Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: NOrme per recuperi

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    38

    Question NOrme per recuperi

    Buongiorno a tutti.
    Spero di aver individuato la sezione corretta per il quesito che sto per proporre di seguito.
    Abbiamo recuperato dalla profondita' di 70 metri un cannone delle II guerra mondiale che, secondo quanto indicatomi sul forum, dovrebbe essere un antiaereo italiano 75/46 mod. 34 e ora l'abbiamo lasciato in poca profondita' per un eventuale recupero.
    E' in evidente stato di degrado e la parte terminale della canna ha la bocca rovinata (ne manca un pezzo laterale).
    Credo non abbia nemmeno l'otturatore ma e' coperto da incrostazioni e fango ed e' difficile esserne certi.
    La domanda e' : e' lecito tirarlo fuori dall'acqua?
    C'e' qualche normativa o procedura da seguire a riguardo?

    Grazie mille in anticipo per avermi letto.
    CIao.

  2. #2
    Moderatore L'avatar di maxtsn
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Prov. TO
    Messaggi
    6,587
    Per completezza allego la discussione. Ritrovamento subacqueo

    Gli articoli riguardanti sono molteplici e te li cito:
    Codice della navigazione - Artt. 489 - 513 capo III
    http://www.iuav.it/Ateneo1/docenti/a...el_39_n111.pdf capo V
    __________________________________________________ __________________________________________________ __

    Max

    Frangar non flectar

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    33
    Per ulteriore completezza di informazione aggiungo che: é altresì sanzionata l'appropriazione indebita dei relitti di aerei o navi (o parte di essi), a norma dell'art. 1146 C.d.N. con la reclusione fino a tre anni ovvero con la multa fino a 1033,05 euro.

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    prov. di Savona
    Messaggi
    901
    Citazione Originariamente Scritto da danilo43 Visualizza Messaggio
    .... é altresì sanzionata l'appropriazione indebita dei relitti di aerei o navi (o parte di essi), a norma dell'art. 1146 C.d.N. con la reclusione fino a tre anni ovvero con la multa fino a 1033,05 euro.
    questa mi giunge nuova ... le convenzioni internazionali prevedono che chi sale su un relitto abbandonato in mare può invocarne il legottimo possesso....

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    33
    Citazione Originariamente Scritto da 157° Visualizza Messaggio
    questa mi giunge nuova ... le convenzioni internazionali prevedono che chi sale su un relitto abbandonato in mare può invocarne il legottimo possesso....
    ...non il possesso, ma un premio comprensivo anche delle spese sostenute, qualora sia stato portato a buon fine il salvataggio... Comunque mi riferivo al recupero di relitti sommersi: riporto a seguire i relativi articoli del CdN.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    prov. di Savona
    Messaggi
    901
    ritengo comunque che il "cannone" possa essere considerato alla stregua di " res derelictae", e cioè anche di un precedente proprietario, ma in evidente stato oggettivo di abbandono (corpus derelictionis) e con la riconoscibilità sociale di tale stato (animus derelinquendi); probabilmente imbarcandosi in una avventura legale difficilmente lo Stato infatti ne rivendicherà il possesso (al massimo esigerà una perizia che ne certifichi la piena e definitiva inertizzazione come "arma" L'ideale è che contatti il comune o una ass. d'arma/culturale della costa limitrofa che si assuma l'onere della "custodia" (poi magari tale onere può essere ceduto anche te).......

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    38
    Grazie a tutti per le competenti risposte.
    In effetti tutti gli armamenti che si trovano in quel sito, sono stati 'buttati' proprio con l'intento di renderli inservibili e irraggiungibili.
    Si narra che ci fosse una specie di check point che durante il periodo immediatamente successivo all'armistizio ha provveduto a ritirare e 'allontanare' diverse armi. Si trovano fucili bruciati, diverso materiale esplosivo (che ci guardiamo bene anche solo dal toccare), addirittura un blindato. Quindi, se volessi anche intendere una qualche proprieta', avrei qualche difficolta' anche solo a pensarla. Il materiale e' evidentemente inertizzato (come dicevo manca l'otturatore ma un'arma piu' piccola ha la canna piegata ed un piccolo two puwnd ha la canna divelta da una carica esplosiva). La nostra intenzione sarebbe quella di provvedere ad una sabbiatura o granigliatura , ad una verniciatura protettiva e successivamente di riaffondarlo in posizione piu' 'comoda' ad una visita subacquea. Quindi tecnicamente non ne vorremmo nemmeno la "proprieta'". Il problema e' che per toglierlo dall'acqua incorriamo mi sembra di capire, in qualche sanzione e a ributtarlo forse peggio ancora, in quanto si tratta di un rottame che, se venise assimilato ad un rifiuto, ci metterebbe forse in posizione ancora peggiore. Forse e' meglio che lo ributtiamo di nuovo dov'era...
    Grazie nuovamente per le precise risposte.

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    33
    Hai un PM !

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •