Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: San Gabriele Possenti - Protettore dei tiratori scelti

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286

    Angry San Gabriele Possenti - Protettore dei tiratori scelti

    [attachment=1:2r9h8kfv]img14.jpg[/attachment:2r9h8kfv]


    LA PREGHIERA DEL TIRATORE:
    [attachment=0:2r9h8kfv]img15.jpg[/attachment:2r9h8kfv]

    La vita
    Francesco Possenti nacque ad Assisi il 1° marzo 1838 in una famiglia aristocratica; il padre Sante, che ricopriva la carica di governatore dello Stato Pontificio, e la madre Agnese Frisciotti avviarono agli studi il giovane Francesco, descritto come di bell'aspetto, brillante in società*, dedito alla caccia e molto colto. In seguito a una visione in cui la Madonna lo invitò a farsi religioso, il 21 settembre 1856 entrò come novizio nel convento dei Passionisti di Morrovalle (MC) e ricevette il nome di Gabriele dell'Addolorata. Dopo aver compiuto gli studi filosofici a Pieve Torina (MC), nel 1859 giunse a Isola del Gran Sasso (in provincia di Teramo) per completare in quel ritiro la sua preparazione teologica prima di ricevere gli ordini sacerdotali.
    Nel convento si distinse per devozione e bontà* d'animo; pregava intere ore davanti al Crocifisso e mostrava un sentimento particolare per la Madonna dei sette Dolori cui aveva dedicato la sua vita religiosa.
    Ammalatosi di tubercolosi, si spense il 27 febbraio 1862. Fu sepolto nella fossa comune dei religiosi, all'interno della chiesa del Convento. La fama della sua santità* si era intanto sparsa nei paesi circostanti e la sua tomba divenne presto meta di pellegrini e di devoti che vi ricevevano miracoli e guarigioni prodigiose.
    Nel 1892 iniziava la glorificazione di San Gabriele. Fu beatificato il 31 maggio 1908 nella basilica Vaticana; papa Benedetto XV lo canonizzò nel 1920. Nel 1959, papa Giovanni XXIII lo nominò patrono dell'Abruzzo (in quella regione trascorse i suoi due ultimi anni di vita), ove è festeggiato il 27 febbraio.

    Il fatto
    Sappiamo che nel 1859 Possenti giunse a Isola del Gran Sasso per concludere gli studi prima di ricevere l'ordine sacerdotale. Nel 1860 una banda di soldati entrò nel piccolo paese abruzzese, terrorizzando la popolazione con evidenti propositi bellicosi. C'è anche chi sostiene che si trattasse di un gruppo di garibaldini, ipotesi plausibile visto che il giorno 8 novembre di quell'anno era avvenuto lo storico incontro di Teano (più a sud di circa duecento chilometri) che sancì di fatto lo scioglimento dei Mille.
    Possenti, con il permesso del rettore del seminario, andò verso il centro della cittadina per affrontare i razziatori. Secondo una versione dell`episodio, si avvicinò disarmato ai banditi, uno dei quali aveva catturato una giovane che intendeva rapire; con mossa rapida, Possenti afferrò prima la pistola (si parla addirittura di revolver, ma è più plausibile una monocolpo a percussione) che quel malfattore teneva alla cinta, ordinandogli di lasciare la ragazza, poi prese quella di un altro bandito che gli si era nel frattempo avvicinato. Secondo un'altra versione, Possenti uscì armato dal seminario e, al cospetto dei malfattori, estrasse le due pistole che nascondeva sotto la tunica.
    Da questo punto in poi le versioni sull`episodio sono unanimi: il seminarista armato provocò la reazione spavalda e minacciosa degli altri banditi, che lo affrontarono dubitando delle capacità* del giovane.
    Senza perdere la calma, Possenti indicò agli astanti una lucertola che stava correndo dall'altra parte della strada; una sosta fu fatale al piccolo animale, poiché il giovane seminarista la colpì di netto con una delle due pistole che aveva in mano.

    Questa dimostrazione inaspettata di abilità* nell'uso della pistola indusse i banditi a una rapida riflessione sui loro intenti malsani: Possenti (che brandiva ancora una pistola carica) ordinò loro di arrendersi e costoro, senza farselo ripetere un'altra volta, lasciarono precipitosamente il paese. Senza spargimento di sangue Â* se si eccettua quello della malcapitata, ma provvidenziale lucertola Â* era stata risolta brillantemente una situazione molto grave e pericolosa. La popolazione accompagnò in trionfo il giovane verso il seminario, proclamandolo "salvatore di Isola".
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato