Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 31 a 37 di 37

Discussione: Scoperta resti caduti 2 g.m. a Verona

  1. #31
    Utente registrato L'avatar di gotica68
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    toscana
    Messaggi
    1,421

    Re: Scoperta resti caduti 2 g.m. a Verona

    Concordo...grazie per i tuoi utili aggiornamenti, un saluto.

  2. #32
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    990

    Re: Scoperta resti caduti 2 g.m. a Verona

    Aggiornamento, tratto da un articolo dell'Arena di Verona:

    Simone Guidorzi, direttore del Museo della seconda guerra mondiale del fiume Po di Felonica, in provincia di Mantova, destreggiandosi tra chi gli scatta foto e chi gli chiede informazioni sui veicoli d'epoca, ci aggiorna sul recente ritrovamento dei resti di sei persone morte sotto un bombardamento, tra cui tre militari tedeschi, durante gli scavi in piazzale XXV Aprile, effettuati con l'aiuto dei volontari mantovani e di quelli guidati da Filippo Spadi, segretario della Gotica Toscana a cui fa riferimento Centro di documentazione storica di Scarperia, in provincia di Firenze. «Con l'unica piastrina di riconoscimento trovata riusciremo a capire la data del bombardamento», spiega Guidorzi facendo riferimento alla targhetta quasi illeggibile rinvenuta sui resti, «grazie a una comparazione di date che stiamo rintracciando negli archivi tedeschi. L'operazione non è semplice perchè in questo momento l'ufficio competente in Germania è impegnato nel riconoscimento di numerosi corpi di militari ritrovati nelle fosse comuni nell'ex Unione Sovietica. Là hanno un problema di permessi in scadenza e stanno cercando di recuperare il più possibile. Noi siamo in coda con le pratiche ma prima o poi contiamo di arrivare a capire almeno chi fosse uno di quei soldati per arrivare all'identità degli altri commilitoni. Poi i resti saranno sepolti nel cimitero tedesco a Costermano». Tra gli altri reperti sono stati recuperati un anello d'oro con inciso il simbolo di un fascio fascista, riconducibile agli anni '30, realizzato a Milano, e un anello di ferro e rame, il cosiddetto oro alla patria, dato a chi consegnava la propria fede nuziale per le spese di guerra. Anche questi oggetti sono sotto esame per tentare di risalire all'identità di chi li portava.

  3. #33
    Utente registrato L'avatar di CHri
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    1,468

    Re: Scoperta resti caduti 2 g.m. a Verona

    Citazione Originariamente Scritto da Festungsartillerie
    Aggiornamento, tratto da un articolo dell'Arena di Verona:

    Simone Guidorzi, direttore del Museo della seconda guerra mondiale del fiume Po di Felonica, in provincia di Mantova, destreggiandosi tra chi gli scatta foto e chi gli chiede informazioni sui veicoli d'epoca, ci aggiorna sul recente ritrovamento dei resti di sei persone morte sotto un bombardamento, tra cui tre militari tedeschi, durante gli scavi in piazzale XXV Aprile, effettuati con l'aiuto dei volontari mantovani e di quelli guidati da Filippo Spadi, segretario della Gotica Toscana a cui fa riferimento Centro di documentazione storica di Scarperia, in provincia di Firenze. «Con l'unica piastrina di riconoscimento trovata riusciremo a capire la data del bombardamento», spiega Guidorzi facendo riferimento alla targhetta quasi illeggibile rinvenuta sui resti, «grazie a una comparazione di date che stiamo rintracciando negli archivi tedeschi. L'operazione non è semplice perchè in questo momento l'ufficio competente in Germania è impegnato nel riconoscimento di numerosi corpi di militari ritrovati nelle fosse comuni nell'ex Unione Sovietica. Là hanno un problema di permessi in scadenza e stanno cercando di recuperare il più possibile. Noi siamo in coda con le pratiche ma prima o poi contiamo di arrivare a capire almeno chi fosse uno di quei soldati per arrivare all'identità degli altri commilitoni. Poi i resti saranno sepolti nel cimitero tedesco a Costermano». Tra gli altri reperti sono stati recuperati un anello d'oro con inciso il simbolo di un fascio fascista, riconducibile agli anni '30, realizzato a Milano, e un anello di ferro e rame, il cosiddetto oro alla patria, dato a chi consegnava la propria fede nuziale per le spese di guerra. Anche questi oggetti sono sotto esame per tentare di risalire all'identità di chi li portava.
    Ciao,speriamo che riescano a risalire all' identità sià dei soldati tedeschi che dei civili ! Grazie per l'aggiornamento!

  4. #34
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    990
    Ieri è apparso un altro articolo sul quotidiano di Verona L'Arena, lo posto integralmente per quando non fosse più disponibile online:
    Nuove ipotesi sui resti dei tre soldati tedeschi
    SCAVO E STORIA. Lo studio condotto dal centro «Gotica Toscana» sta analizzando divise e effetti rinvenuti. Difficile l'identificazione dei tre civili, tra cui una donna. I corpi ritrovati durante lo scavo per i lavori in stazione sarebbero di militari addetti alla ferrovia sorpresi da un raid aereo alleato

    Morirono in una fredda giornata di guerra, tra i 1944 e il 1945, sepolti dallo scoppio di una bomba. Sono tornati alla luce quasi settant'anni dopo, lo scorso gennaio. Ed era di nuovo inverno. Li hanno estratti dalla terra umida con addosso ancora i cappotti, le divise e gli stivali di cuoio. Come se il tempo, dopo la deflagrazione che li uccise, per loro si fosse bloccato. Dei tre soldati tedeschi, i cui resti sono stati rinvenuti nel ventre di piazzale XXV Aprile davanti alla stazione di Porta Nuova, oggi si sa qualcosa in più. «Erano probabilmente militari addetti al servizio ferroviario per la movimentazione dei materiali bellici. Facevano capo al comando dei trasporti delle truppe tedesche, che aveva sede all'Educandato statale Agli Angeli, a neanche un chilometro di distanza dallo scalo», spiega Filippo Spadi, segretario del centro di documentazione e ricerche storiche «Gotica Toscana». A quest'associazione è stato demandato il restauro e lo studio dei reperti veronesi. Gli oggetti più interessanti sono ora conservati nel museo della seconda guerra mondiale di Felonica (Mantova), il quale fa parte del circuito museale «North Appeninnes Po Valley Park» (Napvp), a sua volta organizzatore della rievocazione «La Colonna della libertà», transitata da Verona lo scorso aprile. Proprio in ragione del loro compito, i tre soldati si trovavano a poca distanza dai binari, quando vennero sorpresi da un raid aereo degli Alleati. Ironia della sorte: nel cortile dell'Educandato, nella primavera del 1944, il comando tedesco aveva avviato la costruzione di un bunker di cemento armato a prova di missile, tuttora intatto. Ma i militari tedeschi non morirono soli, perché le loro ossa sono state trovate mescolate a quelle di almeno altre tre persone: civili, a giudicare dai brandelli di vestiti. Una era una giovane donna, con un cappottino elegante, le scarpe col tacco, una fede d'oro al dito, e il rossetto ancora custodito nella borsetta. Forse non arriveremo mai a sapere chi erano quei sei sfortunati: gli effetti personali sono troppo erosi dal tempo. E anche l'anello della donna non riporta nomi all'interno, solo il timbro di un orafo milanese. Esiste tuttavia una speranza, ed è appesa a un reperto soltanto: la piastrina di riconoscimento che uno dei militari portava al collo. Quel piccolo ovale metallico, che al momento del rinvenimento risultava quasi illeggibile, potrebbe rivelare l'identità del suo proprietario. E con un po' di fortuna, rintracciando il nominativo nel registro dei dispersi, sarebbe possibile risalire pure al giorno esatto del bombardamento. Spadi prosegue: «Abbiamo pulito la targhetta per far riaffiorare la serie di lettere e numeri che vi è incisa sopra. Ci sono voluti diversi giorni di lavoro, a causa del cattivo stato di conservazione. Poi, l'abbiamo spedita in Germania, a Kassel, dove si trova il Servizio per le onoranze ai caduti germanici. Si tratta dell'ente preposto alla decodifica delle piastrine, essendo in possesso di tutti i vecchi registri della Wehrmacht». Un primo passo verso la soluzione del mistero. Ma occorrono mesi, di solito, per incrociare il codice con il nome e il cognome del proprietario. Nel frattempo, si pensa di allestire a Verona una mostra degli altri reperti: i resti delle uniformi, cui potrebbero essere affiancate riproduzioni fedeli dell'intera divisa, e poi gli zaini, le borracce, le gavette, i pennini, la pistola ritrovati nel piazzale della stazione. «Potremmo completare il tutto con una rassegna di foto storiche», conclude Spadi. «Proprio in questi giorni, un veterano americano ci ha inviato belle immagini della Verona di allora, dove lui si trovava in servizio». L.CO.

  5. #35
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Tra sepolture temporanee, bombardamenti indiscriminati e vendette postbelliche non si può aver mai la certezza di cos' abbiamo sotto i piedi...
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  6. #36
    Utente registrato L'avatar di gotica68
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    toscana
    Messaggi
    1,421
    grazie dell'integrazione Festungsartillerie

  7. #37
    Utente registrato L'avatar di brus
    Data Registrazione
    Feb 2010
    Località
    Verona
    Messaggi
    558
    Citazione Originariamente Scritto da Festungsartillerie Visualizza Messaggio
    ...Nel frattempo, si pensa di allestire a Verona una mostra degli altri reperti: i resti delle uniformi, cui potrebbero essere affiancate riproduzioni fedeli dell'intera divisa, e poi gli zaini, le borracce, le gavette, i pennini, la pistola ritrovati nel piazzale della stazione....
    Speriamo di si, sarebbe una bella iniziativa

    Avevo seguito con interesse la vicenda fin dall'inizio e, comunque si concluda, faccio i miei più sinceri complimenti alla Gotica Toscana e all'associazione museo di Felonica per il lavoro svolto.

    Cordialità
    brus

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •