Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Racconti dei miei nonni...

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Località
    Rapallo [Ge]
    Messaggi
    666

    Racconti dei miei nonni...

    Già* da tempo mi ero promesso di fare ciò, ma un pò per pigrizia un pò per dimenticanza non lo ho mai fatto comunque quello che scriverò consiste nei racconti tramandatemi dai miei nonni e dei quali mi sembra giusto e doveroso raccontarvi affinchè queste storie non si perdano nella notte dei tempi ma vengano tramandate e ricordate.

    Vorrei iniziare a raccontarvi la storia di mio nonno materno, nato nel 1938 a Palazzo Adriano [PA] e quindi in questo caso il tutto sarà* visto con gli occhi di un bambino. Gli unici ricordi rimasti a mio nonno di quel periodo consistono nella ritirata tedesca dalla Sicilia.
    Racconto:
    "A quel tempo mi ricordo che i tedeschi erano accampati al Sosio (Località* vicino Palazzo Adriano in direzione di Prizzi [PA]) e lì avevano cucine e camion, sono stati lì non molto tempo e un giorno se ne sono andati, si sono ricongiunti con altri tedeschi provenienti da altre parti e sono andati alla stazione della Filaga (Vecchia stazione ferroviaria, al tempo era molto grande ed era un importante snodo ferroviario oggi in disuso) dove hanno caricato i camion sui treni e sono partiti; lasciando muli, attrezzature e latte in polvere (con il quale tentarono di fare il pane credendolo farina).
    Poi sono arrivati gli americani (probabilmente intende le truppe alleate, che poi fossero inglesi, americani o altro non lo so) e questi si accamparono all'orto (nome di un luogo che al tempo era costituito da orti ma dove oggi sorge la scuola, e alcune case; questo luogo era praticamente attaccato al paese) e tutti i giorni cucinavano pasta e fagioli, e io andavo tutti i giorni a prendere un po` da portare a casa, (mi racconta anche che una volta il cuoco gli disse di aspettare e quando ebbe servito tutti gli diede la pentola intera con tutta la pasta e fagioli che era rimasta), mi racconta anche che gli americani tutti i giorni andavano con la jeep su una montagna (della quale non ricordo il nome però credo che avessero un qualche tipo di appostamento).
    Ma la storia non è finita perché ora rientrano in gioco i tedeschi, infatti gli aerei tedeschi sbucavano da dietro la montagna (a questo punto c`è un wroooooooom) e sganciavano le bombe sulla chiesa di S. Nicola dove gli americani avevano messo una radio, durante i bombardamenti mio nonno mi racconta che so rifugiava in una grotta (mentre suo nonno usciva con il bastone dalla grotta e urlava a quelli degli aerei di scendere giù agitando il bastone...)"

    Per adesso non mi viene altro in mente, seguirà* la storia di mio nonno paterno (che al tempo era molto più grande) o se mi ricordo altro seguiranno aggiornamenti.

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    San Francesco al Campo(TO)
    Messaggi
    4,463

    Re: Racconti dei miei nonni...

    Queste testimonianze orali del passato anche se a volte vaghe sono sempre interessanti.Il guaio è che senessuno le raccoglie saranno destinate a perdersi.
    Quindi hai fatto bene a riportare questa tesimonianza e se ne hai altre postale pure,anche se le le vedrei meglio nella stanza "Schegge di Storia"
    Gianfranco
    Gianfranco

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •