Pagina 5 di 27 PrimaPrima ... 3456715 ... UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 262

Discussione: Revolver Bodeo 1889

  1. #41
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Messaggi
    52
    Per Savoia 1948, vivo a La Spezia, e sono sempre felice di raccontare quel poco che so.
    Non sono molto pratico di forum per cui vi chiedo se posso salvare le straordinarie immagini che avete postato.
    Grazie.

  2. #42
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576
    Bello togliere le viti vero?
    Resta una delle attività* più divertenti per chi deve fare interventi su pezzi d'epoca e sà* che ormai il posto in paradiso se lo è già* giocato da un pezzo...
    Innanzitutto attenzione ai cacciaviti, importantissimi. Cercate utensili di primissima qualità* ed il vostro lavoro sarà* già* un pezzo avanti. Il taglio del cacciavite deve essere TEMPERATO. Per due motivi: non si deve piegare sotto sforso per passare la coppia di torsione in modo uniforme nel taglio della vite, secondo nel caso la forza sia eccessiva il cacciavite si DEVE rompere ma non deformare la vite, altrimenti addio pezzo originale e via con le bestemmie..
    Il profilo del cacciavite deve essere a fianchi paralleli e non a sezione trapezoidale altrimenti la vite lo rifiuta facendolo scivolare fuori, i miei li ho ritoccati alla mola in modo da ottenere i fianchi diritti e dello spessore adatto alla vite delle armi che ha un taglio PIU' SOTTILE di quelle normali.
    Nell'agire sulla vite occorre sistemare il pezzo su un supporto stabile che non faccia scivolare via l'arma sotto sforzo. Caricare con una mano il peso sull'asse del cacciavite e con l'altra girate l'attrezzo, se necessario premete anche con il petto, questo evita che la lama salti via dal taglio e vi consente di dosare meglio la forza sull'utensile. I cacciaviti che uso hanno alla base dell'impugnatura un tratto esagonale per inserire una chiave a stella ed aumentare l'azione. Se la vite è ostinata oltre ad impiegare lo Svitol munitevi di un punzone di ottone ed usando un martellino leggero (100/200 grammi) date dei colpetti sulla testa della vite per farla vibrare e favorire il cammino dell'olio ed il distacco dagli ossidi.
    Comunque operiate ricordatevi che "la potenza è nulla senza controllo" ed agite in modo che cedimenti improvvisi non provochino scatti incontrollati della mano armata di attrezzo, non vorrei leggere sui giornali di "Collezionista di armi si suicida a cacciavitate!" Calcare con il busto fà* sì che in caso di sfuggita i movimenti siamo di pochi centimetri in quanto lo sforzo massimo è eseguito dal torace e non dal braccio.... Tutto questo è il risultato di una vita passata in officina facendo interventi su macchinari vari ed una ventina di anni passati a recuperare le "bambine" del poligono...
    Buon lavoro e... attenzione, mi raccomando!
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  3. #43
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    italia
    Messaggi
    2,046
    .....Mio caro CF sei stato di una chiarezza eccezionale i problemi non nascono tanto per una vite intonsa sia pur bloccata, ma da quelle viti che già* sono passate attraverso le bestemmie di altri, quindi con il taglio ridotto agli estremi se non del tutto inesistente, l'idea del martellino e del bulino in bronzo ritengo possa essere di buon ausilio, grazie, ti farò conoscere l'esito della tua terapia.

    Rispondo ad Oscar circa le divagazioni più o meno pertinenti sul topic, non credo che si discosti dal tema ex ordinanze nella considerazione del fatto che il secolo scorso
    ha visto come arma da fianco, per i nostri Ufficiali una miriade di piccole semi automatiche se non revolver che nulla avevano a che fare con la gloriosa 89 o 34, e poi se sforiamo credo che la giusta via ci sarà* indicata dai sempre vigili Amministratori. Mi viene un idea: che ne dite di un topic sulle false ex ordinanze?

    Per Giannetto ,il cui apporto si va ulteriormente concretizzando, credo che non ci sia nulla in contrario all'uso personale delle immagini del Topic.

    Siete l'unico risvolto piacevolmente positivo ad una domenica da suicidio, a presto Savoia1948
    QUANTO MAIOR ERIS, TANTO MODERATOR ESTO

  4. #44
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576
    Grazie per i complimenti Savoia!
    Mi raccomando, tanta attenzione nell'operare e meglio ragionarci sù un bel pò che agire d'impulso!
    Per le viti con taglio inesistente se sono grandi e bene in vista si tenta a volte con un punzone affilato conico a 90° (un "puntizzatore", in officina, o "puntino") di lavorare sulla periferia col solito martellino per indurle a girare. Altrimenti servono un buon trapano a colonna e molta esperienza!!!!!
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  5. #45
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    446
    Citazione Originariamente Scritto da walzorzi

    Salve a tutti, io ritengo che gli esemplari "ibridi" con meccanica della 1974 e l'avveniristico e nativo grilletto snodato (non in modifica) postati da mè e da Oscar siano esattamente il modello transizionale del 1888.

    Il compianto Luciano Salvatici nel Suo "pistole militari italiane" dell'Ed.Olimpia , alla pag. 131 scrive :
    poichè Carlo Bodeo aveva intitolato il suo brevetto " sostituzione del meccanismo alle pistole a rotazione mod. 1874" si potrebbe essere facilmente portati a considerare queste armi come una immediata applicazione alla lettera della Sua proposta; cioè come esemplari sperimentali realizzati prima della adozione della mod. 1889 .
    Si tratta invece di un "ammodernamento" tardo come si può desumere anche dalla presenza di una leva di sicurezza simile a quella di secondo tipo .


    Per completezza d'informazione e senza alcuna vis polemica ovviamente ... ma con molta invidia per gli esemplari postati

    saluti

    axel 1899

  6. #46
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    446
    E' MOLTO interessante la Bodeo del 1890 priva del dispositivo Abadie ... in letteratura ho trovato riferimenti a modelli (costruiti in Italia e non spagnoli) privi... ma si faceva sempre riferimento a produzioni coincidenti con la prima GM e non della Regia Fabbrica ovviamente , oppure , successivamente a detta, per il mercato civile.

    Complimenti, Io me la terrei ben stretta

    axel 1899

  7. #47
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    446
    Per la cronaca : ho dato un occhiata a due mie bambine ... sono entrambe tipo B , (senza ponticello), con sicurezza esterna e della Glisenti ....
    la prima, del 1897 , non ha punzonata alcuna matricola esternamente, nella posizione prescritta
    la seconda , del 1902 , la riporta invece (E70xx)
    entrambe presentano un numero di quattro cifre sul telaio dell'impugnatura sotto la guancetta sinistra ed in altre parti ..
    resterei del parere che la mia del 1897 non faccia parte di una commessa "militare" (ciò non esclude tuttavia che sia stata impugnata da un militare, visto che i signori uffiziali erano se ben rammento tenuti ad armarsi a loro spese .... )

    entrambe portano il punzone di controllo della Regia Fabbrica .... fino a che anno è stato apposto ?

    la seconda ha , sul fianco destro, anche un minuscolo punzone (BM in ovale ?) ???? sigla di un ispettore ?

    grazie

    axel 1899

  8. #48
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    italia
    Messaggi
    2,046
    ...per riprendere il concetto filosofico di Valzi della serie famolo stano, vi posto questa mia 89 che ha delle particolarità* oltre alla sicura abadie:
    . assenza della sicura al cane;
    . presenza del solo logo Savoia e la scritta Brescia;
    . numero di matricola imposto al di sotto, ma ben visibile, dell'asta di espulsione;
    . Condizioni di rifinitura a dir poco eccezzionali .
    dovrebbe essere anni 90

    Comunque ve la posto date un giudizio Ciao alla prossima Savoia1948

    Immagine:

    64,88Â*KB

    Immagine:

    63,46Â*KB

    Immagine:

    62,25Â*KB

    Immagine:

    61,57Â*KB

    Immagine:

    62,57Â*KB
    QUANTO MAIOR ERIS, TANTO MODERATOR ESTO

  9. #49
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    Salve ragazzi, concordo, stà* venendo fuori un bellissimo topic..... congratulazioni.
    Alcune altre info: la bodeo 89 senza ponticello è denominata tipo "A" - l'assenza del sistema abadie e della sicura esterna era effettivamente prerogativa del solo primo anno di produzione, si introdussero subito dopo le conosciute migliorie concernenti la sicurezza - le sigle BM in ovale sono le iniziali dell'ispettore militare distaccato alla produzione - ad aumentare la confusione nel mondo delle bodeo di inizio secolo ci mette lo zampino anche le produzioni private degli artigiani armaioli, infatti era buona norma (per non dire consigliato) per l'ufficiale di censo acquistare privatamente la pistola. A tale proposito, note sono le pubblicità* sui quotidiani dell'epoca dove si publicizzavano le bodeo da acquistare in armeria (se ne trovo una questi giorni ve la posto). Ho avuto modo di visionarne un paio di queste che si distinguono per le belle bruniture, assenza di marchi, soluzioni meccaniche raffinate quale la presenza del grano di percussione al posto della percussione diretta del cane ed altre piccole differenze che adesso non ricordo bene.
    Un saluto []
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  10. #50
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576
    Quoto quando scritto da walzorzi, ho letto (non ricordo più dove aimé) che nel periodo a cavallo fine '800 inizio '900 alcuni armaioli acuistavano armi direttamente dagli opifici per eseguire accuratizzazioni e finiture speciali da offrire alla clientela civile (e danarosa...). In alcuni casi si rifornivano di semilavorati per poter intervenire in modo più radicale. Questo vale sia per le armi corte che lunghe. Tant'è che al poligono ho un vetterli 1870 con finiture eccellenti, incisioni extra e scudetto in argento con le iniziali del proprietario....
    Tutto questo per la gioia dei collezionisti ansiosi di catalogare!
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

Pagina 5 di 27 PrimaPrima ... 3456715 ... UltimaUltima

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato