Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 23

Discussione: reportage"l'ultimo volo"di folco quilici

  1. #11
    Utente registrato L'avatar di Hetzer
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Bassa reggiana
    Messaggi
    1,810

    Re: reportage"l'ultimo volo"di folco quilici

    ...infatti neppure io credo all'ipotesi di un complotto, anche perchè un silenzio durato 70 anni senza che mai nulla trapelasse è davvero tanto!! Troppe persone avrebbero dovuto farne parte mettendo a serio repentaglio la segretezza della cosa.
    Ovvio però che per un eroe di chiara fama come era Italo Balbo una morte così "sfigata" qualche porta la potrebbe lasciare aperta, ma ripeto propendo più per una serie di sfortune che di una vera e propria macchinazione.
    Io non ho girato il mondo ma il mondo ha girato intorno a me.

  2. #12
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: reportage"l'ultimo volo"di folco quilici

    E' ovvio che ognuno di noi ha una sua idea, anche perchè non vi sono documenti in proposito, io comunque propendo per la "teoria" che sapevano a chi stavano sparando.
    I 70 anni trascorsi anche se sono tanti, per l'Italia credo siano pochi e forse non lo sapremo mai.
    Lasciando perdere quanto mi aveva raccontato moltissimi anni fa mio padre, un fatto indiscutibile è quello che le necessarie comunicazioni radio si sono ad un certo punto interrotte e questo non lo dice solo il servizio trasmesso, ma l'ho letto anche alcuni anni fa, quindi ad un certo punto questo aereo non più segnalato appariva come sconosciuto e probabilmente nemico.
    Certo può essersi trattato di "fuoco amico", ma ne dubito, c'era luce e gli artiglieri della San Giorgio non credo fossero a digiuno delle sagome dei vari aerei sia dell'Asse che degli Alleati e tanto più la sagoma del nostro "Gobbo maledetto".
    Il fatto del sommergibile, come ho già* detto non lo conoscevo e purtroppo non mi sono segnato il nome che è stato detto nel servizio tv, quindi non so a quale classe appartenesse, ma per rispondere a Gotic Line Alarico, faccio presente che le Classi, Sirena, Perla, Adua e Acciaio, avevano un cannone da 100 mm. e 2 (in seguito 4) mitragliere da 13,2 mm., mentre la Classe Cagni aveva 2 cannoni da 100 mm. e 4 mitragliere da 13,2 mm. e la Classe Archimede, 2 cannoni da 100 mm. e 2 mitragliere da 13,2 mm., quindi credo avessero un discreto volume di fuoco.
    Se è come stato detto, che fu colpito quasi in fase di atterraggio, si trovava ad una quota bassa e a velocità* ridotta, se tutto ciò risponde al vero, è stato un tiro al "piccione".
    luciano

  3. #13
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: reportage"l'ultimo volo"di folco quilici

    Non faccio io le supposizioni di complotto, ma ho portato l'opinione di una parte e le ipotesi di un'altra.
    Se sono stato troppo tecnico nel definire "settaggio di atterraggio" la fase di avvicinamento del velivolo in questione, me ne scuso mettendola sotto un altro punto di vista:
    C'è una bella differenza di velocità* e di intenti tra un aereo che attacca al suolo ed uno che si appresta ad atterrare con il carrello fuori; anche il più sprovveduto se ne accorgerebbe!
    Gli artiglieri conoscevano il fatto che i trimotori erano presenti solo nelle forze dell'Asse, in quanto studiavano le sagome degli aerei nemici sia su manifesti che su modelli in legno o metallo; lo si è visto in vari reportage e filmati d'epoca.
    Di aerei in volo cè n'erano due e proprio quello di Balbo è stato fatto oggetto di fuoco.
    Il tempo passato, sempre che di complotto si tratti, non pone a favore della verità*, vedi quanti altri eventi "strani" sono successi anche in seguito nel mondo e nessuno ha mai spiegato come sono andati veramente i fatti.
    Comunque io non sono assertore dell'ipotesi del complotto e sicuramente non ci metterei la mano sul fuoco, primo perchè non c'ero, non sono uno studioso del caso e non ho elementi per comprovarlo.
    Non posso fare a meno di pormi dei perchè come quelli già* formulati (non sono certo il primo) su certe fatalità* e sapendo quale personaggio scomodo era per il Duce in quel periodo Italo Balbo.
    Poi tutto può essere!

    PS. ho letto successivamente quanto scritto da Luciano, e sottoscrivo il fatto che trimotore o no, il gobbo aveva una sagoma troppo particolare per essere scambiato per un altro tipo di velivolo e tra l'altro era decollato proprio da quella base non molto tempo prima, quindi presenza familiare.

  4. #14
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,401

    Re: reportage"l'ultimo volo"di folco quilici

    Non mi addentro nella discussione per mancata competenza e conoscenza .
    Vorrei solo ricordare a tutti che questa sera iniziano una serie di filmati storici sempre con la regia di Folco Quilci sulla storia del fascismo.
    Sarebbe interessante dargli una occhiata e scambiarci qualche "pacata" impressione.
    sven hassel
    duri a morire

  5. #15
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: reportage"l'ultimo volo"di folco quilici

    Ciao Tiziano, hai fatto bene a riprendere la cosa, me ne ero dimenticato
    luciano

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    243

    Re: reportage"l'ultimo volo"di folco quilici

    Non credo proprio che la nostra contraerea fosse in grado di abbattre l'aereo di Balbo scegliendolo tra i due in atterraggio e che durante un attacco aereo, prima di aprire il fuoco, aspettassero di capire se si trattava di bimotori o trimotori.
    Se Mussolini avesse deciso di eliminare Balbo con la contraerea, a quanti uomini avrebbe dovuto impartire l'ordine? Non sarebbe stato più facile un attentato tipo bomba sull'aereo, sicario, o qualcosa tipo quello che accadde a Muti?
    e gira, gira l'elica. . .

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    315

    Re: reportage"l'ultimo volo"di folco quilici

    Ovviamente siamo nel campo delle illazioni,certamente mai sapremo la verità* sempre che verità* ci sia.
    Personalmente però propendo per l'abbattimento volontario infatti se esaminiamo il personaggio dobbiamo ammettere che era l'unico in grado di offuscare il Duce, o certamente di oscurare altri generali quali Graziani e Badoglio, che già* avevano dimostrato la loro ottusità* strategica e organizzativa. Sulla capacità* della nostra contraerea, non sarei così pessimista, il suo lavoro lo faceva anche bene in quel periodo della guerra, il problema è sempre stata la scarsità* dei pezzi, specie quelli "campali". Se ben ricordo l'attacco Inglese era al termine, e certamente non ci vuole moltissimo a distinguere un'aereo in atterraggio da uno che si stia preparando ad uno spezzonamento delle piste. Sulla giusta constatazione della necessità* di coinvolgere troppa gente per mantenere segreta la cosa debbo rilevare però che se di congiura si tratta, qule gruppo di artiglieri o mitraglieri si sarebbe rifiutato di tirare dietro un preciso ordine del proprio ufficiale? Se vogliamo estendere il concetto bastava che 4/5 artiglieri conoscessero emagari condividessero per abbattere l'aereo.
    Uno dei misteri della Seconda Guerra che rimarrà* tale
    Saluti.

  8. #18
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: reportage"l'ultimo volo"di folco quilici

    Ancora un paio di osservazioni:
    - ammettendo che la colpa dell'abbattimento sia del sommergibile che abbiamo visto prima per parlare di congiura bisogna anche ammettere che i tempi erano stati calcolati al secondo, considerando che il som. era appena giunto e che stava già* partendo e che per combinazione l'aereo lo ha sorvolato proprio in quel brevissimo lasso di tempo: dobbiamo pensare che il viaggio dell'imbarcazione sia stato programmato quando Balbo decise di partire con l'aereo, che precisione!
    - sento esaltare la preparazione dei nostri artiglieri contraerei e non posso fare a meno di confrontarla con quella degli artiglieri statunitensi che, durante lo sbarco in Sicilia, riuscirono ad abbattere parecchi propri aerei ed alianti: evidentemente a loro non avevano spiegato di sparare solo ai trimotori......
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  9. #19
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: reportage"l'ultimo volo"di folco quilici

    Sempre restando sulle supposizioni e sui miei pensieri.......................
    Citazione Originariamente Scritto da pipistrello
    Se Mussolini avesse deciso di eliminare Balbo con la contraerea, a quanti uomini avrebbe dovuto impartire l'ordine?
    Non credo molti, ai ponti radio potrebbero aver detto di tacere per non svelare al nemico il movimento, per far sparare gli artiglieri sarebbe stato sufficiente che il comandante della nave o eventualmente del sommergibile, (oppure solo del sommergibile) desse l'ordine di sparare.

    Citazione Originariamente Scritto da pipistrello
    Non sarebbe stato più facile un attentato tipo bomba sull'aereo, sicario, o qualcosa tipo quello che accadde a Muti?
    Non credo che per un uomo di quella levatura, un attentato di questo tipo sarebbe stato opportuno, meglio farlo apparire come un errore, magari dando la colpa a chi ha sparato, tra l'altro mio padre (artigliere contraereo della piazza di Tripoli) mi disse che alcuni uomini furono come dire inquisiti e arrestati, ma due giorni dopo furono rilasciati come se nulla fosse successo, ovviamente questo è quanto gli è stato riportato, (radio fante) quindi con una buona probabilità*......... non del tutto corretta.

    Citazione Originariamente Scritto da kanister
    - sento esaltare la preparazione dei nostri artiglieri contraerei e non posso fare a meno di confrontarla con quella degli artiglieri statunitensi che, durante lo sbarco in Sicilia, riuscirono ad abbattere parecchi propri aerei ed alianti: evidentemente a loro non avevano spiegato di sparare solo ai trimotori......
    Credo che le situazioni fossero ben diverse, una cosa è un attacco tipo sbarco, con aerei nemici che sarebbero stati per aria per mitragliare o bombardare, cioè una certa confusione e, un'altra cosa è due soli aerei e per di più in fase di atterraggio.
    luciano

  10. #20
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    84

    Re: reportage"l'ultimo volo"di folco quilici

    Testimonianza di Giovanni Conti,imbarcato nel R.sommergibile Galatea:"Mentre ero a Tobruch accadde il fattaccio:fu abbattuto l'aereo di Italo Balbo,ad essere sinceri a noi sembrò subito strano.Un'ora prima dell'arrivo di Balbo eravamo stati attaccati da aerei inglesi che però si erano ritirati rapidamente a causa della reazione della contraerea.Al centro del porto,che è a forma di ferro di cavallo,era ancorato il San Giorgio, un "vulcano di fuoco",al quale davamo man forte anche noi con le Breda binate da 13,2 mm.Eravamo quindi ancora in allerta quando spuntarono 3 aerei,un bombardiere e 2 caccia.
    Era proibito passare sopra il porto e invece questi si diressero proprio in quella direzione, avevano una mimetizzazione simile agli inglesi,così iniziammo a sparare.Colpimmo il bombardiere che precipitò subito,mentre i 2 caccia si allontanavano velocemente.Eravamo soddisfatti e contenti,avevamo abbattuto un altro aereo nemico,così iniziammo a fare manutenzione alle armi.Solo dopo venimmo a sapere quello che avevamo fatto,avevamo abbattuto Italo Balbo."
    Nella vita sangue e conoscenza debbono coincidere.Allora sorge lo Spirito.

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato