Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Panzerjacke e giacca dell'Oberleutnant Paul Moellenstedt...

  1. #1

    Panzerjacke e giacca dell'Oberleutnant Paul Moellenstedt...

    ...1921-1944

    Un giovane Ufficiale nella 22. Panzer-Division, ferito gravemente durante i durissimi combattimenti per l'istmo di Kerch l'11 maggio 42 (terzo giorno dell'offensiva che condurrà* alla conquista di Kerch); gli sarà* amputato il braccio sinistro. Le due giacche sono modificate con una imbottitura sull'interno spalla sx per adattarle alla mutilazione. Assegnato ad una unità* d'addestramento, chiederà* di ritornare in servizio nonostante la mutilazione: cadrà* nel 1944 in Lituania, al comando di una compagnia blindo esploranti.

    Ambedue le giacche provengono dalla Vedova del Caduto, ed erano nella collezione del ricercatore e collezionista Robert Edwards (di seguito la sua descrizione).

    SUBJECT: Comments Concerning the Möllenstedt Uniform Grouping
    I have had the pleasure of owning the Paul Möllenstedt grouping for several months. It was purchased by me from a German dealer, who obtained it directly from the officer`s widow. Möllenstedt was a reserve officer, who switched to the Panzertruppe in the 1941/1942 time frame from artillery and engineer formations. He started his military service as a combat engineer in September 1939. Once in the Panzertruppe, he was assigned to Panzer-Regiment 204 (22. Panzer-Division) and was employed in the fighting on the lace>Crimea Peninsulalace>. In May 1942, he was severely wounded, evacuated to the homeland and eventually lost his left arm. He convalesced and was apparently reassigned to Panzer-Ersatz-Abteilung 10, where the attached photos of Möllenstedt wearing the Panzer wrap that is a part of this group were taken. After service in the homeland, he volunteered for front-line duties, where he was assigned to an armored car company that was attached to Generalkommando Rothkirch (which eventually was redesignated as the LIII. Armee-Korps in November 1944). It was in this last assignment that Oberleutnant Möllenstedt was killed.>>
    The Panzer wrap that belonged to Möllenstedt is a nice example of an earlier, 2nd-pattern wrap that was accepted by the lace>Munichlace> depot in 1938 (M3. It is a smaller jacket, as was typical with tankers of the period, with only a 92-centimeter chest. The jacket was manufactured for the German Army by a manufacturer that is new to me and appears to be Gebrüder Betzler. The collar tabs and the collar piping are in rose-pink wool and match perfectly, as was to be expected in factory-applied Waffenfarbe of the period. The later-style white-on-black enlisted national insignia was hand applied to the uniform, as is normally the case for a pre-war jacket of this type. As is also frequently the case, no effort was made by Möllenstedt to upgrade his national insignia with an officer version. For some reason, Möllenstedt also had a pair of well-worn shoulder boards sewn into the jacket. This is somewhat unusual, but the exact same shoulder boards can be seen in the accompanying photograph of the uniform being worn. A Krim Schild has been lightly tacked on to the left shoulder, but it cannot be ascertained whether this is the exact Krim Schild that Möllenstedt would have been awarded as part of his service in the lace>Crimealace>. Two pair of badge loops are also present on the jacket, which shows signs of have had badges worn on it for a considerable period of time. If the full personnel file of Möllenstedt can be obtained from the German government, then it will be possible to determine what those awards may have been, although one of them had to be a Gold Wound Badge, since he was automatically entitled to that as a result of the loss of his arm.
    A unique feature of both of the jackets of the group is the provisions made to them for the loss of Möllenstedt`s left arm. In the case of the Panzer jacket, it consists of additional padding sewn into the shoulder area. In the case of the M42 jacket, the lining was opened to allow the insertion of additional padding in the left shoulder area. The padding was then sewn to the lining to keep it from shifting.
    The second tunic associated with the Möllenstedt group is an enlisted M42 jacket that has been extensively modified to make it appear to be a M36-style jacket, as was frequently the case, particularly with officers. The jacket is depot stamped to lace>Erfurtlace> in 1943. The chest size is, again, quite small; this time, a 90. As is typical for these later jackets, there is no indicator of who manufactured the enlisted tunic. An officer silver-wire bullion national insignia has been sewn over a later-style mouse-gray of green national eagle, with traces of the enlisted "eagle" still visible under the officer insignia. Rose-pink rayon-piped Oberleutnant officer boards are sewn into the jacket, and the collar Litzen are nicely machine applied. As with the Panzer tunic, there are two sets of badge loops, both of which show evidence of much usage. There is also a distinct "shadow" on the left sleeve for the Krim Schild, but there was not one on the uniform when I purchased it. Likewise, there is no evidence that Möllenstedt ever applied an Iron Cross, Second Class ribbon to the jacket, as was the case with the Panzer tunic.
    Both uniforms represent a unique story for a courageous young officer who certainly went well beyond the call of duty in serving his country and paid the ultimate price. I highly recommend that his service records be obtained, if at all possible, since I have had to make some assumptions concerning his service based on the abbreviated service record that was provided by the Deutsche Dienststelle (attached)

    Spero vi piaccia!





    Altre foto qui:

    http://www.facebook.com/album.php?aid=2036722
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Utente registrato L'avatar di leon1949
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Lombardia milano
    Messaggi
    3,706

    Re: Panzerjacke e giacca dell'Oberleutnant Paul Moellenstedt...

    belle e garantite foto più dettagliate grazie

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di leon1949
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Lombardia milano
    Messaggi
    3,706

    Re: Panzerjacke e giacca dell'Oberleutnant Paul Moellenstedt...

    magari mi sbaglio ma l'aquila sulla giacca non dovrebbe avere la sottopannatura nera ?

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Moravia
    Messaggi
    943

    Re: Panzerjacke e giacca dell'Oberleutnant Paul Moellenstedt...

    Avere una documenzazione fotografica più completa aiuterebbe non poco.....speriamo sia possibile.

  5. #5

    Re: Panzerjacke e giacca dell'Oberleutnant Paul Moellenstedt...

    Foto:

    http://www.facebook.com/album.php?aid=2036722


    oppure cercate Oberleutnat Moellenstedt qui:

    http://www.battlebornbooks.com/Bobs_pag ... ellenstedt

    Sottopannatura nera... sulla divisa nera, ovviamente.

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Moravia
    Messaggi
    943

    Re: Panzerjacke e giacca dell'Oberleutnant Paul Moellenstedt...


  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    1,569

    Re: Panzerjacke e giacca dell'Oberleutnant Paul Moellenstedt...

    Si bella robetta ma la mia domanda è:
    Perchè questo è tornato in guerra dopo che ci haveva già* lasciato un braccio??
    Le foto le hai postate tu e sei tu che ti dovresti attivare nel sviluppare questo topic e non fare come me che faccio foto schifose.

    La storiella mi ha fatto versare una lacrimuccia son molto sensibile a queste cose.

    Il distintivo laterale dovrebbe essere o un Kuban o Krim con sottopanno nero per appartenenti alle truppe corazzate, la giacca una truppa da deposito modificata per l'ufficiale in questione e la divisa di servizio porta i colori rosa degli appartenenti (anche) alle panzertruppen.
    Mi sembra non servano tante altre foto, in effetti materiale valido.

  8. #8

    Re: Panzerjacke e giacca dell'Oberleutnant Paul Moellenstedt...

    Citazione Originariamente Scritto da odilo
    Mi sembra non servano tante altre foto, in effetti materiale valido.
    Sì, in effetti a ben pensarci sembra anche a me...

    Questa è la mia 2a 2o modello (e la prima -oltre a essere giusta, primo requisito- è quella in copertina di un libro sulle uniformi della Panzertruppe...) , ma come potete ben capire questa ha un'importanza particolare.

    Sul ritornare in azione dopo ferite gravissime, basti pensare ai noti piloti Rudel (una gamba amputata) e Bader (tutte e due!), inoltre in un esercito con uno spirito di corpo elevatissimo (in media) come quello tedesco, il ritornare in servizio dopo mutilazioni era relativamente comune: mi vengono in mente, per es. il Major Schwarzrock della GD, sei ferite e gamba sx amputata, decorato della RK a Targul Frumos nel 1944, oppure:

    Hans-Peter Knaust [mutilato della gamba dx] fu insignito delle Eichenlaub il 17 aprile 1945 quale Oberstleutnant e Comandante del Kampfgruppe Knaust della 490. Infanterie-Division, e citato nel Wehrmachtbericht del 18 aprile 1945 per i combattimenti nella foresta di Teutoburgo. Negli scontri a Dreierwalde e Hopsten il 5 e 6 aprile 1945, Knaust condusse personalmente diversi contrattacchi, dove furono distrutti due carri armati, catturati altri due, e fatti numerosi prigionieri. In successivi combattimenti, nonostante la sua protesi fosse stata spezzata dal fuoco avversario, il suo Kampfgruppe dava un fondamentale appoggio alla 15. Panzer-Grenadier-Division.


    L`Oberst Hartmann diede un apporto decisivo al vittorioso sfondamento della 100. (leichte) In-fanterie Division, avvenuto lungo la Linea Stalin il 15 luglio 1941 presso Koserovka. Egli diresse, infatti, il fuoco della sua artiglieria costantemente dalla linea più avanzata, nonostante l`intensissimo fuoco nemico, così che fu possibile osservare e dirigere velocemente il fuoco dell`artiglieria, adeguandosi flessibilmente ai vari sviluppi dell`attacco della fanteria, frustrando le mosse sovietiche e rendendo possibile il rapido successo della 100. (leichte) Infanterie-Division. Lo stesso giorno fu gravemente ferito, perdendo la gamba e il braccio sinistro. Il primo ottobre 1941 fu promosso Generalmajor, e dopo un lungo periodo di degenza e riposo, su sua richiesta, ritornò in servizio attivo. Notiamo come la straordinaria dedizione al dovere di Hartmann, che chiese di poter tornare al fronte nonostante le sue mutilazioni, oltretutto all`età* di cinquant`anni, non fu caso unico tra gli insigniti delle Schwerter, come dimostrano le vicende di Gräser o di Rudel, ambedue mutilati di una gamba, oppure di Bärenfanger, Niemack o Tolsdorff, le cui molte ferite riportate in azione non diminuirono la loro volontà* combattiva. Il 10 settembre 1942 fu nominato Comandante della 390. Feldausbildungs-Division, e il primo febbraio 1944 fu promosso Generalleutnant. Il 4 aprile 1943, gli fu dato il comando della 87. Infanterie-Division

    Da: A. Lombardi, I decorati con la Croce di Cavaliere con Fronde di Quercia e Spade, Effepi, Genova.

    Queste storie meritano rispetto.

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di leon1949
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Lombardia milano
    Messaggi
    3,706

    Re: Panzerjacke e giacca dell'Oberleutnant Paul Moellenstedt...

    questi non sono combattententi sono guerrieri nati per il combattimento !

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di Klaudio
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Califfato di Bologna
    Messaggi
    567

    Re: Panzerjacke e giacca dell'Oberleutnant Paul Moellenstedt...

    Ciao Andrea, piacere di risentirti !
    Pezzi da 90 con storie non comuni alle spalle ... complimenti davvero anche se a me sarebbe piaciuto vedere qualche foto in più in questa sede, dato che ( ... ebbene sì ! ) non sono iscritto a Facebook e non ho intenzione di farlo ...

    Un cordiale saluto.
    Dio usa le guerre per insegnare la geografia alla gente. - A. Bierce -

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato