Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 22

Discussione: Pro Cimitero Monumentale del Grappa

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    24

    Re: Pro Cimitero Monumentale del Grappa

    Citazione Originariamente Scritto da Andrea58
    Non voletemente ma tra tutte le carte presentate ho notato particolarmente l'ultima. Anzi un particolare dell'ultima che dimostra che l'Italia è sempre uguale a se stessa. Cosa ho notato? La scritta "Esente da bollo", che tristezza.
    Forse non ho capito bene il senso del tuo messaggio: quella é una locandina che andava appesa per pubblicizzare la vendita e come tale avrebbe dovuto pagare la tassa di bollo.
    Date le finalità* encomiabili della raccolta e il patrocinio del re, venne esentata dal bollo.

    Piuttosto ho notato dove aveva la sede il Comitato e il tenore del testo del volantino di colore rosa mi sembra inquietante in merito alle modalità* della raccolta fondi...

    Questo si mi fa dire "che tristezza..."
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    163

    Re: Pro Cimitero Monumentale del Grappa

    ne ho trovato uno!!!!!!!!!!!!
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Mancò la fortuna, non il valore!!!

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    1,906

    Re: Pro Cimitero Monumentale del Grappa

    Bellissimo come tutto il topic, complimenti!!
    Saluti
    Mario

  4. #14
    Moderatore
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    337

    Re: Pro Cimitero Monumentale del Grappa

    Bellissima anche la versione nichelata con tanto di etichetta originale circolare sotto la base ...!

    Questo esemplare ha la basetta, quella a contatto con il marmo, montata al contrario! ... naturalmente basta svitare il bulloncino sotto per rimetterla nella posizione corretta !

    Bye
    Giò

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    163

    Re: Pro Cimitero Monumentale del Grappa

    Citazione Originariamente Scritto da ITALIAstorica
    Bellissima anche la versione nichelata con tanto di etichetta originale circolare sotto la base ...!

    Questo esemplare ha la basetta, quella a contatto con il marmo, montata a contrario! ... naturalmente basta svitare il bulloncino sotto per rimetterla nella posizione corretta !

    Bye
    Giò
    à? vero!!!!! Non avevo fatto caso!!!! Provvederà³ subito
    Mancò la fortuna, non il valore!!!

  6. #16
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: Pro Cimitero Monumentale del Grappa

    Pezzo anche questo molto bello
    luciano

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    1,906

    Re: Pro Cimitero Monumentale del Grappa

    Il mio....

  8. #18
    Collaboratore L'avatar di Pallara Simone
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Località
    Bad Tölz (Germania)
    Messaggi
    1,571

    Re: Pro Cimitero Monumentale del Grappa

    Pezzi stupefacenti.
    Mariob mi sembrava strano che tu non c´e´l´avessi.

  9. #19
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    1,127

    Re: Pro Cimitero Monumentale del Grappa

    A leggere il volantino rosa sembra che venisse spedito "d'autorità" se non a tutti, lo escluderei, certo a un qualche campione di cittadini. Così chi rifiuta si anche auto - scheda... brutta cosa.

    Rawa Ruska
    Tutto considerato, un militare non è altro che un uomo rubato alla sua abitazione. (Il buon soldato Sc'vèik)

  10. #20
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,089

    Re: Pro Cimitero Monumentale del Grappa

    Una sottoscrizione attualissima... da rifare oggi...

    Il monumento alla Grande Guerra senza indicazioni. Incuria, erbacce, museo chiuso il weekend. Solo due i militari
    Dall'edizione on line de "Il Corriere del Veneto" mi permetto di riprodurre questo articolo:


    CRESPANO DEL GRAPPA (Treviso) — Eroismo, orgoglio, coraggio. E poi pietà, umanità e sofferenza. Per pochi intimi, però. Perché per arrivare al sacrario di Cima Grappa bisogna cercare con il lumicino o sperare di incontrare un barista gentile che, abituato ai visitatori disorientati, è capace di dare indicazioni sufficienti per raggiungere l’unico cimitero monumentale del mondo costruito sulla vetta di una montagna. Di certo, al sacrario dedicato ai caduti della Grande Guerra non ci si arriva seguendo i pochi cartelli nascosti dalle parti di Borso del Grappa lungo la strada tortuosa che va da Bassano a Crespano o seguendo il Gps dell’auto che indica strade inesistenti a meno che non si punti dritto alle scarpate. Poco importa dunque che la Prima Guerra Mondiale sia uno di quei pochi episodi della storia nazionale che mette d’accordo quasi tutti gli italiani a prescindere dalle origini politiche o sociali, oggi l’ossario rischia di diventare, per chi non è della zona o non ha fatto l’alpino, un monumento segreto.

    È vero che l’esercito è da sempre restio a dare indicazioni sulle basi militari, ma questa volta non si è limitato a tenere nascosti i segnali per la strada costruita su ordine del generale Luigi Cadorna nel 1917, ha anche deciso di non divulgare troppo le informazioni contenute nel museo dedicato alla storia del cimitero militare costruito dall’architetto Giovanni Greppi e dallo scultore Giannino Castiglioni all’inizio degli anni Trenta. Il piccolo museo infatti ormai resta sempre chiuso nei fine settimana per mancanza di personale. «Siamo solamente in due in questo momento a occuparci di tutto - confessa uno dei militari che vive nella caserma ai piedi del monumento e che pazientemente affronta ogni weekend turisti arrabbiati per la mancanza di indicazioni e per la chiusura del museo - finché non arriveranno i rinforzi riusciremo a malapena a fare le manutenzioni di base». Anche le proiezioni che illustrano le gesta eroiche dei circa 23 mila soldati seppelliti nel cimitero dell’Ultima Cima infatti si fermano alle 4 del pomeriggio. L’unica attività garantita è quella delle visite alle gallerie. «Noi diamo una mano come possiamo - sorride con gentilezza un uomo con il cappello d’alpino - siamo in congedo e veniamo qui a fare le guide nella galleria Vittorio Emanuele per onorare la memoria dei caduti».

    E in effetti, immaginare la vita dei soldati che quasi cento anni fa lottavano contro il freddo e la fatica attraversando i profondi cunicoli scavati nella roccia, smorza le critiche dei visitatori per la scarsa manutenzione, per i piastroni di cemento scheggiati e per le erbacce che crescono tra i mattoni dell’osservatorio. D’altra parte la crisi finanziaria non colpisce solo uomini, aziende e pubbliche amministrazioni. Anche i monumenti soffrono per la mancanza di fondi. Alle decine di migliaia di storie drammatiche che il sacrario di Cima Grappa ha da raccontare dunque se ne aggiunge un’altra quasi cento anni dopo. La crisi si somma così alle almeno dodicimila storie che parlano italiano - come si capisce dai nomi dei soldati incisi sulle lapidi - e alle circa diecimila che, dai cognomi, sono partite dalla vicina Klagenfurt o dal più remoto angolo dell’Ungheria, un tempo interamente appartenuta all’Impero di Francesco Giuseppe. E se oggi i caduti vengono ricordati dal perenne sventolio della bandiera italiana e da quella austriaca sui due vicini ossari, la crisi ha ridotto le occasioni per issare il Tricolore sugli altri cinque pennoni del monumento.

    «Alcune volte ritardiamo o rinviamo l’esposizione delle bandiere degli ossari se le condizioni atmosferiche rendono troppo pericolosa l’operazione - continua il militare a guardia del sacrario - per il resto ci atteniamo al protocollo e il comando ci ha dato delle priorità». Le tre bandiere dietro il sacrario vengono dunque issate solo la domenica mattina, mentre i due altissimi pali che segnano l’ingresso alla fine dei gradoni vengono ornati dai vessilli solo in occasione delle adunate degli alpini e di alcune ricorrenze militari. «Che purtroppo attirano sempre meno persone», conclude uno dei baristi della baita ai piedi del monumento.

    Alessio Antonini
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •