Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17

Discussione: Ritrovamento Eccezionale

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    659

    Ritrovamento Eccezionale

    Salve a tutti!

    Questa mattina sono andato a fare una visitina ad una vecchissima casa che stanno ristrutturando vicino alla mia.
    Un'operaio con l'escavatore si è messo a distruggere la vecchia concimaia trovata sepolta mentre rifacevano le fondamenta della casa, spargendo tutto l'humus creatosi negli anni di sepoltura nel campo dietro la casa.
    All'inizio non ci avevo fatto caso ma poi mi sono accorto che in mezzo "all'humus" c'era una pentola dalla forma strana.
    Incuriosito mi sono fatto imprestare un paio di guanti, sono andato lungo il fossato e con l'acqua ho ripulito il tutto.
    Con mia grande sorpresa ecco cos'era!!! [II] un'elmetto Adrian []
    (ovviamente si è passato l'intera mattinata in una bacinella di acqua distillata e alcool)



    Immagine:

    167,04*KB



    Immagine:

    115,51*KB



    Immagine:

    186,97*KB
    Questo foro mi ha incuriosito e misurandione il diametro ho provato ad inserire una punta di proiettile dello Steyr Austriaco



    Immagine:

    172,65*KB
    Ecco il risultato! []


    Immagine:

    153,5*KB



    Immagine:

    192,69*KB



    Immagine:

    175,12*KB

    Vorrei inoltre sapere se qualcuno conosce un metodo su come poter eliminare lo sgradevole odore che continua ad emanare e anche rimuovere dei piccoli pezzi di paglia che gli sono rimasti attaccati soprattutto nel fondo (molto fragile).
    Grazie 1000!!! [ciao2]

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    1,758
    Ciao per i pezzi di paglia io ti consiglio un coltello per modellismo (che è come un bisturi per intenderci con delle lame di varia forma che puoi cambiare)e tanta pazienza e delicatezza. Oer l' odore se è tanto delicato il metallo potresti provare a dargli una seconda lavata (magari provando a pulirlo delicatamente con un panno )e poi lasciarlo un pò all'aperto anche dopo che si sia asciugato non sarà* granchè ma meglio di niente.Poi magari userai un prodotto per bloccare la ruggine e con quello elimini del tutto l'odore.Sia chiaro è un parere personale .
    [ciao2][ciao2]Franz
    scavare è bello!
    E’ un mondo difficile: vita intensa, felicità a momenti e futuro incerto...

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Bel ritrovamento e veramente fortuito anche nei posti più impensabili si nascondono.
    Temo anch'io che quel foro non sia da corrosione ma da un colpo ricevuto.
    Per l'odore lasciarlo a bagno di acqua per qualche giorno ogni tanto cambiandola e poi tanta aria aperta.
    I residui della concimaia hanno ovviamente mangiato parte del ferro ma la ruggine dal colore non mi sembra attiva.
    Puoi pulirlo con del petrolio così elimineresti un pò di odore.
    Oppure un bagnetto elettrolittico che forse è meglio.
    Non amo usare il Ferox in passato non mi ha reso un buon risultato.
    [ciao2]
    luciano

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    659
    grazie ragazzi! mi spieghereste la corretta procedura ed i prodotti da utilizzare per un bagno elettrolitico? []

  5. #5
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576
    Attenzione ad eliminare la ruggine!
    Per reperti in questo stato la cosa migliore è manternerli con la patina intatta...
    Ho esperienza di un coltellino da tasca austriaco lasciato una notte nel fosfatante e.... scomparso nel nulla!!!
    Per l'odore prova qualche detergente a base di ammoniaca, non ho mai provato ma ad idea dovrebbe funzionare. Poi se hai dell'olio spray per armi gli dai una bella passata.....
    Bel ritrovamento!
    []
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,130
    ciao, per fosfatante intendi un bagnetto in acido fosforico?
    Novara fa da se'

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    638
    grazie ragazzi! mi spieghereste la corretta procedura ed i prodotti da utilizzare per un bagno elettrolitico?
    Io eviterei proprio...se elimini completamente la ruggine dell'elmo ne rimane ben poco, io lo lascerei così, al massimo puoi passarci un pò di vernice trasparente per metalli.
    [ciao2]
    The blade

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Non ho capito cosa sia il fosfatante.
    Con il bagno elettrolittico si usa soda caustica che credo sia meno aggressiva.
    Evitare l'alluminio che verrebbe corroso per il ferro non ci sono controindicazioni questo l'ho già* sperimentato e non è successo nulla, comunque non intendo convincere nessuno.
    Questa qui sotto è la procedura che scrisse alpino che ringrazio ancora in un altro topic per indicarmi la procedura.

    Eliminazione elettrolitica della ruggine
    La ruggine può essere eliminata, con il minor danno possibile per il materiale, mediante un bagno elettrolitico che riduce l'ossido di ferro (cioè la ruggine) per l'azione degli ioni di idrogeno che si separano dal catodo.
    Per preparare il bagno occorre prendere acqua con pochi minerali (va bene quella piovana) a cui si aggiunge un cucchiaio colmo di soda caustica in cristalli per ogni litro di acqua. Attenzione: la soda caustica non va toccata con le mani e occorre essere molto prudenti nel maneggiarla; versare la soda nell'acqua e non l'acqua sulla soda. Usare guanti di gomma e attenti agli occhi. Attenti che bambini o animali non tocchino o bevano il liquido.
    Per la corrente va bene un carica batterie d'automobile 6/12 volt; è preferibile usare la corrente a 6 volt.
    Come recipiente si userà* una qualsiasi bacinella di plastica. Per le canne di fucile si può usare un tubo di plastica di 10-15 cm di diametro, chiuso alla estremità* inferiore con apposito tappo.
    Come anodo si userà* un anello di bacchetta di ferro per cemento armato posato sul fondo del recipiente in modo che rimanda vicino alle sue pareti oppure messo a spirare che dall'alto scende verso il basso. Al pezzo che sporge dal recipiente e che serve per agganciarlo ad esso, verrà* collegata la pinza con il segno + dell'alimentatore.
    A questo punto occorre sgrassare accuratamente il pezzo arrugginito. Bisogna togliere le molle che altrimenti vengono stemperate dal bagno elettrolitico.
    Fissare al pezzo l'estremità* di un filo di ferro flessibile (quello delle stampelle appendiabiti va benissimo) il resto del quale verrà* avvolto attorno ad un bastoncino di legno o plastica che verrà* appoggiato sopra la bacinella in modo che il filo non entri in contatto con la bacchetta di ferro, facendo cortocircuito. Assicurarsi che il contatto ferro-pezzo sia buono; eventualmente eliminare manualmente un po' di ruggine.
    Il pezzo arrugginito sarà* così sospeso interamente nel liquido e non dovrà* toccare in alcun modo l'anodo.
    A questo punto il più è fatto: collegare la pinza dell'alimentatore con il segno + alla bacchetta di ferro (anodo) e quella con il segno - al filo di ferro (catodo). Attenzione a non sbagliare perché il risultato sarebbe alquanto disastroso (rapido aumento della ruggine e una bella bacchetta di ferro lucida!).
    Se tutto funziona si vedranno delle bollicine di idrogeno che escono dalla ruggine e delle bollicine di ossigeno che escono dalla bacchetta di ferro. Attenzione: sono gas infiammabili.
    Sia per possibile esalazioni, sia per i gas infiammabili, bisogna lasciare il recipiente all'aperto o in un locale con le finestre aperte. Il tempo minimo è di una dozzina di ore, ma si può tranquillamente esagerare e attendere anche due giorni!
    Dopo di ciò togliere la corrente ed estrarre il pezzo che sarà* coperto da una specie di fango nerastro. Lavare bene in acqua corrente, aiutandosi con una spazzola. Se vi è ancora della ruggine, ricominciare da capo rinnovando il bagno (si può anche filtrare quello vecchio e pulire bene bacinella e contatti, ma non ne vale la pena).
    Il procedimento esposto elimina anche la bronzatura. Se però si lascia il pezzo molto a lungo nel bagno, dopo averlo lavato, si ottiene una bronzatura grigio-ferro.
    luciano

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    508
    ciao...come è diventato esperto cocis....scherzo ovviamente...
    il mio consiglio è di non fare il bagno elettrolitico altrimenti come detto da altri, dell'elmo rimane poco...in questo caso è la ruggine che sostiene il tutto....una pulita sommaria e vernice trasparente opaca...
    ciao
    Partecipo a rievocazioni storiche WWI con mortaio Stokes, ricevo contatti via MP.

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Ciao alpino giusto che scherzi infatti non sono io l'esperto ma tu vorrei aggiungere che in questa maniera ho fatto il trattamento ad un elmo inglese e posso dire che è andata bene.
    Non metto in dubbio quanto dici forse al mio era rimasto più ferro.
    [ciao2]
    luciano

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato