Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 23

Discussione: Parliamo di aerografo?

  1. #1
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Parliamo di aerografo?

    Visto che recentemente si è parlato dell'argomento aerografo o aeropenna come dir di voglia, posto alcune immagini del mio, sperando di far cosa gradita e spero in vostre integrazioni con immagini, consigli, modelli realizzati ecc.

    Come da confezione si tratta di un modello della PAASCHE a doppia azione, acquistato circa una decina di anni fa, se ricordo bene , per la cifra di 250.000 lire ( Azz che lunghi erano questi costi nella vecchia moneta!)[attachment=4:zrhqwujr]aerografo 001.jpg[/attachment:zrhqwujr]


    Nel set, oltre a varie boccette in vetro o metallo, alcuni accessori come la chiavetta inglese, il supporto per appendere l'aerografo e un secondo spillo con relativa agiva e tromboncino di spruzzo che consente l'utilizzo di due tipi di getto: uno più largo ed il secondo che può permettere tratti sottili come quelli realizzati da una penna a sfera.[attachment=3:zrhqwujr]aerografo 003.jpg[/attachment:zrhqwujr][attachment=2:zrhqwujr]aerografo 004.jpg[/attachment:zrhqwujr]


    L'aerografo in questione ha un tappo di protezione nella parte più delicata corrispondente all'ugello di uscita del colore; presenta un pulsante che permette la doppia azione dell'attrezzo: premendo su di esso si dosa la portata dell'aria; arretrandolo si sposta in dietro lo spillo permettendo così di regolare in più o in meno la portata del colore che determina la larghezza del getto.
    La larghezza del getto di colore sulla superficie interessata dipende anche dalla distanza dalla stessa dell'ugello dell'aerografo e questo comporta anche l'effetto più o meno sfumato della tinta.
    La piccola ghiera che si trova davanti al pulsante serve per settare su di un punto fisso la portata di colore in base alle esigenze.[attachment=1:zrhqwujr]aerografo 005.jpg[/attachment:zrhqwujr]

    Ecco una vista sezionata dell'aeropenna in tutti i suoi elementi: il pezzo che si trova tra il corpo principale e la parte del manico in plastica rossa serve a bloccare o spillo e farlo arretrare per modificare il getto del colore.
    Agendo sulla sua ghiera a vite si può rendere più o meno sensibile in durezza lo spostamento del pulsante.[attachment=0:zrhqwujr]aerografo 009.jpg[/attachment:zrhqwujr]


    Questo è un ottimo aerografo che richiede però una certa pratica prima di riuscire ad operare nel modo ottimale, e come già* detto conviene prima fare pratica con uno monoazione.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    22

    Re: Parliamo di aerografo?

    Ho anche io lo stesso identico aerogafo!
    Tu come ti trovi?
    Fin quando uso il piccolo serbatoio metallico tutto bene, ma con quelli più grandi in vetro devo dire che il sistema di connessione tra il corpo dell'aerografo e la cannula metallica che spunta dal tappo del flaconcino non mi sembra ben pensato.

  3. #3
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: Parliamo di aerografo?

    Viste le modeste quantità* di colore necessarie anche per dare il colore di fondo ai modelli, ho sempre usato il contenitore metallico che trovo molto pratico!

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Siena
    Messaggi
    1,296

    Re: Parliamo di aerografo?

    adesso ho visto su ebay che se ne trovano anche a 20 euro, mentre il compressorino viene di più, puoi dire due parole anche su quello??
    ciao
    lo squadrista
    -------------
    Và nuova Italia, combatti!
    Stringi in un sol destino quanti hanno la bella tua lingua!
    Pianta le insegne romane sui limiti antichi di Roma!
    -------------
    Cerco materiale del ventennio e italiano della 2^GM - cerco anche materiale del 7° Rgt. di Artiglieria di Corpo d'Armata e foto su Siena nel periodo 1919-1945
    www.rabem.it
    www.arsmilitaris.altervista.org

  5. #5
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: Parliamo di aerografo?

    Ho dato un occhio al noto sito.....ma non inoltramoci oltre....
    I compressorini in genere costano abbondantemente sotto i cento euro e sono dotati di manometri, regolatori di uscita aria e filtri anticondensa, perciò mi sembrano adeguati al compito che devono assolvere.
    Per l'aerografo probabilmente conviene spendere un po più che 20 euro!

  6. #6
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: Parliamo di aerografo?

    Mi pareva fosse un argomento che suscitava interesse......................................... ..........................................

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di BERTO
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    927

    Re: Parliamo di aerografo?

    Citazione Originariamente Scritto da Peo
    Mi pareva fosse un argomento che suscitava interesse......................................... ..........................................
    Ciao, ottima idea quella di parlare di aerografo,è un attrezzo che mi piacerebbe saper usare.
    Potreste approfondire un pò l'argomento io sono profano, ne approfitto per farvi qualche domanda,
    se qualcuno di voi avrà* la pazienza di rispodermi gli sarò grato.

    che differnza c'è tra doppia azione e monoazione?
    quali tipi di vernice si possono usare?
    di quante atmosfere ha bisogno un aerografo?
    Cosa consigliereste ad uno che vuole provare?
    +/- che spesa bisogna affrontare per cominciare?
    grazie
    Berto

  8. #8
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: Parliamo di aerografo?

    Ciao Berto!
    Nei monoazione premendo il tastino si fa defluire l'aria che spruzza la vernice; per regolare il volume di colore si deve agire manualmente sull'ugello d'uscita, ma non lo si può fare durante la spruzzatura.
    Nella doppia azione premendo il tasto si regola il flusso dell'aria e retrocedendolo si aumenta il flusso e lo spettro d'azione del colore.

    I colori di solito si distinguono tra colori a smalto (Quelli storici sono della HUMBROL) oppure acrilici su base acquosa di svariate marche.
    Gli smalti sono meno pratici da usare ma vanno benessimo debitamente diluiti con l'aerografo; gli acrilici sono molto pratici, danno un ottimo risultato ma intasano molto l'ugello dell'aerografo.

    La pressione d'uscita va da 0,5 a 1,5-2,0 Atm

    Per iniziare, come già* detto, è preferibile un monoazione.

    I prezzi vanno da pochi euro (10-20) a 100 per una buona aeropenna.

    Spero di essere stato esaustivo, sentiamo se qualche altro forumista ti darà* qualche altra indicazione!

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di BERTO
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    927

    Re: Parliamo di aerografo?

    Grazie,sei stato molto chiaro.
    Grazie
    Berto

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: Parliamo di aerografo?

    Ho smesso da molti anni e malgrado non sia più il mio tempo, ho seguito ugualmente con interesse questa discussione, che tra l`altro mi ha fatto venire in mente che nella scatola dei ricordi avevo anch'io il mio aerografo
    Prima di farvelo vedere devo fare una raccomandazione e una premessa.
    Prima la premessa: all'inizio degli anni 70 vi erano gli aerografi e quello che costava meno, era troppo caro per me, considerando che bisognava comperare anche un compressorino, quindi rimasi senza, ma per poter dare la vernice (ottima l'Humbrol) sul corpo grande del modellino dovevo trovare un qualcosa e lo trovai in un "spruzzino", che usavano i barbieri (viene da lì ) e con la vernice alquanto diluita ho ottenuto dei buoni risultati (inserisco due modellini già* postati ad esempio su tutti).
    La raccomandazione invece, è quella di non ridere a crepapelle, in quanto dovreste rispettare un modellista, vecchio, squattrinato e assolutamente autodidatta , aimè non avevo nessuno con cui scambiare idee o trucchi.
    Ora bando alle ciance ecco il mio aerografo

    [attachment=1:1lk87tsx]spruzzino.jpg[/attachment:1lk87tsx]

    [attachment=0:1lk87tsx]2007826175855_T 34-76 e T 34 FATTO.jpg[/attachment:1lk87tsx]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    luciano

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato