Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 21

Discussione: "PIT STOP"

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Venezia
    Messaggi
    1,063

    Re: "PIT STOP"

    E allora, il carburante, a chi lo mettono in conto?

    O lo hanno pagato in contanti? CASH?

    Ho avuto forte il sospetto che sia uno di quegli aerei che volano sulle nostre teste lasciando quelle strane scie "di condensazione" permanenti, ma che "di condensazione" non sono!!!

    Ciao
    ermanno

  2. #12
    Banned
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vP006496
    Messaggi
    1,253

    Re: "PIT STOP"

    sulla parte destra della fusoliera c' e' un' antenna radar "terma-slar" ( http://www.terma.com/media/92138/slar_b ... 2_we_b.pdf ) , probabilmente stanno testando l' installazione di quel tipo di radar su quel modello di velivolo .

  3. #13
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Re: "PIT STOP"

    Non so a voi ma a me piace tantissimo questo qua...

    [attachment=0:1yhhm0b2]DSCF3606.JPG[/attachment:1yhhm0b2]

    Il Piaggio P180 Avanti è un aereo da trasporto executive da 6 - 9 passeggeri progettato e costruito dall'italiana Piaggio Aero. È attualmente l'unico aereo al mondo disegnato, sviluppato e certificato con una configurazione a tre superfici portanti, prodotto in serie.
    Sviluppo
    Il P180 iniziò le prove in galleria del vento in Italia e negli Stati Uniti nel 1980 per finirle un anno dopo. Venne attuata una collaborazione con la Learjet per sviluppare il velivolo a partire dal 1982 che finì nel 1986, anno del volo del primo prototipo. Il certificato di tipo per consentire l'utilizzo del modello nello spazio aereo degli Stati Uniti d'America venne rilasciato dal Federal Aviation Administration (FAA) nel 1990. L'intero progetto porta la paternità dell'ingegnere Alessandro Mazzoni che ne detiene il brevetto . La prima di 12 fusoliere fu costruita nello stabilimento di Wichita nel Kansas, con parti della H&H Parts e della Plessey Midwest e poi inviata per via aerea in Italia per l'assemblaggio finale. La Avanti Aviation Wichita fallì nel 1994 e il progetto subì una grossa battuta d'arresto, finché un gruppo di investitori guidato da Piero Ferrari intervenne nel 1998. Il centesimo aereo è stato consegnato nell'ottobre 2005.
    Impiego operativo
    Il P180 ha avuto come cliente di lancio l'Aeronautica Militare, ma successivamente ha avuto un importante successo di vendite soprattutto nel settore del trasporto privato ed aerotaxi, fractional ownership. Oggi più di 200 esemplari di questo velivolo italiano volano in Europa, Nord e Sud America, Medio Oriente, Cina. Piaggio Aero e il P180 Avanti II (il modello lanciato nel 2004) hanno legato il loro nome anche alla Ferrari, grazie alla presenza nell'attuale proprietà di Piero Ferrari e ad un accordo di sponsorizzazione tra le due aziende, che ha fatto dell'Avanti II l'aereo della Scuderia e di Piaggio Aero lo sponsor dei piloti Felipe Massa e del campione del mondo 2007 Kimi Räikkönen
    Numerosi esemplari sono operati da Forze Armate ed Enti dello Stato: Esercito (3 esemplari), Aeronautica Militare (15 esemplari), Marina Militare (3 esemplari), Corpo dei Vigili del Fuoco (2 esemplari), Corpo Forestale dello Stato (1 esemplare), Polizia di Stato (1 esemplare), Carabinieri (1 esemplare), Guardia di Finanza (2 esemplari) e Protezione Civile (2 esemplari). Questi velivoli sono configurabili in versione solo passeggeri, in versione da trasporto, in versione da trasporto medico o in combinazioni tra queste versioni; alcuni sono stati modificati con l'installazione di apparati di sorveglianza FLIR ad infrarosso per meglio assolvere ai compiti istituzionali degli utilizzatori. Altri utilizzatori istituzionali sono il governo canadese, che utilizza alcuni esemplari per la Royal Canadian Mounted Police, e lo Stato polacco, che impiega due velivoli per il trasporto sanitario e per interventi di urgenza, grazie ad una configurazione degli interni studiata ad hoc.
    Descrizione tecnica
    L' Avanti è motorizzato con due turboeliche installate su di un'ala media, cioè posta in prossimità della mediana della fusoliera. La particolare configurazione prevede una posizione arretrata, dietro la cabina passeggeri, e un alto coefficiente di allungamento, definito come il rapporto tra l'apertura alare e la corda media. L'impennaggio è di tipo a T e sono presenti due alette fisse anteriori con angolo di diedro negativo e prive di superfici di controllo. Il velivolo viene spesso portato ad esempio come configurazione canard, ma questa dizione per il P-180 è impropria, in quanto le alette anteriori sono prive di superfici mobili di controllo. Queste ultime sono infatti di tipo convenzionale, cioè ripartite tra ala principale, stabilizzatore e equilibratore in coda.
    La configurazione delle superfici alari consente a tutte e tre di fornire portanza, a differenza di quanto accade nelle altre configurazioni di velivoli, nelle quali lo stabilizzatore del piano orizzontale di coda crea una forza diretta verso il basso per contrastare il momento che tende a far alzare la prua dell'aereo, generato dall'usuale accorgimento di porre il centro di gravità più avanzato rispetto al centro delle forze di portanza, per migliorare la stabilità dinamica longitudinale. La configurazione a tre superfici portanti è stata brevettata con il nome "Three-Lifting-Surface Configuration" (3LSC).
    La configurazione propulsiva con eliche spingenti, ripresa dai modelli P-136 e P-166, nasce anche con l'obiettivo di abbassare i livelli di rumorosità in cabina, in quanto i dischi di rotazione delle eliche, causa di una consistente quantità di rumore in questo tipo di velivoli, si vengono a trovare più indietro rispetto alle zone occupate dai passeggeri. Questa scelta progettuale porta alla generazione di una particolare impronta sonora inconfondibilmente "acuta" all'esterno e causata dall'interferenza aerodinamica degli scarichi motore con le eliche stesse.
    Le alette anteriori
    L'angolo di incidenza delle alette anteriori è impostato in modo da causare lo stallo aerodinamico prima che lo stesso fenomeno accada all'ala principale, producendo un effetto automatico di abbassamento del muso che rende la perdita completa di portanza per il velivolo più difficile. La configurazione scelta con angolo diedro negativo deriva dalla necessità di evitare che la turbolenza causata alteri il flusso aerodinamico in entrata alle prese d'aria dei motori o che investe l'ala principale, o lo stabilizzatore orizzontale.
    L'Avanti II
    Una versione rinnovata, battezzata Avanti II, ha ottenuto la certificazione europea e USA nel novembre del 2005 ed è caratterizzata da numerose migliorie, introdotte progressivamente al progetto. Al 2011 ne sono stati consegnati 40 esemplari, mentre gli ordini assommano a più di 80 unità ulteriori. 36 velivoli sono stati consegnati alla Avantair, una società di noleggio statunitense con sede nel New Jersey, che utilizza esclusivamente aeromobili Piaggio, di cui 21 Avanti del vecchio tipo più i nuovi Avanti II, con un piano per arrivare ad una flotta di 80 velivoli nei prossimi anni. L'Avanti II ha tra le sue caratteristiche una nuova versione del motore PT-6, che gli consente di aumentare di 11 nodi circa la velocità massima, pur con un minor consumo di carburante. Il peso massimo al decollo è stato innalzato dalle 11 550 libbre originarie a 12 100 libbre, con significativi guadagni di carico utile ed autonomia.
    Tra le altre modifiche più significative si annoverano l'adozione di una strumentazione digitale integrata e configurazione glass cockpit, che permette di integrare su tre schermi LCD tutte le informazioni, generate dai sensori, dei parametri di volo, motori, sistemi velivolo e apparati avanzati di navigazione, anticollisione (TCAS e TAWS) e comunicazione. Nell'Avanti II, inoltre, le ali anteriori hanno dei flap il cui movimento è sincronizzato con quello dei flap dell'ala principale.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    San Francesco al Campo(TO)
    Messaggi
    4,463

    Re: "PIT STOP"

    Citazione Originariamente Scritto da Franz56
    Mistero...
    Ho appena chiesto sù in torre ma neanche loro lo sanno ...!!!
    Ciao Franz,non credi che sia possibile risalire al proprietario dalla matricola?
    Gianfranco
    Gianfranco

  5. #15
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: "PIT STOP"

    Citazione Originariamente Scritto da TELLER67
    E allora, il carburante, a chi lo mettono in conto?

    O lo hanno pagato in contanti? CASH?

    Ho avuto forte il sospetto che sia uno di quegli aerei che volano sulle nostre teste lasciando quelle strane scie "di condensazione" permanenti, ma che "di condensazione" non sono!!!

    Ciao

    NOOOOOOO!!! Ermanno non ti metterai mica anche tu con questa storia delle Scie chimiche!!!!!!

  6. #16
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: "PIT STOP"

    Bello il Piaggio 180 con la sua architettura inusuale e Canard; lo riconosci subito in volo senza vederlo dal gran casino che fanno i due turboelica!

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Venezia
    Messaggi
    1,063

    Re: "PIT STOP"

    Citazione Originariamente Scritto da Peo
    Citazione Originariamente Scritto da TELLER67
    E allora, il carburante, a chi lo mettono in conto?

    O lo hanno pagato in contanti? CASH?

    Ho avuto forte il sospetto che sia uno di quegli aerei che volano sulle nostre teste lasciando quelle strane scie "di condensazione" permanenti, ma che "di condensazione" non sono!!!

    Ciao

    NOOOOOOO!!! Ermanno non ti metterai mica anche tu con questa storia delle Scie chimiche!!!!!!
    Beh, dico, non ti sembrerà mica normale che non si dissolvono, vero?
    E che più aerei fanno avanti e indietro finchè non hanno coperto tutto il cielo da dx a sx e da avanti a indietro, come una scacchiera?

    C'è qualche cosa che mi sfugge... Una volta non succedeva!

    Ah, pardon per l'OT, ma tra moderatori... si potrà, no?
    ermanno

  8. #18
    Moderatore L'avatar di Waffen
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    FIRENZE
    Messaggi
    3,111

    Re: "PIT STOP"

    Mi preoccupano di piu' cosa passa la notte in cielo qui in Mugello, aerei da un rumore non indifferente senza luci lampeggianti che passano a svariate ore della notte....
    kappa

  9. #19
    Banned
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vP006496
    Messaggi
    1,253

    Re: "PIT STOP"

    inizio O.T.
    sul p180 , adesso e' possibile installare impianti ACAS e EGPWS , versioni aggiornate di TCAS e TAWS .
    Si sta studiando una versione per la sorveglianza , estremamente sofisticata , ed e' in progettazione il fratello maggiore , con motori a turbina e un maggior numero di posti a sedere .
    io lo chiamo la "renna scoreggiona" , quando passa il suo rumore e' inconfondibile .
    fine O.T.

  10. #20
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: "PIT STOP"

    Beh, dico, non ti sembrerà mica normale che non si dissolvono, vero?
    E che più aerei fanno avanti e indietro finchè non hanno coperto tutto il cielo da dx a sx e da avanti a indietro, come una scacchiera?

    C'è qualche cosa che mi sfugge... Una volta non succedeva!

    Ah, pardon per l'OT, ma tra moderatori... si potrà, no?
    [/quote]

    Una volta non era così, perchè non c'era il traffico aereo di adesso....e non ti avevano messo il tarlo in testa!

    Sulla provincia di Venezia ci sono tra le più trafficate rotte che si intersecano tra vari corridoi per il traffico commerciale.

    Osserva: quando il cielo è limpidissimo e con un'umidità relativa ridotta la durata delle strisce di condensa è molto limitata nel tempo e anche nella lunghezza; diversamente quando ci sono nubi alte come strati e cirrostrati fanno fatica a dissolversi.

    Qualsiasi pilota che abbia studiato un po di fisica e di metereologia, non crederà a queste dicerie perchè conosce o dovrebbe conoscere il sistema adiabatico:In fisica è detto adiabatico un processo o trasformazione fisica delle variabili macroscopiche di un sistema termodinamico (pressione, temperatura, volume).

    Le strisce non si verificano sotto una certa altitudine, perchè c'è bisogno delle bassissime temperature di alta quota che gelano l'umidità che esce dagli scarichi formando strisce di cristalli di ghiaccio (più o meno come le nuvole).

    Guardo da sempre il cielo e le macchine che lo solcano e ti assicuro che anche un tempo era così e ci sono immagini di caccia della seconda guerra mondiale che le lasciano dietro di loro; ora conoscendo la limitata autonomia di volo di quei velivoli, mi pare assurdo che fosse ancora più limitata dal carico di eventuali agenti chimici.
    Tutte le teorie dei complottisti delle chemtrails sono facilmente smentibili conoscendo un po di storia, fisica e metereologia.

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •