Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: riconoscere un fregio falso

  1. #1
    Moderatore L'avatar di coloniale
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Ducato di Parma - Emilia Romagna -
    Messaggi
    4,858

    riconoscere un fregio falso

    visto gli ultimi fregi postati sul forum palesemente falsi penso che sia necessario intervenire e cercare di dare una mano agli utenti meno esperti alle prime armi , prendendo spunto da interventi molto costruttivi come quello di ITALIA-ONORE sul fregio da n.p epoca r.s.i. che illustra i particolari di un fregio sicuramente falso ho pensato di aprire questo topicremetto che non sono detentore del sapere assoluto e lungi da me voler passare da tale ma avendo avuto per le mani qualche migliaio di fregi ricamati una idea me la sono fatta, quindi vi illustro il mio modus operandi nel valutare un ricamo su di un fregio

    Allorchè ci accingiamo ad esaminare un fregio ricamato ,da petto , da berretto o da controspallina che sia ci dobbiamo porgere alcune domande:
    1)i materiali sono consoni? , 2)la patina è coerente? 3)Nel complesso ha un ricamo gradevole? 4)Ha spessore? 5)Il retro?
    Analizziamo ora singolarmente le varie domande e cerchiamo di dar loro un senso:
    1)materiali consoni: la canottiglia deve essere omogenea , nei falsi si possono riscontrare vari tipi di canottiglia recuperata da altri fregi o drappi ( classici quelli ecclesiastici dei paramenti dei preti) coesistere nello stesso fregio , informarsi sul tipo di canottiglia usato per quello specifico fregio , dorata od argentata e se vediamo che alcuni pezzi hanno un`ossidazione e altri a fianco un altro tipo occhio!!!!
    2) la patina : sembra superfluo parlare di patina ma c`è gente che non ha ancora capito che dopo 60 anni almeno il metallo (argento o argento dorato che sia) deve avere l`ossidazione!
    L`ossidazione classica riscontrata su un fregio buono è nera o comunque scura! Un`ossidazione verde deve fare insospettire perché quasi sicuramente artefatta con acidi o sostanze saline , o orina (si avete capito proprio bene :la pipì) o altre schifezze simili. Una patina buona deve essere omogenea cioè disposta su tutto il materiale in modo uniforme . ci posso essere eccezioni sull`omogeneità* dell`ossidazione solo su fregi d`epoca ma conservati in carta o scatoline (vedi fondi di magazzino) ma anche qui , pur non avendo un`ossidazione "pesante" un pochino ci sarà* sempre!
    3) il ricamo gradevole: un fregio deve essere eseguito bene! Deve risultare gradevole alla vista e di ottima fattura! Un tempo c`erano ricamatrici o suore o altre figure simili il cui unico lavoro era il ricamare a mano i fregi! Per cui la maestria del loro mestiere si traduceva in un lavoro che spesso era un capolavoro di ricamo! Per contro un fregio bruttarello sarà* quasi sempre un falso e spesso spacciato per ricamo povero r.s.i. o altre scemenze simili! Pensate che un generale della milizia avrebbe montato sul suo berretto un fregio con un`aquila che sembra un piccione tonto???il fregio è un simbolo di appartenenza a qualcosa e chi lo porta lo vuole il più bello possibile visto che spesso lo paga di tasca propria!
    4) lo spessore: il ricamo era eseguito sopra a delle dime di cartoncino spesso rosa(tipologia usata prevalentemente dall`unione militare) la ricamatrice andava ad inserire i tubini di canottiglia di lunghezze diverse a coprire questi fregi di cartoncino , in modo tale da avere una sorta di maschera di ricamo e a lavoro ultimato il cartoncino sottostante al ricamo donava spessore al ricamo stesso! Un fregio piatto = un fregio falso al 99%
    5) all`epoca il retro dei fregi era quasi sempre lasciato libero e si possono così osservare i fili e i vari passaggi di ricamo, spesso nei falsi al retro viene montato una tela grigia o nera o un pezzettino di carta
    Sono comunque noti fregi buoni col retro coperto.
    ciao Nicola
    "coloniale"

    SUMMA AUDACIA ET VIRTUS!

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: riconoscere un fregio falso

    E bravo Coloniale, non sarà* la Bibbia ma almeno è un qualcosa su cui ragionare e prendere coscienza.
    Se poi qualcuno verrà* fuori col vecchio discorso che così si aiutano i falsari rispondo che così almeno si dovranno sbattere per fregare la gente e fare i falsi più veri dei veri. Non dimentichiamo che più riduciamo il delta tra costo di manifattura e costo di vendita minore diventa la convenienza a riprodurre un falso. Per le repliche dichiarate il discorso è evidentemente diverso.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  3. #3
    Moderatore L'avatar di coloniale
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Ducato di Parma - Emilia Romagna -
    Messaggi
    4,858

    Re: riconoscere un fregio falso

    un vecchio amico collezionista che purtroppo ora non c'è più mi invitò a fare una prova mi disse: compra un 33 postbellico da 5000 lire nuovo di magazzino e cerca di fargli prendere la patina di 60 anni , fai le prove , grattalo , immergilo nell'acqua e sale , lascialo all'aperto alle intemperie , facci la pipì sopra ... insomma cerca di creare un falso .... con i risultati ottenuti potrai valutare che tipo di ossidazione artefatta viene fuori e conoscere così i falsi degli altri spacciati per veri!
    io l'ho fatto e devo dire che l'esperimento é stato illuminante! fate lo stesso tutti voi, improvvisatevi falsari ! il vecchio detto che per scoprire un falso ci vuole un falsario é sempre valido!!
    ciao Nicola
    "coloniale"

    SUMMA AUDACIA ET VIRTUS!

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •