Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14

Discussione: San Pietro Infine, the "Ghost Town"...

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Gustav Line
    Messaggi
    1,599

    San Pietro Infine, the "Ghost Town"...

    San Pietro Infine è un simbolo muto di dolore che si perde nella nebbia del tempo; fino a quel dicembre del 1943, quando la storia decise che per lui era venuto il tempo di versare il suo contributo in nome della follia umana. Era un piccolo paese rurale, con qualche negozio, dedito soprattutto all’agricoltura e popolato da persone pacifiche. Ma di tutto questo alla guerra non importò nulla quando passò su quella terra, per quelle case, senza minimamente degnarsi di considerare che quelle poche cose erano tutto per gli abitanti di San Pietro.
    Quel che rimase “dopo” furono le macerie, unite a quel dolore tipico, acuto, che ti impregna l’anima e inumidisce gli occhi appena capisci che non hai più niente, che molte persone care non ci sono più, che sei rimasto solo contro il mondo.
    San Pietro è rinata dopo la guerra, ma non dov’era…più giù, più a valle, come se nessuna casa, alcuna fondamenta possa reggere su quel terreno intriso di morte e di dolore. Il vecchio paese in rovina esiste ancora, è ancora lì, come un monito, una sorta di accusa perenne portata dagli uomini alla guerra.

    CENNI STORICI
    San Pietro Infine è un piccolo paese posto al margine nord del Casertano, che per la sua particolare posizione geografica sembra fungere da cardine a ben tre regioni: il Lazio, la Campania, ed il Molise.
    Tale posizione nel territorio, dominata dai monti Sammucro, Lungo e Cesima, era nel 1943 di principale importanza perché attraverso San Pietro e seguendo la Strada Statale 6 Casilina, si poteva accedere a tre importanti aree dell'Italia centrale: la valle del Liri, la piana di Venafro e pianura Campana.
    Il nome di San Pietro Infine quindi, assieme a quello di Monte Lungo, fu subito notato dai comandanti della V Armata americana che risaliva la penisola in direzione di Roma; essi, infatti, ancora totalmente all'oscuro di quanto i tedeschi stavano preparando a Cassino, ritenevano che una volta superata San Pietro lo sbocco nella valle del Liri sarebbe stato trovato relativamente presto, consentendo il raggiungimento della Capitale in tempi brevi.
    Purtroppo per loro però, San Pietro era stata notata anche dai tedeschi, pur se con prerogative ben diverse.
    Per San Pietro e Mignano Monte Lungo correva, infatti, la Linea Reinhardt, o Linea d'inverno, una serie di postazioni difensive realizzate al fine di rallentare l'avanzata alleata, nell'attesa che fossero ultimati i preparativi sul bastione principale rappresentato dalla Linea Gustav, a Cassino. Era proprio qui, tra il piccolo paese e la stretta di Mignano quindi, che doveva essere fatto il massimo sforzo per bloccare gli americani prima di ritirarsi all'ombra del Monastero.
    Poco prima di dicembre pertanto, i tedeschi si attestarono nel territorio di San Pietro Infine e lo munirono con postazioni protette da vasti campi di mine e filo spinato, ben decisi ad assolvere quello che era il compito loro assegnato: fermare gli americani.
    Questi ultimi attaccarono il paese nei primi giorni di dicembre, ma furono fermati con gravi perdite dalla resistenza germanica che proteggeva il fianco sinistro di Monte Lungo, attaccato a sua volta dal 1° Raggruppamento Motorizzato Italiano.
    Nei periodo 8 - 16 dicembre 1943, San Pietro Infine fu sottoposto ad un incessante bombardamento d'artiglieria, al punto da esserne pressoché distrutto totalmente.
    Gli americani della 36ª divisione "Texas" riuscirono ad entrarvi solo il 17, grazie anche al fatto che i tedeschi, vista l’imminente perdita di Monte Lungo, si ritirarono per non correre il rischio di essere accerchiati.
    La battaglia di San Pietro Infine costò molto cara: circa 130 dei suoi abitanti persero la vita durante i combattimenti. La distruzione del piccolo paese fu totale, tanto da costringere la sua ricostruzione negli anni successivi poco più a valle. Tuttavia la vecchia San Pietro esiste ancora, immersa nella vegetazione e preservata grazie ad alcune iniziative locali. E' possibile, ancora oggi, aggirarsi tra le sue vie deserte ed in rovina, dalle quali il dolore di quei giorni del 1943 sembra non essersene mai andato.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Passo il tempo cercando gocce di storia, fili di verità e tracce di me stesso.

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088

    Re: San Pietro Infine, the "Ghost Town"...

    In Spagna Belchite è un attrattiva turistica molto famosa e visitata.

    viewtopic.php?f=65&t=34106

    In Italia, chi conosceva prima di questa discussione San Pietro Infine?
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Gustav Line
    Messaggi
    1,599

    Re: San Pietro Infine, the "Ghost Town"...

    Credo qualsiasi appassionato di Campagna d'Italia che abbia studiato un minimo e che abbia visto il famoso documentario di John Houston "The Battle for San Pietro". Cercatelo su Youtube...è molto bello e crudo al tempo stesso.
    Houston era all'epoca a capo di un reparto di "Combat - Cameramen" inviato in loco per documentare la durezza della Campagna di guerra italiana. Alla fine, quando il suo documentario fu visionato negli USA, i vertici delle FF.AA americane lo giudicarono "troppo crudo" (si vedevano i morti americani messi nei sacchi prima della sepoltura) e ne autorizzarono la diffusione solo dopo aver operato numerosi "tagli" alla pellicola. La versione integrale è stata declassificata solo negli anni '90 e si deve la sua conoscenza al giornalista RAI Roberto Olla (quello che realizzò la trasmissione "Combat Film"), che lo portò in Italia.
    Passo il tempo cercando gocce di storia, fili di verità e tracce di me stesso.

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088

    Re: San Pietro Infine, the "Ghost Town"...

    Appassionati, ok... ma la gente normale?
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Gustav Line
    Messaggi
    1,599

    Re: San Pietro Infine, the "Ghost Town"...

    Ah beh...quella penso non sappia nulla e mai saprà. Ma non ho capito dove vuoi arrivare, nel senso...ritengo che a me, ad esempio, che non importa nulla della pesca, rimanga oscura la tipologia di pesce che trovi in un mare piuttosto che in un altro...ma la ritengo normale, non essendo io pescatore né intendendo diventarlo...
    Passo il tempo cercando gocce di storia, fili di verità e tracce di me stesso.

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    255

    Re: San Pietro Infine, the "Ghost Town"...

    Conosco San Pietro Infine e devo ammettere che il documentario di Huston è molto bello e crudo, ho seguito con interesse la serie di trasmissioni "Combat Film" molto ben fatta, a tal proposito ricordo che nel corso di una delle puntate il conduttore intervistò una persona del pubblico chiedendo se conoscesse Badoglio e non ottenne alcuna risposta? Conosco la storia di tutti i paesi che ebbero la sfortuna di trovarsi inglobati o sfiorati dalla Linea Gustav, abito dalle parti della foce del Garigliano e da me le vestigia della guerra sono ancora presenti, spesso mi inbatto in residuati o resti di fortificazioni.

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088

    Re: San Pietro Infine, the "Ghost Town"...

    Nel senso che una corrente turistica aiuta una zona a vivere meglio.
    Non basta avere frammenti di storia, bisogna poter commercializzare ciò che si ha.
    Anche per non dimenticare, se nessuno sa nulla, scende il buio.
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Gustav Line
    Messaggi
    1,599

    Re: San Pietro Infine, the "Ghost Town"...

    Citazione Originariamente Scritto da kleiner pal
    Nel senso che una corrente turistica aiuta una zona a vivere meglio.
    Non basta avere frammenti di storia, bisogna poter commercializzare ciò che si ha.
    Anche per non dimenticare, se nessuno sa nulla, scende il buio.
    Perfettamente d'accordo con Te.
    E' questa la differenza che c'è tra le ns zone di guerra e, ad esempio, la Normandia. Da quelle parti un posto come San Pietro Infine sarebbe stato reso simile a museo all'aperto, un pò come Oradour sur Glane. Da noi invece va in rovina con il passar del tempo.
    Passo il tempo cercando gocce di storia, fili di verità e tracce di me stesso.

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,275

    Re: San Pietro Infine, the "Ghost Town"...

    Citazione Originariamente Scritto da luigils
    a tal proposito ricordo che nel corso di una delle puntate il conduttore intervistò una persona del pubblico chiedendo se conoscesse Badoglio e non ottenne alcuna risposta?
    Perchè chi è Badoglio? Io conosco solo Graziani...

    Io capisco che siete degli appassionati di storia militare, ma mi meraviglio che ancora ci si meravigli. E' semplicemente utopistico...
    Per un semplice motivo. Sempre da quelle parti, tanto per dire, abbiamo una Pompei che crolla, abbiamo musei strapieni di materiale nascosto negli scantinati e spesso neppure catalogato, e poi vi chiedete come mai nessuno valorizza S. Pietro Infine?
    Cassino ha un bellissmo anfiteatro romano, scampato miracolosamente alle bombe, che nessuno va mai a vedere perchè tutti conoscono solo l'abbazia, tanto per dire.
    L'Italia ha perso da un pezzo anche la battaglia del turismo. Per gli stessi italiani, quelli che ancora possono permettersi una vacanza che non sia quella della disoccupazione, hanno convenienza ad andare all'estero: compreso il volo, si spende molto meno che in qualunque cesso italiota, sei servito e riverito in alberghi lussuosi. Basta andare in Tunisia, Egitto, Turchia, Grecia, Croazia, Spagna...

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088

    Re: San Pietro Infine, the "Ghost Town"...

    Dici il vero, purtroppo....
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato