bdlm9c3]
    [attachment=20:3bdlm9c3]10.JPG[/attachment:3bdlm9c3]


    L`esempio che segue è realizzato in panno finale "Feldgrau 44" in tono marronastro-oliva.
    [attachment=19:3bdlm9c3]11.JPG[/attachment:3bdlm9c3]
    [attachment=18:3bdlm9c3]12.JPG[/attachment:3bdlm9c3]
    [attachment=17:3bdlm9c3]13.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    L`interno dei due Feldmutzen presenta una fodera di cotone sintetico grigia nell`esemplare di dx e color nocciola chiaro, ricordante la fodera "d`arsenale" dei pantaloni mod.43, nell`esemplare di sin.
    I marchi sono presenti , ma illeggibili.
    [attachment=16:3bdlm9c3]14.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    ------------------------------------------------------------------------------------------

    Pelzmutzen m43
    Nei territori a clima freddo fu fatto largo uso di berretti con pelliccia di preda bellica o modificato con l`aggiunta di pellicce le diverse tipologie di copricapi in uso. Dalla fine del`42 furono prodotti cappelli aventi la calotta del.mod.43 dotati di falde ricoperte di pelliccia. Tali copricapi, spesso-a torto-poco considerati, vanno sotto il nome di Pelzmutzen.

    [attachment=15:3bdlm9c3]15.JPG[/attachment:3bdlm9c3]
    [attachment=14:3bdlm9c3]16.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    l`interno in rasatello argenteo riporta le consuete marcature con codice RB
    [attachment=13:3bdlm9c3]17.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    [attachment=12:3bdlm9c3]18.JPG[/attachment:3bdlm9c3]
    Vista dell`interno
    [attachment=11:3bdlm9c3]19.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    Materiali diversificati nella costruzione di questa tipologia di copricapo
    [attachment=10:3bdlm9c3]20.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    ------------------------------------------------------------------------------------------

    FELDMUTZEN per ufficiali

    Feldmutze fur offiziere m38 ( neuer Probe )
    Nel 1938 venne istituito per gli ufficiali un nuovo copricapo su disegno siìmile al Feldmutze già* in uso alla truppa. Fu dotato di attributi tessuti in filo argento, con coccarda nazionale e soutache a "V" cucita sul davanti, recante i colori dell`arma d`appartenenza. Solitamente il copricapo era realizzato in tessuto di pregio tipo Doskin; molte sono state le fabbricazioni di tipo privato. Nella maggioranza dei casi era presente al suo interno una mezzaluna frontale in cuoio avente funzione di parasudore. Sulla sommità* della calotta era sempre presente un cordoncino argentato o dorato atto ad identificare il rango dell`ufficiale. Fino a quella data era portato dagli ufficiali in campagna un Feldmutze con visiera che sarà* ribattezzato "di vecchio modello" ( Offizierfeldmutze m.34 alter Art ) e continuato a portare sino a tutto il corso della guerra come status-symbol dell`ufficiale –veterano.

    Offizierfeldmutze m34 "AlterArt" con il farbe dell`artiglieria
    [attachment=9:3bdlm9c3]21.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    Gli attributi tessuti in BeVo istituiti nel 35, montati d`origine in corso di fabbricazione del cappello
    [attachment=8:3bdlm9c3]22.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    L`interno presenta un rasatello blu, riscontrato diverse volte all`interno dei berretti di questo tipo destinati all`artiglieria. Il fabbricante è un acronimo non meglio identificato: "HaRo Mutzen", visibile parte del fragile marocchino in cuoio sintetico tipo "Alkor".
    [attachment=7:3bdlm9c3]23.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    Il Feldmutze m38 per ufficiali di nuovo tipo
    [attachment=6:3bdlm9c3]24.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    Interno realizzato in cotone grigio con rivetti d`aerazione di tipo regolamentare. Fabbricazione in tessuto Doskin. Presenza del parasudore frontale con impresso il tipico logo quadrato "Qualitat Extra". All`interno è presente solo il timbro del numero della taglia.
    [attachment=5:3bdlm9c3]25.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    ------------------------------------------------------------------------------------------

    Feldmutze m42
    Ricollegandomi a quanto detto sopra riguardo il Feldmutze 42, appare da fonti documentative e da esempi che questa tipologia venne altresi` utilizzata dagli ufficiali. Come nell`esempio che segue si trattava di bustine di tipo per la truppa sulle quali veniva cucito un cordoncino in alluminio stante ad indicare il rango di ufficiale. Per luogo e modalità* di ritrovamento dell`esemplare seguente ritengo l`oggetto mai manomesso e non "addottorato"in tempi recenti.

    [attachment=4:3bdlm9c3]26.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    L`interno presenta una fodera in cotone color nocciola con i consueti rivetti d`aerazione regolamentari. Il logo del fabbricante è presente: Oberwalder&Co 1942 segue più sotto il numero di taglia. Visibili i punti "grossolani"con filo spesso bianco e ingiallito dal tempo con il quale è stato fissato a mano il cordoncino alluminio indicante la posizione di ufficiale
    [attachment=3:3bdlm9c3]27.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    ------------------------------------------------------------------------------------------

    Feldmutze m43 – Offiziereinheitsfeldmutze
    Di questo berretto ne fu prevista "d`ordinanza" la versione per gli ufficiali. Se si escludono possibili esempi di livello sartoriale fatti fabbricare individualmente e con tessuti pregiati, si trattava in sostanze del medesimo berretto in uso alla truppa, guarnito di fabbrica da un cordoncino intessuto "a traliccio"in alluminio sulla sommità* della calotta. L`interno solitamente poteva impiegare materiali maggiormente di pregio rispetto la truppa e spesso la parte inferiore della visiera era foderata in stoffa. Come nell`esemplare che segue era spesso presente una mezzaluna in cuoio con funzione di parasudore, tipica degli effetti da ufficiale o di maggior pregio. Gli attributi consistevano nel distintivo trapezoidale "BeVo"che racchiudeva aquila e coccarda identico a quello della truppa, del tipo generalmente a bassa visibilità*, malgrado ne esistano anche versioni ricamate in filo argento.

    [attachment=2:3bdlm9c3]28.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    Vista frontale degli attributi di tipo truppa e del cordoncino argenteo montato all`atto del confezionamento del cappello.
    [attachment=1:3bdlm9c3]29.JPG[/attachment:3bdlm9c3]

    L`interno è qui realizzato con una fodera in rayon color giallo-oro simile a quella degli Shirmmutzen. Presente frontalmente un parasudore a mezzaluna in cuoio; la visiera è foderata nella parte sottostante.
    [attachment=0:3bdlm9c3]30.JPG[/attachment:3bdlm9c3]


    Cordiali saluti a tutti
    K.d.G.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    "Unsere Mauern brachen aber unsere Herzen nicht"
    ----------------------------------------------------------------------
    "der graf" ist Carlo Cicconi-Massi

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Trieste
    Messaggi
    4,675

    Re: MUTZE FUR SOLDATEN - parte seconda

    Ottimo lavoro Carlo come sempre, corredato da esemplari di qualità* superiore anche molto rari come la bustina m42 da ufficiale e lo splendido Alterart dell`artiglieria! Le descrizioni chiare ed esaustive danno un valido riferimento per la corretta classificazione di questi importanti copricapi!
    Infanterie Königin aller Waffen

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090

    Re: MUTZE FUR SOLDATEN - parte seconda

    Semplicemente eccezionale, Der Graf!!! Non posso che inchinarmi davanti a topic del genere. Bravissimo!
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di Klaudio
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Califfato di Bologna
    Messaggi
    567

    Re: MUTZE FUR SOLDATEN - parte seconda

    Bravo Carlo ... ottimo ed esaustivo il materiale e la competenza dimostrati anche questa volta.
    Amando i copricapi più di ogni altra cosa, apprezzo molto tutti i vari esemplari postati e personalmente ammiro molto l' Alter - Art Artiglieria ( ... l' interno blu e' effettivamente più riscontrabile su cappelli con W farbe artiglieria e nebeltruppen ).

    Continua così.

    Un cordiale saluto dal tuo amico Cappellaio.

    C.
    Dio usa le guerre per insegnare la geografia alla gente. - A. Bierce -

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    2,060

    Re: MUTZE FUR SOLDATEN - parte seconda

    preciso ed esaustivo,ottimo lavoro completato da bellissimi pezzi

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658

    Re: MUTZE FUR SOLDATEN - parte seconda

    Ottimo lavoro,grazie per averlo condiviso

  7. #7
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Liguria
    Messaggi
    8,022

    Re: MUTZE FUR SOLDATEN - parte seconda

    Citazione Originariamente Scritto da herr x
    Ottimo lavoro Carlo come sempre, corredato da esemplari di qualità* superiore anche molto rari come la bustina m42 da ufficiale e lo splendido Alterart dell`artiglieria! Le descrizioni chiare ed esaustive danno un valido riferimento per la corretta classificazione di questi importanti copricapi!
    Quoto..
    Gigi "Viper 4"

    "...Non mi sento colpevole.. Ho fatto il mio lavoro senza fare del male a nessuno.. Non ho sparato un solo colpo durante tutta la guerra.. Non rimpiango niente.. Ho fatto il mio dovere di soldato come milioni di altri Tedeschi..." - Rochus Misch dal libro L'ultimo

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    273

    Re: MUTZE FUR SOLDATEN - parte seconda

    Riporto sù questo topic interessante in quanto ho notato che proprio in queste pagine é stato postato da Der Graf un M43 da Uff.le che presenta lo stesso tipo di asole dell'M43 di Milit.Personalmente non ci vedo nessuna anomalia e sono rimasto stupito per i dubbi espressi sull'M43 di Milit in quanto a mio avviso si tratta di un pezzo che già* dalle foto non presenta nessun tipo di problema

  9. #9
    Moderatore L'avatar di der graf
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Marche
    Messaggi
    566

    Re: MUTZE FUR SOLDATEN - parte seconda

    ciao Emilio, grazie per aver riportato in vista il presente topic; le asole non sono proprio uguali al mio "ufficiale", ma non è tanto quello.... il panno sembra mostrare segni di cuciture o scuciture pregresse; la visiera presenta un'usura difforme dal corpo del berretto... il filo di cucitura che si intravede sotto la piccola rottura della fodera anteriormente sembra essere della stessa "patina"del filo che corre "scoperto"....magari ci sta tutto, ripeto sono osservazioni da "foto" e quindi da prendere con beneficio d'inventario. Chiederei comunque se nel retro delle due asole sia presente la consueta contro-toppa ed anche se nella parte frontale dei due terminali (asole-bottoni) sia presente, all'interno delle cuciture del perimetro, un rinforzino in fettuccia bianca.
    Ne riparliamo.
    "Unsere Mauern brachen aber unsere Herzen nicht"
    ----------------------------------------------------------------------
    "der graf" ist Carlo Cicconi-Massi

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato