Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 31 a 40 di 40

Discussione: PARERE SU INTERNO M42 WSS MD

  1. #31
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    425
    Francesco pensala come ti pare, mica ti devo convertire.
    Il mio della Ferrari era un esempio, non occorreva sezionarlo per dimostrarne la fallibilita' teorica ai minimi termini.
    Io ho solo contestato la tua frase "Non tutti i venditori possono conoscere al 100% quello che vendono": questa frase e' la vera irrealta'!!
    Ma come e' possibile? Cioe' in qualsiasi ambito, e dico qualsiasi, se un venditore ti vende una cosa che non dico non e' quella che vuoi ma solo non ti soddisfa, ci sono garanzie e rigaranzie di sostituzione.
    Figuriamoci se poi mi vendi una cosa che non funziona o non e' quella per la quale io ho pagato e che tu invece mi hai chiaramente assicurato come "100% come la vuoi tu": nel mondo reale scatterebbe la denuncia.
    Nel mondo della militaria, chissa' perche', questo non accade.
    No, ma quali listeeeee
    No, ma quali nomiiiiii
    No, ma quali tanicheee
    Se un venditore e' disonesto e' disonesto.
    E non deve farla franca.
    E allora comincio a pensare che e' proprio il mondo della militaria e' quello irreale.
    Bisogna conoscere quello che si compra, questo e' certo: ma Francesco, ricordati che siamo stati tutti dei novellini e tutti siamo stati una volta o piu' truffati.
    E non trovo giusto dire "Truffato? C@@@i tuoi, fatti una cultura!!"
    Bisogna dire: "Dovevi farti una cultura prima di comprare, ma questo che prende per i fondelli la gente ora lo boicottiamo perche e' DISONESTO"
    E la disonesta', se qualcuno ancora non se ne e' reso conto, HA MINATO COMPLETAMENTE il nostro Hobby: tanto da creare vere e proprie sindromi maniacali di distruzione anche contro pezzi che magari erano buoni davvero.

    Io sono fatto cosi' e me ne sbatto di buonismi e risposte di facciata.
    Dico quello che penso e basta.
    Ripeto la questione della specializzazione per me va' benissimo: ma ricorda Franc che anche tu a 15 anni non sapevi tutto quello che sai ora sul materiale SS, pertanto dovresti forse metterti nei panni di chi non ha avuto 20 anni per studiarsi tutto nei minimi dettagli ma che magari ci tiene davvero ad iniziare una collezione.
    E penso che quel poveretto dovrebbe avere invece le spalle coperte in tutto e per tutto dai collezionisti seri e onesti.
    E quelli siete Voi.

    Altro che buonismi: che ringraziassero Dio che si vorrebbe solo mettere i loro nomi sul net o magari denunciarli.
    In un mondo diverso, ad esempio in un Terzo Mondo dove il denaro ha valore vitale, dove col denaro ci si compra il pane e niente piu', non come nel nostro sistema capitalista dove siamo tutti dei viziatoni che possono permettersi di spendere 500-5000 euro per un ferro vecchio, bhe' in un mondo diverso propabilmente questa gente che RUBA i soldi a gente onesta, avrebbe fatto ben altra fine.

    T.
    Cerco tutto cio' che riguarda la 24 SS-Div. "Karstjäger", il libro "Bandenkampf" originale di Bosgard-Schneider, tutto riguardante la Lotta alle Bande nell'OZAK e tutto su Sturmtruppen / Mazze Ferrate

  2. #32
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Puglia
    Messaggi
    432
    Drappo,
    tu hai pienamenteragione su molti punti.Il problema e che invece di pensare a come farla pagare ai venditori disonesti,dobbiamo pensare prima di tutto a noi.Noi inteso come collezionisti che devono approfondire la materia con uno studio maniacale.Purtroppo ,come te,vorrei che fossero tutti onesti e avessero tantissimo mteriale originale.Purtroppo non e´ cosi´ e non lo sara´ mai!!!Cosa credi che io non abbia mai preso bidoni!!!ne ho presi,ma invece di arrabbiarmi,ho passato ore ed ore su i libri,sono andato a casa di vecchi collezionisti a studiare e a sentire le loro esperienze.....non che si debba prendere tutto per oro colato.

    Oltretutto,come ho gia´ detto,io ,dopo,15 anni di militaria Waffen SS non ho raggiunto la perfezione........come pensi che un commerciante che tratta di tutto possa raggiungerla!!

    Oggi,forse vi e´ un solo commerciante ad altissimi livelli,e questo e´Peter Wamond.Tu lo conosci,ti mandai il Link tramite il WA,ma cosa credi che lui sia infallibile!!

    Poi ci sono anche i commercianti in buona fede,che hanno materiale falso ma che caratterialmente non accettano critiche su i loro pezzi,e diciamolo francamente........questo e´ un difetto di noi Italiani.Io ho smesso di dare pareri agli amici,andava quasi sempre a finire con liti e gelosie.
    Se partecipo a questo forum.....e preciso che io sono solo momentaneamente AMMINISTRATORE poiche´ quello reale e´ Denis,io sono solo moderatore della stanza Waffen SS....e perche´ spero ,con cio´ che ho imparato,di poter aiutare quei collezionisti che si avvicinano a questo mondo.

    Ciao,
    Francesco

  3. #33
    Moderatore L'avatar di Quex
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    1,329
    Salve,
    ognuno di NOI vede il problema in maniera diversa; di fatto quello
    che accade per altri settori del collezionismo o dell'antiquariato
    all'atto della vendita viene rilasciata ricevuta fiscale e
    certificazione non vedo la differenza tra una porcellana antica a
    7000 euro ed un schirmmutze SS allo stesso prezzo!!!
    Purtroppo la militaria viene trattata ancora in maniera poco
    professionale e questo il problema, Niemann ad esempio certifica
    i suoi pezzi e rilascia una fattura di vendita le succesive
    contestazioni se ci saranno avranno delle pezze d'appoggio.
    Per quello che riguarda i PERITI beh di fatto gia' esiste nel
    mondo tale certificazione (in Italia saranno pezzi di carta)
    ma avete mai provato a contattare il Sig. Formann per un expertise
    vedrete quanto vi costa e chi alzera' la voce davanti alle sue
    parole....
    Non ho MAI detto di fare una CACCIA ALLE STREGHE... ho solo scritto
    che quotavo l'ipotesi di una toplist dei venditori migliori.
    Con questo chiudo il mio intervento per evitare inutili
    sovrapposizioni di concetti gia' egregiamente espressi.
    un saluto
    Raffaello
    Occorre molto tempo affinche' una buona idea faccia il giro della testa di un coglione.
    L.F.Celine

  4. #34
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    273
    <font color="blue"><font face="Book Antiqua">Salve a tutti.Personalmente sono d'accordo in massima parte con quanto gia' detto da Francesco,credo sia impossibile per un commerciante riuscire a conoscere tutto sulla militaria,dovrebbero specializzarsi ma questo porterebbe ad una riduzione degli introiti e per una persona che con questo lavoro ci campa credo non sia una cosa fattibile.L'unica risorsa a disposizione del collezionista e' lo studio,il confronto con altri collezionisti,iniziare con pezzi sicuramente originali sui quali basarsi per successivi acquisti.Ritengo che cosi' si possa poi comprare anche da commercianti che solitamente passano sole ma che possono avere benissimo(a parte casi disperati) tra i loro oggetti pezzi originali.Sarebbe quantomeno opportuno che i commercianti rilasciassero al momento dell'acquisto un certificato su quello che vendono in modo da poter avere in caso di fregatura la possibilita' di farsi rimborsare.Credo che la differenza la faccia l'onesta' di chi ti vende il pezzo.Il venditore onesto,una volta argomentati i tuoi dubbi,tira fuori il portafoglio e ti risarcisce,anche dopo mesi .Non dormo mai sonni tranquilli,anche quando compro da venditori di cui mi fido perche' so che anche loro sbagliano,cerco quindi di documentarmi e chiedere il piu' possibile anche dopo la spesa , avendo sempre in mente che la fregatura e' dietro l'angolo.
    Saluti

    PG71</font id="Book Antiqua">
    </font id="blue">

  5. #35
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    Ma non sarà* che certe volte la nostra smania di possedere a tutti i costi certi pezzi, ci porta ad avere gli occhi foderati di prosciutto e a fidarsi di tutto e di tutti?
    Non sarà* che alle volte, appena raggiunto il budget nei risparmi, vogliamo a tutti i costi acquistare, acquistare, acquistare???
    Sono domande dovute al fatto che capita molto spesso di imbattermi in persone, sopratutto giovani (oh, io ne ho 37, non sono vecio!), capaci di spendere centinaia di euro, se non migliaia, solo per il gusto di avere e di deporre nella propria bacheca un qualcosa da far poi vedere agli amici, ma che poi manco sanno di cosa si tratta.
    Dico questo perchè...perchè questa mattina mi sveglio con i miei soliti pensieri e andando a leggere un post in un forum, mi accorgo che qualcuno colleziona giubbe e non è in grado di decifrare tre nastrini posti sopra il taschino...ostia, tre nastrini che come si usa dire LO DICONO LE MAMME E LO SCRIVONO BAMBINI...non si può non sapere e non si può non conoscere!!! Non si possono collezionare pezzi di storia e non sapere cos'è la storia.
    E' come se uno colleziona esclusivamente elmetti ss e poi mi viene a chiedere cos'è un elmo VOPO...no, non puoi non sapere!
    Per cui è vero che qualcuno vuole fregare chi compra...ma certe volte penso che questo si meriti la fregatura!
    Saluti
    Corrado
    p.s.:un discorso un po articolato..però..
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  6. #36
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    234
    Più ci penso e più mi convinco che in effetti l'unica sicurezza per il collezionista sia il rilascio di una certificazione di autenticità* da parte del venditore, certificazione che abbia durata nel tempo e che possa garantire entrambi (nel senso che garantisca il compratore ma che garantisca anche il venditore...se io ho bisogno di soldi non posso presentarmi a un venditore e dire "non voglio più questo pezzo").
    Bisognerebbe che qualche forumista competente dal punto di vista legale ne butti giù una bozza, anche se qualcuno già* la rilascia.
    Se questo comporta un aumento di prezzo pazienza: non la si chiede per una medaglietta da 10 euro, ma magari per un elmetto da 2000, e a quel punto pagarlo 2100 non fa una gran differenza se dà* sicurezza.

    Passo successivo farla accettare dai commercianti...
    Contrairement a beaucoup, entre la graisse d’armes et la vaseline, je préfère la graisse d’armes

  7. #37
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    11
    Ciao a tutti.
    Argomento intrigante e sfizioso.
    Leggendo tutti i post,credo che QUEX abbia toccato il cuore del problema.
    Quando si effettua un acquisto bisognerebbe SEMPRE (soprattutto se la somma da sborsare è considerevole)farsi consegnare una certificazione di assoluta autenticità* dell'oggetto acquistato.
    Certificazione valevole per sempre.
    Secondo me se tutti facessimo in questo modo è probabile si creerebbe una sorta di "selezione naturale" tra i commercianti.
    Penso che quando si prende una fregatura la colpa stia un pò nel mezzo
    tra chi compera (e qui a ragione Francesco quando dice che bisogna documentarsi)e il venditore che in buona o in cattiva fede sta comunque sbagliando (e qui a ragione Drapponero)
    Comunque sia un accordo con il vend. al momento dell'acquisto bisogna sempre trovarlo,e se quest'ultimo[)] rifiuta consiglio di passare oltre.[8D]
    Un saluto
    AUGUSTO
    RX 1968
    AUGUSTO

  8. #38
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    280
    Ciao a tutti,
    Senza prescindere dalla studio approfondito, dalla specializzazione e dal confronto penso Filippo che la dichiarazione di autenticità* sia un tutela in più, non certo l'unica, ma è comunque un qualcosa che spinge il venditore a pensarci almeno una volta in più su quello che sta vendendo, questo si è vero. E' pur vero però, se guardiamo la vicenda fino in fondo, che nel caso in cui dovessero emerge successive contestazioni ci troveremo di fronte alla necessità* di nominare un avvocato ed iniziare una causa legale con tutti i possibili risvolti, lungaggini, costi che tutti noi conosciamo.
    Diverso è il caso del ritorno incondizionato dell'oggetto che deve comunque esercitarsi in un breve periodo, solitamente dai 3 ai 7 giorni.
    Per tentare una prima risposta alla tua domanda, personalmente, le vendite di elmetti che faccio tramite il mio sito che ormai credo conoscete (è un sito nuovo, con pochi oggetti in vendita, che non ha molte pretese) sono tutte accompagnate da una certificazione compilata su questo schema:

    " Io sottoscritto And...... certifico, sulla base delle migliori conoscenze ad oggi esistenti in materia, che l'emetto monodecal, bidel...etc.....(wehrmacht, SS, Krieg...ecc.) ceduto in data ....al Sig..... identificato dai seguenti codici:
    ET.....
    N° serie 12345;
    Soggolo a marchio ....data....;
    Cerchione interno a marchio...........(se visibile);
    Rivetti a marchio ........(se visibile).

    RAPPRESENTA UN PRODOTTO ORIGINALE DELL'EPOCA.

    Si rilascia la presente certificazione a valere ad ogni effetto di legge.

    Luogo, Data, Firma.

    Nella stessa pagina della certificazione sono allegate anche (a ovvia tutela di tutte e due le parti) due o tre foto a colori e nitide dell'elmetto.

    A mio avviso questa procedura garantisce anche gli eventuali futuri acquirenti (da quel momento in poi) e dimonstrerebbe che l'emetto nonè stato alterato nei passaggi successivi(sotituito il soggolo, il liner etc...). Diventerebbe una sorta di PediGree (di libretto, in altre parole) dell'elmetto. E questo è molto importante a mio avviso.
    Nella certificazione si parla poi di cessione e non di vendita....

    Sono comunque aperto a qualsiasi suggerimento per migliorare il servizio che noi tutti diamo.
    Saluti
    Andrea
    andrea

  9. #39
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    274
    dai ragazzi, l'unica soluzione è fare come faccio io...... compro solo falsi, e fatti pure male, cosi se vogliono ciularmi devono per forza darmi un originale!!!!!! [][][][][][]hehehehehehehehehe!!!!!! scherzo, comunque non preoccupatevi, in tutti i campi del collezzionismo militare ci sono dei bastardi che vogliono riempire il culo di salsiccie ai noi collezzionisti, l'unico modo per noi di difenderci è solo lo studio approfondito del tema e cmq senza disdegnare l'aiuto di qualche fidato amico!
    un salutone![:76]
    dario

  10. #40
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    796
    Capisco il disappunto di Drapponero, e concordo con Francesco, anche il commerciante non può conoscere tutto di tutto, unica cosa da capire è se la "fregatura" viene rifilata coscientemente o no! Anch'io mi sono pigliato la mia bella fregatura con una Luger, ma il commerciante che me l'ha venduta, dopo che gli ho parlato, è stato tanto onesto da rifondermi della spesa fatta!
    A mio avviso tenterei prima un dialogo con il venditore, anche se è passato del tempo (nel mio caso più di un anno!).
    Caro Drappo, lo so che non fa piacere essere bidonati, e capisco il tuo stato danimo, comme capisco anche quello di Filippo, ma in uno stato garantista come il nostro se ti prendi una fregatura te la tieni, perchè con le leggi che abbiamo, se publicassimo la lista, il sito sarebbe chiuso in un men che non si dica, e sucessivamente ci beccheremo una denuncia!!!
    Quindi, come giustamente proposto da Adrian, facciamo prima a pubblicare una lista di venditori "onesti".
    Denis

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •