Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: POESIE DI GUERRA

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,079

    POESIE DI GUERRA

    <font color="red">PER LA MORTE DEL DUCA D'AOSTA
    Nino Costa 1886-1945 - Marzo 1941</font id="red">

    <font color="green">chiedo scusa all'autore piemontese per la mia traduzione
    necessaria però agli amici come Walzorzi[]</font id="green">

    Al camposanto di Redipuglia, oggi
    verso il mattino qualcuno ha bussato.
    Il Duca si è rizzato in piedi e ha spalancato gli occhi
    e ha chiesto:"Chi c'è?" - "Sono io papà*."

    Sono io che arrivo adesso da una terra
    nemica, con la croce delle mie sfortune,
    col mio cuore sfinito dopo tanta guerra
    che ha domandato di riposare sul tuo cuore.

    Vorrei portare l'insegna di una vittoria
    come la tua, papà*, per farti onore
    e io porto con me un'insegna sì di gloria
    ma fatta di sangue, di lacrime e di dolore.

    Laggiù papà* eravamo rimasti da soli
    contro un mare di nemici che ci circondava:
    soli a difendersi, soli a morire...soli...
    e da lontano...l'Italia che ci guardava...

    Senza riserve, senza munizioni...
    pochi testardi intorno alla bandiera.
    Da ogni parte il rombo dei cannoni:
    noi inchiodati sulla cima di una rupe.

    Sulla cima della rupe di Amba Alagi
    per trenta giorni abbiamo atteso la morte.
    L'ultima risorsa era il nostro coraggio;
    l'ultimo conforto: non avere più conforto.

    Questi sassi bruciati dal sole, seminati di rovine,
    tra gli spari e le grida - tagliati fuori dal mondo -
    senza pane, senza fuoco, senza medicine,
    senz'acqua...per la sete dei moribondi,

    abbiamo tenuto duro papà* finchè potevamo
    distrutti, stracciati, arrabbiati e disperati:
    abbiamo versato il nostro sangue...tanto quanto ne avevamo,
    e poi...e poi...abbiamo fatto male papà*?..."

    Il Duca ascolta con la testa bassa,
    come se sentisse l'eco del destino,
    poi gli risponde con la gran voce della razza,
    con la gran voce del cuore: "Avete fatto bene!"

    Ma dopo, papà*, su una terra straniera,
    avviliti, prigionieri, malati e distrutti...
    se alzavo gli occhi vedevo un'altra bandiera,
    se li chiudevo, sentivo tutto il mio disgusto...

    Ero come un'anima sperduta
    come un uomo che si è giocato il suo avvenire...
    Ho benedetto la morte quando è arrivata...
    e adesso...papà*...sono arrivato qui anch'io...".

    E il Duca pensa alla sua Terza Armata,
    alle rocce del Carso, al mezzo milione di croci,
    alle marce forzate della ritirata...
    Poi lo guarda in faccia e gli dice sottovoce:

    Adesso sei anche tu più sù della terra,
    più su del mondo, più su di tutte le sfortune...
    Vieni nel paese del Cimitero di Guerra,
    vieni a posare il tuo cuore sul mio cuore...

    e mentre la tempesta si scatena
    su tutti i campi della povera umanità*,
    aspettiamo insieme un'alba più serena
    per la nostra Italia e per la nostra casa...".
    Cerco tutto ciò che riguarda il 157^LIGURIA

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    5
    Non l'avevo mai letta è semplicemente bellissima.

    Grazie Dav
    ETSI MORTUUS URIT

  3. #3
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576
    Spero di essere in tema.
    Questa poesia l'ho fotografata nella cappella costruita sul Monte Piana, raggiungibile con il servizio navetta fuoristrada dal lago di Misurina.
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    191
    rinnovo la mia stima... sono commosso.
    OHH PARERE PERSONALE EEH

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    151
    Complimenti sono entrambe belle e toccanti, per chi ha la sensibilita' di ascoltarle.
    Cerco materiale da Paracadutista Italiano

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    60
    A questo punto non mi resta che allegarvi alcune foto (purtroppo il forum le esige leggere) di un cimelio legato all'Eroe dell'Amba Alagi.
    presentate le armi e chinate le insegne (ovviamente all'uso estense)
    A

    Immagine:

    38,69*KB

    Immagine:

    42,96*KB

    Immagine:

    23,44*KB

    Immagine:

    32,27*KB
    Cerco militaria del Ducato di Modena (copricapi, uniformi, medaglie, bottoni, foto, regolamenti...)

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,079
    Molto interessante e commovente.
    Grazie Milite Estense. [ciao2]
    Cerco tutto ciò che riguarda il 157^LIGURIA

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Trento
    Messaggi
    53

    Re: POESIE DI GUERRA

    salve a tutti..
    se mi permettete vorrei trascrivere, qui, alcune poesie di guerra che composi
    qualche anno fa, per non farle cadere nell'oblio, magari a qualcuno possono
    piacere.Ecco la prima, descrive brevemente l'oppressione di una popolazione...

    INVASIONE

    E VENNERO IN ARMI,PORTANDO L'INFERNO
    VENNERO IN TANTI GRIDANDO L'ETERNO
    UN GRIGIO FIUME DI GENTE AGGUERRITA
    COMPAGNI DI MORTE, SPECCHIO DELLA VITA.

    E DALLE COLLINE DI SANGUE ARROSSATE
    BIANCHE DI FUMO ALLE VERDI VALLATE
    GIOVANI E VECCHI CON CUORE DI PIETRA
    SENZA PIETA', NULLA LI ARRETRA.

    E DENTRO LE CASE GLI ODIATI INVASORI
    DISTRUGGONO TUTTO: LE FEDI, GLI AMORI.
    OMBRE DI MORTE DOPO QUELL'ORDA
    E UOMINI A TERRA, CHE NESSUN PIU' RICORDA.

    E VOLTA LE SPALLE L' UOMO ALLA STORIA
    DA GRANDE VISSUTO, PIENO DI BORIA.
    CI SON DUE PAROLE PER RIASSUMERE TUTTO:
    CIO' CHE DIO HA CREATO EGLI HA DISTRUTTO.
    Autie of Monroe
    Aquensem Legionem Time

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: POESIE DI GUERRA

    Ti dirò che sebbene io non sia un'amante della poesia ed il mio concetto di opera poetica sia abbastanza vicino alla famosa "Noi siamo le vergini......" che per carità* cristiana on riporto la tua non mi è dispiaciuta.
    Per quanto sia difficile capirlo questo è quasi un complimento
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Messaggi
    321

    Re: POESIE DI GUERRA

    Una piccola rima, semplice e commovente, è sulla toma di Sorella Kaiser Parodi, una crocerossina a Redipuglia:

    Tra le bende
    fosti di carità* l'ancella.
    Morte tra noi ti colse,
    resta con noi Sorella!
    Baytown 1943 - Marcello

    "O, God, Thy sea is so great and my boat is so small"

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •