Pagina 4 di 9 PrimaPrima ... 23456 ... UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 85

Discussione: Pilota o kamikaze Aviazione di Marina giapponese

  1. #31
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: Pilota (Kamikaze) Aviazione di Marina giapponese

    Marpo io non possiedo il brevetto ma l'attestato per il volo da diporto sportivo!

    Le mie affermazioni, nonostante di cose aviatorie abbia una qualche conoscenza, sono poste per capire le procedure in azione bellica dei piloti giapponesi e non per professare.

    Riguardo l'orologio appeso al collo di tanti piloti giapponesi, sono d'accordo con te che si tratti di una dotazione di bordo, ma non capisco come mai lo strumento chiaramente di origine aeronautica per i motivi costruttivi che dicevo prima, venga impiegato in quel modo tra l'altro molto poco pratico in fase di pilotaggio, quando ogni cruscotto di aereo ne sia già* fornito; solo la funzione di status simbol credo possa giustificarlo.
    Del resto questa è una prerogativa solo dei piloti giapponesi e non è riscontrabile in piloti delle altre forze in campo, questo depone a favore del mio scetticismo sulla reale utilità* di tale ausilio.

    Come detto l'autonomia di volo viene determinata dall'indicatore di carburante ( se fai una tratta di volo di un ora e consumi metà* serbatoio, è chiaro che a parità* di condizioni avrai un'altra ora di volo più eventualmente la riserva).
    A meno che non si possieda un computer di bordo o un GPS aeronautico, il tempo residuo di volo è sempre stimato per approssimazione in base a fattori come il regime motore, il vento a favore/contrario ecc. ma non si giustifica per questa funzione un orologio aggiuntivo.

    Quanto detto in funzione alle mie conoscenze in merito, se gli altri possessori di brevetto aeronautico del forum o chi ne sa di più vuole aggiungere o smentire ne sarei grato.

  2. #32
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,309

    Re: Pilota (Kamikaze) Aviazione di Marina giapponese

    L'orologio è una dotazione indispensabile alla navigazione in volo, specie per il volo di guerra a lungo raggio. L'orologio era fondamentale per tracciare e seguire la rotta e per fare il punto geografico. Importante anche per l'appuntamento radio con la base, ma non tutti i cruscotti di aereo ne erano dotati. Basta vedere qualche foto dell'epoca dei cockpit.
    Molto dipende dalle scelte compiute a livello organizzativo dall'aeronautica di appartenenza:
    UK e Commonwhealt:
    prevedevano la presenza di un buon orologio da cruscotto che era, spesso, ma non sempre, dotato di funzione cronografica.
    Il pilota aveva un orologio "solo tempo" al polso E, nel caso il cruscotto fosse privo di orologio o fosse dotato di orologio solo tempo, un cronografo da tasca, in eventuale aggiunta. Sono rari gli esempi, durante la seconda guerra mondiale, di orologi da polso RAF con funzione cronometrica.
    Italia:
    la maggior parte dei cruscotto di aereo erano dotati di ottimi orologi dotati di funzione cronometrica. Postazioni secondarie potevano avere un orologio solo tempo. Il puntatore aveva spesso un cronografo con funzione di "ritorno". Nessun orologio da polso era in dotazione alle nostre forze aeree, salvo qualche esemplare pre-bellico, della Longines e della Universal.
    Germania:
    forse la dotazione più varia: si tratta di almeno nove differenti modelli di orologi da cruscotti, con tanto di sottomodelli. Molti avevano la funzione cronometrica, alcuni erano solo tempo. Quando era possibile, il pilota riceveva un orologio da polso, con funzione cronometrica o un B-uhr, orologio da osservatore. Più spesso, otteneva un solo tempo o nulla. Ci furono diversi aerei, specie nella fase finale del conflitto, privi di orologio da cruscotto. Non tute le versioni del Me 262, per esempio, montavano un orologio sul cockpit. Immagino che al pilota, ottimo manico, nel caso dell'aviogetto, venisse dato un buon orologio da polso, con funzione crono, in quei casi. Ho visto anche immagini di cockpit con orologi di preda bellica, di fabbricazione sovietica.
    Giappone:
    orologi solo tempo da polso e neanche sempre. Il crono da cruscotto era quindi indispensabile, anche perchè la navigazione aerea si svolgeva spessissimo sul mare, lontano da qualsiasi punto di riferimento, ma l'esiguità* dei mezzi, spesso spartani, non sempre consentiva l'uso di orologi montati sul cockpit. Per questo e perchè era un vero e proprio status symbol, il pilota giapponese (non solo i kamikaze...) indossava l'orologio al collo. un'altro dei motivi è che si trattava di orologi preziosi, per le esigue capacità* produttive del Giappone, quindi venivano affidati al pilota e non rimanevano esposti sul mezzo, ad attacchi o intemperie. spesso le basi erano su isole umide e gli attacchi americani frequentemente mettevano fuori uso gli aerei a terra. In questo modo, inoltre, il pilota li manteneva in carica costantemente, senza rischiare che la carica terminasse: dubito, infatti, che abbiano una carica superiore alle 24/36 ore, sbaglio?
    USA:
    come al solito, un vero supermercato di scelte: orologi da cruscotto, con e senza funzione crono, tempo di volo parziale e.... data... con o senza quadrante di 24 ore... (è americano, costruito in circa 25.000 esemplari ed usato fino alla Guerra del Vietnam, l'orologio meccanico d'aereo più complicato mai costruito, l'Elgin/Hamilton 37500: una bellezza...). Orologio da tasca, con funzione crono, di buona qualità*, costruito in quantità* industriali, crono da tasca, e infine... orologio da polso, invero un pochino miserello, ma che volete farci... mica si può avere tutto...

  3. #33
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    17,225

    Re: Pilota (Kamikaze) Aviazione di Marina giapponese

    Peo, non vi e' motivo di alcuna polemica e Dio me ne guardi.Comprendo lo scetticismo sul fatto che uno strumento di bordo come il cronometro, chiamiamolo pure orologio o sveglia al collo sia mai potuto entrare nello status simbol del pilota giapponese, pero' tant'è che nessuno si e' inventato nulla.Non per professare, pero' per dire cio' che so e per condividere con altri che hanno la stessa mia passione,cio' che ho ritrovato in 40 anni (appena...), va' fatto un piccolo ragionamento a monte. I 3/4 degli aerei giapponesi contro gli Alleati erano degli anni '30, con strumentazione di bordo inadeguata o insufficiente:niente radio,per lo piu' segnalazioni a vista con pistole lanciarazzi e con lampade a batteria per il morse;niente apparato ad ossigeno, né bombola sussidiaria;barra di comando senza grilletti per le armi di bordo (questi erano situati sul lato sinistro della cabina di pilotaggio, molto in avanti), sicché un soggetto molto piccolo,magari senza paracadute a sedile, faceva una grossa fatica ad
    inquadrare l'obbiettivo, sfruttando il collimatore;sedili non blindati.Insomma voglio dire che
    solo con l'entrata dello Zero, le cose poterono cambiare, ma anche li',nessuna cabina pressurizzata, barra di comando separata dai comandi di sparo, ossigeno fornito da una semplice bombola,seggiolini non blindati .Cuffia singola per ascolto, ma non trasmittente.Il tutto molto spartano.Dal 1945, coi nuovi aerei, uno a caso l'Oscar, i Mustang ed i B.29 potevano vedersela scura, ma era gia' troppo tardi. I Kamikaze, tornando a noi, sfruttarono tutto quello che poteva volare e all'occorrenza navigare, e molti, fortuna loro rimasero a piedi.
    Un po' d'equipaggiamento:
    L'unica arma individuale era una pistola semiautomatica,quasi sempre come questa:
    [attachment=10:2elfmzjb]japImmagine 010.jpg[/attachment:2elfmzjb]
    Qualche ufficiale si portava la Katana all'interno dell'abitacolo o un semplice pugnale.
    L'imbracatura del paracadute:
    In questa bella foto, il nostro porta una cuffia singola per l'ascolto e la maschera ad ossigeno,oggetto rarissimo anche per l'epoca.

    Per LUCAS, il mio Seikosha: carica 24h
    Notare che oltre alle lettere kanji sono espresse le lettere latine (mi e' stato detto, per facilitare l'esportazione della loro tecnologia):

    PaoloM giap.jpg
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  4. #34
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,309

    Re: Pilota (Kamikaze) Aviazione di Marina giapponese

    Forse mi è sfuggito qualcosa (confesso di non aver letto proprio ogni riga e di non avere, purtroppo e mio malgrado, il tempo di farlo, almeno non questa settimana...), ma non c'è alcun dubbio: si tratta di un orologio da cruscotto e veniva portato, con orgoglio, come status symbol, dai piloti, al collo. Forse non era il modo più funzionale e comodo di usarlo, ma così è...
    Sono veramente troppe le foto d'epoca che raffigurano piloti con il Seikosha al collo per avere dubbi ed erano numericamente moltissimi gli aerei, giapponesi e non solo, privi di orologio sul cruscotto e di alloggiamento per montarlo. Peraltro esiste qualcosa di simile anche per la Luftwaffe. A livello sperimentale e con scarso successo, si usò una sorta di cinturotto per montare sul polso sinistro lo Junghans cronometrico...
    Al limite trovo abbastanza buffo il fatto che, nell'immaginario collettivo, ogni pilota giapponese sia un kamikaze, mentre, in realtà* erano molto meno di quanto si pensa, ma sull'orologio al collo che dubbi ci sono?
    Mi confermi che la carica è molto esigua, per essere un orologio militare: 24 ore è davvero il limite minimo: solo un altro orologio, direi di emergenza, inglese, da cruscotto, reca la scritta "One day" ed ha un periodo di carica così breve...
    Tutti gli altri partono da uno standard minimo di 36 ore, fino ai cinque e agli otto giorni...
    Questo conferma l'esigenza di non lasciare l'orologio a bordo: in un isola del pacifico, distante da tutto e da tutti, dimenticare di caricare l'orologio può avere conseguenze molto negative, se su un isoletta ci sono solo una manciata di uomini, con pochi segnatempo...

  5. #35
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,565

    Re: Pilota (Kamikaze) Aviazione di Marina giapponese

    Marpo, bello e pieno di storia!
    Noto una cosa curiosa relativamente ai fori di fissaggio: sono realizzati per accettare viti a testa svasata e questo và* benissimo. Rimangono completamente affogate nello spessore dell'orecchio e non si impigliano da nessuna parte. Però sotto gli orecchi di alluminio sono montati dei "dadi spaccati" e questo lo comprendo un pò meno... Questo tipo di lavorazione sul dado serve a piegarlo leggermente per sfalzare un pò il passo della filettatura ed ottenere un leggero forzamento "a frizione" della vite. Il dado poi dovrebbe trovarsi sul retro del cruscotto, non dietro il foro passante per il fissaggio....
    Così com'è non c'è modo di serrarlo in modo stabile alla plancia, a meno che i dadi non diano liberi di girare nella loro sede...
    Se qualche "aereonauta" potesse spiegare il mistero...

    Ma queste in fondo sono solo piccolezze di fronte all'enorme lavoro di ricerca e raccolta fatto da Marpo!
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  6. #36
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: Pilota (Kamikaze) Aviazione di Marina giapponese

    Complimenti Paolo, pezzi molto belli e non di facile reperibilità* .

    Ottime le varie spiegazioni sul cronometro, oggetto che mi ha sempre intrigato per l'uso fatto dai Kamikaze.
    Ho sempre saputo, che già* durante la 1a guerra mondiale la consegna di detti oggetti era alquanto parsimoniosa, infatti (per quanto ne so) i piloti avevano l'ordine di asportare l'orologio e/o cronometro, nel caso di atterraggio di fortuna.
    Allo scoppio della 2a, so che la distribuzione di orologi o cronometri era difficoltosa, infatti la Gran Bretagna, per esempio, si vide costretta ad attingere da produzione privata o, se non ricordo male anche la Germania acquistando dalla Svizzera e credo neanche Italia e Giappone se la passassero meglio, quindi il mio dubbio era, perchè dare questi oggetti di ""valore"" a piloti che in buona percentuale si sapeva che non sarebbero tornati e quindi andavano persi??
    Dopo le varie spiegazioni da voi addotte, ritengo che in buona misura ci possono stare tutte.
    luciano

  7. #37
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: Pilota (Kamikaze) Aviazione di Marina giapponese

    Citazione Originariamente Scritto da Klaus
    L'orologio è una dotazione indispensabile alla navigazione in volo, specie per il volo di guerra a lungo raggio. L'orologio era fondamentale per tracciare e seguire la rotta e per fare il punto geografico. Importante anche per l'appuntamento radio con la base, ma non tutti i cruscotti di aereo ne erano dotati. Basta vedere qualche foto dell'epoca dei cockpit.
    Molto dipende dalle scelte compiute a livello organizzativo dall'aeronautica di appartenenza:
    UK e Commonwhealt:
    prevedevano la presenza di un buon orologio da cruscotto che era, spesso, ma non sempre, dotato di funzione cronografica.
    Il pilota aveva un orologio "solo tempo" al polso E, nel caso il cruscotto fosse privo di orologio o fosse dotato di orologio solo tempo, un cronografo da tasca, in eventuale aggiunta. Sono rari gli esempi, durante la seconda guerra mondiale, di orologi da polso RAF con funzione cronometrica.
    Italia:
    la maggior parte dei cruscotto di aereo erano dotati di ottimi orologi dotati di funzione cronometrica. Postazioni secondarie potevano avere un orologio solo tempo. Il puntatore aveva spesso un cronografo con funzione di "ritorno". Nessun orologio da polso era in dotazione alle nostre forze aeree, salvo qualche esemplare pre-bellico, della Longines e della Universal.
    Germania:
    forse la dotazione più varia: si tratta di almeno nove differenti modelli di orologi da cruscotti, con tanto di sottomodelli. Molti avevano la funzione cronometrica, alcuni erano solo tempo. Quando era possibile, il pilota riceveva un orologio da polso, con funzione cronometrica o un B-uhr, orologio da osservatore. Più spesso, otteneva un solo tempo o nulla. Ci furono diversi aerei, specie nella fase finale del conflitto, privi di orologio da cruscotto. Non tute le versioni del Me 262, per esempio, montavano un orologio sul cockpit. Immagino che al pilota, ottimo manico, nel caso dell'aviogetto, venisse dato un buon orologio da polso, con funzione crono, in quei casi. Ho visto anche immagini di cockpit con orologi di preda bellica, di fabbricazione sovietica.
    Giappone:
    orologi solo tempo da polso e neanche sempre. Il crono da cruscotto era quindi indispensabile, anche perchè la navigazione aerea si svolgeva spessissimo sul mare, lontano da qualsiasi punto di riferimento, ma l'esiguità* dei mezzi, spesso spartani, non sempre consentiva l'uso di orologi montati sul cockpit. Per questo e perchè era un vero e proprio status symbol, il pilota giapponese (non solo i kamikaze...) indossava l'orologio al collo. un'altro dei motivi è che si trattava di orologi preziosi, per le esigue capacità* produttive del Giappone, quindi venivano affidati al pilota e non rimanevano esposti sul mezzo, ad attacchi o intemperie. spesso le basi erano su isole umide e gli attacchi americani frequentemente mettevano fuori uso gli aerei a terra. In questo modo, inoltre, il pilota li manteneva in carica costantemente, senza rischiare che la carica terminasse: dubito, infatti, che abbiano una carica superiore alle 24/36 ore, sbaglio?
    USA:
    come al solito, un vero supermercato di scelte: orologi da cruscotto, con e senza funzione crono, tempo di volo parziale e.... data... con o senza quadrante di 24 ore... (è americano, costruito in circa 25.000 esemplari ed usato fino alla Guerra del Vietnam, l'orologio meccanico d'aereo più complicato mai costruito, l'Elgin/Hamilton 37500: una bellezza...). Orologio da tasca, con funzione crono, di buona qualità*, costruito in quantità* industriali, crono da tasca, e infine... orologio da polso, invero un pochino miserello, ma che volete farci... mica si può avere tutto...

    Klaus l'utilizzo dell'orologio per la mavigazione l'avevo già* spiegato anch'io, tra l'altro mi sono esercitato con questo metodo per seguire le rotte, che risulta molto utile in caso di abbandono da parte degli altri sistemi tecnologici e in più si rivela molto formativo.

    Per il resto ti devo ringraziare delle delucidazioni sul perchè i giapponesi lo impiegavano in quel modo e mi hai chiarito i dilemmi posti precedentemenete!

  8. #38
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: Pilota (Kamikaze) Aviazione di Marina giapponese

    Marpo spesso parlandosi di persona capita di fraintendersi, attraverso la scrittura dalla tastiera noto che la cosa capita molto più spesso.
    Non era mia intenzione fare polemica e la frase con il termine "professare" era rivolta a me e non certo nei tuoi confronti che anche potresti farlo con la tua conoscenza ed esperienza.
    Intendevo dire che se anche spiattellavo qualche concetto tecnico sul volo lo facevo per comprendere le domande poste e non per professare conoscenza.

    Chiuso questo "diverticolo verbale", ti faccio ancora i complimenti per i meravigliosi oggetti che stai postando!

  9. #39
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,309

    Re: Pilota (Kamikaze) Aviazione di Marina giapponese

    Citazione Originariamente Scritto da Centerfire
    Marpo, bello e pieno di storia!
    Noto una cosa curiosa relativamente ai fori di fissaggio: sono realizzati per accettare viti a testa svasata e questo và* benissimo. Rimangono completamente affogate nello spessore dell'orecchio e non si impigliano da nessuna parte. Però sotto gli orecchi di alluminio sono montati dei "dadi spaccati" e questo lo comprendo un pò meno... Questo tipo di lavorazione sul dado serve a piegarlo leggermente per sfalzare un pò il passo della filettatura ed ottenere un leggero forzamento "a frizione" della vite. Il dado poi dovrebbe trovarsi sul retro del cruscotto, non dietro il foro passante per il fissaggio....
    Così com'è non c'è modo di serrarlo in modo stabile alla plancia, a meno che i dadi non diano liberi di girare nella loro sede...
    Se qualche "aereonauta" potesse spiegare il mistero...

    Ma queste in fondo sono solo piccolezze di fronte all'enorme lavoro di ricerca e raccolta fatto da Marpo!

    Ferma tutto!
    Non mettiamo strane idee o dubbi infondati nella testa di Paolo, per carità*!
    Non sono un tecnico e quindi non mi intendo di dadi e bulloni, ma quei controdadi sono originalissimi, al mille per mille, e vanno lasciati dove sono, da oltre sessant'anni.
    Capita di rado trovare dadi sul retro degli orologi, ma quando ci sono, molto spesso sono spaccati oppure sono dadi in qualsiasi altro modo resi autobloccanti (usando molle, rondelle spaccate etc. Spesso, quelli recenti sono teflonati, per esempio). Oltre a ciò, talvolta i dadi vengono fissati e resi solidali alla cassa, probabilmente per evitare che, in fase di montaggio o smontaggio, finiscano nella parte posteriore del cockpit, creando problemi.
    L'orologio non veniva, e non viene tuttora, montato sempre nello stesso modo.
    Mi spiego: la Luftwaffe e, in buona parte dei casi, la RAF, montavano l'orologio dal davanti del pannello di cockpit e quindi i bulloni venivano a stare, come dici tu, sul retro. Quando si smontavano, viti, bulloni, dadi e controdadi riimanevano sciolti e difficilmente si rinvengono sugli orologi (oserei dire mai...).
    Giappone e USA, invece, montavano gli orologi (e non solo gli orologi) dal retro del pannello di cockpit e quindi i bulloni venivano a stare sul retro dell'orologio, spesso fissati alla cassa, come nel nostro caso. Questo è il metodo più usato dagli aerei Nato.
    Mi sono spiegato oppure ho solo fatto confusione?
    Addirittura, in un caso, l'orologio RAF Smiths, MK V, orologio usato su moltissimi velivoli RAF negli anni '60 e '70 (vedi foto), i bulloni di fissaggio fanno parte dell'assemblaggio di chiusura della cassa stessa e vanno tolti e rimessi per aprire e chiudere la cassa stessa.
    Approfitto per allegare alcune foto di un Hamilton 37500, appartenuto all'attrice di Hollywood Lana Turner. Vi avevo deto che era una bellezza, no? Un ammiratore, appartente alla sua troupe, visto che era nota per i suoi continui ritardi sul set, scherzosamente, le regalò l'orologio che era montato sul suo B-17 nel Pacifico. L'attrice lo conservò sempre nei suoi camerini. Venduto, di recente, dalla figlia, Cheryl Crane, fa oggi parte di una collezione italiana.
    Come si intravede, anche questo monta bulloni spaccati.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  10. #40
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,309

    Re: Pilota (Kamikaze) Aviazione di Marina giapponese

    A giudicare dalla meccanica (non vedo il ponte e le ruote della cronometria) e dai comandi esterni, questo Seikosha non ha funzione cronometrica...
    Pertanto, per il calcolo dei tempi parziali, il pilota o il navigatore non aveva altre prerogative che ruotare la lunetta girevole, utilizzando gli indicatori bianco luminoso e rosso...
    Meccanica molto ben fatta, ma semplice, che riprende gli standard civili, con boccole di metallo al posto dei rubini... è un altro triste esempio di come il divario tecnologico tra le forze in capo fosse davvero difficilmente colmabile....

Pagina 4 di 9 PrimaPrima ... 23456 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •