Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 24

Discussione: Scudetto Raggruppamento Brigata del popolo

  1. #11
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    Re: Scudetto Raggruppamento brigata del popolo

    ... il Tavoletti nel suo: Gli scudetti da braccio italiani 1930-1946 lo mette tra gli sconosciuti...

    Ciao

    fm
    E' la somma che fa il totale.

  2. #12
    Moderatore
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    337

    Re: Scudetto Raggruppamento brigata del popolo

    Maggiori dettagli

    ...è uno scudetto in zinco stampato e verniciato, presumibilmente da braccio, realizzato nel maggio 45 per gli appartenenti alle "Brigate del Popolo, ...unità partigiana riconducibile al movimento politico Democrazia Cristiana e operante nel Milanese.
    Costituita nella seconda metà del 1944 fu comandata da Enrico Mattei.

    Sotto una cartolina del primo dopoguerra e la bandiera delle Brigate ... e un distintivo dei Partigiani Cristiani ...
    (dal mio archivio storico)

    Bye
    Giò
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  3. #13
    Utente registrato L'avatar di H
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Torino
    Messaggi
    1,157

    Re: Scudetto Raggruppamento brigata del popolo

    Un bel pezzo della nostra Storia, bravo il moderatore per l'inequivocabile attribuizione
    H/Haflinger

  4. #14
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Re: Identificazione distintivo

    Citazione Originariamente Scritto da icarus68
    @ il Cav.:

    se intendi che i Partigiani Democristiani era gente dalla quale fuggire, beh, opinionte la tua rispettabile ma non condivisibile, almeno da me.

    Ti allego una tessera di uno di loro, del '54.

    Come ci dice la firma in basso a destra, il Presidente era l'ing. Enrico Mattei.

    Se sai chi era, la sua storia di Uomo e di Combattente in guerra prima e contro le multinazionali del petrolio poi, come son certo tu lo sappia, non ho altro da aggiungere.

    Un cordiale Saluto!


    __


    Niente affatto, il mio sisì era solo l' entusiastico annuire alla conferma dell' identificazione del pezzo...
    ...per quanto i fazzoletti verdi e quelli azzurri siano abbastanza misconosciuti a causa della vulgata in corso da 70 anni, tendente ad attribuire ogni merito a formazioni di altro colore che non nominerò...

    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    4

    Re: Identificazione distintivo

    Sono un vecchio partigiano, appartenente ad una formazione di quel colore rosso che Il Cav. non vuole menzionare.
    La citata ”vulgata corrente” non rispecchia la realtà. I fazzoletti verdi e quelli azzurri, non sono misconosciuti.

    Le formazioni “Giustizia e Libertà”, con fazzoletto verde, che politicamente facevano riferimento al Partito d’Azione, operavano in tutte le Valli Alpine del Basso Piemonte.

    Le “Formazioni Autonome”, che avevano nel Magg. Mauri il Comandante Supremo, si riconoscevano per il fazzoletto azzurro che portavano. I Comandi erano costituiti in prevalenza da ex ufficiali del REI che, nel rispetto della loro provenienza, facevano riferimento alla casa reale. Queste ultime formazioni occupavano tutta la zona delle Langhe nel Basso Piemonte.

    L’influenza di queste formazioni è stata importantissima. Tanto quanto lo è stata quella delle cosiddette “Formazioni bianche” delle quali Enrico Mattei è stato degno rappresentante.

    Il fatto che in Italia la maggioranza dei partigiani apparteneva alle formazioni Garibaldine, non sminuisce per niente l’importanza e l’impegno delle altre formazioni.

    Ricordiamoci che in allora, anche se gli alti comandi avevano l’occhio già puntato in previsione di quello che sarebbe avvenuto a guerra finita, i semplici volontari, di qualsiasi formazione, pensavano soltanto a combattere il nazifascismo.
    La stragrande maggioranza di loro non aveva la benché minima preparazione politica.

    Cordialmente. ghirghi

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    964

    Re: Scudetto Raggruppamento Brigata del popolo

    Per chi fosse interessato e' in vendita sulla baia, e' veramente un bel pezzo di storia.
    http://www.ebay.it/itm/Scudetto-PARTIGI ... 2884wt_922

    http://www.ebay.it/itm/Scudetto-da-brac ... _500wt_689
    Ciao
    Giovanni

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,275

    Re: Scudetto Raggruppamento Brigata del popolo

    Ma perchè la buttate sempre in politica? Lo dice uno che credo si sappia bene come la pensa ed è apartitico ma non apolitico.

    Il Cav. voleva fare una battuta che magari è simpatica (i partigiani democristiani = scappano) per chi la pensa in un certo modo (tra cui io) ma può essere poco sensibile e sgradevole verso altre sensibilità, appunto.
    Perciò invece rendiamo costruttiva la cosa se mai intavolando una discussione storica e non "a pelle" o "passionale" o a battute.

    Apprezzo lo spirito con cui ghirghi difende il ruolo dei fazzoletti non rossi nella guerra partigiana, ma purtroppo è un dato di fatto storiografico (sottolineo purtroppo) che la "vulgata" resistenziale (lo dico in senso tecnico anche se l'espressione si presta a svariate sfumature) sia diventata una clava politica egemonizzata da una certa parte politica e da una certa storiografia di quel colore lì. E questo è stato a grave detrimento della storia della resistenza "monarchica" o "badogliana" o cmq non rossa che diri si voglia e del CIL stesso.
    E se è stato così per una certa parte dei vincitori, figuriamoci per gli sconfitti. Perchè l'altra parte dei vincitori, alleati di ieri, erano i rivali del presente, e dunque andavano cancellati dal mito, dalla "fondazione mitologica" (la vulgata appunto).
    Non a caso le altre associazioni partigiane che non siano l'ANPI (cito ad esempio ANPC) non hanno (è un dato di fatto) la stessa attenzione e importanza mediatica che ha la prima, la quale, per chi non lo sapesse, NON rappresenta TUTTI i partigiani d'Italia, ma solo una parte ben precisa, e questo fin dalla fine della guerra.
    Ora di questo stato di fatto, di questo problema culturale incancrenito, mi dispiace dirlo è anche colpa degli stessi "vincitori esclusi". Cioè i partigiani non ANPI hanno fatto ben poco per ristabilire la verità e ciò per due ordini di motivi. Il primo è che lo parte politica di governo loro affine era troppo interessata alle leve del potere e dell'economia per interessarsi anche di kultura (come facevano gli altri) ma poi, soprattutto, anche a loro faceva fin troppo comodo la mitologia resistenziale fintantochè si ritrovarono di fatto esclusi o tralasciati dalla storiografia del mito.
    Ora per riappriopiarsi della loro parte di verità storica avrebbero dovuto demolire il mito e riportarlo a verità storica, con ciò riconoscendo inevitabilmente le ragioni degli sconfitti che per diversi motivi, ma cmq simili nella realtà oggettiva dei fatti storici, questi chiedevano da tempo. Ma siccome politicamente non conveniva, od era troppo costoso farlo, tanto il "mito fondativo" era divenuto solido...
    Ecco quello che penso.

  8. #18
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Re: Scudetto Raggruppamento Brigata del popolo

    Vedo che il mio intervento ha scatenato una "coda" poilemica non voluta e - almeno per me - inopportuna.
    Ho, come tutti le mie idee politiche, ma le tengo per me, e comunque al di fuori di questo forum, che come dissi in passato ha il non trascurabile vantaggio di poter discutere argomenti storiografici anche controversi in maniera pacata e immune dalla faziosità che purtroppo a 70 anni di distanza ancora avvelena il ns. Paese. Se ho ferito la suscettibilità e i sentimenti di qualcuno che - non importa sotto quale bandiera - ha vissuto di persona il triennio più drammatico della storia italiana, me ne scuso.
    La mia modesta opinione è che chiunque in quegli anni lontani ha dovuto affrontare - in buona fede e ciascuno a suo modo nell' interesse della Nazione - scelte di campo e dilemmi morali da far tremare le vene ai polsi delle generazioni successive merita rispetto. Ma, ribadisco, è solo la mia opinione.
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  9. #19
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    prov. di Savona
    Messaggi
    901

    Re: Scudetto Raggruppamento Brigata del popolo

    io, invece di parlare di storia, mi meraviglio che improvvisamente ne appaiano ben 2 in asta.... qualcuno ne ha trovato una scattola o ha trovato lo stampo ?

  10. #20
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Re: Scudetto Raggruppamento Brigata del popolo

    Citazione Originariamente Scritto da 157°
    io, invece di parlare di storia, mi meraviglio che improvvisamente ne appaiano ben 2 in asta.... qualcuno ne ha trovato una scattola o ha trovato lo stampo ?
    Più semplicemente gli anni passano e i sopravvissuti della 2^ G.M. stanno "andando avanti" come accaduto già per quelli della 1^
    G.M. così i ricordi del reduce tornano in circolo...

    ...però a pensar male si fa peccato ma qualche volta si indovina!
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato