Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15

Discussione: Neve anche su ITALIA; Xa MAS, Tarnova, gennaio 1945

  1. #1

    Neve anche su ITALIA; Xa MAS, Tarnova, gennaio 1945

    Spronato dal topic nevoso del buon Nadel, posto queste immagini di qualche tempo fa; nello stile di ITALIA, abbiamo ricostruito "microstoricamente" l'ambientazione della fotoricostruzione:

    ricostruzione dell'assalto da elementi del Btg. Barbarigo contro il Monte San Gabriele, 20/21 gennaio 1945, difeso dagli slavi del IX Corpus che accerchiavano il Btg. Fulmine e la Cmp. Volontari di Francia a Tarnova.
    Caddero durante l'azione, nella sola IV Cmp. Mortai, il Tenente Alberto Piccoli (poi proposto per la MAVM) e il Marò Scelto Carlo Chiesa, conte dei Bosmensi, di Genova.

    Nelle foto una Sezione Breda 37 della Decima MAS, rievocata da membri dell'Associazione ITALIA. Il vestiario mimetico invernale improvvisato fu impiegato dai Marò del Fulmine; meno da quelli del Barbarigo. Sotto, sono indossate le normali tenute derivate dalle M41, con i maglioni g/v, e le giacche mimetiche 3/4 caratteristiche della FM della Xa, utili in altri contesti ma visibilissime sulla neve.

    Buona visione!

    Ricordo del Tenente Alberto Piccoli, 4a Compagnia mortai del Btg. Barbarigo.
    ___________________




    La battaglia del Monte San Gabriele (gennaio 1945)
    e la morte del Tenente Alberto Piccoli
    ____________________


    Dal libro Sotto tre bandiere, del Gen. Giorgio Farotti.


    Durante la notte un Battaglione sloveno fu mandato all`attacco per riprendere la cima perduta [del Monte San Gabriele, NdC] al mattino ed aprirsi la strada verso Gorizia. Gli attaccanti furono avvistati per puro caso (un Marò era uscito dalla postazione per orinare) e favoriti dal buio, da una leggera nebbia e dalla neve che tutto ovattava, erano ormai arrivati a ridosso delle nostre postazioni. Scoperti, cercarono di far credere di essere tedeschi ma il lancio di un razzo il cui colore non coincideva con gli accordi di riconoscimento e soprattutto la parlata slava, tolse ogni dubbio e le nostre armi aprirono il fuoco [una delle prime armi a sparare fu una Breda 37 della Squadra Betti, azionata dal Marò Mitragliere Giulio Ronchi, seguita subito dalle altre "pesanti", NdC] . Fortuna volle che le prime raffiche di una nostra mitragliatrice centrassero in pieno il Gruppo di Comando che guidava l`attacco, uccidendo il Comandante, il suo Vice, il Commissario politico ed altri cinque graduati in sottordine, rendendo acefalo il reparto attaccante e quindi, privo da quel momento di ordini adeguati alla situazione. Ciononostante il fuoco nemico, molto nutrito, avvolse tutto il nostro schieramento, arrivando a colpire, sul fianco scoperto verso il San Daniele, la Compagnia Mortai da 81. Nel tentativo di portare un`arma al coperto morì il Sottocapo Chiesa, abbracciato al mortaio, mentre il Tenente Piccoli cadde eroicamente mentre guidava il Reparto al contrattacco. Il combattimento si protrasse fino alle prime luci dell`alba, quando gli avversari si ritirarono portandosi via anche i caduti, come era loro abitudine. Restarono solo quelli dello staff che furono trovati allineati nell`ordine di marcia a pochi metri dalla nostra postazione. Appena sorse il sole, la 4ª Compagnia Mortai, unica ad avere subito perdite, poté vendicare i suoi caduti, usando i dati di tiro preparati dal loro eroico Tenente, per centrare con ripetute salve i partigiani in movimento di ritirata nella sottostante pianura innevata e quindi ottimo e facile bersaglio. Intanto a Tarnova il "Fulmine", in un rapporto di forze di uno contro dieci e con i suoi scarsi mezzi di difesa, aveva eroicamente combattuto sino all`ultimo uomo ed all`ultima cartuccia, soccombendo alla fine solo per l`esaurimento delle munizioni. I pochi superstiti, riuscirono a spezzare l`accerchiamento e, utilizzando lenzuola prese nelle case per mimetizzarsi sulla neve, ad attraversare l`altopiano innevato e scendere incontro alle nostre colonne che ormai, sfondato il fronte nemico, marciavano su Tarnova, rinforzate da reparti tedeschi che, finalmente, avevano deciso di muoversi. Così fallì l`ambizioso piano del IX Korpus, vanificato quasi esclusivamente dall`eroismo dei Marò della Xª che, "Fulmine" in testa, in una situazione, per loro così nuova e difficile, seppero dare prova di grandi virtù guerriere, fino al dono supremo della vita, offerta con slancio e senza esitazione. Entrati in Tarnova, recuperammo le salme dei nostri Caduti che erano state gettate in fosse comuni, assieme ai morti avversari e le riportammo a Gorizia (oggi riposano nel suo Cimitero e noi superstiti, ad ogni anniversario, andiamo a ricordare ai vivi il perché del loro olocausto e le sue conseguenze preziose ai fini della salvaguardia e conservazione all`Italia di quella città*). Ai funerali, svolti in forma solenne a Gorizia, parteciparono i familiari del Sottotenente Piccoli che, con l`autovettura del Comandante ed un viaggio notturno pieno di peripezie andai a prendere a Mestre. Successivamente i "suoi" Marò, scorta d`onore, ve lo riportarono ed oggi le sue spoglie riposano nella tomba di famiglia a Vicenza.

    Dal diario del Sottocapo A.U. Marco Pittaluga,
    4a Compagnia Mortai

    [...] L`ho visto il giorno dopo, Chiesa, che era troppo alto e troppo coraggioso, per quella notte tremenda, l`ho rivisto con l`elmetto bucherellato e la barbetta che sembrava troppo nera per un viso così bianco, e non era più il Chiesa allegro e burlone, con cui andavo così d`accordo. Era un essere rigido, ligneo, triste, di cui si diceva con mormorii ammirativi, intorno: "à? un eroe, è morto da eroe, avviticchiato al bipede del mortaio, che voleva salvare ad ogni costo...". Bisogna portare il tubo, ora, giù alla postazione. Ma pesa, e si esita a correre sul terreno scoperto, luccicante, con quell`impaccio; è così confortante il riparo di quel muretto, così incerto, il balzo in avanti. Sono spronato dal disgusto che mi ispira la nostra vigliaccheria collettiva, perché nessuno si muove, ed ho il terrore di dovermi, un giorno, vergognarmi di me stesso. à? lo stesso stato d`animo che a Roma mi mise in lista, con pochi, per il ritorno in linea; e che sempre mi ha accompagnato nei momenti più brutti. Così piglio il tubo a mezzo e via, verso la postazione. Cammino a fatica, sprofondando, cadendo, piangendo contro voglia lacrime amare, senza singhiozzi, di rabbia e di disperata impotenza a superare gli ostacoli, a fare più in fretta. Mi raggiunge il Tenente Tajana. Dice poche parole, superandomi, senza fermarsi: "Coraggio, è morto il Tenente Piccoli... bisogna vendicarlo...". Mi tremano le gambe, ora, non dico niente, ma inciampo più di frequente, perché forse qualcosa mi annebbia gli occhi... Ecco il dolore vero, quello che piega anche la resistenza dei più forti, che fa disperare dell`avvenire, ma che incita anche alle cose più difficili e sublimi... E nella voce del mortaio, che desta gli echi delle valli dove l`alba incomincia ad arrossare la neve, nell`attitudine degli uomini oppressi da un dolore che li ha colpiti in pieno, nella voce che sembra cambiata della mitraglia che ha continuato a sparare, si riconoscono gli accenti di una stanchezza mortale, che non è data da circostanze materiali, ma dalla coscienza della gran perdita subita.


    Lettera del Sergente Leonardo Di Bari, Btg. Barbarigo,
    al Tenente Colonnello Domenico Piccoli

    M.V., 3/2/1945 XXIII
    Sig. Piccoli,

    I Marò del Barbarigo, commossi, ringraziano e ricambiano gli auguri. Come non abbiamo dimenticato le eroiche gesta del G.M. Alberto Piccoli, tantomeno dimentichiamo il v. gentile pensiero al nostro riguardo. Tutti conoscevamo il Sig. Piccoli vero tipo d`ufficiale repubblicano, pieno di fede e coraggio, ricordo in particolare una sera: mentre si tornava da Slappe, si trattava di 28 Km. a piedi, lui più volte malgrado le proteste dei suoi Marò si caricò sulle spalle il tubo del mortaio e la piastra dello stesso, quindi chi può dimenticare? Ci sarebbero tanti atti di bontà*, prove di coraggio e sprezzo del pericolo a suo riguardo, la medaglia d`argento se l`ha ben guadagnata. La sua scomparsa ha causato un vuoto in noi tutti, ma nel nostro cuore è sempre "Presente" affinché ci guida alla sua vendicazione, e difendere il sacro suolo della nostra cara e amata Patria, quella Patria che purtroppo molti italiani non concepiscono il significato, e perché siamo i veri figli di "Mussolini", che abbiamo giurato per la vita o morte per la nostra causa il Fascismo. Io sono da 8 anni in servizio e non sono stanco, spero fra giorni poter raggiungere il Btg. al fronte. Fervidi auguri da noi tutti e cordiali i Marò del "Barbarigo".

    Italia! Duce! Decima!

    Serg. Di Bari Leonardo

    Ospedale Militare
    Mirano Veneto





    Testimonianza del Marò Mario Fusco,
    4a Compagnia Mortai

    Subito dopo l`attacco laterale [gli slavi attaccarono frontalmente, dove furono bloccati dal fuoco dei mitraglieri delle Breda 37, e sul retro del fianco destro dello schieramento del Barbarigo, ove era posta la Compagnia Mortai, NdC], quando già* in cielo c`erano i primi bengala, ripresomi dalla sorpresa mi venne spontaneo sparare alcuni colpi di 91 verso gli attaccanti. Poi mi apparvero una enormità* di proiettili traccianti e sembravano proprio tutti diretti contro di me personalmente! Sul momento abbassai la testa nella neve gelata... ed in quel momento mi sentii toccare la spalla. Era Piccoli che, con il suo solito sorriso (e purtroppo, pur restando chinato, piuttosto incurante dei traccianti e non traccianti) mi disse all`orecchio: "Che fai? Ti stai scavando da solo la fossa?". Infatti, non so come, sulla neve c`era la forma del mio corpo, testa e fucile compresi, come se avessero dovuto fare un calco. "Va bene" â?? mi disse, sempre sorridendo, mentre intorno a noi c`era il finimondo â?? "vienimi dietro assieme agli altri che troveremo più giù e che ci aspettano. Sta attento a non rimanere isolato". Si alzò del tutto e ricominciò a scendere lungo la dorsale, ed io dietro. Ero pur sempre impaurito perché le cose non si stavano svolgendo secondo le mie previsioni (non mi ero mai trovato accerchiato con il mio reparto) ma ero rassicurato dalla presenza di Alberto, che avrei comunque seguito in capo al mondo. Raggiungemmo un gruppo di 20 o 30 marò in fondo all`erta, quasi al pianoro di metà* monte, e da lì partimmo â?? in tre squadre â?? al contrattacco. Io rimasi sempre insieme a Piccoli. Sino alla cima. Ci conduceva velocemente su per l`erta sul versante est, sparava e ricaricava il suo MAB, si voltava per controllare gli uomini, rincuorava, ordinava qualcosa (per esempio, verso la cima, quando si accorse che le retrovie slave avevano fatto in tempo ad attestarsi nelle vecchie trincee, ci condusse sotto e lanciò e fece lanciare una bomba a mano a testa, dopo aver raccomandato di fare l`ultimo balzo dopo aver sentito lo scoppio delle bombe). Nel frattempo aveva mandato due marò ad avvertire che dalla linea difensiva della sera precedente non sparassero nella nostra direzione (e lo stesso aveva fatto prima di passare â?? inseguendo gli slavi â?? al piccolo avamposto); stava sempre avanti a tutti, si alzava per primo per correre avanti. Prima dell`ultimo balzo e delle istruzioni relative, aveva fatto scorrere l`ordine di attestarci nelle trincee al posto degli slavi non appena ci saremmo arrivati, e di continuare il fuoco tenendo la posizione ad ogni costo. Lungo la salita aveva lasciato dei piccoli presidi verso est-sud/est. Sembrava eccitato e, direi quasi, felice: la "prova del fuoco" lo rendeva sicuro di sé, gli dava energia: quando si lanciava avanti â?? in salita sempre â?? gridava e noi si gridava con lui "Decima! San Marco! Italia!"... qualcuno parolacce o purtroppo anche qualche "moccolo". Io gridavo con loro e mi raccomandavo alla Madonna, ma seguivo sempre Alberto, sparavo, facevo tutto quello che vedevo fare a lui o quello che diceva, passavo parola. Dopo aver lanciato anch`io la mia bomba come gli altri, appena vidi a sinistra Alberto alzarsi e correre avanti in salita, feci altrettanto, e gli altri a destra e sinistra, lo stesso. Urlavamo tutti come pazzi e qualcuno sparava anche. Poco prima di entrare urlando anch`io come un pazzo in una delle trincee che erano quasi sulla cima, verso est, vidi in un lampo Alberto cadere mentre correva [in realtà* il Tenente Piccoli perse la vita poco dopo, mentre aveva raggiunto le posizioni dei Fucilieri, accanto alla buca del Marò Silvio Lenardon, NdC].
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658

    Re: Neve anche su ITALIA; Xa MAS, Tarnova, gennaio 1945

    Io non vedo niente

  3. #3

    Re: Neve anche su ITALIA; Xa MAS, Tarnova, gennaio 1945

    arrivate!

    per foto hires: http://associazioneitalia.blogspot.com/ ... riele.html
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658

    Re: Neve anche su ITALIA; Xa MAS, Tarnova, gennaio 1945

    E beh.....gran belle foto,davvero notevoli le situazioni ricreate

  5. #5

    Re: Neve anche su ITALIA; Xa MAS, Tarnova, gennaio 1945

    Grazie!

    le foto sono merito della macchina; le digitali sono comode, ma una Reflex eccellente come una Contax RTS con obiettivo Zeiss, la più avanzata Reflex all'epoca della sua uscita, è difficilmente eguagliabile da una digitale.

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022

    Re: Neve anche su ITALIA; Xa MAS, Tarnova, gennaio 1945

    Belle, avete pure una breda. Complimenti

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053

    Re: Neve anche su ITALIA; Xa MAS, Tarnova, gennaio 1945

    Un pò vecchiotte ste foto però Andrea, ce ne vogliono di nuove

    Comunque sempre molto belle

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  8. #8

    Re: Neve anche su ITALIA; Xa MAS, Tarnova, gennaio 1945

    Citazione Originariamente Scritto da Die Nadel
    Un pò vecchiotte ste foto però Andrea, ce ne vogliono di nuove
    Saluti
    Die Nadel
    Vedi, caro Nadel, a fare una foto accettabile basta essere in tre-quattro, e, come noi due, avere voglia di documentarsi...

    Però, foto a parte, adesso abbiamo intrapreso un percorso più "culturale", ossia la raccolta di testimonianza di veterani, la loro pubblicazione, e la pubblicazione degli studi dei nostri soci, anche perchè, ad una moltiplicazione delle opportunità* di acquisire materiale per re-enacting, negli ultimi anni mi sembra che vi siano meno occasioni di fare un re-enacting 2gm non autoreferenziale, ma con un vivace e numeroso contatto con il pubblico.

    Tutto qui.

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    2,060

    Re: Neve anche su ITALIA; Xa MAS, Tarnova, gennaio 1945

    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658

    Re: Neve anche su ITALIA; Xa MAS, Tarnova, gennaio 1945

    C'hai preso gusto eh?
    Molto bella anche questo Matteo.

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato