Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: RADIO MILITARE richiesta di informazioni

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di auuper
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    364

    RADIO MILITARE richiesta di informazioni

    Quella che vi posto questa sera è una radio ricevente R 107 perfettamente funzionante, ma vi sono delle parti che necessitano di restauri,possiedo anche il suo libretto d'istruzioni e narra che era inserita in mezzi ....presumo io carri armati o similari
    visto che pesa circa 50 kg

    ora chiedo:
    Conoscete su che mezzi militari erano montate?
    Conoscete siti o altro dove recuperare pezzi per il restauro???
    Avete foto del periodo che la ritraggono??

    insomma qualsiasi informazione è ben accetta
    allego foto
    Grazie [ciao2]


    Immagine:

    67,49*KB

    Immagine:

    64,64*KB

    Immagine:

    57,52*KB

    Immagine:

    70,46*KB

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Non so come aiutarti,però posso dirti che questa radio mi piace davvero parecchio.Molto,molto,molto bella.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Marche
    Messaggi
    3
    La R107 è un ricevitore nato per lavorare in associazione alla WS-12 , sono apparati sviluppati per un uso veicolare e in particolare ne è segnalato un uso diffuso su Truck 15 CWT . L' apparato è stato sviluppato per coprire un range di frequenze da 1,2 a 17,5 Mhz , ovvero tutta la banda delle HF necessaria per consentire un uso a media lunga distanza . Non è un ricevitore molto amato , penso proprio a causa del suo peso e forse anche delle dimensioni abbondanti . Non mi risulta sia stato usato su aereomobili .
    Puoi trovare le valvole da me o presso la ditta ESCO dipende di cosa hai bisogno , tieni sempre conto che esiste difficilmente un posto dove trovi tutto , io giro per i mercatini e quando capita qualcosa di buono , lo compro per tenerlo nel cassetto ...non si sa mai !! Ci sono mercatini dei radioamatori che spesso hanno anche un Mercatino del suplus , in occasione della Fiera di Faenza FO , di Montichiari BS, o presso il Mercatino di Marzaglia MO . Per le foto dispongo solo di un paio di foto b/n estratte da Wireless for the Warriors Volume 1. Se ti interessa scrivimi una mail che ti do ulteriori indicazioni .Ciao Gabriele
    Gabriele

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di auuper
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    364
    grazie per le info

    come restauro credo che vi sia una manopola sostituita e manca la mascherina in plexiglass sulle frequenze

    il libro che ti riferisci è questo???
    hai avuto modo di leggerlo??
    mi sembra che ne tratta in modo generico
    mi sbaglio?
    Grazie
    Auuper



    Immagine:

    30,96*KB

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Marche
    Messaggi
    3
    Il libro a cui facevo riferimento è il n°1 , il n°3 non ce l' ho ancora . Sul n° 1 vi sono schemi di assemblaggio generali della WS che comprende la Trasmittente e la Ricevente per l'appunto R107 .
    Per quanto riguarda la scala delle frequenze è presente nella mezzaluna , anche se un po' cotta dal calore e dal tempo . Trovare la scala penso sia difficilissimo , se non cannibalizzi un ' altra radio . La puoi ricostruire utilizzando le visiere degli elmetti per tagliaerba , si taglia con le normali cesoie da lamiera. Per quanto riguarda la manopola che dici , mi sembra che in realtà* ce ne sia una in più . Molto spesso tali radio negli anni del dopoguerra venivano utilizzate dai radioamatori come RX di stazione e molto spesso subivano adattamento o aggiunte , magari per meglio ascoltare il CW ( morse ) la SSB ( banda laterale unica ) . La manopola che sembra essere in più è in alto quasi al centro , in un piastrino rotondo , su cui normalmente era alloggiato il " watch holder " cioè la scatolina rotonda di backelite che alloggiava l' orologio tipo " cipollotto " di stazione . Tale orologio , in mancanza di gps , satelliti , standard di tempo , galileo ferraris etc , avevano la funzione di essere settati con un segnale orario a ore prestabilite . Una volta ricevuta su una determinata frequenza la nota convenuta , l' orologio veniva " settato " , quindi tutti gli orologi degli ufficiali o delle " special force " venivano sincronizzati su tale orologio . Tutto questo per sincronizzare al massimo tutte le attività* militari , dove anche il minuto poteva fare la differenza tra il successo o l' insuccesso dell' azione . Tali orologi quindi erano super controllati da laboratori qualificati e a tuttoggi dopo 60 anni battono le ore alla grande . Proseguendo poi per le manopole , mancano alcuni dial sotto le manopole stesse , quei dischi servivano ad evitare che le unghie del soldato scalfissero la verniciatura . I libri in oggetto sono fatti bene , in alcuni casi molto descrittivi , in altri molto poco . Su questi argomenti ce ne sono diversi anche italiani , ma non ti aspettare di trovare la traduzione del manuale , sono di norma una sintesi per già* esperti , a cui magari manca quel poco . Per il resto io li sto comperando tutti e mi mancano proprio il 2 e il 3 . Tieni comunque , secondo me la radio come si trova , fai una pulizia esterna con un po' di spray per contatti tipo philips , il silicone presente migliora l' aspetto delle manopole e della vernice , aiutando tra l' altro ad asportare quella patina di sporco dovuto al tempo . Il lavoro migliore lo devi fare all' interno , spruzzare tutti i contatti e le parti meccaniche sempre con il philips per contatti , smonta una valvola per volta e spruzza gli zoccoli sotto ,se hai fatto questo e la radio va bene non penso tu possa fare di più . Per il riallineamento ci vogliono settimane di lavoro e tanta pazienza , oltre a buona strumentazione . A presto . Gabriele
    Gabriele

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di auuper
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    364
    Grazie per le tue risposte proverò come dici tu a autocostruirmi io qualcosa come protezione

    Termini come CW e SSB li conosco perché sono stato pure io per anni radioamatore sono un ik2 ...ma ormai da anni sono fermo conservo ancora la mia stazione ICOM R751 e R7000 e come fiere frequentavo solo Mantova ma ti parlo di almeno 20 anni fà*.... poi mi sono trasferito all'estero e per anni è restato tutto fermo

    Volevo tentare un simil restauro, ma alle fiere di questo modello non li ho mai visti.

    La manopola mancante che mi riferivo è in alto di fianco alla luce
    hanno applicato li la regolazione del volume mettendoci un dischetto in alluminio ed un pomello non suo

    te ne sono mai capitate recentemente alle fiere di radimatori??
    che prezzi hanno??
    penso che siano in ogni caso post belliche o mi sbaglio???
    in che anno sono state costruite???

    Ciao[ciao2]
    Perk

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Marche
    Messaggi
    3
    Ciao scusa il lungo ritardo ... io sono IK6... piacere di incontrarti . Ne ho avuta una 3-4 anni or sono e l' ho venduta per poche centinaia di euro , messa molto bene ma per me purtroppo troppo ingombrante . Il mercatno migliore ove puoi trovare di tutto è quello di Marzaglia MODENA in maggio , il secondo sabato se non ricordo male , vedi il sito ARI Modena . Li ci trovi il ben di Dio . La tua radio mi sembra bellica il colore è starno in quanto dovrebbe essere azzurro-grigio , il colore sabbia potrebbe essere per teatro desertico . Per quanto ne so dai primi anni della guerra erano già* operative . Ciao Gabriele
    Gabriele

  8. #8
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    473
    Una uguale l'avevo comperata per poche lire,una quarantina di anni fà*.
    Credo che all'epoca era quanto di più economico si poteva comperare.
    Era famosa per il suo peso,il suo ingombro e per il fatto,che non è dotata di uno stadio di bassa fraquenza,l'ascolto infatti,è possibile solo in cuffia.
    Era montata(dagli Inglesi,)sui camion,funziona infatti anche a batteria (12 Volt)con vibratore incorporato.
    Come prestazioni è un poco superiore ad una radio casalinga dell'epoca.
    Si tratta infatti di una normale supereterodina a singola conversione,senza filtri e dotata solo di un modesto Bfo.
    Veniva usata all'epoca per l'ascolto della Banda Marina.allora molto attiva.
    I radioamatori,usavano apparecchiature,Collins,Hamarlund,Ecc.di prestazioni stratosferiche al confronto.
    E dotata di valvole Octal di reperimento comune.
    Questo è quanto ricordo della mia adolescenza!
    [vedo][vedo][ciao2]

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Inserisco qui un messaggio di Teddy,perchè non mi sembra il caso di aprire un nuovo topic quando c'è già* un topic inerente alla radio R-107

    Citazione Originariamente Scritto da teddy

    Salve,a tutti sono Teddy, un nuovo iscritto al forum.
    Ho letto con interesse la discussione a proposito della radio inglese R-107 e siccome mi interesso anche io mi farebbe piacere avere un qualche commento su una questione.
    Di recente ho letto un libro di storia militare dove si afferma che le radio inglesi della seconda guerra mondiale erano notoriamente inefficienti. Sinceramente la cosa mi ha sorpreso un po. Che ne pensate?
    Cordialmente Teddy.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  10. #10
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    473
    Credo che la mia risposta precedente possa aver lasciato pochi dubbi!
    Non è,che all'inizio del confiltto fosse tanto inferiore alle altre,quando sono arrivati gli americani,però,erano su un altro pianeta.
    La guerra spinge a dei progressi incredibili.Noi ,in Italia ,eravamo nel 1940 ,parlando di radio ,nella preistoria,nel 1943,a guerra ormai persa,presi a calci in culo dai tedeschi abbiamo prodotto degli apparecchi meravigliosi,però la potenza economica dell'America era un'altra cosa.
    Come già* detto da qualcuno,all'epoca bastava guardare le dimensioni dell'elenco telefonico di New York.
    Può darsi però,che l'R107,proprio per le sue modeste caratteristiche,sia sopravissuto in un numero modesto di esemplari e quindi sia un pezzo raro.(Ma non può diventare mitico come Collins Hallicrafter Hammarlund ed altri americani o comunque costruiti su licenza).
    A parer mio ,comunque , gli Inglesi di meraviglioso non hanno mai costruito ,non solo le radio ,ma niente altro.
    Ps dimenticavo lo Spitfire ,quello sì è degno di lode1[ad]

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •