Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 22

Discussione: P-40 CURTISS serie K

  1. #11
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: P-40 CURTISS serie K

    Citazione Originariamente Scritto da Peo

    Cocis l'aereo è in parte in ombra perchè l'avevo accantonato tra gli alberi!
    Azz giusto, in caso di un attacco al suolo degli "Zero"

    Citazione Originariamente Scritto da Peo
    Le prossime immagini che posterò saranno più dettagliate e chiare!!!
    Comunque ottime integrazioni come sempre!!!
    Mi sembra che le immagini da te postate siano quelle della pubblicazione di Delta Editrice!
    Aspetto con piacere le altre foto
    No è di un'altra casa editrice,tra l'altro a causa della mia disponibilità* a prestare i libri agli amici che mi li chiedevano, mi è stata restituita l'opera con 2 libri mancanti
    luciano

  2. #12
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: P-40 CURTISS serie K

    In questa immagine è messo in evidenza la parte dell'abitacolo con cruscotto strumenti e si nota la barra messa tutta a picchiare a sinistra corrispondente alla posizione dei piani mobili delle superfici.[attachment=4:mm8x6bps]p-40 curtiss 007.jpg[/attachment:mm8x6bps]

    L'effetto della tecnica del lavaggio ottima per aerei veramente "sporchi"![attachment=3:mm8x6bps]p-40 curtiss 008.jpg[/attachment:mm8x6bps]

    Ripropongo questa immagine per spiegare come si realizzano le scrostature della vernice che portano alla vista l'alluminio sottostante la livrea.
    Quando si tratta di piccole scrostature tipo sui bordi dei portelli di carico nastri delle mitragliatrici oppure sui bordi delle cassonature, basta dare della tinta alluminio con un micropennello seguendo gli angoli maggiormente esposti all'attrito dell'aria.
    Quando invece sono di dimensioni maggiori ed importanti come sul bordo d'entrata dell'ala, si copre prima con il nero tutta l'area della scrostatura, poi si passa sopra l'alluminio lasciando solo un piccolo bordo nero...questo da un effetto più realistico!

    Le sei mitragliatrici poste sul bordo d'entrata dell'ala, nella confezione erano stampate nella plastica in unico pezzo; per renderle più realistiche ho utilizzato sei aghi da siringa della misura adeguata, con un bisturi ho rimosso la parte in plastica che va ad innestarsi alla siringa.
    Così ho ottenuto delle strutture tubolari molto verosimili una volta dipinte.[attachment=2:mm8x6bps]p-40 curtiss 002.jpg[/attachment:mm8x6bps]

    In queste immagini sono messi in risalto i tubi di scarico, che essendo stampati nella stessa plastica del modello, risultavano pieni.
    Utilizzando due aghi da siringa, il primo di quelli finissimi da insulina per iniziare il foro e poi con uno più grosso per svasarlo per bene, ho aperto le luci di tutti i tubetti dandovi un aspetto più verosimile.
    Unica controindicazione...le varie punture sulle dita seguite da indicibili imprecazioni!!!!!! [attachment=1:mm8x6bps]p-40 curtiss 009.jpg[/attachment:mm8x6bps][attachment=0:mm8x6bps]p-40 curtiss 010.jpg[/attachment:mm8x6bps]

    Il topic continua........
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  3. #13
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Territorio Libero di Trieste
    Messaggi
    2,043

    Re: P-40 CURTISS serie K

    Squisiti Peo,così è ancora più bello!
    Ciao,Alan.

  4. #14
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: P-40 CURTISS serie K

    Citazione Originariamente Scritto da von krafen
    così è ancora più bello!
    Non posso che quotare
    Molto curato anche l'abitacolo.
    Una notevole finezza quella della "" barra messa tutta a picchiare a sinistra corrispondente alla posizione dei piani mobili delle superfici."" che non posso apprezzare sino in fondo non intendendomene molto.
    Ottime ed istruttive le spiegazioni che dai sempre sulle realizzazioni dei tuoi modellini, è un valore aggiunto
    luciano

  5. #15
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: P-40 CURTISS serie K

    Riprendendo le immagini del nostro modello, qui alcune viste della parte ventrale con le zone retrostanti le canne delle armi e le fessure di rilascio dei bossoli caratterizzate dalle scie e aloni di nerofumo causati dagli scarichi delle stesse.
    Anche qui stessa tecnica del lavaggio con colore ad olio diluito.[attachment=5:2l67rq08]p-40 curtiss 012.jpg[/attachment:2l67rq08][attachment=3:2l67rq08]p-40 curtiss 013.jpg[/attachment:2l67rq08][attachment=4:2l67rq08]p-40 curtiss 011.jpg[/attachment:2l67rq08]


    Nelle livree a grandi macchie come quella in questione, le bande di colore se lasciate allo stato iniziale, risulterebbero piatte e troppo uniformi.
    Ci sono due tecniche per ovviare a questo: la prima consiste nel prendere il colore di base già* steso sul modello, schiarirlo leggermente con del bianco e poi applicarlo con la tecnica del "pennello asciutto" ma molto asciutto mi raccomando!!, sopratutto nella parte centrale della macchia e sfumandolo verso i bordi.
    La seconda è quella adottata da me per questo modello e consiste nel lavaggio già* descritto, che toglie l'uniformità* delle superfici depositanto veli di colore in maniera disomogenea.[attachment=2:2l67rq08]p-40 curtiss 014.jpg[/attachment:2l67rq08]


    Questa immagine mi piace proprio tanto!!!!! Vista agressssiva!!!!!
    Molto grintoso l'aspetto di questa "Tigre volante"!!!
    Si possono notare vari dettagli come la colatura di benzina mista a pulviscolo fuoriuscente dal tappo del serbatoio sganciabile, le linee dei freni realizzate con del filo di rame tratto dai fili elettrici, i flabelli dei radiatori del liquido reffrigerante e dell'olio motore in posizione tutta aperta come si addice con il velivolo al suolo.
    Nel caso di modelli che riproducono aerei di una certa mole, certe ditte forniscono le ruote già* con la parte che appoggia al suolo, leggermente schiacciate e panciute per simulare l'effetto del peso sui pneumatici.
    Altre volte come in questo caso, le ruote sono perfettamente tonde e l'effetto visivo sa di aereo di "polistirolo"!
    Si ovvia a questo appiattendo con della carta vetrata la parte che appoggerà* al suolo, come ho fatto io.[attachment=1:2l67rq08]p-40 curtiss 018.jpg[/attachment:2l67rq08]


    Anche le pale dell'elica sono state rese "vissute" dando dei colpetti di tinta metallica sul bordo d'attacco delle pale dove è maggiore l'atrito e dove più facilmente si infrangono polvere, sassi, insetti, persone sbadate......ops!!!! [attachment=0:2l67rq08]p-40 curtiss 019.jpg[/attachment:2l67rq08]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  6. #16
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: P-40 CURTISS serie K

    Pensando ai duelli, ai quali ha partecipato con 5 vittorie conseguite, il vissuto di questo aereo è notevole,.
    Non è facile vedere modellini curati così nei minimi particolari.
    Sono molti ed si vedono molto bene
    Senz'altro una finezza quella della colatura di benzina sul serbatoio supplementare.
    Sarà* che amo i modellini giustamente vissuti, quindi mi è impossibile non giudicarlo, un gran bel modellino.
    Bravo
    luciano

  7. #17
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: P-40 CURTISS serie K

    Cavolo riguardando tutto il topic, mi accorgo solo adesso che il numero 255 sulla coda del p-40 della mia immagine è lo stesso numero del tuo modellino, curiosa coincidenza.
    luciano

  8. #18
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: P-40 CURTISS serie K

    Io me ne ero accorto già* dalla stessa foto che ho nel mio libro!!!...Però c'è un particolare diverso...quale?

  9. #19
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: P-40 CURTISS serie K

    Intanto ti premetto che mi devi un mouse l'ho quasi disfatto per scorrere le tue foto
    Azz non è facile, quindi vado per tentativi.
    L'attacco della coda nel tuo è più dolce come si vede dalle righe gialle che lo scavalcano maggiormente??.
    L'antenna??
    I cerchi delle ruote??
    Dico anche il disegno mimetico??, ma non posso confrontarla con la mia foto in quanto in b/n e non nitida.
    Il disegno sulla fusoliera mi sembra identico.
    Ho detto un pò di cose ma propendo di più per la coda
    luciano

  10. #20
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022

    Re: P-40 CURTISS serie K

    E' uno spettacolo, realistico al 100%. Poi con l'aggiunta di tutte le foto dei particolari e delle integrazioni di Cocis sta venendo fuori un altro topic capolavoro.

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato