Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 13 di 13

Discussione: Fotoalbum di un ufficiale delle SS

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,540
    Ciao a tutti.

    Riprendo l’argomento dell’album fotografico di Herbert Hrabie con l’esame di due documenti particolari che lo riguardano, due interrogatori che egli rese alle autorità tedesche il 13.11.1962 ed il 24.06.1965.

    Dalle dichiarazioni di Herbert Hrabie, nonché dal tenore delle domande che gli furono poste, emergono fatti tremendi e tragici avvenuti nel corso dell’occupazione tedesca dei territori dell’allora Unione Sovietica: l’esistenza e l’utilizzo di un furgone a gas mediante il quale vennero eliminati i prigionieri catturati quali partigiani, agenti segreti o ritenuti tali, soldati russi, ebrei e civili in generale.

    Herbert Hrabie, negli interrogatori, difese la sua persona ed il suo operato dicendosi solo informato dei fatti, ma di non avervi preso parte diretta.

    L’ SS-Untersturmfuhrer, poi SS-Obersturmfuhrer, Herbert Hrabie, risulta:
    -dal 1933 membro NSDAP (Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori) e dal 1934 delle SA (Sturmabteilung),
    -dal marzo 1938 nella Staatspolizei di Innbruck fino al maggio 1941. La Geheime Staatspolizei (Polizia segreta dello Stato), comunemente abbreviata in Gestapo, fu la polizia segreta della Germania nazista,
    -dal maggio 1941 al gennaio 1942 a Berlino per il corso da commissario presso la Fuhrerschule Sicherheitspolizei, Sipo (Polizia di Sicurezza). Dalla Sicherheitspolizei dipesero: Geheime Staatspolizei (Polizia segreta di stato, nota come Gestapo) e Reichs Kriminalpolizei (Polizia criminale del Reich, nota come Kripo),
    -gennaio 1942 nominato Kriminalkommissar ed inviato a Garmisch-Partenkircher come istruttore per maestri di sci delle SS,
    -il 30.01.1942 promosso SS-Untersturmfuhrer (sottotenente),
    -marzo 1942 trasferito alla Gestapo di Monaco,
    -settembre 1942 assegnato allo Ski-Kommando agli ordini del Dr. Kurt Christmann, comandante del Sonderkommando 10a dell'Einsatzgruppe D operante in Crimea, regione del Caucaso e nelle zone di Pripet (Ucraina),
    -dalla primavera del 1943 distaccato con lo Ski-Kommando in Yugoslavia, prima a Belgrado e poi in Erzegovina, ove risulta aver fatto parte del Teilkommando (Aussenposten) Mostar e Dubrovnik (Ragusa) subordinato all’ Einsatzkommando 2 Sarajevo (di cui al simbolo del girasole ed alla sigla EK 2 sul retro della sua auto di servizio), ed all’ Einsatzgruppe E Croazia,
    -gennaio 1944 in Italia per la guerra antipartigiana con lo Ski-Kommando ed il BdS Italia (Verona),
    -il 21.06.1944 promosso SS-Obersturmfuhrer (Tenente),
    -estate 1944 in Italia venne ferito da una bomba a mano con conseguente ricovero ospedaliero e convalescenza,
    -febbraio 1945, Sipo Aussenposten (Ast) Trento dove prestò servizio fino alla fine della guerra,
    -da fine guerra al novembre 1947 P.O.W. degli statunitensi,
    -successivamente lavorò come contabile. Coniugato con due figli. Si sconosce la data della morte e non sono disponibili ulteriori informazioni sulla sua vita privata.

    Il Dr. Kurt Christmann, nato il 1 giugno 1907 a Monaco di Baviera, entrò a far parte della SA nel 1920 e della NSDAP e delle SS nel 1933. Oltre agli studi, fu maestro di sci in Italia e Svizzera. Fino al gennaio 1936 diresse la Sezione I Monaco di Baviera come ufficiale sportivo volontario delle SS e successivamente fu trasferito all'SD, dove fu assunto come SS-Führer im SD-Hauptamt (capo delle SS nell'ufficio principale dell'SD), dopodiché lavorò per gli uffici della Gestapo a Innsbruck e Vienna. Christmann fu nominato capo della Gestapo a Salisburgo nell'ottobre 1939. Dall'agosto 1942 col grado di SS- Sturmbannfuhrer (Maggiore) guidò il Sonderkommando 10a dell'Einsatzgruppe D, che era di stanza a Simferopoli in Crimea, ove fu complice di crimini di guerra e dell'omicidio di ebrei. Christmann venne condannato a dieci anni di carcere a Monaco di Baviera nel 1980 per l'esecuzione di partigiani e delle loro famiglie. Per la biografia di Kurt Christmann cfr. Praher, SportlerInnen für den Krieg, S. 273–274; Joachim Schröder, Die Münchner Polizei und der Nationalsozialismus, Essen 2013, S. 151 und 156. 136 Vgl. Innsbrucker Nachrichten, 26.4.1939, S. 10.
    Fonte: https://www.degruyter.com/document/d...724127-005/pdf

    La struttura della Gestapo in Italia, come altrove, venne suddivisa in Aussenkommando (nelle città principali) e nei subordinati Aussenposten. Risulta, inoltre, che alcuni piccoli reparti del BdS di Verona furono impiegati a loro volta nelle operazioni contro i partigiani nelle valli montane, come il cosiddetto Skikommando, una piccola unità specializzata in controguerriglia i cui uomini parteciparono a rastrellamenti contro i partigiani della Liguria e del Piemonte. Il BdS-SD (Befehlshaber der Sicherheitspolizei und des SD), fu il Comando della Polizia di Sicurezza del Reich (SIPO-Gestapo). Fonte: Aosti, Tedeschi, Italiani ed Ebrei. Le polizie nazi-fasciste in Italia 1943-1945.

    La prima parte dei microfilm relativi ai documenti in esame e la traduzione in italiano (nella parte di interesse):
    Herbert Hrabie Microfilm.jpg

    ""Microfilm T175 rotolo 16
    Questo film contiene una grande quantità di corrispondenza sull'allenamento di sci degli uomini delle SS che in seguito divennero membri dello Skikommando assegnato all'SK 10a o fecero schieramento ad Est con altri Kommandos.

    ...Cornici 251889/890
    Stapo Innsbruck: KK-Anw. Herbert HRABIE...""


    Herbert Hrabie UK National Archives.jpg

    ""ARCHIVI NAZIONALI DEL REGNO UNITO - WO204-12817
    “”HRABIE SS Untersturmführer. Responsabile della Aussenstelle di TRENTO dal febbraio 45. Originariamente membro di Stabsstelle INNSBRUCK, è poi entrato a far parte del BdS ITALIA come OC di uno “Ski-Kommando” destinato ad essere utilizzato in montagna contro i Partigiani, fino a quando non è stato ferito da una granata a mano nell'estate 44, quando andò in ospedale. Successivamente è entrato a far parte del BdS Bolzano come Referente IV 1a.
    “Età circa 29, sposato, austriaco.
    Alto circa 1,69 m, corporatura esile, collo molto corto, capelli neri lisci con riga, viso tondo, carnagione fresca, occhi neri, ben rasato, parla un po' di italiano.""


    Il verbale dell’interrogatorio di Herbert Hrabie il 13.11.1962 ed a seguire la traduzione in italiano:

    Herbert Hrabie pag.1.jpgHerbert Hrabie pag.2.jpgHerbert Hrabie pag.3.jpgHerbert Hrabie pag.4.jpgHerbert Hrabie pag.5.jpgHerbert Hrabie pag.6.jpgHerbert Hrabie pag.7.jpgHerbert Hrabie pag.8.jpgHerbert Hrabie pag.9.jpgHerbert Hrabie pag.10.jpgHerbert Hrabie pag.11.jpg

    ""22 Js 202/61
    attualmente Mittenwald, 13 novembre 1962

    record di aumento

    Presente :
    Avvocato di Stato Becher
    PM Poringer
    Jang. Scheid

    Il testimone compare alla stazione di polizia di frontiera di Mittenwald

    Hrabie Herbert, nato il 2 agosto 1911 a Innsbruck, sposato, Ragioniere, cittadino austriaco, residente a Innsbruck, Amras39

    e dopo aver preso confidenza con l'oggetto dell'interrogatorio, istruito nella verità sui suoi diritti processuali, rende le seguenti informazioni:

    1. Sulla persona :

    Credo sia stato nel 1931 o nel 1932 che mi sono laureato alla Handelsakademia di Innsbruck. Poiché non c'era prospettiva di trovare un campo di attività adeguato a causa della disoccupazione generale - volevo intraprendere una carriera commerciale - ho deciso di lavorare come maestro di sci. I prerequisiti necessari erano già in atto perché ero già un atleta agonistico attivo. Ottengo la licenza di zona richiesta dopo aver sostenuto l'esame scritto. Negli anni seguenti ero con il 1938, ma solo a Gerlos durante la stagione invernale. Al di fuori della stagione invernale ero disoccupato. Dopo l'Anschluss del marzo 1938, mi fu assegnato un posto presso la Staatspolizei a Innsbruck tramite l'ufficio di collocamento. Sono stato impiegato come dipendente, prima nell'amministrazione generale e poi nel mondo degli affari. In questo contesto, tuttavia, va notato che sono membro della NSDAP dal 1933 e della SA dal 1934.

    -2-

    Per quanto posso ricordare, ho fatto parte dell'ufficio della Gestapo a Innsbruck fino a quando nel maggio 1941 sono stato distaccato a Berlino per il corso da commissario. Questo corso è durato fino al gennaio 1942, dopodiché sono stato nominato Kriminalkommissar in prova. Tuttavia, non mi fu assegnato un posto fisso, ma fui inizialmente portato a Garmisch-Partenkircher come istruttore per maestri di sci delle SS. Terminata questa attività - intorno al marzo 1942 - venni inviato alla Polizia Segreta di Stato di Monaco, dove lavorai fino a quando fui assegnato allo Ski-Kommando del Dr. Christmann nel settembre 1942.
    Conobbi Dr. Christmann nell'inverno del 1938/39 quando il Dr. Christmann ad Arlberg e a Kitzbuhl ha condotto un corso di istruzione e formazione per i membri previsti della squadra di sci delle SS. Anche dopo l'ho incontrato spesso a livello sportivo. Va detto che ho corso con la staffetta di sci delle SS come atleta dilettante.
    Dopo il mio distacco allo Ski-Kommando del Dr. Christmann sono rimasto con questo reparto per tutto il tempo, fintanto che è stato schierato nella regione del Caucaso e nelle paludi di Pripet. Da lì fummo un giorno, forse nella tarda primavera del 1943, recuperati, distaccati in Jugoslavia. Per quanto ne so, c'era quasi l'intero Ski-Kommando. Sono arrivato per la prima volta a Belgrado, dove il Kommando è stato ulteriormente frammentato. Io stesso dovevo andare all'Herzegowina con pochi uomini, dove ci venivano assegnati solo lavori di polizia e compiti di ricognizione partigiana. Nel gennaio del 1944 venni mandato in Italia a combattere i partigiani. Rimasi lì, nel mezzo fui ferito, fino alla fine della guerra. Vivo in cattività americana. Nel novembre 1947 fui rilasciato per andare a casa.
    Appartenevo alle SS da quando ero impiegato della Staatspolizei. All'inizio avevo un grado basso, dopo aver completato il corso di commissario sono stato promosso a Untersturmführer. Nella tarda estate del 1944 fui promosso a Obersturmführer.

    -3-

    Negli anni seguenti ho lavorato come mercante nella mia professione originariamente appresa.
    Sono sposato e ho 2 figli di 14 e 17 anni.

    2. Al punto :
    Potrebbe essere stato all'epoca del corso più sicuro, cioè intorno all'inverno 1941/42, quando abbiamo sentito che uno speciale Ski-Kommando doveva essere istituito per l'uso nel Caucaso. Tuttavia, non sono stati forniti dettagli in merito. Si aveva l'impressione, però, che l'obiettivo formativo fosse più o meno orientato allo schieramento militare. Come ho detto sopra, sono tornato a Monaco dopo aver completato il relativo corso. Un giorno Christmann è venuto lì - potrebbe essere stato in estate - e mi ha detto che presto sarebbe iniziato. Probabilmente nel settembre del 1942 ricevetti l'ordine di andare a Berlino e di fare rapporto alla RSHA. Lì ho incontrato molti altri compagni che avevano ricevuto lo stesso ordine. In tutto avremmo potuto essere 20 uomini. Presto ci furono fornite attrezzature speciali, ma solo quelle necessarie per il nostro uso personale. Ciò includeva armi, oggetti in pelliccia e oggetti altamente turistici. Dopo alcuni giorni - il tentativo presso lo stabilimento Volkswagen di ricevere un certo numero di auto è fallito, ma alla fine non ne abbiamo ricavato nulla perché le auto erano state sottratte - siamo stati mandati in marcia via Vienna a Voroshilovsk. Siamo andati in treno, con i treni che andavano in direzione generale di Voroshilovsk. Quindi ci sono volute circa 3 settimane prima che arrivassimo a Krasnodar con l'intenzione di andare a Voroshilovsk. Lì abbiamo cercato il Dr. Christmann, si chiese e scoprì che era già a Krasnodar.

    -4-

    In questo contesto va ricordato che i componenti dello Ski-Kommando, di cui ho parlato finora, senza il dott. Christmann aveva iniziato il viaggio verso il Caucaso. Se non ricordo male, eravamo guidati dall'Hauptsturmfuhrer Ushan. Lo stesso Christmann era già arrivato.
    Quando siamo arrivati a Krasnodar - per quanto ne so era già bene in ottobre - fortunatamente abbiamo già trovato l'altro equipaggiamento destinato al nostro comando, ovvero sci ecc.
    Dopo il nostro arrivo a Krasnodar siamo stati alloggiati in un edificio in cui si trovava il Kommando 10a. Per quanto posso ricordare, era un grande edificio a più piani, che era preparato in modo piuttosto pomposo nella parte anteriore, ma mostrava ancora il muro di mattoni verso il cortile sul retro. In questo edificio non c'erano solo alloggi ma anche stanze di servizio. Se non ricordo male, più o meno nel periodo in cui siamo arrivati, oltre al dott. Christmann c'erano alcuni altri alti dirigenti delle SS . Credo di ricordare per primo un certo Buchheim, o qualcuno che era alto e aveva radi capelli biondi. Se mi viene menzionato Mane Seetzen, allora credo che sia stato lui. Quest'ultimo, però, l'ho solo sperimentato completamente. Se ora mi viene chiesto chi fosse il vero capo di tutte le SS ospitate nel suddetto edificio, vorrei dire che la mia sensazione è che il dott. Christmann era più o meno responsabile solo dello Ski-Kommando ed era preoccupato per il dispiegamento in azioni partigiane. Buchheim era probabilmente responsabile delle altre faccende, ma non era nemmeno lì tutto il tempo. Per quanto ne so, non l'ho visto durante il ritiro. Tutto sommato, ho avuto l'impressione che noi, i membri degli Ski-Kommandos, fossimo guardati più o meno di traverso dalle persone della Einsatzkommando 10a, forse perché eravamo meglio equipaggiati o comunque occupavamo una posizione speciale. Siamo stati anche respinti per la maggior parte. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che, come si suol dire, siamo sempre rimasti insieme e non ci siamo integrati nell'altro club.

    -5-

    Si potrebbe essere dell'opinione che siamo stati ospiti dell'Einsatzkommando 10a. Se mi viene chiesto da chi abbiamo ricevuto i nostri ordini, devo dire che, per quanto mi ricordo, solo dal dott. Christmann.
    Come ho detto più volte, eravamo destinati a un'operazione nella regione del Caucaso. Tuttavia, a causa della situazione militare, ciò non è avvenuto. A Krasnodar, quindi, all'inizio non sapevano cosa fare. Alcune persone si sono imbattute in un avamposto nell'area tra Novorosissk e Krasnodar. Non so cosa abbiano fatto nel dettaglio. con il dott Christmann, abbiamo più volte preso parte a operazioni antipartigiane, anche se io personalmente, come volevo ricordare, non c'ero. Piuttosto, sono stato schierato con alcune persone nell'area a nord-est di Kranosdar, per ricognizioni e combattimenti contro i partigiani. Per questo di solito prendo alcuni membri della nostra unità, poi nella zona operativa ricorro alla gente del posto che ci vive, che è stata amichevole nei nostri confronti. Al di fuori di questi incarichi temporanei, ero a Krasnodar. Credo di essere stato seduto in una stanza con un grado di comandante il cui nome era qualcosa di simile a Winkler - dato che mi è stato appena dato il nome Winkeltau, devo confermare che quello era il suo nome.
    Quando mi viene chiesto della mia area di responsabilità a Krasnodar, non posso davvero dire di dover svolgere un lavoro specifico. Ho trascorso parte del mio tempo imparando ad andare a cavallo o ad addestrare un cane, e sono anche intervenuto ripetutamente nell'interrogatorio dei prigionieri e ho diretto le attività pertinenti di altri commando. Ricordo anche che ero anche con un altro ex ufficiale austriaco. Si chiamava Jahn, era alto e magro, camminava un po' curvo e parlava un ottimo russo. Dopo che voi avete menzionato il nome Jurijieff me lo ricordo. Quest'uomo però non apparteneva al nostro Ski-Kommando, ma al 10a.

    -6-

    Tuttavia, non sapeva nemmeno cosa avrebbe dovuto fare lì, e probabilmente aveva problemi con il suo comando. Può anche essere dovuto a questo che ci siamo avvicinati un po'. Yurijieff era un bravo ragazzo.
    Gli interrogatori dei prigionieri che ho menzionato prima riguardavano esclusivamente le loro attività di partigiani e agenti. Queste persone ci sono state principalmente consegnate da altre unità, per lo più con un breve resoconto dell'incidente, da cui si potevano vedere le circostanze più dettagliate dell'arresto. Personalmente, posso ricordare solo un caso in cui un agente è stato arrestato dal nostro stesso comando. Dopo che abbiamo preso in consegna i detenuti, sono stati interrogati di nuovo, anche se il verbale che è stato consegnato affermava chiaramente che in questa e quella circostanza era stato colto in flagrante, ancora una volta per verificare quanto ci era stato detto, ad altri, in al fine di individuare ulteriori collegamenti necessari per la sicurezza delle truppe e quindi di avviare le misure appropriate. A volte è stato anche tentato di chiudere un condannato. Tuttavia, questo è stato terribilmente difficile, il popolo era molto immerso nell'idea comunista e anche condannato coraggioso. Hanno confessato i crimini di cui sono stati accusati, anche se sapevano di aver perso la vita. Se mi viene chiesto quanti russi potrebbero esserci stati che sono stati trattati dai membri del Kommando durante il periodo in cui ero lì, allora forse il numero troppo grossolanamente potrebbe dirsi corretto. Tuttavia, ciò non può essere esattamente vero. Dopo le indagini preliminari, le vittime di un'ennesima violazione del diritto internazionale sono state prima portate nei sotterranei del nostro alloggio, dove è stata allestita una specie di carcere improvvisato. Questo era sorvegliato dai russi, per quanto posso ricordare anche qualche subordinato tedesco era schierato lì. Ci ho dato un'occhiata io stesso, credo di essere stato laggiù due o tre volte senza avere una funzione formale. Ricordo, tuttavia, che fin dall'inizio, su suggerimento di Winkelt, mi sono assicurato che le persone che erano state ricoverate in questa prigione dopo la consegna non entrassero in contatto tra loro.

    -7-

    Per quanto posso ricordare, i risultati dell'interrogatorio e altri documenti rilevanti dovevano essere presentati a Buchheim, che doveva prendere l'ulteriore decisione. Nel caso in cui qualcuno fosse condannato per attività partigiana o di agente, ovviamente non c'era altro che l'esecuzione. Gli stessi russi lo sapevano e qualche volta ce lo dicevano nelle loro confessioni. Le esecuzioni ordinate non sono state eseguite mediante fucilazione, ma utilizzando un cosiddetto furgone a gas, che si trovava con un autista all'Einsatzkommando 10a. Ho sentito dell'esistenza di questo veicolo, ma ho personalmente lasciato senza gas l'auto sulla via del ritorno. A quel tempo, l'autista mi ha anche spiegato i processi più dettagliati. Non conosco il nome dell'autista. Tuttavia, mentre ero a Krasnodar, non ho visto il veicolo in azione. Tuttavia, sapevo che di tanto in tanto i prigionieri venivano giustiziati con esso. Di norma, per questo venivano utilizzati volontari russi, che guidavano anche i veicoli all'esterno e, come ho sentito, in un fosso. Non so quanto spesso avvenga un'operazione del genere. Forse una volta alla settimana. –
    Non posso dire che anche gli ebrei furono giustiziati in questo veicolo, e che gli ebrei furono giustiziati solo perché erano ebrei. Durante il mio tempo non c'è mai stata una campagna ebraica, né ho sentito che tali misure fossero state prese prima del mio arrivo. Per quanto posso ricordare non c'erano ebrei a Krasnodar. Ho scoperto solo dai cosacchi locali durante i miei incarichi occasionali presso la torre di guardia nord-orientale a Krasnodar che hanno liquidato gli ebrei che odiavano in collegamento diretto con la prima periferia delle truppe tedesche. Tuttavia, come ho scoperto all'epoca, la gente del posto lo faceva da sola.

    -8-

    Per quanto posso ricordare, doveva esserci un'altra prigione vicino al nostro alloggio. Una volta ho osservato come una piccola truppa è stata scortata dal nostro alloggio a un edificio di pietra non lontano. Tuttavia, non posso dire di più su questo. Tuttavia, questo non era affatto di fronte al nostro alloggio, perché c'erano solo capanne di legno più piccole.
    Non ricordo dove fosse appostato il furgone del gas. Non poteva essere nel cortile del nostro alloggio perché dovevo vederlo lì. Gli altri veicoli appartenenti al Kommando erano parcheggiati lì.
    Non ho vissuto abbastanza per vedere il ritiro da Krasnodar, perché a quel tempo ero di nuovo un lavoratore da qualche parte all'estero. Non sono quindi a conoscenza di cosa sia successo alla struttura ricettiva. Tutto quello che ho sentito è stato che il tentativo di un'unità di ingegneri di eseguire una demolizione non ha avuto molto successo. Non ho mai sentito nulla del fatto che i russi che erano ancora in prigione sarebbero morti in questo tentativo esplosivo. Mi sembra piuttosto improbabile, perché questi russi devono aver cercato di interrompere i preparativi per l'esplosione. Per lo stesso motivo, non credo che i prigionieri russi possano essere stati bruciati in cantina. Perché questa prigione improvvisata nel seminterrato è stata sigillata solo in modo molto primitivo con una tettoia di legno. Se l'edificio fosse stato dato alle fiamme, sarebbe stato facile per i prigionieri uscire dall'edificio.
    Quando vengo accusato di essere stato vicecapo della Gestapo a Krasnodar secondo un protocollo russo, non posso che definirlo assurdo. Sicuramente gli ausiliari dell'unità lo sapevano e quindi non sorprende che non gli abbiano dato il nome.

    -9-

    Ricordo ancora i nomi dei seguenti compagni che appartenevano al commando di sci:

    dott Cristmann,
    Uschman Beppo, Hauptsturmfuhrer, probabilmente viennese, se è ancora vivo, non lo so,
    Prunschen Friedel, probabilmente Untersturmfuhrer, Reischsdeutscher,
    Brunschmied Klaus, Untersturmfuhrer, probabilmente costruttore tirolese, ora deve avere circa 50 anni,
    Hradetzky Gregor, Untersturmfuhrer, organista di Krems,
    Reiter Ludwig di Innsbruck,
    Huber Johann, attualmente residente a Innsbruck,
    Troger Ludwig di Fulpmes, ritenuto un Unterscharfuhrer, anche lui della mia età, è morto in Italia (1945)
    Gorfer Josef, SS Untersharfuhrer, già maestro di sci a Solda, morì in Istria nell'aprile del 1944.
    Krallinger Andi, autista, proveniva dalla zona di Salisburgo,
    Kauser Max, ritenuto originario dell'Alta Austria,
    Kastinger, nome non ricordo più, morto in Istria come Gorfer,
    Borner Rudolf, si dice sia caduto nei Balcani,
    Mayr Franz, originario di Vienna, era un autista e con Christmann in particolare, era nella regione del Caucaso insieme a Christmann prima del nostro arrivo,
    Schuster Karl, ritenuto un anziano osservatore acuto, anche lui della mia età ed era stato con la polizia prima della guerra, veniva da Vienna, era il nostro paramedico.

    Conosco i seguenti nomi dall'elenco dei nomi:
    Brunauer, primo potrebbe essere identico a Branschmid,
    Buccheim Erich, ritenuto Sturmbannführer,
    Gortz, mi sembra familiare, ma non posso dire nulla di specifico,

    -10-

    Hahn, sembra familiare in qualche modo
    Harlander Benno, SS-Hauptscherfuhrer, era il nostro Spiess,
    Heimbach, era probabilmente una specie di grado di leader,
    Heinrich, ritenuto un SS Untersturmführer, era più anziano
    Heinritz, sembra familiare in qualche modo
    Hinrichs, il nome mi suona familiare,
    Hirmer, SS Unterführer,
    Jurijieff Johannes, ho detto prima,
    Keppler, secondo me, non era con Ski-Kommando, ma prima al corso,
    Konstinger Willi, non era del Ski-Kommando, era in Norvegia,
    Marchand, SS-Unterführer, anche lui della mia età, era con il Ski-Kommando, poiché ora mi si dice che sia della Prussia orientale, lo ricordo,
    Nightingale, sembra famigliare
    Peters, o qualcosa del genere mi suona familiare,
    Rohrich, Untersturmführer e capo amministrativo,
    Sorgo era un detective austriaco, per quanto mi ricordo di Karnten o della Stiria forse di nome Karl, probabilmente un po' più vecchio di me,
    Votterl Sepp, Hauptsturmführer, un po' più vecchio di me,
    Volmer, mi sembra familiare
    Weibrecht, mi sembra familiare,
    Wunderlich, suona familiare.

    Gorfer e Troger, precedentemente descritti come membri dello Ski-Kommando, erano membri delle Waffen SS, ritenute di Kaser o Kastinger. C'erano più membri delle Waffen-SS nel Kommando 10a, non so nulla delle loro origini o composizione. C'erano anche membri della Schutzpolizei con noi.

    Dalle fotografie che mi sono state mostrate, riconosco quanto segue come ex membri di EK 10a:
    Krallinger Andi, Sorgo Karl, B 24 – (su riferimento)
    Borner , B 43 - Bruschen , C 1 - Dr. Cristmann,

    -11-

    H 62 – me stesso, J 5 (a riferimento) Jurijieff , R 35 - Reiter , U 4 – (a riferimento) Uschan , V5 – (a riferimento) Votterl , W 30 – (a riferimento) Winkeltau ,
    L'immagine allegata 3, la terza da sinistra mi appare come un ex agente di polizia di nome Wirth.

    Ho dato le mie informazioni al meglio della mia memoria. Mi astengo dal ripassare la trascrizione perché ho seguito la dettatura della stessa.

    (Herbert Hrabie)

    Registrato:
    (Sechser) StA.
    (Poringer) PM
    (Scheid) JAng."".



    Il verbale dell’interrogatorio di Herbert Hrabie il 24.06.1965 ed a seguire la traduzione in italiano:

    Herbert Hrabie pag.12.jpgHerbert Hrabie pag.13.jpgHerbert Hrabie pag.14.jpgHerbert Hrabie pag.15.jpg

    ""Ministero federale degli affari interni
    Gruppo Polizia di Stato
    Divisione 2C

    Innsbruck, 24 giugno 1965

    trascrizione

    Hrabie Herbert, ragioniere, nato il 2 agosto 1911 a Innsbruck, Osterr., vh., Innsbruck, Luigenstrasse n. 60, dopo aver discusso le questioni in questione, ammonito come testimone della verità, afferma quanto segue:
    Già il 13 novembre 1962 sono stato interrogato in dettaglio sul mio dispiegamento a Krasnodar come parte dei cosiddetti Skikommandos. Posso fare riferimento alle informazioni che ho fornito in quel momento.
    Inoltre posso dire quanto segue:
    Nel frattempo, al momento della cancellazione, ho parlato con mia moglie, che ancora ricorda che eravamo a Berlino nel settembre del 1942 per ricevere la nostra contro ora di formazione. Da lì sono tornato a Innsbruck e da qui ho guidato fino a Vienna. Da Vienna abbiamo poi guidato insieme, senza autista, da Uschan via Praga e Dnjepopetrovsk, Rostov a Krasnodar. Secondo me, il viaggio deve essere durato due settimane. Posso aggiungere che da Berlino il Dr. C hristmann non era presente a Krasnodar quando sono arrivato lì. C'era anche Franz Mayr. Ho sentito che è andato nel Caucaso con Christmann in macchina.
    Poco dopo il nostro arrivo, in occasione dell'appello nominale, Christmann ci ha presentato uno Sturmbannführer alto e dai capelli scuri, che ho visto come il comandante dell'EK 10a. Ricordo il suo nome come Buchheim o Buchmann. Questo Sturmbannführer era presente anche col dott. Christmann a Krasnodar e penso che abbia guidato il vecchio gruppo di EK 10a. Credo che il dott. C hristmann si occupava più o meno solo del Skikommando.

    -2-

    Durante il mio schieramento ho ricevuto ordini solo da Christmann, ma non dal suddetto Sturmbannführer. Oltre a questo Sturmbannführer, ricordo anche un Kriminalkommissar di nome Winkelthau. Credo fosse il capo IV. Dai miei ricordi posso solo nominare Jurijeff dai vecchi ranghi dell'EK 10a, con il quale a volte conducevo interrogatori e trascorrevo anche molto tempo in privato. Io stesso fui utilizzato dal comando come una specie di vigile del fuoco e spesso dovevo trasferirmi da Krasnodar in collegamento con la Wehrmacht per combattere i partigiani in vari luoghi. Non ho guidato un vero distaccamento. Se questo è affermato da un ex commando (foglio di file principale 1627), deve essere sbagliato. È possibile che intenda un'operazione in cui io, insieme a un sottufficiale dello Skikommando, un interprete e 15 russi con un camion, siamo stati schierati in una lotta intenzionale contro i partigiani a Timoshevskaya (sulla linea ferroviaria tra Maikep e Rostov). A quel tempo lasciai Krasnodar poco dopo il Natale del 1942 e incontrai di nuovo il commando solo durante la sua ritirata sul Kuban sulla strada tra Krasnodar e Temriuk. C'era anche l'ultimo aeroporto che la Wehrmacht tedesca aveva lì.
    Non ho sperimentato azioni di furgoni a gas né a Krasnodar né nell'area circostante. Anche se ho sentito dire che agenti e partigiani sono stati uccisi con furgoni a gas a Krasnodar, non posso fornire ulteriori dettagli. Inoltre non so quali fossero i requisiti corrispondenti. Non posso fornire alcuna informazione sulla struttura fattuale del comando che potrebbe fornire alcuna informazione. Una volta ho visto il furgone del gas in ritirata alla testa di ponte di Kuban. Nella mia mente ho confrontato il modo in cui funziona il furgone a gas con gli incidenti nei garage e quindi ho considerato il modo di uccidere gli umani.

    -3-

    Mi è stato detto che, secondo i testimoni, il furgone a gas veniva usato abbastanza spesso a Krasnodar e che anche donne e bambini sarebbero stati uccisi. È stato inoltre detto che a Krasnodar i pazienti di un ospedale, così come nelle vicinanze di Krasnodar i detenuti di un ospedale psichiatrico e di un ospedale pediatrico sono stati uccisi da furgoni a gas. Non posso dire nulla su queste azioni, non le ho vissute né ne ho sentito parlare. Non so nemmeno nulla delle gasazioni dei bambini dell'orfanotrofio di Jaissk.
    Fui trattenuto davanti alla testimonianza di un testimone (R 1/17), secondo il quale avrei dovuto essere presente a un'operazione di gasazione a Krasnodar il 4 febbraio 1943. Ho visto, ecc., senza conoscere questa affermazione, affermare che non ero presente a Krasnodar in quel momento, ma che rimasi a Timoshevskaya.
    Fui trattenuto anche davanti alla testimonianza di un testimone (R 1/20), secondo il quale si diceva che fossi stato presente anche a un'operazione di gasazione nel cortile dell'alloggio di Krasnodar nel dicembre 1942. Non so più dire dove mi trovassi esattamente nel dicembre 1942, ma so per certo di non aver mai preso parte a un'azione di furgoni a gas. Il testimone deve avere torto.
    Mi è stata data la testimonianza di un altro testimone (R 1/22), secondo il quale si dice che abbia impiccato una ragazza nel gennaio 1943 vicino a Krimakaja nel Kurundupe Vorwerk per ordine di Christmann. Tutto quello che posso dire è che, a parte la ritirata, non sono mai stato schierato a ovest di Krasnodar e, a parte uno o due schieramenti nelle paludi di Pripset, non sono mai stato schierato con Christmann. Posso anche notare che mentre mi ritiravo un po' a sud di Kurchansak incontrai di nuovo il Kommando.
    Mi è stata letta la testimonianza di un testimone (R 1/17) sui presunti metodi di interrogatorio a Krasnodar. Tali metodi non sono stati certamente usati negli interrogatori che ho condotto io stesso. Altrimenti lo ritengo altamente improbabile.

    -4-

    Avevamo un pianoforte che stava nella mensa degli ufficiali. A parte Hradetzky e un russo, nessuno poteva suonarlo. Non ho mai visto un giradischi.
    Verso la fine di marzo o l'inizio di aprile 1943 giunsi a Mosyr con l'EK 10a nelle paludi di Pripet. Di lì posso solo ricordare una o due operazioni partigiane guidate da Christmann. Non sono a conoscenza di particolari occorrenze di queste missioni. Sono stato accusato del fatto che, secondo le dichiarazioni dei testimoni, durante queste operazioni i civili, soprattutto donne e bambini, sono stati colpiti con un cannone anticarro. Che un'altra volta si dice che i civili siano stati fucilati in un pozzo per ordine di Christmann. Non posso dire nulla al riguardo. In ogni caso, nelle operazioni partigiane che ho vissuto, qualcosa non era previsto. Non ricordo nemmeno che avevamo un Pak da 45 mm. Avevamo solo un Beutepak da 3,7 mm dai russi, ma non aveva un dispositivo di mira .
    Già nel maggio 1943, lo Skikommando, ad eccezione di Hradetzky e Christmann, era schierato nei Balcani.
    Sulla domanda : ricordo che prima del Natale del 1942 lo Sturmbannführer Persterer venne a trovarci per la prima volta a Krasnodar e lì celebrò il suo addio con l'alcol. Dev'essere stato prima del Natale del 1942, perché poco dopo Natale mi sono trasferito a Timoshivevskaya. Come punto di riferimento per determinare l'ora, mi viene in mente che Persterer inizialmente pensava di poter tornare a casa passando per Rostov, ma che l'esercito russo stava già circondando Rostov o era in rotta di fronte ad essa.
    Altrimenti non ho informazioni utili da dare in merito, per quanto posso ancora ricordare gli eventi di quel tempo, ho descritto le mie esperienze in modo veritiero.

    vgug

    Da me:
    Scheuringer
    Kri.Rev.Insp.

    Presente:
    Dr. Vogt, bar, pubblico ministero
    "".

    Il 13.12.1971 il Tribunale di Vienna rinunciò a promuovere l’accusa contro Herbert Hrabie e diversi altri imputati. L’imputazione:
    “”Tatvorwurf/Tatvorwürfe:
    Einsatzkommando 10b (Südrussland)
    Das Einsatzkommando 10b operierte im Verbande der Einsatzgruppe D in der Zeit von Anfang Juli 1941 bis Jänner 1943 in Südrussland (Nordbukowina, Ukraine, Krim und Kaukasusgebiet). Im Zuge
    der Vernichtungsaktionen gegen die dortige Zivilbevölkerung wurden vor allem Juden/Jüdinnen, kommunistische Funktionäre, "Zigeuner", Partisanen und der Spionage Verdächtigte ermordet.
    Ab Februar/März 1942 wurden bei den Ermordungen auch sog. Gaswagen eingesetzt.
    * 3.5.1965: Einstellung des Verfahrens gegen Herbert KIENE gemäß § 224 StG [Tod des Beschuldigten].
    * 11.10.1965: Einstellung des Verfahrens gegen Johann HAUSMANN gemäß § 224 StG [Tod des Beschuldigten].
    * 24.11.1965: Zurücklegung der Anzeige gegen Franz HUBER, Bruno FUSCHLBERGER, Stefan FUSCHLBERGER, Johann EGGENREITER, Alexander PODUSCHKA, Rudolf HAAS und Johann AMON gemäß § 90 StPO.
    Einstellung des Verfahrens gegen Johann REITZER, Karl SORGO und Hans ZACH gemäß § 224 StG [Tod des Beschuldigten].
    Vorläufige Einstellung/Abbruch des Verfahrens gegen Karl BALABAN gemäß § 412 StPO.
    * 13.12.1971: Einstellung des Verfahrens gegen Friedrich PELIKAN, Johann (Karl Mathias) MEYER und Josef EDER gemäß § 224 StG [Tod des Beschuldigten].
    Zurücklegung der Anzeige gegen Anton EGGER, Helmuth HEISS, Josef GUGGENBERGER, Dr. Otto SCHNOPFHAGEN, Arthur AMLER, Nikolaus BRUNNSCHMID (BRUNNSCHMIED), Anton ECKER, Wilhelm EDER, Attilio ERTEL, Johann (Hans) GRATZER, Emanuel HEISTER, Fritz HOFBAUER, Gregor HRADETZKY, Karl JONAS, Karl KOTZENDORFER, Wilhelm KÖSTINGER, Andreas KRALLINGER, Jakob LACKNER, Martin MUNDSCHÜTZ, Johann NEDELKO, Ludwig REITER, August ROSENAUER, Adolf SAMONIG (SAMNIG), Mauriz (Mauritz) SCHREINER, Ernst SCHWEIBERGER (SCHWEINBERGER), Max SOKSER, Fritz SÖMEN, Friedrich TURNAU, Josef USCHAN, Karl WEBER, DALLER (DALLERT), Valentin PETRECIK, Josef SCHMIDT, Josef LUCKE, Karl SCHUSTER, Gregor HÖLL, Rupert SINNREICH, Wilhelm SCHWEIGER, Johann GRAINDL, Herbert HRABIE, Johann (Hans) GRÜNAUER, Johann HUBER, Heinrich FRÖHLICH, Franz GRUBER (geb. 16.6. 1908 ) und Franz GRUBER (geb. Heinrich FRÖHLICH, Franz GRUBER (geb. 16.6. 1908 ) gemäß § 90 StPO.
    Vorläufige Einstellung/Abbruch des Verfahrens gegen Otto GALLMEISTER, Franz BUSCHTA und FUSCHLBERGER (FUSCHELBERGER) gemäß § 412 StPO. Ausscheidung des Verfahrens gegen Dr. Adalbert HERRMANN gemäß § 57 StPO und Abtretung gemäß §§ 51, 56 StPO an das LG Wien zu 17 Vr 2175/62.
    * 30.5.1972: Zurücklegung der Anzeige gegen Robert BARTH gemäß § 90 StPO.””

    La traduzione:
    “”Accusa/accuse:
    Einsatzkommando 10b (Russia meridionale)
    L'Einsatzkommando 10b operò come parte dell'Einsatzgruppe D nel periodo dall'inizio di luglio 1941 al gennaio 1943 nella Russia meridionale (Bucovina settentrionale, Ucraina, Crimea e regione del Caucaso). Nel corso di
    Ebrei, funzionari comunisti, "zingari", partigiani e sospettati di spionaggio furono le principali vittime delle azioni di sterminio contro la popolazione civile del luogo.
    Da febbraio/marzo 1942 per gli omicidi furono utilizzati anche i cosiddetti furgoni a gas.
    * 3 maggio 1965: il procedimento contro Herbert KIENE viene archiviato ai sensi del § 224 StG [morte dell'imputato].
    * 11/10/1965: Chiusura del procedimento contro Johann HAUSMANN ai sensi del § 224 StG [morte dell'imputato].
    * 24/11/1965: rigetto della denuncia contro Franz HUBER, Bruno FUSCHLBERGER, Stefan FUSCHLBERGER, Johann EGGENREITER, Alexander PODUSCHKA, Rudolf HAAS e Johann AMON secondo § 90 StPO.
    Chiusura del procedimento contro Johann REITZER, Karl SORGO e Hans ZACH ai sensi del § 224 StG [morte dell'imputato].
    Sospensione/chiusura provvisoria del procedimento contro Karl BALABAN ai sensi del § 412 StPO.
    * 12.13.1971: i procedimenti contro Friedrich PELIKAN, Johann (Karl Mathias) MEYER e Josef EDER vengono archiviati ai sensi del § 224 StG [morte dell'imputato].
    Rinunciare alla denuncia contro Anton EGGER, Helmuth HEISS, Josef GUGGENBERGER, il Dr. Otto SCHNOPFHAGEN, Arthur AMLER, Nikolaus BRUNNSCHMID (BRUNNSCHMIED), Anton ECKER, Wilhelm EDER, Attilio ERTEL, Johann (Hans) GRATZER, Emanuel HEISTER, Fritz HOFBAUER, Gregor HRADETZKY, Karl JONAS, Karl KOTZENDORFER, Wilhelm KÖSTINGER, Andreas KRALLINGER, Jakob LACKNER , Martin MUNDSCHÜTZ, Johann NEDELKO, Ludwig REITER, August ROSENAUER, Adolf SAMONIG (SAMNIG), Mauriz (Mauritz) SCHREINER, Ernst SCHWEIBERGER (SCHWEINBERGER), Max SOKSER, Fritz SÖMEN, Friedrich TURNAU, Josef USCHAN, Karl WEBER, DALLER (DALLERT), Valentin PETRECIK, Josef SCHMIDT, Josef LUCKE, Karl SCHUSTER, Gregor HÖLL, Rupert SINNREICH, Wilhelm SCHWEIGER, Johann GRAINDL, Herbert HRABIE, Johann (Hans ) GRÜNAUER, Johann HUBER, Heinrich FRÖHLICH, Franz GRUBER (nato il 16 giugno 1908 ) e Franz GRUBER (nato Heinrich FRÖHLICH, Franz GRUBER (nato il 16 giugno 1908 ) ai sensi del § 90 StPO.
    Sospensione/chiusura provvisoria del procedimento contro Otto GALLMEISTER, Franz BUSCHTA e FUSCHLBERGER (FUSCHELBERGER) ai sensi del § 412 StPO. Eliminazione della causa contro il dott. Adalberto HERRMANN secondo § 57 StPO e assegnazione secondo §§ 51, 56 StPO alla LG Vienna a 17 Vr 2175/62.
    * 30 maggio 1972: ritiro della denuncia contro Robert BARTH secondo § 90 StPO.””
    https://collections.ushmm.org/findin..._01_fnd_de.pdf

    Sono anche disponibili due pagine della scheda di Herbert Hrabie dall'archivio delle SS:

    IMG_0089.JPG

    IMG_0090.JPG

    Saluti,
    Giovanni

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,540
    Ciao a tutti.

    L'ultimo passo di questa lunga vicenda è consistito nell'acquisire copia del documento relativo ad Herbert Hrabie, già agli atti del RuS SS, il Rasse- und Siedlungshauptamt der SS (L'Ufficio Centrale delle SS per la Razza e gli Insediamenti) che, tra l'altro, si occupò anche del matrimonio degli appartenenti alle SS.
    Questo documento è la prova dell'identità di Herbert Hrabie quale protagonista e primo proprietario del mio album fotografico. Infatti il documento RuS SS contiene tre fotografie del soggetto, e non vi è ombra di dubbio che si tratta della stessa persona, inoltre due delle foto nel fascicolo RuS SS, in particolare le fototessere fronte e profilo del soggetto, si trovano assolutamente identiche nel mio album.

    IMG_0092.JPG

    IMG_0093.JPG

    IMG_0094.JPG

    IMG_0095.JPG

    IMG_0096.JPG

    IMG_0097.JPG

    Saluti, Giovanni

  3. #13
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    5,294
    Questi ultimi documenti non li avevo mai visti. Ancora grazie per la condivisione
    sven hassel
    duri a morire

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato