Pagina 21 di 57 PrimaPrima ... 11192021222331 ... UltimaUltima
Risultati da 201 a 210 di 564

Discussione: Operazione Husky

  1. #201
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Località
    Catania
    Messaggi
    677

    Re: Operazione Husky

    heheeh
    si da quello trovato qualche mese fa in stato di abbandono a Gela.............................ma che fine avrà* fatto!!!???
    NUMMERI
    di Trilussa 1944
    Conterò poco, è vero, diceva l'Uno ar Zero
    ma tu che vali?Gnente!
    Sia ne l'azzione come ner pensiero rimani un coso voto e inconcrudente.
    lo invece, se me metto a capofila de cinque zeri tale e quale a te,lo sai quanto divento? Centomila.
    È questione de nummeri.E' quello che succede ar dittatore che cresce de potenza e de valore
    più so' li zeri che je vanno appresso.

  2. #202
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: Operazione Husky

    Citazione Originariamente Scritto da Marcocougars
    heheeh
    si da quello trovato qualche mese fa in stato di abbandono a Gela.............................ma che fine avrà* fatto!!!???
    Sarebbe interessante sapere dovè finito, spero non in qualche fonderia.

    p.s. nella foto "dopo" vedendo la chiesa più vicina rispetto al "prima" la foto sembra proprio presa da dove c'era il carrier
    luciano

  3. #203
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    1,098

    Re: Operazione Husky

    Ciao Marcocougars complimenti per il prima ed il dopo, davvero molto bello, e scusa per il ritardo nel risponderti.
    ciao
    ... Oh si, credo che l'inferno di Satana sia nulla di fronte alla lotta sostenuta nella piana di Gela!
    T.Col. Dante Ugo Leonardi 34° rgt ftr Livorno[left:3plznhey][/left:3plznhey]

  4. #204
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    103

    Re: Operazione Husky

    A proposito del gen. D'Havet:
    La costa della cuspide sud orientale della Sicilia era presidiata dalla 206^ divisione costiera, costituita il 15 novembre 1941 ed affidata al gen. Achille D`Havet, marchese, proveniente da una nobile famiglia di Firenze, ma nato a Bologna nel 1888. Vecchio alpino, aveva partecipato alla guerra italo-turca ed alla prima guerra mondiale, sulla frontiera italo-austriaca, ricevendo, per il valore e la competenza dimostrati, due medaglie d`argento, una di bronzo ed una croce di guerra. Nel 1939 aveva comandato la divisione alpina Cuneense e nel novembre 1940 aveva assunto il comando della divisione di fanteria Bari, partecipando al tragico e fallimentare conflitto con la Grecia. Dal 1° gennaio era transitato nella riserva, ma era rimasto al comando della 206^ quale richiamato in servizio.
    Nell`estate del 1943 la 206^ presidiava un settore lungo 132 chilometri che confinava a nord-est (Masseria-Palma) col Comando Piazza Militare Marittima di Augusta-Siracusa e a sud-ovest (Punta Braccetto) con la XVIII brigata costiera. La divisione aveva una forza di 400 ufficiali e 8.000 uomini, aumentata a 450 ufficiali e 9.600 uomini dopo l`allarme del 22 maggio 1943, quando furono aggregate le unità* di corpo d`armata operanti in zona. In totale D`Havet aveva a disposizione 8 battaglioni di fanteria, uno mitraglieri, 3 gruppi misti, 5 gruppi d`artiglieria, uno semoventi ed altre unità* minori.

    Da un testo in inglese:
    While the Axis generals talked, the Allies continued to advance on a broad front. On the morning of July 12 the Canadians ran into unusually stiff resistence at Modica. All or parts of four Canadian battallions finally stormed the place, capturing seven field guns, five medium guns, and one antitank gun, along with several hundred Italian prisoners.
    Mentre i generali dell`Asse parlavano, gli Alleati hanno continuato ad avanzare su un vasto fronte. La mattina del 12 luglio i canadesi impattarono in una resistenza insolitamente rigida a Modica. Tutta o una parte delle truppe di quattro battaglioni canadesi, infine, hanno investito la piazza, catturando sette cannoni da campagna, cinque cannoni medi ed un pezzo anticarro, con diverse centinaia di prigionieri italiani.
    The reason for the tougher than normal defence was the presence of General di Divisione Achille D`Havet, commander of the 206th Coastal Defence Division. He was finally captured by a Canadian sergeant but asked to be allowed to surrender to a high-ranking officer. As a major escorted him out of town, much of the civilian population of Ragusa came out to boo the fat little general. He was finally taken to General Simond`s headquarters, where he surrendered to the commander of the 1st Canadian Infantry Division. He was the first Axis general captured by the Canadians in World War II.
    Il motivo della difesa più dura del normale era la presenza del Generale di Divisione Achille D' Havet, comandante della 206th divisione costiera. Infine, fu catturato da un sergente canadese, ma richiese di arrendersi ad un alto ufficiale. Appena un maggiore lo accompagnò fuori dalla città*, gran parte della popolazione civile di Ragusa contestò il grasso e piccolo Generale. Infine, fu portato al quartier generale del Generale Simond, dove si arrese al comandante della 1^ divisione di fanteria canadese. Era il primo generale dell`Asse catturato dai canadesi nella seconda guerra mondiale.
    D`Havet capture also signaled the end of the 206th Coastal Defence Division. After the fall of Modica, a Platoon of infantry, supported by a troop of tanks, turned south to clear the village of Scicli, between Modica and the coast. The Edmonton Regiment`s unit diary reported that "the tanks fired three shots over the town and 1,100 prisoners emerged from the hills and gave themselves up". During the night large numbers of Italians were rounded up in the hills around Ragusa by the 2nd Canadian Infantry Brigade. Other units of the 8th Army made similar progress. By nightfall the 23rd Armoured Brigade was within sight of Vizzini.
    La cattura di D' Havet, inoltre, segnò la fine della 206th divisione costiera. Dopo la caduta di Modica, un plotone di fanteria, appoggiato da una troop di carri armati, deviava a sud per prendere il villaggio di Scicli, tra Modica ed il litorale. Il diario storico del reggimento Edmonton ha segnalato che "i carri armati hanno sparato tre salve sulla città* e 1.100 prigionieri sono emersi dalle colline ed hanno alzato le mani. Durante la notte tantissimi italiani sono stati adunati sulle colline intorno a Ragusa dalla 2^ brigata fanteria canadese. Altre unità* dell'8^ armata hanno realizzato simili progressi. Dal tramonto la 23^ brigata corazzata era in vista di Vizzini.

  5. #205
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    103

    Re: Operazione Husky

    Riguardo all'efficienza della panzerdivision "Hermann Goering" nella battaglia di Gela, ecco cosa ho letto nel testo "The battle of Sicily", scritto da un americano e da un tedesco:
    La panzerdivision Goering non si era dimostrata all`altezza delle unità* consorelle, mostrando diverse lacune: scarsa fanteria, un numero di carri inferiori all`organico previsto, un insufficiente coordinamento tra fanteria e corazzati. Ma la peggiore deficienza della divisione era l`impreparazione degli ufficiali superiori. Ad esempio, il t.col. Hans Urban, comandante del rgt panzer, era un pilota di bombardieri, declassato ai servizi di terra a causa di una malattia nervosa. Lo stesso 10 luglio, all`inizio della controffensiva verso Gela, fu rimosso dal comando per manifesta incapacità* a guidare reparti corazzati. Infatti, nei pressi di Case Priolo, la sua retroguardia, formata da un reparto esplorante e da un`unità* del genio, fu ingaggiata da paracadutisti di Gorham e da elementi del 16° rgt ftr, e Urban ritornò indietro velocemente. Il comandante di divisione, Conrath, che accompagnava quella colonna, destituì immediatamente Urban e prese personalmente il comando del gruppo di combattimento. Un destino peggiore ebbe il t.col. Helmut Funck, comandante del 1° rgt granatieri corazzati, il quale, nel pomeriggio dello stesso giorno, si spinse troppo avanti e fu bloccato per un ora da alcuni tiratori americani. Privi del suo comandante che non poteva neppure alzare la testa dal suo riparo, il rgt granatieri si arrestò alle 3,30 p.m.. Poiché i collegamenti radio tra il reggimento e il comando di divisione si erano interrotti, immediatamente Conrath inviò il suo capo di stato maggiore, col. Hellmut Bergengruen, a verificare la situazione della colonna di sinistra. Quando Bergengruen comunicò al generale ciò che stava succedendo, Conrath destituì immediatamente Funck, passando il comando a Bergengruen, il quale lo tenne per tutta la battaglia di Gela. Funck fu mandato alla corte marziale.

  6. #206
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    1,098

    Re: Operazione Husky

    Citazione Originariamente Scritto da mimmo anfora
    Il Generale di Divisione Achille D' Havet, comandante della 206th divisione costiera fu catturato da un sergente canadese, ma richiese di arrendersi ad un alto ufficiale.
    Il diario storico del reggimento Edmonton ha segnalato che "i carri armati hanno sparato tre salve sulla città* e 1.100 prigionieri sono emersi dalle colline ed hanno alzato le mani. Durante la notte tantissimi italiani sono stati adunati sulle colline intorno a Ragusa dalla 2^ brigata fanteria canadese. Altre unità* dell'8^ armata hanno realizzato simili progressi. Dal tramonto la 23^ brigata corazzata era in vista di Vizzini.
    A leggere qto stralcio di diario sembra che gli uomini della 206° costiera erano vigliacchi o peggio, ma mi rifiuto di crederlo, perchè basta leggere nel Faldella gli avvenimenti nel settore della 206° divisione costiera dal 10 al 12 luglio per rendersi conto dei numerosi casi di eroismo e di senso del dovere italiano.
    Poi riguardo alla cattura del gen. D'Havet venne un sottufficiale a parlamentare per la resa immediata sotto minaccia di un bombardamento navale di Modica.
    Riporto quanto scritto sul Faldella:
    " All'alba del 12 luglio reparti canadesi attaccarono la posizione tenuta dal Gruppo tattico del console Busalacchi dinnanzi a La Sorda e furono respinti. Cadde valorosamente combattendo, il soldato Diamante, medaglia d'argento alla memoria. Altre forze, pure canadesi, avevano però già* circondato Modica. Alle 11 un parlamentare canadese fu accompagnato al comando della divisione per intimare al generale d'Havet di arrendersi e di far immediatamente cessare le resistenza, altrimenti le artiglierie navali avrebbero bombardato Modica. Il generale, visto che il parlamentare era un sottufficiale, gli ingiunse di ritornare a chi lo aveva mandato. Poco dopo si presentarono un tenente colonnello ed un maggiore che, dopo aver ripetuto l'intimazione, chiesero al generale di consegnare la pistola. Questi rifiutò e rispose che avrebbe trattato soltanto con un comandante di grado pari o superiore al proprio.
    Fu così accompagnato dal comandante della divisione canadese, gen. Simonds, il quale gli fece presente che, essendo ormai crollata ogni resistenza, doveva considerarsi prigioniero e gli concesse di conservare la pistola, come riconoscimento del valore dei suoi reparti in combattimento e segno d'onore per tutta la divisione."
    Il bollettino di guerra italiano del 13 luglio 1943 segnalò la divisione: " per la magnifica difesa della posizioni ad essa affidate, merita l'onore di speciale citazione la 206° divisione costiera comandata dal generale Achille d'Havet "
    Cordialmente
    ... Oh si, credo che l'inferno di Satana sia nulla di fronte alla lotta sostenuta nella piana di Gela!
    T.Col. Dante Ugo Leonardi 34° rgt ftr Livorno[left:3plznhey][/left:3plznhey]

  7. #207
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: Operazione Husky

    Interessante la fonte inglese che citi.
    Addirittura Peter Kemp dice: " a Modica due sottufficiali canadesi si erano imbattuti nel generale comandante la 206a divisione costiera.
    Sono stati fortunati gli inglesi che con solo tre salve di cannone di carro armato, hanno fatto 1.100 prigionieri.
    Certo è, che la presa della Sicilia nel suo complesso non fu molto così semplice a giudicare da quello che aveva previsto Alexander di occupare tutta l`isola in 10- 15 giorni e Montgomery che si era ripromesso di giungere a Catania in 5- 6 giorni e vi è giunto invece il 4 agosto, dopo 26 giorni e il 17 agosto gli americani entrano in Messina dopo 38 giorni dallo sbarco.
    Certo (tanto per citare un particolare) che nella relazione dello stato maggiore canadese si addice , a prova di scarsa resistenza degli italiani, il fatto che la 1ª divisione canadese durante lo sbarco perdette soltanto 75 uomini fra morti e feriti, ma se si considera che sul fronte della divisione non vi erano più di 250 uomini e il fatto che essi abbiano colpito 75 avversari, dimostra che hanno combattuto e sparato anche molto bene e per fortuna in nessuna battaglia moderna è stata raggiunta una tale proporzione, per cui 100.000 uomini abbiano ucciso o ferito 30.000 nemici.
    Casualmente, la scarsa reazione delle truppe in Sicilia citata spesso dagli inglesi, non eviterà* poi recriminazioni in Gran Bretagna e Stati Uniti per la lunga durata della lotta.
    Certo Emilio Faldella (italiano) dice: "si può ben affermare che la Sicilia fu difesa come era possibile difenderla data l`enorme disparità* di forze" e di ciò lo comprovano anche le perdite subite dagli invasori: 5.187 morti, 9.018 feriti, 3.348 dispersi.
    Nei cimiteri dell`isola sono sepolte 4.278 salme di italiani e 4.325 di tedeschi.
    Preciso che essendo nato sei anni più tardi certe cose le devo necessariamente leggere, non ho il dono della verità*, ho evitato di citare le memorie di Wiston Churchill forse un pò di parte, ma Peter Kemp oltre ovviamente Emilio Faldella.
    luciano

  8. #208
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Località
    Catania
    Messaggi
    677

    Re: Operazione Husky

    ciao a tutti
    ho fotografato i luoghi dello sbarco del 3 commando.............anche perchè delle difese italiane non si trova più niente.......penso sono finite sotto le case.forse c'è qualche cosa sopra la costiera rocciosa.....indagherò.
    così vi stimolo ad approfondire loperazione del 3 commando e visto le mie foto del ponte primosole anche l'operazione fustian.
    ciao
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    NUMMERI
    di Trilussa 1944
    Conterò poco, è vero, diceva l'Uno ar Zero
    ma tu che vali?Gnente!
    Sia ne l'azzione come ner pensiero rimani un coso voto e inconcrudente.
    lo invece, se me metto a capofila de cinque zeri tale e quale a te,lo sai quanto divento? Centomila.
    È questione de nummeri.E' quello che succede ar dittatore che cresce de potenza e de valore
    più so' li zeri che je vanno appresso.

  9. #209
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    1,098

    Re: Operazione Husky

    Marco per quel pò che so, il 3° commando di circa 180 uomini sbarcò intorno alle 03.00 con sette L.C.A dalla Prins Albert, a Scoglio Imbiancato a nord di Cassibile, mettendo a tacere con le loro 21 mitragliatrici l'unica mitragliatrice italiana che faceva fuoco.Un obiettivo del 3° commando era l'81a batteria dislocata a masseria cafici. E' da ricordare l'episodio di un contadino che all'improvviso sparò contro la testa del commando (con un fucile da caccia o carabina?) ma fu ucciso all'istante, il che fece dire ad un soldato inglese:" peccato doverlo uccidere aveva lo spirito giusto".E a quanto pare furono tra i primi a toccare terra ed in perfetto orario di marcia, mentre si registrò " una certa confusione e mancanza di controllo... " negli sbarchi della 50a divisione inglese nella zona di Avola, sbarcando all'alba.
    " Giù il portellone!...Sicilia, tutti fuori! " . Anche se la reazione italiana a quanto pare non fu molta furono inflitte delle perdite. A detta del marinaio K.G.Oakley: "L'acqua era diventata un mare di sangue e di membra: i resti di quelli che erano stati grandi combattenti e non sarebbero stati mai identificati".Lo stesso marinaio vide saltare un mezzo da sbarco della 50a ed estrasse dalle onde un "Uomo con un braccio appeso a brandelli di stoffa e carne che gridava: Il mio braccio!Guarda mi hanno colpito".
    Lascio agli altri la parola sperando di saperne anche io qualcosa di più
    Ciao
    ... Oh si, credo che l'inferno di Satana sia nulla di fronte alla lotta sostenuta nella piana di Gela!
    T.Col. Dante Ugo Leonardi 34° rgt ftr Livorno[left:3plznhey][/left:3plznhey]

  10. #210
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    255

    Re: Operazione Husky

    Ciao!
    questo è il saluto alla Sicilia della 51a Divisione di fanteria delle Highlands.

    http://mysongbook.de/msb/songs/f/fawelsic.html

    Penso che deve essere stata abbastanza tosta per portare i coriacei scozzesi a comporre tanto!!

    Ciao
    Ivano

Pagina 21 di 57 PrimaPrima ... 11192021222331 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •