Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Presentazione libro “Le micidiali bombe a farfalla sull’Italia"

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di PoRiverCrossing
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Località
    fiume Po
    Messaggi
    105

    Presentazione libro “Le micidiali bombe a farfalla sull’Italia"

    Domenica 30 Novembre ore 16.30

    presso il Museo della Seconda Guerra Mondiale del fiume Po di Felonica (Mantova)

    presentazione libro “Le micidiali bombe a farfalla sull’Italia. Un oscuro capitolo della seconda guerra mondiale”

    di Sebastiano Parisi

    Fra la notte del 7 febbraio e il 14 aprile del ’45 il Nord Est d’Italia subì una serie di bombardamenti da parte delle fortezze volanti americane con il lancio di un nuovo tipo di bomba denominata “a farfalla”. Veniva sganciato un contenitore che in prossimità dell’impatto si apriva e disseminava intorno centinaia di piccole bombe che scendevano con moto rotatorio. Erano ordigni micidiali e proibiti, che erano già stati sperimentati dai tedeschi sull’Inghilterra. Furono lanciati anche sul Giappone.
    Ciò suscitò una vasta polemica ed occorse una lunga opera di bonifica negli anni successivi alla guerra per rintracciarle ed eliminarle. Fino ad oggi se ne era parlato in modo generico, perciò l’autore ha setacciato gli archivi americani e italiani, rintracciando una mole di documentazione inedita e ricostruendo la vicenda nei suoi aspetti oggettivi.

    Il libro è arricchito da una notevole documentazione fotografica.

    Sebastiano Parisi è un giovane appassionato autore alla sua prima opera.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,848
    Ciao poriver, ho visto che di questo libro ne parlano in parecchi punti sul web, dev'essere davvero bello è interessante, in particolare per gli appassionati del settore, grazie della segnalazione.

    ChM
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di stecol
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,586
    Non so chi ha stabilito che all'epoca le cluster bomb fossero proibite, ma purtroppo nel '45 erano perfettamente lecite.

    Difatto gli americani sono stati gli ultimi ad arrivare, visto che le M83 (cosí si chiamavano le bombe a farfalla USA) erano copia delle SD-2 tedesche utilizzate per la prima volta nell'Ottobre 1940 sulla Gran Bretagna.

    E non é che le altre nazioni belligeranti abbiano fatto meglio, difatti tutte le nazioni disponevano di submunizioni per uso aeronautico, addirittura la prima ad utilizzare mine seminabili dall'aria é stata la Regia Aeronautica nella tarda estate del 1940.

    Ciao
    Stefano
    É difficile volare con le aquile quando hai a che fare con i tacchini ....

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Nitro90
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Mantova
    Messaggi
    4,272
    Bene, ci sarò sono veramente curioso di sapere di più su queste bombe.

  5. #5
    Moderatore L'avatar di maxtsn
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Prov. TO
    Messaggi
    7,240
    Dev'essere un libro interessante viste le recensioni positive! Grazie per la segnalazione.
    Max

    Frangar non flectar

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di PoRiverCrossing
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Località
    fiume Po
    Messaggi
    105
    manifesto
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  7. #7
    Utente registrato L'avatar di puma
    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    36
    ...sono curioso di sapere se il libro aggiungera' nuove verita' e chiarezza, sull'impiego di queste complesse e letali munizioni...che come cita il buon Stecol, non erano affatto vietate.
    Visti i brillanti e i psicologicamente devastanti risultati delle SD2 contro gli inglesi, gli americani si affrettarono, tramite le squadre del Bomb Disposal inglese, ad avere questi ordigni disattivati e li copiarono esattamente, comprese tutte le varianti delle spolette...ed emanarono una circolare che disciplinava severamente l'impiego, in particolare a ridosso delle linee di confrontazione, confermando la paura che avevano degli ordigni stessi.
    Luigi

  8. #8
    Utente registrato L'avatar di wyngo
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    498
    ...nessuna risposta...ovviamente molto piu' interessato a fare cassa che alla verita' storica...anche in virtu' del fatto che numerosissime di quelle M83 vennero spesso distrutte per SD2 tedesche, alimentando miti, favole e leggende metropolitane...e nei documenti ufficiali ovviamente questo non è contemplato.
    Ciao Francesco
    Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza

    Leonardo da Vinci

  9. #9
    Moderatore L'avatar di Nitro90
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Mantova
    Messaggi
    4,272
    Sono tornato poco fa dalla presentazione del libro, ho trovato il tutto interessante anche se poco approfondito, ma va bene cosi, alla fine si deve presentare solo un quadro generale, il resto è nel libro stesso ma qualcosa da imparare c'è sempre.
    Resto sempre affascinato dalla genialità di questo ordigno e della sua estrema pericolosità.
    Qui qualche foto una durante i preparativi e una dell famosa butterfly bomb.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  10. #10
    Utente registrato L'avatar di wyngo
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    498
    ...difficile dire qualcosa di nuovo su questo ordigno, magari forse qualche informazione particolare sul suo impiego ma credo che questi silenzi misteriosi siano preludio di un libro assolutamente in linea con il topic...un nulla ma confezionato bene e in vendita.
    Da notare che nemmeno nella foto di copertina, dal velivolo in fase di caduta, sono presenti i cluster che disperdevano le M83, quelle sono normali bombe GP...un cattivo presagio.
    Vedremo...
    Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza

    Leonardo da Vinci

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •