Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Operazione Shingle

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    1,003

    Operazione Shingle

    L'Operazione Shingle fu un'operazione militare organizzata dagli eserciti alleati contro le forze dell'asse nella zona di Anzio e di Nettuno, durante la campagna d'Italia, nella seconda guerra mondiale. L'attacco, comandato dal Maggiore Generale John P. Lucas, aveva lo scopo di aggirare le forze tedesche attestate sulla Linea Gustav e di liberare Roma.

    La lunga battaglia che ne derivò è comunemente conosciuta come La battaglia di Anzio e l'operazione stessa come "Sbarco di Anzio".


    Il giorno 22 gennaio 1944 gli eserciti alleati iniziarono a sbarcare in un'ampia fascia costiera che andava da Tor San Lorenzo, oggi frazione di Ardea, fino a Torre Astura, nel territorio comunale di Nettuno.

    Alle ore 02:45 del 22 gennaio 1944 il 6º Corpo d'Armata USA, comandato del generale John Lucas sbarcò nel porto mentre su un altro arenile chiamato Peter Beach, adiacente all'attuale località* del Lido dei Gigli, pose piede (nonostante la presenza in zona di un campo minato) il I Battaglione The Loyal Regiment, il II Battaglione The North Staffordshire Regiment e il VI Battaglione The Gordon Highlanders della 2ª Brigata di fanteria.

    La 2ª Brigata Servizi Speciali seguì subito dopo e poi, verso mezzogiorno, giunse il turno della 24ª Brigata Guardie, del V Battaglione The Grenadier Guards, del I Battaglione The Scots Guards e del I Battaglione The Irish Guards.

    La copertura aerea fu assicurata dai caccia del XXII ASCO statunitense che effettuarono 465 passaggi sulla testa di ponte e 165 altri passaggi a difesa del naviglio ormeggiato al largo per contrastare la reazione dei cacciabombardieri tedeschi che realizzarono infatti 6 incursioni articolate in un centinaio di azioni.

    Il porto della città* iniziò inoltre ad essere bombardato dai tedeschi mediante un potente cannone situato nella Galleria di Ciampino, a circa 30 km di distanza in linea d'aria.</ref>. Anzio rappresentò tuttavia il perno di tutta l'operazione e fu anche il centro abitato che subì più danni.

    Oltre alle vittime civili, gran parte del patrimonio edilizio della città* andò distrutto o semidistrutto. Lo sbarco si protrasse anche nei giorni successivi ed ebbe termine solo il 31 gennaio, quando approdarono le ultime unità* anglo-americane.

    In totale sbarcarono oltre centomila uomini con una gran quantità* di materiale bellico.

    I tedeschi, colti di sorpresa, iniziarono a reagire energicamente solo tre giorni dopo l'inizio dell'azione, quando si era già* costituita una solida testa di ponte attorno ad Anzio e zone limitrofe.

    L'obiettivo di una rapida conquista della capitale, che aveva spinto gli Alleati a progettare lo sbarco, non venne raggiunto. Roma, situata a soli cinquanta chilometri di distanza, o poco più, venne infatti liberata solo quattro mesi e mezzo più tardi, il 4 giugno 1944.
    Wikipedia

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    1,596

    Re: Operazione Shingle

    bravo Juno..

    22/01/1944 shingle

    altre informazioni su questo topic di qualche tempo fa..
    viewtopic.php?f=83&t=8216

    ciao digjo
    Ciao
    digjo

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    1,003

    Re: Operazione Shingle

    Non avevo visto il Topic da Te indicato bello

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Località
    Catania
    Messaggi
    677

    Re: Operazione Shingle

    juno sto leggendo proprio in questi giorni, il giorno della battaglia, e sono arrivato a questa operazione.
    mi ha colpito molto che gli alleati per coprire quest'operazione e far spostare da Anzio i tedeschi hanno insistito per l'attacco del fiume Rapido, che verrà* ricordata come uno dei più grandi fallimenti, come al kasserine.
    la cosa triste è che il tutto era stato previsto.
    NUMMERI
    di Trilussa 1944
    Conterò poco, è vero, diceva l'Uno ar Zero
    ma tu che vali?Gnente!
    Sia ne l'azzione come ner pensiero rimani un coso voto e inconcrudente.
    lo invece, se me metto a capofila de cinque zeri tale e quale a te,lo sai quanto divento? Centomila.
    È questione de nummeri.E' quello che succede ar dittatore che cresce de potenza e de valore
    più so' li zeri che je vanno appresso.

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    1,596

    Re: Operazione Shingle

    ciao Marcocougars..
    ho appena finito il libro che stai leggendo..(atkinson)
    ...molto interessante a livello di informazioni sugli alleati, ma ad esempio..da montelungo in su, hai forse letto qualcosa che riguarda anche gli Italiani?..tipo I° raggruppamento motorizzato, etc etc, e sempre salendo verso Anzio/Nettuno etc etc..truppe inquadrate nella RSI ???

    si, la vicenda del rapido..così come molte vicende nel teatro d Cassino fà* rabbrividire..
    Ciao
    digjo

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Località
    Catania
    Messaggi
    677

    Re: Operazione Shingle

    effettivamente...........ma non è una novità* per i libri inglesi o americani. effettivamente dopo aver postato le foto dei parà* della nembo isieme alla 4° div FJ sono andato a vedere sulle mappe se indicavano la posizione degli italiani ma.............
    Di noi parla solo del primo gruppo motorizzato aggregato agli alleati, e anche li lasciamo stare di come ne parla.
    NUMMERI
    di Trilussa 1944
    Conterò poco, è vero, diceva l'Uno ar Zero
    ma tu che vali?Gnente!
    Sia ne l'azzione come ner pensiero rimani un coso voto e inconcrudente.
    lo invece, se me metto a capofila de cinque zeri tale e quale a te,lo sai quanto divento? Centomila.
    È questione de nummeri.E' quello che succede ar dittatore che cresce de potenza e de valore
    più so' li zeri che je vanno appresso.

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    1,596

    Re: Operazione Shingle

    appunto..!
    sto seriamente pensando di scrivergli due righe a sto "Premio pulitzer"..
    è anche vero che fa un'analisi piuttosto realistica dei due grossi blocchi in campo..Alleati e tedeschi..diciamo un "bravo figlio" conformato ai fissi dogmi della storiografia anglosassone!

    ma vabè così..
    Ciao
    digjo

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •