Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 24

Discussione: RSI Xa MAS. Falso d'autore n. 1

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    91
    Come ho spiegato non volevo assolutamente fare polemica.
    Non solo "PIESSE", ma tutti sono animati da un forte spirito collaborativo, che è quello che cercavo di stimolare con la mia postata.
    Tornando all'oggetto, la cosa che più ha attirato la mia attenzione sono stati i "cicli" di lavoro, o meglio la sequenza:
    prima sono state fatte le scalfitture (tutte uguali, come se l'elmetto nel suo ciclo operativo prendesse contro sempre le stesse cose!), poi è stato fatto il Leone di San Marco: se guardate bene sotto all'ala ci sono tre graffi che sono stati coperti dalla vernice rossa.
    Molto evidenti, poi, i puntini sul pellame che indicano l'utilizzo di uno spray per gettare qualcosa (olio? liquido infiammabile?
    Un altra considerazione è che questi elmetti erano "prodotti" a un livello distributivo di reparto, quindi tutti dovrebbero essere usati, almeno un poco. Non credo vi fossero simili giacenze di magazzino, almeno completi di ancora, tricolore e addirittura leone!
    Questo invece, in testa è stato messo ben poco: ha ancora i pallini di cuoio all'interno dei fori, che si stachirebbero dopo due giorni di utilizzo!
    Un amico che considero più esperto di me, quando lo ha visto mi ha confessato che non aveva notato tanti dettagli e, data la "bellezza" dell'insieme l'avrebbe trattato con il venditore.
    Immagino tanti collezionisti con meno esperienza, intortati dalla favoletta "l'ho appena recuperato da un casale in ristrutturazione in Liguria" come potrebbero reagire: nel mio caso ho puntato all'asta e me lo sono addirittura aggiudicato!!!!!

  2. #12
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Caro Bird Dog, nessun intento non collaborativo da parte mia o soprattutto di sterile critica.
    Sinceramente mi cascano un po' le braccia, alle volte, ma questo evidentemente è un mio problema.

    Quindi cerchiamo di dire almeno ciò che è marchiano a prima vista: innanzi tutto i rivetti postbellici e con l'alone di ruggine intorno chiaramente costruito; non ci vogliono tecniche particolari; andate in ferramenta, comprate una bottiglietta di acido cloridrico, di quello che vosta madre o vostra moglie usa per pulire le superfici più ostiche, applicatelo con un pennellino e dopo qualche ora avete la vostra bella ruggine; se poi risciaquate, passate un batuffolo imbevuto di olio motore vecchio magari insieme a polvere di grafite, o comunque tutti gli intrugli che potete fare con polvere, limatura di ferro, fondi di caffè, oli esausti e schifezze varie e la ruggine perde anche l'alone rossastro e tende a diventare come la ruggine vecchia.
    Sempre nella solita ferramenta, trovate per quattro soldi dei mini cannelli da saldatura a cui si applicano bombolette di gas lunghe una quindicina/venti centimetri (si usano per fare saldature di precisione sia con stagno che con bacchette in argentana); con una semplicissima regolazione fanno una fiamma concentrata (tipo fiamma ossidrica) oppure non a pressione (tipo una candela) e vi renderete conto di come è semplice simulare invecchiamento e cottura di vernici e parti in cuoio.
    Poi guarda quell'ancora, né fatta a tampone, né decal, né fatta a mascherina metallica, non c'è segno di corona regia abrasa mentre un elmetto così vissuto dovrebbe teoricamente essere un Regia Marina riutilizzato.

    Le picchiettature fatte con una punta di cacciavite-piccolo scalpello-martellino da cercatori di minerali o attrezzi simili, ripetuti sistematicamente.

    La pelle chiaramente invecchiata ad arte (male secondo me) ma ancora vivace nell'aspetto, intuisco flessibile, con uno stringhetto perfetto (...); all'interno di un elmetto così avrebbe dovuto essere quando meno rinsecchita, impolverata, ecc. ecc.
    Dubitare ALLA GRANDE degli elmetti italiani senza soggolo; per come son fatti i soggoli italiani magari si spezzano ma un frammento attaccato resta quasi sempre; quando non c'è, e invece resta il cuoioi dell'imbottitura, al 90% è perché era di tela (postbellico) e si è tolto per simulare un elmetto bellico.
    Il colore generale, pur col beneficio d'inventario della distorsione fotografica, non è convincente.
    Soprassiedo sullo scudetto tricolore (quanto meno sovradimensionato) e sulla grafica del "leone", per i quai ci puiò sempre essere la remota probabilità* della "personalizzazione" e del non standard, mentre invece voglio far notare che non è discriminante il fatto che questi fregi eventualmente originali possano essere fatti sulle scrostature: gli elmetti della RSI in grandissima parte erano elmetti "riciclati" e quindi usati; non è che prima di applicare i nuovi fregi passassero in carrozzeria, quindi se c'era qualche graffio, magari anche rugginoso dopo diversi anni di uso bellico, amen, si dipingeva sopra e via.

    Infine questo elmetto dà* l'impressione, dopo le suddette operazioni, di essere stato preso e messo in un secchio con acqua sporca e salata, magari, perché no, con l'aggiunta di qualche pipì ogni tanto, e lasciato per qualche giorno o settimana in salamoia.

    Infine, massì, anche qualche schizzo di malta di calce e cemento, che non fa mai male.

    Se posso permettermi un consiglio che non vuol essere irriverente ma penso molto utile: lo pensaavo ieri fra me e me, dato che in questi giorni, tra gli altri mi sono arrivati due elmetti Bulgari, un M36A e un M36B: procuratevi qualcuno di questi elmetti, o altri magari postbellici, che si trovano a due lire; ad un costo irrisorio avete per le mani oggetti indubbiamente autentici e vissuti e questo vi dà* un metro di paragone ed è una "palestra" per affinare l'esperienza assai più utile di tuto ciò che potete leggere o sentire da esperti veri o presunti.
    Senza considerare che magari aprite l'orizzonte collezionistico a oggetti che hanno anch'essi fascino e dignità*.

    E per i RSI (ma non solo) aspettate di avere un po' più di esperienza, referenti affidabili, e preparatevi a sborsare cifre piuttosto importanti, colpi di sedere a parte, tipo l'oggetto rimasto dimenticato nella cantina o nella soffitta del vecchio parente, che di tutt'altro si occupa che non di vecchiume militare []

    Senza alcuna presunzione, ma con l'esperienza di chi c'è cascato prima.

  3. #13
    Banned
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    759
    Ringrazio il gentile e collaborativo Bird Dog per avere postato questa discussione;non concordo assolutamente sulle valutazioni di alcuni intervenuti.Credo che molti, trovandoselo davanti in un mercatino, e non in fiere di settore, avrebbero potuto comprarlo.Inoltre credo che sia un vero elmetto marina post, ovviamente camuffato ad arte.[]

  4. #14
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Citazione Originariamente Scritto da ENRIK

    ...Credo che molti, trovandoselo davanti in un mercatino, e non in fiere di settore, avrebbero potuto comprarlo...[]
    Ma vi chiedete mai perché nel solito sito d'aste virtuale le decine di elmetti come questo ricevono poche offerte e il prezzo resta sempre basso, beninteso relativamente agli originali, (...l'affare....) mentre quando c'è un pezzo inequivocabilmente buono è una lotta fra numerosissime offerte di gente tra l'altro con ragguardevoli fedback e il prezzo va sempre alle stelle?
    Gli esperti seguono le aste e state pur certi che se c'è un pezzo buono non sfugge all'attenzione....

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    91
    Io nelle aste ho comprato dei bellissimi oggetti, a volte a prezzi ridicoli, da persone che non conoscevo affatto e che poi ho potuto conscere meglio anche di persona. Veri collezionisti e gente molto esperta. Per alcuni di questi oggetti sono rimasto esterefatto dal non avere avuto (o quasi) competizione ed io stesso non ho ricevuto offerte su alcuni doppioni della mia collezione decisamente belli ed originali.
    Le aste su iternet sono delle bestie strane, e secondo me sfuggono a molte delle logiche tradizionali. Non dimentichiamo, poi, che gli astisti "esperti" non offrono mai durante l'asta, ma aspettano l'ultima frazione di secondo, ovviamente per non fare lievitare inutilmente il prezzo. Il mio nome, per esempio, non lo troverai MAI durante i giorni di attesa.
    Sono invece shoccato da quanta gente conosce tutte queste tecniche di invecchiamento (e mi sembra di capire, da queste discussioni, che non sono l'unico). Io non mi ero mai posto il problema, prima d'ora.
    Relativamente ai graffi sotto all'ala, mi riferivo ovviamente al fatto che questi erano i graffi "fasulli" (infatti sono identici a quelli che punteggiano l'intero elmetto) e, su questa base, io escludevo anche l'ipotesi della personalizzazione dell'elmetto. Credo che in Italia non esista un collezionista che pensi che i 33 in uso nella RSI venissero riverniciati accuratamente prima di applicare le proprie insegne!!!
    Comunque grazie mille per le osservazioni e precisazioni.
    Mi sono state di grande aiuto ed ho imparato tante cose nuove: è un piacere avere a che fare con veri Esperti.
    Renzo Catellani

  6. #16
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Un momento, Bird Dog.

    Prima di tutto, se ti riferisci a me, non sono assolutamente un esperto, tantomeno con la E maiuscola.

    Non ho assolutamente detto che sui siti d'asta non si comprano oggetti validi, anzi, io stesso ne ho comprati molti, e spesso buoni, ma non li ho mai avuti per regalo, quelli buoni; diciamo che forse qualcosa meno che a un mercatino sì, se si ha fortuna e si fa attenzione.
    Del resto chi vende in un mercatino e si sobbarca tutta una serie di spese e impegno, in qualche modo cerca di ripagarselo.
    Poi le strategie d'asta adottate possono essere molteplici, da rilanciare all'ultimo secondo, a fare offerte preliminari alte che intimoriscono gli altri, a darsi mentalmente un limite oltre il quale non andare.
    Nella mia personale esperienza hanno funzionato un po' tutte le tattiche, e nello stesso tempo tutte hanno l'altra faccia della medaglia, di modo che altre volte invece magari per un euro di differenza ho perso pezzi che mi piacevano.

    Tornando ai falsi, diciamo che molti di noi credo abbiano "giocato" con gli elmetti, magari gusci rugginosi o appunto M33 postbellici da "un tanto al kilo, prezzo di fonderia"; ecco perché si può dire qualcosa sulle tecniche più o meno artigianali di invecchiamento; il punto a parer mio è che esistono Ditte specializzate che producono a ritmo continuo e costante falsi di ottima fattura, generalmente specificandolo, ma non sempre; il problema è che questi pezzi, magari comprati inizialmente tanto per avere qualcosa in attesa dell'originale, poi vengono rivenduti sperando non solo di recuperare la spesa ma provando anche a farci un po' di cresta; e così, due o tre passaggi, capita quello che cerca di spacciarlo per originale, chi ci casca poi magari cerca di fare lo stesso e il meccanismo diventa perverso, tutti sostanzialmente poco colpevoli, vittime e carnefici al tempo stesso.
    Poi ci sono i falsi "per gioco" li chiamerei, tipo quello, secondo me beninteso, che hai postato tu; non credibili ad un occhio appena un po' più smaliziato, ma fatti da qualcuno come me o te che magari un fine settimana si diverte a pasticciare un po' su un vecchio elmetto da due soldi, senza alcun intento truffaldino; poi magari dopo un po' di tempo lo da via, o per regalo, o per tre soldi, tanto per ripagare tempo e vernice, facendo presente di cosa si tratta; però anche qui due o tre passaggi e la frittata è fatta.

    Un esempio che a volte ho rifatto: da ragazzino, fine anni 60/ primi 70 più o meno, complice una discreta vena artistica e il fatto che allora qualche guscio specie tedesco dalle mie parti si trovava spesso e con facilità*, e non gli veviva dato granché valore, ne ho dipinti diversi per gli amici per andare in moto, erano di moda; ne ricordo fatti a bandiera inglese per esempio; non so che fine abbiano fatto, ma non mi meraviglierei di vederne qualcuno magari riapparire come "souvenir reducistico del veterano Alistair o Philip o Arthur della campagna d'Italia"...... e magari pure in buona fede....

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    91
    Caro Piesse,
    quando parlavo di Esperti con la "E" maiuscola non mi riferivo a nessuno in particolare, ma a tanti in generale. Credo che in questo Forum, che seguo da tempo senza mai essermi iscritto, ce ne siano parecchi e non intendevo certo fare sarcasmo. In certi campi della militaria, io stesso mi considero un Esperto con la "E" maiuscola (viva la sincerità* ed abbasso la modestia!!!).
    Volevo solo ribadire che siamo tutti in balia di un mercato impazzito, ed in qualche modo dobbiamo fare più di una riflessione. Esattamente quello che stiamo facendo.
    Francamente non so cosa dire e cosa fare, di preciso. Per questo motivo ho deciso di iscrivermi e buttare il "mio" sasso in questo stagno. Quando sono costruttive le critiche, sono molto apprezzate, e vedo che, ad esempio, questo topic è già* stato molto seguito. Questo è un bene.
    Sai cosa mi preoccupa? che, tanto per fare un esempio, qualcuno approfitti delle nostre discussioni per migliorare le proprie tecniche, ed anzichè su Internet porti il falso ad un mercatino e anzichè chiedere i 500 Euro si accontenti di 70-80. E che magari abbini all'elmetto due o tre foto di un qualsiasi reduce (di quelle, per intenderci che nessuno compra mai perchè c'è il solito soldatino in camicia senza alcun distintivo), e che dica che ha torvato il tutto mentre svuotava una cantina. Cosa succederebbe in questo caso?
    Sai quanta gente c'è che ci cascherebbee?
    Quindi, quale è o potrebbe essere il nostro ruolo?
    A presto!
    Renzo Catellani

  8. #18
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Citazione Originariamente Scritto da Bird Dog
    ...e che dica che ha torvato il tutto mentre svuotava una cantina. Cosa succederebbe in questo caso?
    Sai quanta gente c'è che ci cascherebbee?
    Quindi, quale è o potrebbe essere il nostro ruolo?
    ...
    Molto modestamente posso consigliare di comprare (o non comprare) gli oggetti e non le storie...

  9. #19
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    91
    Quanto hai ragione!!! Ma purtroppo non è sempre così.

  10. #20
    Banned
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    186

    Re: RSI Xa MAS. Falso d'autore n. 1

    Premetto che gli elmi con fregi (di qualsiasi nazione e tantomeno Rsi) non li ho mai cercati ma pochi decenni fa un rottame come questo avrebbe ingannato anche l'esperto di turno specie se trovati sulla bancarella del mercatino. Ho conosciuto un tizio che raccoglieva anni e anni fa degli M33 italiani (non tedeschi SS biscudo ecc..) con fregi vari (dipinti a mascherina e non) qualche tempo fà* con il risultato di avere un elmetto "mai toccato" ogni dieci taroccati (compresi molti comprati da un '"amico" con la "passione del pennello"). Ma oggi avviene il contrario, neanche un collezionista (non parlo di uno che l'altro giorno collezionava cartoline) con un minimo di conoscenza comprerebbe una cosa del genere buttando via un sacco di soldi per un oggetto con probabilità* al 50-90% di essere dipinto ieri o trent'anni fa con vernici d'epoca. Alla fine chi ci rimette sono sempre i soliti "furbi del mercatino" di militaria e non. Prova a piazzare oggi un "33 mimetico erreesseì Decima originale garantito al 100%" - più facile vendere un elmo postbellico.

    Goodbye

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato