Bologna, 22 mag. - (Adnkronos) - Una legge per regolare le compravendite nei mercatini degli hobbisti. L'ha varata la Regione Emilia Romagna con il voto favorevole della maggioranza dall'Assemblea legislativa. Si sono espressi contro il Movimento 5 Stelle e Giovanni Favia (Misto); astenuti Pdl, Lega Nord e Udc. Regole stringenti messe nero su bianco, dunque, per un'attivita' che appassiona sempre di piu', ma che puo', specie in periodo di crisi, trasformarsi anche in una piccola fonte di reddito aggiuntivo, non senza qualche abuso piu' volte denunciato dai commercianti professionisti.

Ai sensi della nuova legge, dunque, da oggi gli hobbisti non possono vendere, barattare, proporre o esporre piu' di un oggetto con un prezzo superiore a 100 euro. Non solo. Per prendere parte ai mercatini gli hobbisti devranno richiedere al proprio Comune di residenza, previo pagamento di 200 euro, un tesserino che consente la partecipazione a 10 manifestazioni all'anno, per un massimo di 2 anni nell'arco di ogni quinquennio.

Relativamente all'esposizione dei prezzi, si applicheranno invece le disposizioni e le sanzioni del Decreto 114/1998. Ciascun hobbista consegnera' inoltre al Comune, in occasione della vidimazione del tesserino, l'elenco completo dei beni che intende vendere, barattare, proporre o esporre e il relativo prezzo, il tutto per un valore che non potra' superare i mille euro.

La vedo male, malissimo... di questo passo ci toglieranno anche i mercatini....