Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 39

Discussione: OROLOGIO( EIGENTUM DER LUFTWAFFE)

  1. #21
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324
    Ovvio! Ne sarò felice, come detto.
    Allora: sto cercando di capire perchè il tuo è privo di Waa, con l'aiuto di qualche amico collezionista.
    C'è il BAL, il marchietto rosso, che forse tiene la stessa funzione... Forse. Il marchio rosso scompare a guerra inoltrata. E rimane il Waa.
    Si potrebbe dire che nei primi anni si usasse il Bal, poi il Waa. Ma non è così: si trovano orologi che hanno entrambi i marchi.
    allora potrebbe ipotizzarsi che gli orologi in servizio con il BAL sono stati rimarchiati con il Waa, se giacenti in magazzino. Qualli già* in servizio, come il tuo, no.
    Però... c'è sempre un però... Se ne trovano con il Waa della repubblica di Weimar, quindi mooolto Early... e quindi?
    Non lo sapremo mai?
    Qualche idea, là* fuori?

  2. #22
    Banned
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    759
    Io brancolo nel buio...

  3. #23
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    243
    Un forum interessante per gli appassionati di orologi tedeschi e italiani.
    http://germanwatch.proboards43.com/inde ... discussion
    e gira, gira l'elica. . .

  4. #24
    Banned
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    759
    Grazie, molto interessante[ciao2]

  5. #25
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053
    Allora, come già* detto, questo è un orologio da tavolo per radiotelgrafisti e reparti comunicazione, ebbi modo di visionanrne uno COMPLETO E FUNZIONANTE da un mio amico/collega rievocatore a casa sua un paio d'anni fà*, la carica dura otto giorni completi.
    Il radio puro, da buon elemento radioattivo che è, può provocare danni quali leucemie, tumori, ecc. perciò OKKIO, ovvio che in microquantità* come ce n'è sull'orologio e tenuto a distanza non ha grandi possibilità* di fare danni, però non si sà* mai.

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  6. #26
    Banned
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    759
    Quindi il ragionamento del Radio vale anche per tutta la strumentazione di bordo Luftwaffe???Se fosse così i piloti erano esposti a pericolose radiazioni...

  7. #27
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053
    Beh, rendiamoci conto che fino al dopoguerra non si sapeva con precisione cosa fosse la materia radioattiva e quali effetti potesse avere sull'organismo umano, solo con la corsa agli armamenti nella guerra fredda e l'inizio dello sfruttamento del nucleare si ebbe la piena consapevolezza dei pericoli del radioattivo.
    Ma comunque le quantità* di radio usate nelle strumentazioni d'aereo era minima e anche sommandola si aveva un rischio non elevato per il pilota, ovvio che non doveva stare sempre nell'aereo.

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  8. #28
    Banned
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    759
    Addirittura penso che forse anche le gorgiere e altro materiale avessero tali problemi di radioattività*...Giustamente il radio fu eliminato dalle produzioni a partire dai primi anni cinquanta perchè prima non si conoscevano bene i suoi effetti sulla salute[]

  9. #29
    Specialmente in oggetti simili, presterei attenzione, se fossi in te lo metterei dentro una scatola di lamiera. Mi piacerebbe farci due misurazioni con i miei Geiger, comunque oggetto bellissimo!

  10. #30
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324
    Citazione Originariamente Scritto da ENRIK

    Quindi il ragionamento del Radio vale anche per tutta la strumentazione di bordo Luftwaffe???Se fosse così i piloti erano esposti a pericolose radiazioni...
    Credo che si preoccupassero d'altro...

    Comunque la risposta è SI: tutta la strumentazione di bordo brillava di notte come un albero di Natale...

    La cosa è poco preoccupante: un annetto di esposizione è come un paio di lastre. La radioattività* scende a livelli innocui a 19 cm di distanza dal quadrante. Amici forumisti internazionali hanno verificato il tutto in laboratorio...
    il problema si pone per tipologie particolari di orologi, come quelli da tasca U-boot e i Panerai con quadrante sandwich. quelli non li terrei troppo vicini...
    La leggenda parla del figlio dell'ex Consubin incaricato di custodire i Panerai del Gruppo incursori che si ammalò di leucemia.
    Questo pare che indusse TUTTI i colleghi a mettere il loro orologio in un secchio, riempito di cemento ed affondato al largo...
    Anche se qualcuno mette in dubbio la veridicità* di tale storia, me la hanno raccontata due di loro, ex X Mas Barbarigo entrambi.

Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato