Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 22

Discussione: Ogiva B27 30AC dall'Impresa di Premuda

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    112
    Grazie a tutti per gli approfondimenti.
    L'ipotesi di pericolosità mi era venuta perché nella ricerca di cosa poteva essere questo proiettile ne ho visti alcuni, molto simili, a carica cava.
    La storia passata deve essere di monito per le future generazioni ed è per questo che va preservata e la sua conoscenza diffusa con ogni mezzo possibile

  2. #12
    Moderatore L'avatar di maxtsn
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Prov. TO
    Messaggi
    6,566
    Le munizioni a carica cava hanno una conformazione completamente diversa.
    __________________________________________________ __________________________________________________ __

    Max

    Frangar non flectar

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,089
    Esiste anche un proiettile per la Nordenfeld caricato ad esplosivo, ma non l'ho mai visto, neppure disegnato...
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    112
    Altra domanda per gli esperti:
    Ho guardato in rete diverse foto di ogive "spaccascudi" e quasi tutte avevano una doppia corona di forzamento inferiore. La mia ne ha una unica (pare di spessore identico a due ravvicinate). Cambia qualcosa rispetto all'utilizzo ? Le sigle B27 e AC30 significano qualcosa di specifico ?
    Grazie
    Maurizio
    La storia passata deve essere di monito per le future generazioni ed è per questo che va preservata e la sua conoscenza diffusa con ogni mezzo possibile

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,089
    Visto che la mitragliera era usata in mezza Europa, è normale che ci siano delle differenze...
    non ho idea delle sigle, è la prima volta che le vedo, e non ne capisco il senso per l'uso bellico, per l'identificazione immeditata i proiettili erano dipinti a striscie...
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  6. #16
    Moderatore L'avatar di fert
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Umbria
    Messaggi
    1,535
    Le granate da 25mm esistono con diverse fatture di corona di forzamento, piene e scanalate o in ottone e differente fondello, piatto o concavo queste ultime vengono definite alleggerite.
    La mitragliera da 25mm Nordenfeld dalla sua adozoione 1883, subi un lento declassamento causa la comparsa di armi piu efficienti. Gia nella prima guerra mondiale l'utilizzo fu assai limitato. I disegni postati provengono dal manuale inglese, il quale utilizzava differenti palle.

    una foto delle palle italiane
    25.jpg

    La 25mm Nordenfeld trovo ampio uso come arma per il tiro ridotto delle artiglierie di medio e grosso calibro fino alla ww2. In particolare I proietti prodotti dopo la ww1 recano marchi sul corpo, proprio come la tua. In questo caso è stata prodotta dal Pirotecnico di Bologna (B) nel 1927(27), lotto 30 AC sono le iniziali del capotecnico collaudatore.

    La foto inserita da Maxtsn ritrae una 25/41 arma diversa dalla nordenfeld la quale utilizzava la munizione a cui accennava Kleinerpal

    30 nov 2011_4787rid.jpg

    30 nov 2011_4791 rid.jpg

  7. #17
    Moderatore L'avatar di maxtsn
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Prov. TO
    Messaggi
    6,566
    Ottima integrazione Fert!
    __________________________________________________ __________________________________________________ __

    Max

    Frangar non flectar

  8. #18
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,089
    La 25mm Nordenfeld trovo ampio uso come arma per il tiro ridotto delle artiglierie di medio e grosso calibro fino alla ww2. In particolare I proietti prodotti dopo la ww1 recano marchi sul corpo, proprio come la tua. In questo caso è stata prodotta dal Pirotecnico di Bologna (B) nel 1927(27), lotto 30 AC sono le iniziali del capotecnico collaudatore.
    Questa mi mancava... grazie della dritta!
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  9. #19
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    112
    Grazie Fert per le precisazioni, quindi quella che riportò mio bisnonno a casa probabilmente venne presa da qualche deposito prima che venisse inserita nel bossolo per poi essere utilizzata (come giustamente segnalavano, le corone di forzamento sembrano intatte) e quindi è probabilmente post WW1
    La storia passata deve essere di monito per le future generazioni ed è per questo che va preservata e la sua conoscenza diffusa con ogni mezzo possibile

  10. #20
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    118
    Proiettile dei POm Pom 25mm, pieno perforante contro corazzature, esisteva anche un proiettile esplosivo con spoletta a tempo prodotto in italia dalla Doitta Marzoli. Tale munizionamento era usato in armi da una a quattro canne u più canne rotanti, la R.marina l'usava per il tiro contro torpediniere, nelle fortezze veniva usato nei Traditor dei fossati a secco.Il proietto i acciaio massiccio pesava 183g. V.Vidrich

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato