Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 39

Discussione: quello che pensano di noi

  1. #21
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    306
    Parole Sante Ragazzi!

    Ma lo avete spiegato a quell'ignorante di joker 363336? [V]
    Di sicuro lui il jolly dell'intelligenza se lo è già* giocato! []

    un saluto, []
    Damiano / DEMJANSK

  2. #22
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Umbria
    Messaggi
    991
    Non credevo,anche se del tutto giustificato,una simile reazione.Perche' fante non avrei dovuto farvi partecipi di quello che in un sito ,tipo il nostro,ce' gente che scrive queste cose,credendosi studiosi della materia oltre ad essere dei coll.,quando se ne scappano con scritti del genere.Non ho piu' la padronanza della lingua,come era una volta,altrimenti non mi sarebbe sembrato affatto fuori luogo intervenire nel dibattito,anche perche' forse,non e' nemmeno colpa sua,se e' questo,quello che pensa dei nostri.Di comnseguenza una sana discussione ,potrebbe ,forse,aver sortito qualche buon risultato,considerando che subito dopo tale intervento di jolly,lo stesso moderatore ha messo dei giusti paletti al pensiero del suo inscritto.sinceramente una parte di "rimproveri" e di luoghi comuni,ce li meritiamo e ce li siamo andati anche a cercare.pensiamo alle centinaia di scarponi arrivati al fronte greco o russo,non ricordo,tutte Dx o SX,o delle decine di slitte ferme nei magazzini delle retrovie russe,e mai consegnate,e come tutti noi sappiamo,quello che e' stato da noi finora scritto sulla disorganizzazione che ha da sempre imperato,e' insita nel DNA italico,xche' tale e',ti fa' capire che era e sempre sara',tranne in quei contesti come l'odierni,dove le forze in campo richieste sono minime,ed allora facciamo la nostra bella figura,con mezzi,diciamo,all'altezza,e con equipaggiamento al pari se non migliore di tanti altri sul campo.ma ricordiamoci pure che a meta' anni '90,in mozambico,anche se di operazione di secondo piano si trattava,i nostri erano armati di FAL,che non e' oramai il massimo che si possa pretendere,e se pensiamo che nelle scorte ferroviarie,i nostri,invidiavano il poliziotto mozambicanbo che li accompagnava,xche' armato dell'ultimo tipo di AK,qualche sospetto che non tutto sia cambiato dai '40 in poi,deve essere passato x la testa di qualcuno di loro.Se poi parlissimo di come ci siamo presentati,nella prima operazione dei nostri soldati al di fuori dei sacri confini dalla fine della guerra,e mi riferisco al libano,dove siamo andati(Che poi,visto che non abbiamno dovuto affettuare alcuna azione di combattimento,anche xche' eravamo riusciti ad instaurare sin da subito i giusti contatti,e cio' evito' difatti,che non si venisse coinvolti negli spaventosi attentati subiti dalle altre forze in campo,questo e' un altro discorso.)armati di garand,che nemmeno i piu' scarcagnati gruppi ribelli,si degnerebbero di prendere in mano,anche queste sono le cose che hanno fatto si',che tali luoghi comuni sulle nostre forze armate,arrivassero sino ai nostri giorni.Saluti

  3. #23
    Banned
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    38
    bisogna riconoscere che quello che dice mecca è storicamente vero []

  4. #24
    Utente registrato L'avatar di H
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Torino
    Messaggi
    1,157



    []
    H/Haflinger

  5. #25
    Banned
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    37
    La lapide della foto,che se non sbaglio si trova nel cimitero militare di q.133 a El Alamein, non è naturalmente una prova , in quanto affissa in epoca successiva alla morte del Feldmaresciallo e naturalmente, da personale italiano.
    Ma il problema (se c'è) mi pare un altro.
    Sinceramente non credo che per valutare il valore delle nostre truppe durante il primo o il secondo conflitto mondiale, dobbiamo cercare il conforto, seppure autorevole, di personalità* straniere o di commentatori radiofonici di certo più interessati alla propaganda a favore delle proprie truppe che non al riconoscimento del valore degli avversari (è stato escluso che radio Mosca abbia mai pronunciato la frase, e sarebbero stati dei pazzi!). Ognuno dovrebbe trovare la risposta in un sereno e approfondito esame storico, che tenga conto di tutte le circostanze e condizioni nelle quali le Forze Armate e l'intero Paese si sono trovati nel corso del conflitto. Certo i popoli presentano sensibili differenze culturali e caratteriali che si riflettono sulla loro efficienza militare, oltre naturalmente e non poco alla qualità* e quantità* degli armamenti messi in campo. Su questa base si può ragionevolmente dire che, una compagnia della Wermacht, corrispondeva come forza di combattimento, a un battaglione inglese, a un reggimento americano ed a una divisione russa o italiana, perlomeno fino al 1943. Ma il Valore è un'altra cosa, e come ho gia detto, centinaia di migliaia di italiani lo hanno dimostrato, anche avendo il coraggio di ribellarsi ad una obbedienza che diventava ogni giorno meno comprensibile. Detto questo, di quello che pensavano Rommel o gli annunciatori sovietici, sinceramente, non me ne frega niente.

  6. #26
    Banned
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    38
    bravissimo, condivido e sottoscrivo[][]

  7. #27
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,036
    Tornando all'inizio, questo Mr Joker 363336 tanto sicuro di sé nel giudicare
    gli italiani,meritava forse una risposta a caldo.A mio parere gli andava detto quanto
    meno di studiare un po' meglio la storia, sia quella passata che quella recente.
    Del resto che pretendiamo ? Da un'indagine del Times del 2005 pare che il 60% dei
    giovani americani che escono dalle High Schools inquadra Napoleone nel periodo
    della 2^GM ! Ragionate sulle idiozie che ha scritto questo emerito storico:
    "Italy was pretty pathetic. They had some good weaponry, and a killer anti-tank cannon,
    (QUESTO E' VERO) but they would take a break in the middle of a battle to drink wine and eat pasta (VINO E PASTA, AL FRONTE ERANO LE COSE PIU' RARE DA TROVARE;QUANTO AL BREAK, NE DUBITO, INFATTI ALLE 5:00 DEL POMERIGGIO NOI NON ABBIAMO L'USANZA DI PRENDERE IL THE). But seriously, when Italy switched in 1943, the Americans didn't want them(ANCHE QUESTO E' VERO PERCHE' UN ARMISTIZIO, TOGLIEVA DI MEZZO UNA NAZIONE NEMICA) and the Germans were glad to see them go(QUESTO SAPPIAMO CHE NON E' VERO, DIFATTI I TEDESCHI, CERCARONO DI CATTURARE TUTTI QUELLI CHE POTEVANO, A MENO CHE NON FOSSERO TROPPO ARMATI COME I PARACADUTISTI, I MARINAI DI BORGHESE, ECC. CHE FECERO POI LA LORO SCELTA.). Hitler was PISSED that he had to bail Benito out of Africa(I TEDESCHI FURONO I PRIMI AD ANDARSENE CON I NOSTRI CAMION), he wanted those troops for the Eastern front against the Soviets(GUARDA CASO,CONTRO I RUSSI C'ERANO ANCHE GLI ITALIANI). Hitler had no plans to go into Greece either,(GUARDA CASO HITLER MANDO'11000 PARACADUTISTI SU CRETA!SE NON VOLEVA ANDARE IN GRECIA DOVE VOLEVA ANDARE PER COMPLETARE l'OCCUPAZIONE DEI BALCANI?) but Benito invaded Greece and got screwed there as well(BEH,QUI CI SAREBBE DA DISCUTERE SUGLI ACCORDI PRECEDENTEMENTE INTERCORSI CON I TEDESCHI, CHE
    PUNTARONO QUASI UNICAMENTE A FARE LE COSE DA SOLI.POI PERO' L'OCCUPAZIONE VENNE LASCIATA AGLI ITALIANI, PROPRIO PER LASCIARE I TEDESCHI LIBERI DI AGIRE ALL'EST!NON CI DIMENTICHIAMO CHE l'ITALIA SPINGEVA PER OCCUPARE MALTA,COSA CHE STRATEGICAMENTE AVREBBE PERMESSO DI VINCERE IN AFRICA !) Pretty much, except for the Roman legions(AH, MA ALLORA QUESTO BASTARDO SE LO RICORDA NEL SUO DNA!MI VIENE IN MENTE IL NOSTRO BUON VECCHIO ALBERTO SORDI CHE DISSE ALL'INGLESE <NOI COSTRUIVAMO I PONTI E LE STRADE, QUANDO ANCORA VOI VI DIPINGEVATE LA FACCIA DI BLU!>), Italy doesn't have a great military tradition (STUDIA RAGAZZO! STUDIA! C'E' SCRITTO TUTTO ANCHE SULL'ENCYCLOPEDIA BRITANNICA!). WWI was a joke(BEH, SE NON C'ERANO GLI ITALIANI, DOPO CHE I RUSSI SI ERANO ARRESI A BREST LITOVSK,NON SI SA COME SI SAREBBE POTUTA METTERE ANCHE LA 1^GM!) and I really don't think that ANYONE takes an Italian military force seriously(PER FORTUNA, NON TUTTI LA PENSANO COSI'SUPERFICIALMENTE,ALTRIMENTI NEL PERIODO DELLA SUCCESSIVA GUERRA FREDDA CI AVREBBERO SICURAMENTE INVASO!) (unless its the Cosa Nostra)
    (BEH, QUESTA E'l'APOTEOSI DELL'IDIOZIA !ANCHE I RAGAZZINI ORA SANNO CHE COSA NOSTRA
    E' NATA IN AMERICA, E CHE LA MAFIA SICILIANA, LI HA VERAMENTE AIUTATI PRIMA DI INVADERE LA SICILIA!!)
    Ma sto Joker c'è venuto da solo o ce lo hanno mandato?Io ce lo manderei!(pero' forse gia' ci sta)
    Ciao[8D]PaoloM

  8. #28
    Utente registrato L'avatar di H
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Torino
    Messaggi
    1,157
    Condivido pienamente con quello che scrivi ,voloavela..
    La foto di El Alamein non voleva essere una prova dell'autenticità* della frase,ci mancherebbe.
    Io non ho i diari di Rommel perciò non saprei dire se l'ha detto o no.
    Per quanto riguarda la frase del bollettino Russo è anch'essa,in effetti, molto curiosa .Tu scrivi che "è stato escluso che radio Mosca abbia mai pronunciato la frase..."
    Io ho riportato quanto letto su di un libro dell'ANA,tutto qui.Se tu puoi sfatare questo "mito" ti prego di segnalare la fonte.(io credo che nasca tutto dal libro 100000 gavette di ghiaccio[]).

    Il problema nasce dal fatto che solo una piccola parte di appassionati conosce la storia, il valore ed il sacrificio dei nostri soldati mentre il resto del mondo ,compresa buona parte dei nostri compatrioti, continua ad esprimere giudizi in base a pettegolezzi da propaganda.E ti assicuro,almeno per la mia esperienza personale,che non c'è dialogo con queste persone,perchè antepongono i pregiudizi ai fatti.
    L'idea che Rommel abbia detto ciò o che i Russi abbiano pronunciato quelle parole non può che far piacere.E sono sicuro che,avendo la certezza della veridicità*,le facessi leggere ad uno dei tanti joker363336 in giro...la smetterebbero di rompere i cog..... con questa storia,perchè tanto,loro, i libri di storia non li leggono ma pensano che il Mandolino del Cap.Corelli sia un realistico ritratto del soldato italiano.


    [][]ciao!![][]
    H/Haflinger

  9. #29
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Azzzz... Marpo mi ha beccato io addirittura pensavo che Napoleone fosse un famoso stilista francese!!! [][]
    Direi che non mi attira la discussione sui temi troppo nazionalistici, credo anche che confrontare l'Italia moderna con quella di 60 anni fa non sia neppure possibile, ciò che invece di da molto da pansare sono i fiumi di coglionate che vengono scritte in giro partendo dai soliti luoghi comuni!
    Evidentemente il joker in questione gonfia i polmoni solo per emettere grugniti e usa le dita delle mani solo per scrivere un sacco di sciocchezze mancando della più minima cultura storica indispensabile per affrontare taluni temi evidentemente a lui sconosciuti! Se questa sarà* la nuova generazione di storici sarà* possibile in futuro leggere sui libri di testo che Bush fu in realtà* l'Arcangelo Gabriele mandato per punire gli infedeli e che l'alluvione di New Orleans fu provocata dalla noncuranza di qualcuno che si era dimenticato di chiudere un rubinetto dell' acqua a casa!
    Dio ce ne liberi!
    Quanto al famoso bollettino di guerra russo esiste veramente, la dichiarazione fu riconfermata alcuni anni fa, a riprova di ciò nessuna bandiera da combattimento italiana è presente nei musei di guerra russi.
    Bravo Marpo ottima disamina dello scritto del giullare (figura piuttosto patetica nell' eccezione moderna ma che ben altro rilievo aveva invece in epoca storica).
    Ma del resto si sa la Storia da sola farà* ragione delle verità*!
    Fortuna audax juvant!
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  10. #30
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    234
    Vorrei solamente aggiungere due cose.
    Una è un apprezzamento per la chiusa di voloavela: in effetti, cosa ce ne frega di quello che scrive questo jocker? Merita tanta attenzione e tanto spreco di energie? Abbiamo forse bisogno del suo apprezzamento e del suo giudizio?
    Due, una nota su quello che dice Mecca. E' vero, noi siamo andati in Libano con il Garand, in Mozambico con il FAL, mentre l'ultimo guerrigliero andino aveva il suo bel Heckler & Koch. Io nel 1991 ho sparato delle granate da 155 datate 1954, con la scritta "dono del popolo americano per la libertà*", per intenderci pieno Piano Marshall.
    Questo però non è un problema attribuibile al soldato italiano, è un problema di <hr noshade size="1">volontà* politica<hr noshade size="1"> che si traduce in vile denaro. Se non si stanzia, se non si caccia la lira l'esercito sarà* sempre un passo indietro.
    Contrairement a beaucoup, entre la graisse d’armes et la vaseline, je préfère la graisse d’armes

Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato