Pagina 1 di 17 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 164

Discussione: Piloti e kamikaze giapponesi

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Exclamation Piloti e kamikaze giapponesi


    untitled2.pnguntitled1.png


    Premetto che questo mio racconto non vuol essere una semplice e fredda somma di dati, nomi, luoghi ecc, ma vuol essere un segno di tributo e tutto sommato anche di rispetto verso quei soldati che si immolarono nel tentativo di salvare il loro paese ("";Yamato"" antico nome del Giappone).
    Traendo le parole dai versi di un poema dell'epoca Tokugawa, Scikiscima no Yamato/gokoro no hito touaba Asahi ni niu Yamazakura/bama ossia Lo spirito giapponese è simile al fiore del ciliegio di montagna raggiante nel sole del mattino
    Nel 1281 Kublai Kan, potente sovrano delle popolazioni mongole, decise di spingere le sue mire espansionistiche verso le isole del Giappone e allestì una gigantesca armata (al cui servizio era una flotta da trasporto di adeguate proporzioni) per invadere e conquistare il Paese del Sol Levante.
    Ma quando la flotta d'invasione era in vista delle coste nipponiche, un tremendo tifone distrusse quasi tutte le navi, disperdendo le superstiti.
    Questo evento venne considerato un segno di protezione divina dai giapponesi che lo battezzarono Kamikaze ossia Vento Divino.

    L'ammiraglio Takijiro Onishi il padre del corpo kamikaze. Prima di morire l'asciò scritto "La vita è come un fiore delicato come possiamo aspettarci che profumi per sempre?



    Tratto da un racconto del capitano di vascello Rikihei Inoguchi



    Tenendo in considerazione l'evidente divario esistente in merito al potenziale, tra il Giappone e gli alleati negli ultimi anni di guerra nel Pacifico, per noi giapponesi era chiaro che il nostro paese si sarebbe trovato ad affrontare una gravissima crisi, a meno che non intervenissero elementi tali da cambiare radicalmente la situazione.
    Era quindi più che naturale che in circostanze di questo genere i combattenti giapponesi fossero decisi a sacrificare la propria vita per l'imperatore e per la patria.
    Il loro patriottismo aveva origine dalla convinzione, profondamente radicata nell'animo di questi uomini, che la nazione, la società* e persino l'universo si identificavano nell'imperatore e per questa causa essi erano disposti a sacrificare la loro vita.
    Per quanto riguarda la fondamentale questione della vita e della morte, la base spirituale di noi giapponesi è costituita dall'assoluta obbedienza all'autorità* eccelsa dell'imperatore, e ciò anche a prezzo della vita.
    Il credo kamikaze era influenzato dal Bushido, il codice di condotta del guerriero giapponese, basato sullo spiritualismo proprio del buddismo, che pone l'accento sia sul coraggio, sia sulla coscienza dell'uomo.
    Un altro nostro ardente desiderio era quello di riuscire a morire di una morte piena di significato, nel momento giusto e nel posto giusto, e di non suscitare con la nostra condotta alcun pubblico biasimo.
    Quando si analizza il comportamento Kamikaze, si deve tener ben presente che essi giudicavano la missione d'attacco nulla più che una parte del loro dovere, e che non consideravano questo compito come qualcosa di veramente straordinario.
    Si appassionavano talmente al problema di come colpire con successo le navi prese di mira che finivano col dare poca importanza al loro destino.
    Erano dominati troppo profondamente dall'atteggiamento psicologico di amore per la propria patria coltivato nella storia e nella tradizione del loro paese.
    L'attacco Kamikaze aveva innanzitutto un carattere spirituale e qualsiasi pilota dotato di normale abilità* era in grado di adempiere alla sua missione in modo adeguato.
    Non avevamo quindi alcun metodo di addestramento speciale all'infuori di quello consistente nel porre in particolare rilievo agli occhi dei piloti alcuni fattori che si erano dimostrati di una certa importanza durante precedenti esperienze di "attacchi special"



    Lo spirito e la rinuncia è un bene comune a tutti i piloti suicidi (che furono sempre ed assolutamente volontari)traspaiono dall'immagine composta quasi ieratica del giovane pilota.Poche ore dopo essersi fatto fotografare questo moderno samurai concludeva l'esistenza terrena nello schianto del suo aereo contro una nave nemica.



    Piloti kamikaze fotografati prima di una missione



    Fine della prima parte
    Fonte cartaceo Luciano
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    luciano

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Complimenti,Cocis,un altro topic goloso di quelli a cui ci hai abituato,frutto di un lavoro di ricerca non indifferente.Grazie.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    I kamikaze.....che argomento interessante.Ben fatta Luciano,mi hanno sempre affascinato questi soldati del Sol Levante.
    Grazie[]

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022
    Complimenti per l'ottimo e interessante topic. [ciao2]

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    1,003
    Molto interessante bravo speriamo venga incrementato

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053
    C'è da fare una bella divisione però tra questi valorosi uomini che s'immolarono per il loro paese e quelli che oggigiorno vengono chiamati "Kamikaze" ma che in realtà* sono solo bombe viventi.
    Questi piloti si offrivano volontari per difendere il proprio paese sacrificando la propria vita ma colpendo solo bersagli militari indossando la propria divisa e usando veicoli militari ben distinti dai simboli nazionali, quelli che oggigiorno vengono accomunati a questa parola, kamikaze, sono fanatici o poveracci convinti a suicidarsi con la promessa di sostentazioni alle proprie famiglie, che alla fine si imbottiscono di tritolo e si buttano in un mercato pieno di civili, provocando solo morti e feriti tra donne e bambini inermi.


    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Grazie per aver apprezzato.
    Certo Die assolutamente da non accomunare sono due cose completamente diverse.
    Infatti la parola kamikaze è usata impropriamente dai mass media ed in maniera alquanto semplicistica.
    Io stesso avevo pensato di mettere come titolo "Il vento Divino" giusto per non avere alcuna assonanza con quelli che vengono indicati oggi ma ho ritenuto giusto metterlo in quanto storia.
    [ciao2]
    luciano

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053
    "Vento Divino" è la traduzione, Kamikaze è in Giapponese, la lingua originale del termine, è meglio.
    Hai comunque fatto un interessante servizio su questi uomini.

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266
    Interessante la prima, attendo la seconda parte.
    Ciao
    Andrea
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Citazione Originariamente Scritto da Die Nadel

    "Vento Divino" è la traduzione, Kamikaze è in Giapponese, la lingua originale del termine, è meglio.
    Hai comunque fatto un interessante servizio su questi uomini.

    Saluti
    Die Nadel
    Grazie
    Giusto infatti ho optato per il termine corretto.
    Spero nei prossimi giorni (tempo permettendo)di incrementare ancora.
    luciano

Pagina 1 di 17 12311 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •