Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Ritrovamento Alta Valle del Tevere

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    3

    Ritrovamento Alta Valle del Tevere

    Buonasera a tutti, quest'oggi mentre ero a funghi nei pressi di Città di Castello in provincia di Perugia, vicino al confine tra Umbria e Toscana, in un bosco in altura ho ritrovato una "culatta" di un colpo di mortaio, che da varie ricerche ho scoperto essere, di un mortaio leggero inglese da 2 pollici, datato 1940.
    Dopo averlo ripulito ho rilevato queste scritte "FD 1940" e una "Z" grande, sono riuscito inoltre a svitare il percussore, scoprendo all'interno che non era stato lanciato da mortaio, in quanto la "capsulina" di innesco era intatta, e attorno vi erano le seguenti scritte "ELEY KYNOCH 28 (ICI)".
    Cosa sapete dirmi di questo ritrovamento?
    Secondo voi, essendo probabilmente stata lanciata da un aereo, a chi potrebbe essere stata diretta? Sapreste dirmi che scontri ci potrebbero essere stati nella zona sopracitata? Secondo voi si può rinvenire dell'altro?
    Scusate della molteplicità delle domande, vi ringrazio anticipatamente delle risposte che darete.
    Cordialità, Emanuele.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    118
    Si tratta del governale di una bomba da mortaio d'assalto inglese II G.M. . Questa aveva un corpo cilindrico con testa (ogiva) piatta , dalla quale sporgevano tre sensori per la spoletta. Dove passò l ' VIII A . Brit. se ne trovano in abbondanza, e nel '44 quest'ultima era in zona, ergo....... Trovo strano che non sia stata lanciata con il mortaio , ma solo forse ...smontata. Posso darti anche altre notizie sull'oggetto: nel lontano 1963 ero Uff.Cpl. Art., durante il campo estivo a Carpegna sparavamo con i pezzi da 105/14 Nel Poligono ancora esistente presso sasso Simone e Simoncello, per segnalare obiettivi venivano usati o vecchi mortai inglesi, oppure i vecchi Brixia italiani, sempre con bombe fumogene. Andando in tali zone i residui sono numerosi, ma non sono di Guerra:
    Cordiali saluti
    V.Vidrich

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    3
    Buongiorno Veriano e grazie della risposta, come si può vedere dalla prima foto, dove ho svitato la parte sotto, la capsula che battendo sul percussore innesca la carica di spinta, è intatta.
    Era possibile lanciarle a caduta da un aereo??

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    prov. di Savona
    Messaggi
    901
    sarebbe bane che tu non scendessi in particolari tipo "...e togliendola sono uscite tutte scagline di polvere." forse non lo sai ma il forum è PUBBLICO e descrivi una operazione ILLEGALE che hai fatto......

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    3
    Era terra!! Da quei fori ne era entrata tanta, resta il fatto che non ho ancora ben capito come l'abbiano utilizzata.

  6. #6
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576
    Essendo una granata da mortaio che senso avrebbe lanciarla dagli aerei, visto che avevano per questo reallizzato delle ottime (sigh!) bombe aereonautiche?

    Tieni conto che il sistema di sicura delle granate da mortaio funziona utilizzando il forte colpo che prende alla partenza per sbloccare la sicura di trasporto ed avviare quella di volo. Senza questo rinculo la spoletta rimane bloccata e teoricamente inerte.
    Viste le condizioni del codolo direi che la parte in acciaio della granata è stata mangiata dalla ruggine mentre l'alluminio del codolo ha resistito meglio.
    La carica di lancio primaria contenuta nel codolo è costituita da una cartuccia a percussione centrale del tutto simile ad una da caccia, con bossolo in cartone, ovviamente priva dei pallini e riempita di propellente.
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di wyngo
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    497
    Ciao a tutti.
    Governale di bomba da mortaio inglese da 2 pollici o 51/2mm...direi assolutamente lanciata ed esplosa dato che il codolo è tranciato.
    ...mortaio da fanteria, non d'aereo.
    Non era possibile lanciarle da aeromobile perche' tendevano a cadere di naso e non di coda...era nato per partire dentro un tubo e andare secondo traiettoria parabolica, che segue la gravita'.
    Il mortaio è stato anche in dotazione alla FFAA italiane nel primo dopoguerra e magari quella era zona di addestramento di qualche reparto che utilizzava ancora munizionamento originale inglese...oppure piccola scaramuccia tra tedeschi e partigiani ai quali era stato fornito tale materiale, in aviorifornimento, con apposito contenitore.
    Se ve ne è una, non si esclude che ve ne siano altre ed inesplose anche...
    Ciao Francesco
    Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza

    Leonardo da Vinci

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato