Pagina 4 di 6 PrimaPrima ... 23456 UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 54

Discussione: Ritrovata oggi in porto...

  1. #31
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Venezia
    Messaggi
    1,063

    Re: Ritrovata oggi in porto...

    La neutralizzazione di un grosso ordigno, con grande quantità di esplosivo, richiede una perfetta conoscenza della morfologia del terreno e della sua struttura geologica onde evitare si creino danni.

    Dalle esperienze maturate negli anni posso dire che era prassi creare una camera di espansione per ridurre gli effetti meccanici dell'esplosione e convogliare le onde sismiche provocate dall'esplosione verso aree di sicurezza, creando dei "similtunnel" a profondità pari a quella del fornello (camera di espansione) impiegando grossi copertoni da camion per alcuni metri, partendo dal fornello.

    L'effetto visivo era molto diverso da quello immortalato dalla foto. La terra non veniva scagliata all'intorno in quella maniera, ma si sollevava di qualche poche decine di centimetri, per poi ricadere su se stessa, formando a causa del vuoto creatosi dall'esplosione, un cono rovesciato.

    In considerazione che stiamo ragionando sulla foto e su quanto riportato da un organo di stampa, ammesso che la foto appartenga a quest'ultima distruzione, si evince che l'intasamento non fosse sufficiente a contenere le pressioni sviluppate da quella grande quantità di esplosivo.



    Ciao
    ermanno

  2. #32
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    savona
    Messaggi
    263

    Re: Ritrovata oggi in porto...

    cioa ERMANNO !!

    la terra si sollevava di poche decine di centimetri... ???

    ho capito male io... in materia sono l ultimo degli ultimi, ma mille kg di esplosivo sollevano solo poche decine di cm di terra.. ??

    chiedo un piccolo approfondimento...

    grazie

    christian76

  3. #33
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Venezia
    Messaggi
    1,063

    Re: Ritrovata oggi in porto...

    Certo, dipende da quanta terra viene messa a intasamento del fornello che oltre a chiuderlo, vada a formare un adeguato cono positivo.

    http://www.youtube.com/watch?v=7yr9SQQi ... re=related

    Se noti bene la quantità di terra spostata è minima.
    L'esempio non è esaustivo, perchè si tratta di una granata da 254 mm, se non ricordo male, ma ti assicuro che in situazioni analoghe, con bombe d'aereo, il sottoscritto ha assistito a brillamenti con spostamenti di materiali davvero minimi.
    ermanno

  4. #34
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: Ritrovata oggi in porto...

    Ciao Teller, con queste foto sei in condizione di confermare che la bomba è in effetti una mina navale tedesca?
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  5. #35
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Venezia
    Messaggi
    1,063

    Re: Ritrovata oggi in porto...

    Si, confermo che si tratta di una LMB (Luft Mine B = mina aviolanciata tipo B).

    Allego ora due immagini che sono riuscito a tirare fuori dal mio archivio. Prese dal quotidiano Dolomiten del 6 luglio 1998, testimoniano l'operazione di preparazione del fornello e del brillamento di una bomba d'aereo americana da 2000 libbre a Brunico, svolta il giorno prima.
    Il peso di questo ordigno è analogo a quello della LMB di Genova.
    Nella prima immagine si possono vedere gli effetti in cono rovescio dell'esplosione e il posizionamento della cassa di espansione in legno.

    [attachment=1:1jnxyp9u]Bressanone_1998_2.jpg[/attachment:1jnxyp9u]

    Inoltre, in quest'altra immagine, quelli del giornale hanno disegnato su nostre indicazioni, lo spaccato del fornello, così come fu realizzato.

    [attachment=0:1jnxyp9u]Bressanone_1998_1.jpg[/attachment:1jnxyp9u]

    dove si può notare la cassa di espansione, i copertoni tutto attorno per ammortizzare almeno in parte le pressioni, lo strato di balle di paglia per evitare proiezioni di materiale e un notevole cono positivo di materiale terroso.
    Il tutto contribuiva a contenere gli effetti meccanici dell'esplosione, cosa che è riuscita benissimo.

    Ciao
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    ermanno

  6. #36
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: Ritrovata oggi in porto...

    Grazie per le conferma.
    Possiamo quindi ritenere facesse parte del materiale che era previsto utilizzare per demolizioni in porto, non di una vera e propria mina navale.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  7. #37
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    savona
    Messaggi
    263

    Re: Ritrovata oggi in porto...

    cioa a tutti !!!

    aggiugo foto di oggi...

    visto le spiegazioni di ERMANNO e quel che si legge sul giornale gli addetti al brillamento non devono aver lavorato bene...

    visti i risultati...

    christian76
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  8. #38
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Venezia
    Messaggi
    1,063

    Re: Ritrovata oggi in porto...

    La logica conseguenza di tutto ciò dovrebbe essere una querela per danni.

    Io avevo espresso il parere che una collaborazione con lo SDAI della Marina Militare sarebbe stata più proficua.
    Però, anche qui, all'interno del forum, qualcuno ha espresso dubbi circa la liceità di nuocere alla fauna marina. Sarà....

    A presto
    ermanno

  9. #39
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576

    Re: Ritrovata oggi in porto...

    Bella botta!

    Come ha scritto Teller c'è modo e modo di intervenire ed in questo caso non è stato scelto il migliore...

    Ho l'impressione che qualcuno con potere decisionale abbia pagato l'esperienza di incontrarsi con ordigni d iqueste dimensioni, rari e potentissimi.

    Ho visto foto di esplosioni simili ma eseguite in Afghanistan, nel nulla più nulla, ma questa è una realtà completamente diversa.
    Mi ha meravigliato leggere che non sono riusciti a sezionare il contenitore usando il taglio ad acqua. Dovrebbe dipendere dal tipo di macchina che hanno in dotazione visto che nell'industria con l'acqua addittivata di abrasivo si tagliano anche lastre di titanio di 10 centimetri di spessore...
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  10. #40
    Utente registrato L'avatar di wyngo
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    497

    Re: Ritrovata oggi in porto...

    Ciao a tutti.
    ...andiamo con ordine...
    Relativamente ai danni, se esistono e sono reali, come da sempre e come previsto dalla normativa vigente, paghera' il responsabile dell'attivita', ovvero un operatore militare dell’Esercito, EOD 2°Livello o IEDD ( ...non proprio dilettanti o gente che millanta titoli inesistenti...) ...quindi non lo Stato, come potrebbe lamentarsi qualcuno...
    Le impressioni e le ipotesi, mi si consenta ma senza cattiveria, sono per chi parla per strada o in un Forum e che in ogni caso non ha le competenze adeguate, per commentare l'accaduto con le poche e scarne notizie di un solo quotidiano locale...i fatti e le stime, sono dei tecnici sul posto!
    Intanto confermo che il rateo di caricamento ( ovvero il rapporto tra il peso totale e il peso dell'esplosivo contenuto nell'ordigno stesso)di questa mina marina è notevolmente superiore ad un'ordigno aereo corrispondente ( ...l'esempio della 2000 libbre USA non è calzante ...) la percentuale di esplosivo nella mina tedesca è oltre il 65% ( contiene ben 697 kg di Trialen 105, una miscela esplosiva composta da TNT, RDX o T4 e una notevole percentuale di alluminio) mentre negli ordigni aerei del tipo per usi generali o dette GP, prese come termine di paragone, il valore è intorno al 50%; inoltre il tipo di esplosivo usato nella mina tedesca, per l'uso specifico, ovvero l'esplosione subacquea, era molto particolare e di tipo molto piu' potente e contenente anche alluminio, che aumentava la temperatura dell'esplosione stessa, generando un volume di gas molto maggiore, con ovvie e rilevanti differenze...

    Rispondo a Centerfire relativamente al tagli della parte di involucro...la macchina impiegata, non solo deve garantire il taglio abrasivo dell'involucro che non sempre è di acciaio, a volte risulta essere di alluminio ( che è sensibile alla frizione e potrebbe anche incendiarsi, con evidenti problemi...), ma deve garantire nelle specifiche, anche la non innescabilita' di tutti gli esplosivi per sfregamento o pressione...che non è davvero un'inezia...per conferma , cito che la stessa macchina è stata proficuamente impiegata per il taglio abrasivo di un fondello di un 305 mm, cosa perfettamente riuscita ovviamente in condizioni di lavoro reali, con ordigno carico e non in simulazione...
    Non so i problemi che il personale ha trovato durante le operazioni di bonifica ma credo , e la mia è una mera supposizione, che il taglio di tutto l'involucro non sia riuscito o non sia stato completato, oppure non si sia potuto effettuare e sono state adottate altre misure, procedendo poi per la distruzione in alto ordine, ovvero la detonazione, con tutte le limitazioni che una cava puo' dare, ovvero l'impossibilita' di procedere ad uno scavo in profondita' di adeguate dimensioni ,relativamente alla dimensione della bomba e che il materiale che doveva fungere da inerte (sabbia e terra) per annullare la proiezione delle schegge e gli effetti di sovrappressione e acustici ,sia stato non disponibile in quantita' necessarie , in quanto l'ipotesi della detonazione non era stata presa in considerazione come ipotesi primaria...anche se questa non è una scusante.
    ...relativamente al'ipotesi di collaborazione con lo SDAI, penso che col senno di poi siano tutti bravi...credo che a Villa San Giovanni, nell'operazione che ha coinvolto una bomba piu' grossa (4000 lb HC inglese), nessuno abbia prospettato tale ipotesi per motivi che si commentano da soli...a volte gli ecologisti hanno tutte le ragioni e qualsiasi dilettante puo' anche dire di portare la bomba sulla Luna...sono quelli che devono fare il lavoro che scelgono le opzioni migliori per tutta la comunita', con i minori impatti!


    Infine rispondo a Christian...
    http://www.ilsecoloxix.it/p/multimedia/ ... tml?hpar=1

    …questo il video dell’esplosione e l’intervista al sindaco il giorno dopo…non mi pare si vedano proiezioni straordinarie di materiali o si parli di danni o di pericolo di vite…semplicemente, forse secondo me, la strumentalizzazione di un’evento, per creare un casus belli…

    http://www.savonanews.it/2012/11/23/leg ... LjAplIWKA8

    …questa la pianificazione e le misure di sicurezza a Pallare sono state molto curate e oculate, dato l’ordigno da neutralizzare…

    http://www.unionemonregalese.it/index.p ... icolo=8520
    http://www.ivg.it/2012/11/pallare-brill ... programma/
    http://www.rsvn.it/bomba-di-genova-fatt ... c18412.htm
    …altri articoli esplicativi…

    Le notizie prima di postarle e commentarle, andrebbero verificate…
    Se ci fossero detriti sulla strada, alcune tegole rotte, mezzi della cava e la linea elettrica danneggiata, non sarebbero certo indice di un cattivo lavoro, semplicemente sono delle variabili inattese anche se spiacevoli, che vengono fuori quando la pianificazione, per motivi indipendenti dalla capacita' dell'operatore, viene meno e si deve risolvere il problema prima del calare della sera...ricordiamoci che nessuna vita è stata messa in pericolo da questa attivita' che è considerata eccezzionale e che ogni danno, sempre che esista… verra' sicuramente ripagato da chi era il responsabile dell'attivita'…con buona pace di chi evidentemente non ha le competenze necessarie a considerare tali attivita’con il peso che meritano…non di questo parere il Sindaco che ha apprezzato il lavoro del personale militare ed era perfettamente conscio delle motivazioni che portavano i tecnici alla scelta di quel sito.

    Infine il sistema con le balle di fieno e i copertoni è stato abbandonato da tempo…inutili i potenziali vantaggi e il fieno diventava materiale che poteva propagare un’incendio non voluto ( come nel video da me postato su Monaco ) , i copertoni rimanevano sepolti in nel terreno…molto meglio la sabbia bagnata e il terreno umido che hanno un coefficiente di peso e di schermatura delle schegge notevole, a fronte di alcuna controindicazione di natura ambientale…e inoltre fieno e copertoni non sono contemplati da alcuna pubblicazione tecnica…
    ...la camera di espansione è un posto creato dal personale a mezzo della cassa in legno, stagna al terreno, dove viene posizionata la bomba, per permettere di confezionare l’innesco e renderlo immune al peso e alle sollecitazioni della terra di riporto, durante la chiusura dell’opera stessa di protezione, permettendo l’innesco della carica di neutralizzazione dalla superficie dello scavo stesso.
    La rottura delle onde sismiche si ottiene in ben altre maniere, ovvero con delle opere dette di trinceramento, ovvero delle trincee, profonde almeno quanto lo scavo della bomba( invece detto fornello), sagomate per rompere le onde di pressione sismiche semplicemente mediante la mancanza di terreno…questa opera viene realizzata per proteggere abitazioni o manufatti sensibili ( gasdotti, condotte idriche) posti nelle immediate vicinanze del fornello stesso.

    …nota tecnica… nell’esecuzione di lavori come quelli che stiamo dibattendo, non partecipano, a titolo nemmeno informativo, persone che non abbiano livelli certificati minori del 2°Livello EOD …e solo relativi a personale militare…il resto è manovalanza, personale addetto alla sicurezza o alla logistica ed evidentemente digiuno di nozioni tecniche specifiche!!!
    Facile strumentalizzare una discussione solo con una fonte di stampa, diverso se si prendono le notizie nella loro globalita’ , si mostrano gli effetti attraverso il video e si ascoltano le parole del Sindaco…credo che non si debba troppo facilmente giungere a conclusioni affrettate e creare inutili allarmismi, per dirla con parole profetiche…

    Gli artificieri dell’Esercito hanno fatto quello che è stato loro richiesto, hanno portato a termine l’incarico e ovviamente in un Paese come il nostro ci sono polemiche anche per questo…

    I marinai dicono :" Chi sta a mare naviga e chi sta a terra giudica..."..e alcuni, a terra, non sanno nemmeno nuotare!
    Ciao a tutti, Francesco …Utente.
    Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza

    Leonardo da Vinci

Pagina 4 di 6 PrimaPrima ... 23456 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato