Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14

Discussione: Scritte alleate sui muri dei vicoli di Genova

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Genova, Liguria
    Messaggi
    629

    Scritte alleate sui muri dei vicoli di Genova

    Non so se sono nella stanza, ma non sapevo proprio dove postare. Ho notato delle scritte su alcuni vicoli del centro storico di Genova, in particolare quelle nelle foto si trovano sul lato mare di quei vicoli che partono dalla cosidetta zona del molo vecchio.

    Immagine:

    67,26*KB

    Immagine:

    66,48*KB

    Immagine:

    67,02*KB

    alcune dicono: THIS STREET OFF LIMITS TO ALL ALLIED TROOPS
    altre: THIS AREA OFF LIMITS TO ALL ALLIED TROOPS
    tutte con una bella X sotto

    Sicuramente erano usate per segnalare le strade ritenute pericolose agli Alleati, ma da chi e pericolose per cosa dato che quando arrivarono gli alleati il 28 Aprile Genova era già* stata liberata dai partigiani? Forse era per via della presenza delle prostitute (più o meno è così ancora oggi in quelle zone)?
    "Quelle poche vestigia ci parlano della vita, e spesso della morte di uomini come noi, uomini che tra quei mattoni e quelle pietre trascorsero ore di fatica, di sconforto, di angoscia."
    Fortificazioni! Adoro le fortificazioni!

  2. #2
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324
    Sai? è una cosa che mi sono chiesto sempre anch'io...
    Ci sono (o forse è meglio dire c'erano, visto che manco da parecchio nella zona) simili scritte anche ad Anzio.
    Dubito che fosse per via delle prostitute. Forse per i cecchini, o, più probabilmente, solo per tenere concentrati i soldati in aree determinate perchè non facessero troppi guai, saccheggi, soprusi, violenze o simili... forse, una volta trovati nelle aree off limits dalle ronde della MP, sarebbero stati messi ai ferri tout court, senza andare troppo per il sottile...

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Genova, Liguria
    Messaggi
    629
    Escuderei i cecchini in questo caso perchè ad Anzio gli alleati sono sbarcati mentre c'erano ancora i tedeschi. A Genova invece sono arrivati da terra senza incontrare nessuna resistenza perchè la città* era già* stata liberata.
    "Quelle poche vestigia ci parlano della vita, e spesso della morte di uomini come noi, uomini che tra quei mattoni e quelle pietre trascorsero ore di fatica, di sconforto, di angoscia."
    Fortificazioni! Adoro le fortificazioni!

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218
    Nell'immediato dopoguerra certe aree, certe strade, o semplecemente certi locali, erano vietati alle truppe alleate non per motivi bellici, che ormai erano cessati, ma per motivi di sicurezza personale a causa della delinquenza locale ed anche per la prostituzione ed il contrabbando.
    Tale situazione durò, almeno per Genova, per parecchio tempo nei confronti dei marinai delle navi che giungevano in visita.
    Avevo visto queste scritte già* almeno venti anni fa e pensavo che fossero state cancellate dopo gli abbellimenti del G8 ma evidentemente queste scritte sono come quelle fasciste, sopravvivono sempre.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  5. #5
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Liguria
    Messaggi
    8,022
    Citazione Originariamente Scritto da kanister

    Nell'immediato dopoguerra certe aree, certe strade, o semplecemente certi locali, erano vietati alle truppe alleate non per motivi bellici, che ormai erano cessati, ma per motivi di sicurezza personale a causa della delinquenza locale ed anche per la prostituzione ed il contrabbando.
    Tale situazione durò, almeno per Genova, per parecchio tempo nei confronti dei marinai delle navi che giungevano in visita.
    Avevo visto queste scritte già* almeno venti anni fa e pensavo che fossero state cancellate dopo gli abbellimenti del G8 ma evidentemente queste scritte sono come quelle fasciste, sopravvivono sempre.
    Quoto tutto quello che hai detto.. sicuramente queste scritte fanno parte del dopoguerra.. qualche decennio fa spesso le portaerei Americane arrivavano in rada nel porto di Genova e nel pomeriggio giungevano le lance con a bordo decine e decine di Marines che si fiondavano nel centro storico - i genovesi con qualche hanno in più si ricorderanno le scazzottate che hanno fatto 30/40 anni fa i soldati con le beline locali.. i Marines si ubriacavano all'inverosimile nei bar e nei Night del centro storico poi una battuta a qualche donna o uno spintone involontario e via [boing] ... dopodichè arrivavano MP, Carabinieri e Polizia che portavano tutti via.. però bei tempi !..
    Ciao Viper 4
    Gigi "Viper 4"

    "...Non mi sento colpevole.. Ho fatto il mio lavoro senza fare del male a nessuno.. Non ho sparato un solo colpo durante tutta la guerra.. Non rimpiango niente.. Ho fatto il mio dovere di soldato come milioni di altri Tedeschi..." - Rochus Misch dal libro L'ultimo

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    2,060
    Io penso che le scritte stessero ad indicare proprio quelle aree ove si trovavano i bordelli. E' possibile che ti capitino anche delle scritte OUT OF BOUNDS.
    ciao

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286
    Io ho letto un libro qualche mese fa sulla "Vita quotidiana a Modena sotto il Governo Militare Alleato", una interessante cronologia di quello che accadde in quei 3 mesi e mezzo "d'occupazione", ed è raccontato anche tra le altre cose di queste zone contrassegnate da scritte, nel caso di Modena ....Poichè le case chiuse erano vietate ai militari alleati, su di una colonna del portico del viale, spiccava un'eloquente scritta in stampatello maiuscolo nero: OFF LIMITS. I soldati inglesi e americani dovevano arrangiarsi col rischio di contrarre malattie veneree....
    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  8. #8
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324
    Pensavo, erroneamente, che le scritte si riferissero ai momenti immediatamente successivi agli sbarchi...
    Francamente, però, su una cosa non mi trovo pienamente d'accordo: non capisco perchè l'esercito americano dovesse proibire di frequentare i bordelli...
    La legge Merlin non c'era ancora stata e qundi perchè proibire a loro ciò che era concesso a noi?
    Non solo: le forze armate americane distribuivano condom e buoni da usare e spendere in certi locali...
    Quindi non direi che era "PER via delle prostitute" tout court...
    Magari CERTI locali erano off limits, ma non per le prostitute, ma per CERTE prostitute, CERTI elementi locali e, magari CERTI tipini, civili o militari, che avrebbero restituito il soldatino sbucherellato o tagliato...?
    Quindi meglio consentire che i soldati circolassero solo in certe zone, perchè TUTTA la città* non si poteva controllare...
    Se cercate sul web qualche informazione sulla delinquenza in Italia nel secondo dopoguerra capirete che il Far West fosse mooolto più sicuro di certe zone in Italia ed Europa...

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218
    Ciao Klaus, avrai notato che parlavo non di tutta la città* ma di certe areee, certe strade o certi locali, quindi mi associo alla tua precisazione.
    A Viper farei notare che quelli che scendevano a terra erano soprattutto marinai. Anche se su quasi tutte le navi statunitensi c'è una piccola aliquota di marines questi sono sempre e comunque una minoranza rispetto ai marinai. Non facciamo la classica confusione che si trova a volte anche in certi musei. Ho trovato una vetrina in cui era esposto un "marines della 10th da montagna". Quando ho chiesto perchè non ci fosse un "alpino da sbarco" non mi hanno capito!
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    1,596
    daccordo con le vostre considerazioni...relativamente all'Italia
    l'esperienza di Napoli, (città*, sopratutto porto) e non solo, fu deleteria per gli alleati..
    penso che il circoscrivere aree a più alta concentrazione di rischio per i militari fosse divenuta una prassi necessaria.."La Fame" la faceva da padrona, con tutte quelle che erano le situazioni a lei collegata..

    cmq..foto interessanti..

    ciao
    digjo
    Ciao
    digjo

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato