Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14

Discussione: Recuperati i resti di un Macchi 205

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088

    Recuperati i resti di un Macchi 205

    Dal messaggero Veneto di oggi, 13/10/2013.

    FIUME VENETO. Quattro ore di lavoro per recuperare i resti interrati di un Macchi C-205 Veltro, abbattuto nei cieli di Fiume Veneto, il 18 marzo 1944, dall’aviazione americana. Quattro ore per “liberare” il giardino di Danila Trevisan da un residuo bellico del secondo conflitto mondiale e proseguire nell’opera di riscoperta e divulgazione della storia dell’aviazione in Friuli Venezia Giulia.
    Il merito dell’operazione, realizzata sotto una fastidiosa pioggerellina, va attribuito al Gruppo ricerche storiche aeronautiche, associazione costituitasi nel 1996 e già protagonista, nel 2009, di un’operazione analoga a Concordia Sagittaria: in quel caso erano stati recuperati i resti di un aereo tedesco, un caccia Bf-109, al cui interno si trovavano ancora i resti del pilota, poi restituiti alla famiglia. I componenti del sodalizio hanno inteso ringraziare, oltre alla padrona di casa, le autorità comunali e quelle di pubblica sicurezza.
    A pilotare il Veltro abbattuto a Fiume Veneto si trovava il sergente maggiore Angelo Zaccaria, che assieme ad atri 29 piloti era decollato dall’aeroporto di Campoformido per contrastare un’incursione statunitense con 350 bombardieri scortati da 126 caccia. Il piano statunitense prevedeva di colpire gli aeroporti di Campoformido, Maniago, Lavariano e Villorba.
    Cinque fortezze volanti e due caccia vennero abbattuti dagli italiani e dai tedeschi, decollati da Maniago e Lavariano. A fronte di questi successi, i cacciatori italiani lamentarono la perdita di tre Macchi C-205. Due di questi furono abbandonati dai loro piloti, i tenenti Stabile e Cavatore.
    Il Macchi di Zaccaria attaccò i caccia di scorta e colpì uno dei due motori di un P-38 Lightning, ma non si avvide di un altro caccia statunitense che accorse in soccorso del compagno in difficoltà. I colpi del P-38 pilotato da Philips dell’82nd fighter group centrarono il Macchi italiano e Zaccaria fu costretto ad abbandonare il suo aereo utilizzando il paracadute.
    Durante la fase di abbandono venne colpito mortalmente e il suo paracadute lo accompagnò, semiaperto, sino al contatto con il suolo che avvenne sul sagrato della chiesa di Pescincanna. Il sergente maggiore Zaccaria fu poi sepolto nel cimitero di Ravenna, sua città natale.
    Ieri una delle tante pagine tragiche della seconda guerra mondiale è stata riportata d’attualità. I resti del Macchi C-205 saranno custoditi nel magazzino del Grsa, in attesa di essere esposti in qualche museo. Dal canto suo, la padrona di casa ha ringraziato l’associazione per il lavoro svolto, completamente a titolo gratuito.
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  2. #2
    Moderatore L'avatar di coloniale
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Ducato di Parma - Emilia Romagna -
    Messaggi
    4,858
    bella notizia , sarebbe interessante vedere anche delle foto del recupero!
    ciao Nicola
    "coloniale"

    SUMMA AUDACIA ET VIRTUS!

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di CHri
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    1,468
    Davvero fantastico! Mi piacerebbe vedere qualche foto dei resti dell'aereo! Purtroppo però ci rimise la vita una persona!

  4. #4
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,796
    Ottima segnalazione kleiner!!!!!!!! Anche io sono curiosissimo di vedere qualche foto.

    ChM
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di brus
    Data Registrazione
    Feb 2010
    Località
    Verona
    Messaggi
    558
    Segnalazione e storia molto interessanti

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088
    Foto sul giornale purtroppo nessuna...
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di gotica68
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    toscana
    Messaggi
    1,421
    storia avvincente e dettagliata, peccato nessuna documentazione fotografica

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    315
    Ancora un pezzo di storia restituito alla...storia. Complimenti a tutti coloro che hanno collaborato.

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976
    Citazione Originariamente Scritto da curioso Visualizza Messaggio
    Ancora un pezzo di storia restituito alla...storia. Complimenti a tutti coloro che hanno collaborato.
    E chissà ancora quanti reperti muti testimoni della follia umana attendono di essere riportati alla luce...
    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di CHri
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    1,468
    Citazione Originariamente Scritto da Franz56 Visualizza Messaggio
    E chissà ancora quanti reperti muti testimoni della follia umana attendono di essere riportati alla luce...
    Concordo! Anzi credo proprio che siano più i reperti ancora nascosti, che quelli già rinvenuti!

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •