Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Seoi-Bukuro

  1. #1
    Banned
    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    72

    Seoi-Bukuro

    Tipica sacca a due scomparti usata come zaino sia dalla cavalleria che dalla fanteria esemplare del 1944

    Il primo modello di zaino(Haino) era fatto in pelle di vacca su telaio in legno, venne principalmente usato sul fronte cinese, questa venne sostituita dal tessuto trattato con oli per renderlo resistente all’acqua.
    Il secondo modello era della forma del primo ma senza armatura lignea, il risultato fu uno zaino sciatto e scadente.
    Gli spallacci si potevano regolare grazie a degli anelli metallici dipinti di marrone, la chiusura avveniva tramite due bottoni in cellulosa dipinti di verde, anelli supplementari servivano per i carichi esterni.
    L’interno era rivestito di cotone bianco con i timbri(Riku Sen Tai) a vista.
    Il terzo modello venne introdotto nel ’38 come risultato dell’esperienza maturata in Cina, il Takoashi(polipo) era poco costoso da produrre e risultava più funzionale degli altri due modelli precedenti.
    Il nome gli derivava dalle venti fasce di tessuto che utilizzava per i carichi esterni, per confezionarlo si usava tela resistente all’acqua.
    Anche qui gli spallacci si regolavano con anelli metallici su uno dei quali era un laccio di tela che serviva a velocizzare l’operazione, per chiuderlo si usavano delle fettucce di tessuto.
    Gli effetti personali e il riso venivano conservati in sacchetti impermeabili, tecnica copiata dagli americani.
    Normalmente nello zaino si portava, una camicia di ricambio, biancheria intima, due paia di calze, una tovaglia, , l’Hoko-Bukuro, una scatola per gli ogetti di igene quali spazzolino, dentifricio, sapone, forbici, set per cucire, rasoio, razioni extra, guanti, sandali,, scopino, spazzola per le scarpe, una scatola di grasso per le scarpe.
    A fine conflitto si produsse uno zaino simile a quelli sovietici, un sacco con due cinghie a fare da spallacci, queste una volta indossate fungevano anche da chiusura del sacco.
    Il Seoi-Bukuro era simile a quello usato dai Cowboys americani, era di colore verde khaki con l’interno foderato di cotone bianco, una cucitura centrale divideva lo zaino in due compartimenti, i due lati si chiudevano con stringhe di rayon, quelle centrali servivano per fissare lo zaino al petto o per legarci la borraccia o gavetta.
    Questo semplice se pur non eccezionale zaino poteva essere indossato in molte maniere differenti e risultava molto pratico, nel ’44 nel pacifico conobbe una grandissima diffusione.
    Gli ufficiali avevano uno zaino più piccolo interamente fatto in pelle di cavallo, a fine conflitto ne venne fatta una versione in tela impermeabile
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Località
    Como
    Messaggi
    124
    Ciao, ne ho acquistato uno l'anno scorso, che tu sappia nella parte centrale, quella che con la cucitura separava i due scomparti, era presente un laccio per potervi legare la gavetta?

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •