Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Ripristino proietti d'artiglieria

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di Gespil
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Messaggi
    92

    Ripristino proietti d'artiglieria

    Trattando delle lavorazioni implicate nello smantellamento, ripristino e ricarica dei proietti d’artiglieria della Prima G.M. avrei alcune domande per gli artificieri del forum:

    I proietti venivano svuotati dall’esplosivo con varie metodologie, dopodiché si procedeva al ripristino tramite lavaggio, sabbiatura, verniciatura-zincatura, cinturazione. Si procedeva poi a ricaricarli.

    Dunque:

    I proietti ripristinati venivano sottoposti a “prova idraulica e di eccentricità”. In cosa consistono?

    Una metodologia di ricarica prevedeva la fusione dell’esplosivo e la sua colatura nel proietto. In cosa consisteva un “tino di fusione sott’acqua”?

    Riguardo alla fresatura dei proietti ricaricati, ne esisteva una “semplice” e una “ doppia per proietti di medio calibro”. Cosa significa?

    I proietti ricaricati venivano poi sottoposti a “collaudo”. In cosa consisteva?

    Grazie a tutti

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Nitro90
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Mantova
    Messaggi
    3,886
    Citazione Originariamente Scritto da Gespil Visualizza Messaggio
    Trattando delle lavorazioni implicate nello smantellamento, ripristino e ricarica dei proietti d’artiglieria della Prima G.M. avrei alcune domande per gli artificieri del forum:

    I proietti venivano svuotati dall’esplosivo con varie metodologie, dopodiché si procedeva al ripristino tramite lavaggio, sabbiatura, verniciatura-zincatura, cinturazione. Si procedeva poi a ricaricarli.

    Dunque:

    I proietti ripristinati venivano sottoposti a “prova idraulica e di eccentricità”. In cosa consistono?

    Una metodologia di ricarica prevedeva la fusione dell’esplosivo e la sua colatura nel proietto. In cosa consisteva un “tino di fusione sott’acqua”?

    Riguardo alla fresatura dei proietti ricaricati, ne esisteva una “semplice” e una “ doppia per proietti di medio calibro”. Cosa significa?

    I proietti ricaricati venivano poi sottoposti a “collaudo”. In cosa consisteva?

    Grazie a tutti
    Ciao, non so darti una risposta a tutte le domande, ma sicuramente per la prima domanda, "prova idraulica e di eccentricità" è molto probabile che venissero ricalibrati, riportati alla dimensione originale senza proietto e controllati.
    Per l'ultima domanda del collaudo, non so magari venivano provati dentro ad un calibro, o tampone per vedere se la cameratura era corretta.

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato