Pagina 2 di 17 PrimaPrima 123412 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 162

Discussione: Piloti e kamikaze giapponesi

  1. #11
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286
    Un gran bel topic Luciano! e un bel lavoro!
    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  2. #12
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Grazie Daniele.
    Domani posto la seconda parte.
    [ciao2]
    luciano

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    1,758
    Bravo Cocis bellissimo questo topic!!!
    P.S.:Sbaglio o qualche immagine la hai presa da Storia Illustrata?

    [ciao2][ciao2]Franz
    scavare è bello!
    E’ un mondo difficile: vita intensa, felicità a momenti e futuro incerto...

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    1,596
    Citazione Originariamente Scritto da Die Nadel

    C'è da fare una bella divisione però tra questi valorosi uomini che s'immolarono per il loro paese e quelli che oggigiorno vengono chiamati "Kamikaze" ma che in realtà* sono solo bombe viventi.
    Questi piloti si offrivano volontari per difendere il proprio paese sacrificando la propria vita ma colpendo solo bersagli militari indossando la propria divisa e usando veicoli militari ben distinti dai simboli nazionali, quelli che oggigiorno vengono accomunati a questa parola, kamikaze, sono fanatici o poveracci convinti a suicidarsi con la promessa di sostentazioni alle proprie famiglie, che alla fine si imbottiscono di tritolo e si buttano in un mercato pieno di civili, provocando solo morti e feriti tra donne e bambini inermi.


    Saluti
    Die Nadel
    con tutto il rispetto..io sono del parere opposto..

    se andiamo alla base della precisazione..è come dire terroristi e partigiani!

    certo i tempi sono cambiati..le "Strategie" anche..
    ma le "precisazioni" semplicistiche, sopratutto in un campo delicato come questo le lascerei fuori dalla porta..

    vi ringrazio e continuiamo a parlare di "Vento Divino"!

    ciao
    digjo
    Ciao
    digjo

  5. #15
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Citazione Originariamente Scritto da digjo


    continuiamo a parlare di "Vento Divino"!
    Concordo.Non usciamo dal seminato,perchè è un topic interessante e magistralmente proposto dal nostro Cocis e sarebbe un peccato se si perdesse di vista l'argomento trattato nel topic.[]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  6. #16
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Liguria
    Messaggi
    8,022
    Ottimo Topic.. bravo Cocis..
    Gigi "Viper 4"

    "...Non mi sento colpevole.. Ho fatto il mio lavoro senza fare del male a nessuno.. Non ho sparato un solo colpo durante tutta la guerra.. Non rimpiango niente.. Ho fatto il mio dovere di soldato come milioni di altri Tedeschi..." - Rochus Misch dal libro L'ultimo

  7. #17
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Grazie ragazzi []
    Ciao Franz no non sono prese da Storia Illustrata ma non escludo che ci possano essere delle uguali.
    Giusto continuiamo a parlare del "Vento Divino"

    "..continua il racconto di Rikihei Inoguchi.
    L'addestramento dei piloti kamikaze di base a Formosa aveva una durata di 7 giorni, con i primi due giorni dedicati esclusivamente alle esercitazioni di decollo, i due giorni successivi venivano dedicati al volo in formazione, mentre contemporaneamente proseguivano le esercitazioni di decollo.
    Gli ultimi tre giorni erano soprattutto dedicati allo studio teorico e alle esercitazioni pratiche di avvicinamento all'obiettivo e di attacco e di volo in formazione.
    Per i caccia leggeri e veloci come gli "Zero" (Zeke) e per i bombardieri imbarcati tipo "Suisei" (Judy) venivano adottati due metodi di avvicinamento che si erano rivelati particolarmente efficaci.
    Doveva avvenire ad altissima o bassissima quota, anche se dal punto di vista della precisione di navigazione e del raggio di visibilità* sarebbe stata preferibile una quota media, si preferiva rinunciare a questi vantaggi in considerazione di altri fattori.
    La quota prescelta era compresa tra i 5.500 e i 6.500 metri e ciò per due ragioni.
    1° quanto più alta è la quota, tanto più difficile è l'intercettazione da parte del nemico.
    2° occorre tener conto della manovrabilità* di un aereo recante a bordo una bomba da 250 kg.





    Nell'avvicinamento a bassissima quota gli aerei volavano invece il più vicino possibile alla superficie del mare, in modo da ritardare al massimo l'intercettazione da parte dei radar nemici.
    Verso la fine del 44 si stimava che i radar americani avessero una portata effettiva di circa 160 Km. ad alta quota e di 30-50 Km. a bassa quota.
    Ad alta quota era necessario che il pilota facesse molta attenzione affinché l'angolo di picchiata non risultasse eccessivo, in quanto l'aereo sarebbe stato più difficile da manovrare sotto l'azione della crescente forza di gravità* che gli avrebbe fatto perdere il controllo, era pertanto necessario che la picchiata fosse il meno profonda possibile e che il pilota prestasse molta attenzione al vento di coda e alle contromosse da parte del bersaglio.
    In caso di attacco a bassa quota appena avvistata una nave nemica, l'aereo saliva bruscamente a 3.500-4.500 metri per poi buttarsi in picchiata sul bersaglio.





    Il metodo della picchiata a candela risultò peraltro assai più efficace di quello di colpire la fiancata.
    I piloti kamikaze vennero incoraggiati ad usare questo metodo.
    Sulle portaerei il miglior bersaglio era costituito dall'elevatore principale, seguivano poi in ordine di preferenza. l'elevatore di poppa o quello di prua.
    Su altri tipi di grosse unità* da guerra, il migliore bersaglio era la base del ponte di comando.
    Sui cacciatorpediniere, sulle altre piccole navi da guerra o da trasporto un colpo in un punto qualsiasi tra il ponte di comando e il centro della nave risultava generalmente di grande efficacia.
    Se non vi fosse stata carenza di aerei, contro una grande portaerei sarebbe stato opportuno inviare 4 aerei kamikaze due per colpire l'elevatore principale e due a colpire quello di poppa e di prua.
    In teoria due o tre attacchi erano considerati l'ideale, ma le portaerei americane erano numerose e noi avevamo troppo pochi aerei.

    La bandiera con il Sol Levante e le preghiere scintoiste





    Un pò di svago prima della missione



    Il riposo per nulla turbato



    Le ultime disposizioni





    La tradizionale coppa di "sakè" prima di partire per l'ultimo volo






    Le altre armi suicide.
    Il siluro che fu conosciuto con il nome di !Kaiten! (oggetto che scuote il cielo).
    Questo siluro aveva una sezione supplementare situata dietro la testata, che conteneva uno scompartimento per il pilota e per i controlli.
    La misura della testata era stata triplicata fino a raggiungere il peso di 1.540 Kg. E la sua autonomia era prevista in circa 77 Km.



    Il battello "Shinyo" lungo circa 5 metri e mezzo, era azionato da uno o due motori d'automobile.
    La prora recava una testata con una carica potente, che esplodeva nell'urto, la velocità* massima andava dai 25 ai 30 nodi.



    L'"Ohka" ( fiori di ciliegio)
    Si trattava di bombe pilotate, un proietto-razzo costituito costituito da uno speciale tipo di aereo monoposto in legno con a bordo quasi 1.200 Kg. Di esplosivo.
    Trasportato fino a meno di 20 Km. dall'obbiettivo da un bombardiere bimotore il Mitsubishi G4M2e modello 24 J Betty che una sganciato si dirigeva in picchiata sul bersaglio, accelerato dall'accensione dei suoi tre razzi.
    Da una quota di circa 6.000 metri era in grado di raggiungere un bersaglio situato in un raggio di oltre 30 Km.
    In prossimità* dell'obiettivo il pilota dell'Ohka si calava attraverso il vano bombe dell'aereo-madre, raggiungendo la minuscola carlinga del suo "velivolo".
    Non appena informato dell'esatta posizione del bersaglio, il pilota tirava la maniglia di sganciamento , lanciandosi così nella sua corsa verso la morte.
    Gli americani affibbiarono a quest'arma il nomignolo di bomba Baka (stupida)
    Comunque queste armi non ebbero buona rilevanza per i fini che si erano preposte.

    L'areo-madre








    Nota dell'autore [:246]
    Con le immagini di questo capitolo come dell'altro ho voluto dare un risalto particolare alla parte umana di questi soldati.
    Fine seconda parte
    Fonte cartaceo Luciano
    luciano

  8. #18
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    1,003
    Come sempre Superlativo ottime immagini e descrizioni

  9. #19
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Grandioso,Cocis!!!L'ultima coppa di sake prima di decollare è un rituale che viene ripreso anche nel film Pearl Harbor.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  10. #20
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    1,758
    Questo topic va sempre meglio e ti faccio i miei complimenti!
    P.S:Ti ho fatto quella domanda sulle immagini perchè sò di averne già* visto qualcuna e mi sembrava che fossero su quei giornali , solo che non le trovo più e speravo che tu mi potessi indicare il numero dell rivista.
    Grazie
    [ciao2][ciao2]Franz
    scavare è bello!
    E’ un mondo difficile: vita intensa, felicità a momenti e futuro incerto...

Pagina 2 di 17 PrimaPrima 123412 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •