Pagina 3 di 12 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 115

Discussione: Scudi e corazze pazzesche...

  1. #21
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    4,550
    Belle, anche queste scattate a un'esibizione sperimentale...
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  2. #22
    Moderatore L'avatar di maxtsn
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Prov. TO
    Messaggi
    5,541
    Belle immagini ed ottima integrazione.
    __________________________________________________ __________________________________________________ __

    Max

    Frangar non flectar

  3. #23
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,276
    Che robe erano? Davvero interessanti, simili agli attuali scudi antisommossa in dotazione alle forze di polizia!

  4. #24
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    16,121
    Questa e' quella piu' strana, di progetto GB/USA del 1917-18 (Brewster).Erroneamente Rosi nel suo ottimo 'Uomini Contro'
    le fece adoperare ai nostri, ma e' un falso storico.Le Brewster non videro per fortuna mai il fronte.In questa foto del Dean
    stranamente l'utilizzatore porta sulle spalle un fucile ad avancarica...
    Brewster.jpg
    Ma i tedeschi furono sicuramente quelli che dettero alla corazze e alle protezioni individuali un senso: queste sono protezioni facciali
    di due tipi che potevano essere adoperate dall'utilizzatore in postazione o in posti non riparati:
    body3.jpg
    body1.jpgbody2.jpg
    Similari quelle austriache:
    kukDSC_0003.JPG
    ma il top del top furono le corazze individuali, sempre tedesche, di due modelli, adoperate fino al 1918:
    body4.jpg
    corazza_0016.JPG
    Contrariamente a quanto si puo' pensare, l'utilizzo di scudi e protezioni individuali non si fermo' con la 1^GM:
    i giapponesi dettero grande impulso sin dagli anni '30 anche con 'invenzioni' notevoli, come il badiletto protettivo,
    che sembra un anacronismo, ma poteva essere utile al fante in approccio ravvicinato col nemico.Il badiletto veniva
    fissato al terreno.L'elmetto dietro al badiletto poteva essere utile:
    badiletto2.jpgbadiletto1.jpgbadiletto3.jpg
    ma negli anni '30, i conti venivano fatti con l'esercito cinese non potentemente armato;le cose cambiarono negli anni '40 con gli
    Alleati, che certo, quando vedevano queste strane protezioni, concentravano un fuoco impossibile.
    Come curiosita', gli Alleati si trovarono piu' volte contro le 'corazze a tartaruga' che celavano quasi sempre un cecchino vicino alle
    loro linee:
    turtle.jpgturtle2.jpg
    e , curiosita' finale per il Giappone, uno scudo/corazza molto simile a quello austriaco kuk ad inizio topic:
    scudo1.jpgRovesciato, tale scudo, poteva essere portato come corazza.Dritto, come scudo.
    Abbiamo voluto trascurare volutamente, tutte le corazze individuali,italiane, sovietiche, kuk ecc. portate sopra e sotto le uniformi (sara' un altro argomento da
    trattare)per tutti i belligeranti della 1^ e 2^ GM nonché gli scudi da postazione, nati come tali.
    PaoloM

  5. #25
    Moderatore L'avatar di maxtsn
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Prov. TO
    Messaggi
    5,541
    Sarò scemo... ma guardando queste tue ultime splendide immagini mi vengono in mente tante produzioni di fantascenza:

    Brewster = l'omino di latta del Mago di Oz
    Schermo facciale tedesco = Iron Man
    Protezione dorsale giaponese = Tartarughe Ninja
    __________________________________________________ __________________________________________________ __

    Max

    Frangar non flectar

  6. #26
    Utente registrato L'avatar di stecol
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,473
    Confermo, sei scemo .....
    É difficile volare con le aquile quando hai a che fare con i tacchini ....

  7. #27
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,646
    Paolo splendida integrazione, devo dire che i comandi dell'epoca avevano parecchia fantasia..............per fortuna di rado sono stati usati in prima linea.

    Max................no comment.

    ChM
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

  8. #28
    Moderatore L'avatar di Nitro90
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Mantova
    Messaggi
    3,360
    poi immagino la comodità della cinghia in mezzo alle gambe della corazza giapponese, immaginate di fare qualche sobbalzo ..

  9. #29
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    4,550
    Banzai... ahi ahi...
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  10. #30
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    989
    Citazione Originariamente Scritto da mangusta Visualizza Messaggio
    beh sicuramente ci si spezzava la schiena per portarlo,ma una fucilata non troppo ravvicinata e qualche scheggia la si poteva evitare.
    simpatica la sua versatilità.
    Discussione davvero interessante, vorrei spezzare però la classica lancia in favore delle corazze e altre protezioni individuali, anche se oggi nell'immaginario collettivo sono diventati simboli tipici dell'assurdità assoluta di molte delle strategie usate nella 1° G.M., grazie soprattutto a film come "Uomini Contro" che tra l'altro mostrano un uso che probabilmente non ebbe luogo se non in rarissime occasioni: in realtà, se impiegate correttamente, in un contesto appropriato, queste protezioni potevano essere utili e salvare la vita a qualcuno.
    Per servizi di vedetta in trincea, per impieghi difensivi statici, la ferraglia in questione poteva bloccare sicuramente qualche fucilata lontana, qualche pallettone di shrapnel, qualche scheggia non troppo grossa e veloce, credo che i Tedeschi le impiegarono esclusivamente in questi contesti.

    Ricordo a proposito un articolo fatto veramente bene su chissaquale vecchio numero di Uniformi & Armi che trattava nello specifico le protezioni Farina: vi comparivano le istruzioni d'uso dello stesso fabbricante, che dichiarava che le corazze e gli elmetti erano stati testati balisticamente con il fucile italiano mod. '91, ed erano quindi garantiti a una distanza di 300 m, mentre erano sicuri contro colpi di pistola a bruciapelo e contro armi bianche. Vado a memoria e potrei sbagliarmi...

Pagina 3 di 12 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato