Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 17 di 17

Discussione: ritrovamento armi a genova

  1. #11
    Utente registrato L'avatar di AndreaBG
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    255
    Il mitra sembrerebbe un raro UD 42, bel pezzo.

    Azz ho letto solo ora il commento di brus, pardon

  2. #12
    Utente registrato L'avatar di wyngo
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    497
    Ciao a tutti.
    ...io prendo una posizione completamente diversa sulla vicenda.
    ...sono concorde riguardo alle armi, ma confermo che le stesse armi e relative parti essenziali e non ( caricatori, baionette, giberne, calcioli, silenziatori) non sono affatto competenza degli artificieri dell'Esercito ma , e aspetto con ansia di essere smentito, di ben altri personaggi che "forse" hanno pensato bene di passare la palla ( e lavarsene "pilatescamente" le mani) a chi avrebbe fatto comunque un bel botto con del materiale sicuramente pericoloso e ben farcito di esplosivo!
    Se in questo frangente, ma spero di sbagliarmi, i solerti tutori dell'ordine hanno serenamente ceduto tutto il materiale al personale dell'Esercito, oltre alla distruzione di materiali che di esplosivo non ne contenevano affatto, si sono "solo" evitati uno sproposito di carte e verbali, oltre a togliere di mezzo rognosi oggetti inutili ma pieni di matricole che avrebbero dato adito a lunghe ed inconcludenti indagini e supplementi di indagine ad aeternam...cosa che comunque non è corretta storicamente, in relazione alle armi.
    Relativamente al materiale esplodente rinvenuto, non condivido affatto, da professionista, l'improvvisata conferenza stampa nel centro di una strada pubblica, sotto il pianale di un furgone, per esporre degli oggetti pericolosi e gia' interessati a moltissimi anni di intemperie ed umidita', sottoposti a due rimozioni ( dal tramezzo al pianerottolo e successivamente alla strada ) e che in ogni caso potevano essere fotografati comodamente nel sito di rinvenimento e senza esporre nessuno a pericoli gratuiti...ma il dio giornalistico non ha ormai piu' pieta' di nessuno.
    La professionalita' e la competenza a volte devono farla da padrone, anche su pressioni o consigli da parte di funzionari che di sicurezza ( ovviamente quella altrui) non sanno assolutamente niente!
    Ciao Francesco
    Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza

    Leonardo da Vinci

  3. #13
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218
    Da appassionato di storia in genere, di armi leggere e di storia della resistenza spero tanto che chi di dovere si sia mosso per cercare di farsi consegnare almeno le armi e gli accessori relativi.
    Abbiamo esempi di comportamenti "virtuosi" nel recente ritrovamento delle armi di Fenoglio che, anche se disattivate, verranno conservate per parecchio tempo.
    E c'è un museo presso Imperia che si sta arricchendo proprio grazie a ritrovamenti che vengono conservati per i posteri, dopo idonea disattivazione, logicamente.
    Speriamo che l'ILSREC di Genova si muova in tempo ed opportunamente in modo da incrementare quei pochi (ma importanti) reperti che già espone.
    Il pezzo più caratteristico è proprio l'UD m42, che dalle foto esistenti proprio presso l'ILSREC sembra sia stato lanciato massicciamente alle formazioni del levante ligure, tanto da figurare anche nell'altarino che era stato costruito per commemorare il comandante "Bisagno", insieme ai suoi abiti ed ai suoi scarponi.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  4. #14
    Utente registrato L'avatar di wyngo
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    497
    Lo spero Kanister...anche se da crudo realista credo che ormai sia troppo tardi...ma la speranza è l'ultima a morire!
    Aggiornaci se hai notizie in tal senso.

    Ciao Francesco
    Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza

    Leonardo da Vinci

  5. #15
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218
    Citazione Originariamente Scritto da wyngo Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti.
    .......altri personaggi che "forse" hanno pensato bene di passare la palla ( e lavarsene "pilatescamente" le mani) a chi avrebbe fatto comunque un bel botto con del materiale sicuramente pericoloso e ben farcito di esplosivo!
    Se in questo frangente, ma spero di sbagliarmi, i solerti tutori dell'ordine hanno serenamente ceduto tutto il materiale al personale dell'Esercito, oltre alla distruzione di materiali che di esplosivo non ne contenevano affatto, si sono "solo" evitati uno sproposito di carte e verbali, oltre a togliere di mezzo rognosi oggetti inutili ma pieni di matricole che avrebbero dato adito a lunghe ed inconcludenti indagini e supplementi di indagine ad aeternam...cosa che comunque non è corretta storicamente, in relazione alle armi.
    Io sono sempre a scoppio ritardato (per restare in tema.....) ed ho rimuginato a lungo su quanto hai scritto.

    Con tutte le foto che ci sono in circolazione non è che qualcuno potrebbe ricordarsi che certi oggetti che hanno più di cinquanta anni non possono essere distrutti senza l'approvazione delle competenti Belle Arti? E, sempre in base alle foto, non possono certo accampare la scusa che si trattava di materiale pericoloso, (a parte BAM ed esplosivi, al limite anche le cartucce) altrimenti non lo avrebbero spostato e mostrato così a lungo, come giustamente fai osservare.
    In definitiva non è che se per caso l'hanno distrutto qualcuno potrebbe presentare denuncia all'A.G. per distruzione senza motivo di beni storici?
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  6. #16
    Utente registrato L'avatar di brus
    Data Registrazione
    Feb 2010
    Località
    Verona
    Messaggi
    558
    Citazione Originariamente Scritto da kanister Visualizza Messaggio
    Io sono sempre a scoppio ritardato (per restare in tema.....) ed ho rimuginato a lungo su quanto hai scritto.

    Con tutte le foto che ci sono in circolazione non è che qualcuno potrebbe ricordarsi che certi oggetti che hanno più di cinquanta anni non possono essere distrutti senza l'approvazione delle competenti Belle Arti? E, sempre in base alle foto, non possono certo accampare la scusa che si trattava di materiale pericoloso, (a parte BAM ed esplosivi, al limite anche le cartucce) altrimenti non lo avrebbero spostato e mostrato così a lungo, come giustamente fai osservare.
    In definitiva non è che se per caso l'hanno distrutto qualcuno potrebbe presentare denuncia all'A.G. per distruzione senza motivo di beni storici?
    Quoto tutto.

    Ciao
    brus

  7. #17
    Utente registrato L'avatar di wyngo
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    497
    ...speriamo di sbagliarci e che se le persone giuste e che possono fare queste domande, chiedono la fine di quei materiali non esplosivi rinvenuti, quel qualcuno che doveva fare qualcosa, ci risponda sorridendo che stanno provvedendo alla demilitarizzazione per donarle a chi di storia se ne intende davvero...
    A volte le cose possono finire bene...speriamo davvero Kanister.
    Anche perche' alla fine di nocivo quei poveri pezzi di ferro, non credo avessero piu' nulla ma trasudavano storia da ogni grammo di ruggine.
    Ciao Francesco
    Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza

    Leonardo da Vinci

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •