Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Quanta storia dietro una fotografia...

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Parma
    Messaggi
    107

    Quanta storia dietro una fotografia...

    Partendo dalle poche righe scritte dietro la foto del mio avatar ho scoperto un sacco di storia. Oltre ai saluti ed al classico Vinceremo! il luogo e la data: Borca di Cadore 15-7-XXI E.F.
    Consultando un reduce del Rgt. GG.FF. (purtoppo venuto a mancare) ho saputo che a Borca di Cadore erano stati inviati in convalescenza coloro che avevano contratto la malaria presidiando l'oasi di Siwa. Convinto che fossero in una caserma ho cercato di trovare qual' era ed invece ho scoperto che soggiornavano presso l'Albergo Palazzo delle Dolomiti (italianizzazione di Palace Hotel des Dolomites) acquistato dalla G.I.L. (come da gazzetta ufficiale allegata) http://augusto.digitpa.gov.it/gazzette/ ... 1941289_P1
    ed ho trovato anche alcuni cenni storici molto interessanti:
    La storia del Park Des Dolomites risale ai primi del Novecento, quando la Compagnia italiana Grandi Alberghi costruì l'allora Palace Hotel Des Dolomites, un lussuoso albergo, posto sulla linea di confine tra i comuni di Borca e San Vito di Cadore, destinato a ospitare turisti d'élite nobiliare e altoborghese. Tra i nomi illustri che hanno soggiornato si ricordano il principe Umberto di Savoia, Guglielmo Marconi, Gabriele D'Annunzio ed Eleonora Duse. Con la Grande Guerra la struttura venne requisita dall'intendenza militare e adibita a ospedale di guerra; successivamente, al termine del conflitto, ristrutturata in stile liberty e decorata dal bolognese Ferruccio Scandellari riprese la sua originaria attività per una clientela di lusso. Con l'avvento del regime fascista il Palace Hotel fu acquistato dalla Gioventù italiana del Littorio per le attività formative e sportive estive. Nuovamente ospedale di guerra durante la seconda guerra mondiale, passò poi alla chiesa bellunese, quando l'allora vescovo di Belluno mons. Girolamo Bortignon ne ottenne l'utilizzo gratuito per le attività pastorali e lo subaffittò ai padri Cavanis di Venezia per le proprie scuole.
    Passato Bortignon alla guida della Chiesa di Padova, nel 1954 la struttura venne acquistata dal seminario di Padova (attuale proprietario) che vi realizzò un convitto e la residenza estiva per i seminaristi, il tutto sotto la protezione di san Pio X (studente nella città del Santo dal 1850 al 185, divenendo così il Dolomiti Pio X!
    Fino agli anni Sessanta proseguì l'attività scolastica, successivamente tornò a essere struttura di accoglienza come centro turistico sociale. In questi anni sono stati ospiti politici e intellettuali (Aldo Moro, Giuseppe Lazzati...), futuri papi (da mons. Pacelli futuro Pio XII al cardinale Roncalli, poi papa Giovanni XXIII e don Albino Luciani futuro Giovanni Paolo I) e altri cardinali illustri: Giovanni Urbani, Pietro Agagianian, Achille Silvestrini...

    Oggi si presenta così: http://www.parkdesdolomites.it/index.php

    P.S. Ma la pagheranno l' IMU?
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088

    Re: Quanta storia dietro una fotografia...

    Se l'immobile appartiene alla Chiesa, chiaramente no.
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2010
    Messaggi
    77

    Re: Quanta storia dietro una fotografia...

    Non sapevo di aver alloggiato in questo pezzo di storia!
    Ci son stato per ben due volte, quattro giorni l'una, con i compagni di università (scienze forestali ed ambientali - Padova) per svolgere le esercitazioni di ecologia alpina nei boschi della zona (2001 e 2006, se ben ricordo). Allora era, per l'appunto, il Centro Sociale Pio X ed aveva l'evidente aspetto di un albergo di lusso in stile primo novecento. Adesso, ripreso il nome originale di Park Hotel des Dolomites, non so come venga impiegato.

    Com'è piccolo il mondo!

  4. #4
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,396

    Re: Quanta storia dietro una fotografia...

    Ottima storia, ma mi permetto di precisare che non è l'appartenenza alla chiesa il fattore discriminante per pagare o meNo l'IIMU. E' l'attività svolta che solo se non è a scopi di lucro dovrebbe dare diritto all'esenzione dall'IMU.
    sven hassel
    duri a morire

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Parma
    Messaggi
    107

    Re: Quanta storia dietro una fotografia...

    Citazione Originariamente Scritto da novantaun
    Non sapevo di aver alloggiato in questo pezzo di storia!
    Ci son stato per ben due volte, quattro giorni l'una, con i compagni di università (scienze forestali ed ambientali - Padova) per svolgere le esercitazioni di ecologia alpina nei boschi della zona (2001 e 2006, se ben ricordo). Allora era, per l'appunto, il Centro Sociale Pio X ed aveva l'evidente aspetto di un albergo di lusso in stile primo novecento. Adesso, ripreso il nome originale di Park Hotel des Dolomites, non so come venga impiegato.

    Com'è piccolo il mondo!
    Infatti quello che mi ha colpito di più è che nello stesso luogo abbiano soggiornato personaggi importanti e famosi alternati a malati o a giovani in colonia, ecc...

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato