Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: Ospedali da campo

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di Maurizio Corradini
    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    13

    Ospedali da campo

    è da molto che cerco informazioni o foto su questi ospedali da campo dove è stato un mio parente lui ha militato nel Carso
    Ospedaletto da campo 19 e pascia?
    Ospedaletto di Montagnaga
    Ospedale militare Riserva dell'Aquila.
    Ringrazio anticipatamente chi riesce ad aiutarmi.

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    100
    Un cordiale saluto..... sto effettuando le ricerche su testi dell'epoca e l'ospedaletto da campo 19 (da 50 posti letto) , già operativo a inizio guerra, era gestito dalla 2^ Compagnia di Sanità Savigliano (CN) in varie sedi che oggi sono in Slovenia (Caporetto compreso) e nel Comune di Ternova (TS), poi nel novembre del 1917 è stato spostato di sede a Montebelluna (TV) e nell'aprile del 1918 è stato spostato sul fronte francese. .......le ricerche continuano e spero di riuscire a trovare altro. Gli Ospedali di Riserva erano in pratica nelle sedi degli ospedali civili territoriali e qui la ricerca si fa più complicata. Con un po di pazienza spero di essere utile nella tua ricerca.

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    100
    Se può tornare utile all'amico Maurizio Corradini posso dire che il parente di cui cerca le tracce era sicuramente della 2^ Compagnia di Sanità di Alessandria, distaccamento di Savigliano (CN) che ha gestito gli ospedaletti da campo (50 posti) 19 e 20 che confermo erano in località nei pressi di Caporetto fino alla nostra ritirata e poi spostati in Veneto e poi sul fronte francese. La stessa compagnia di Sanità, insieme a personale CRI, ha gestito nell'arco di tutta la guerra in sedi unificate tra loro gli ospedali da campo (100 posti) 017, 021, 023, 026,027 e gli ospedali da campo (200 posti) 210 e 211 prima in Friuli e dopo la ritirata in Veneto vicino Padova. Riguardo l'Ospedale di riserva dell'Aquila i miei testi dell'epoca sono alquanto nebulosi.... probabilmente a L'Aquila si trovava un distaccamento dell'Ospedale di Ferrara per militari affetti da malattie nervose dovute alla guerra. Se di interesse le mie ricerche continuano......

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di Maurizio Corradini
    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    13
    Scusami tanto mi sono spiegato male credo, lui era nel 3 bersaglieri ciclisti un combattente che è stato ricoverati qui, scusami tanto del malinteso e grazie se riesci a trovare qualcosa altro, ti ringrazio infinitamente.

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    100
    Tranquillo.....probabilmente mi sono confuso io nella ricerca. E' confermato quello che già sapevi e cioè che il tuo valoroso parente è stato ricoverato, subito dopo le ferite in combattimento, presso l'ospedaletto da campo 19 (50 posti) con sede in Vipulzano (oggi Slovenia). Facendo alcuni accertamenti incrociati poi dovrebbe essere stato ricoverato nell'ospedale da campo 19 (100 posti) nella località Gervasutta (UD). Da tenere presente che all'epoca Udine era una vera e propria città ospedale ad alto livello. Su strutture sanitarie militari con sede a Montagnaga (che era una piccola frazione nel territorio di Trento) non ho trovato nulla però risulta che a Montagnana (PD) c'era una sorta di grosso deposito/autodrappello per le ambulanze CRI e che vi prestavano servizio anche i militari convalescenti in via di guarigione.. La ricerca continua e spero di trovare qualche cosa di veramente utile.

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di Maurizio Corradini
    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    13
    Ti ringrazio di cuore

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di Maurizio Corradini
    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    13
    Ho trovato qualcosa anche io, ospedale di riserva per malati nervosi Ferrara, il professor Gaetano Boschi voleva creare un ospedale speciale per malati nervosi dii guerra, non finalizzato alle cure delle grandi alienazioni, già conosciute. L'intento era quello di realizzare un trattamento specializzato nella cura delle nevrosi della guerra o da bombe, vita da trincea e potenza di fuoco delle artiglierie

    Conosciuto oggi come, disturbo post traumatico da stress

  8. #8
    Utente registrato L'avatar di Maurizio Corradini
    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    13
    Ho trovato su dei documenti della Fondazione museo storico, che nel novembre 1916 Mario è comandato alla 104esima compagnia presidiaria del 3Bers a Livorno mi sai dire qualcosa

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    100
    Un po di pazienza e mi attivo.....finisco alcuni lavori agricoli e inizio la ricerca....

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di Maurizio Corradini
    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    13
    riepilogando e Leggendo meglio foglio matricolare vedo le date, partito da territorio dichiarato in stato di guerra per ferita(alla faccia e alla mano sinistra combattendo Monfalcone Q85 in data 10-08-16) e ricoverato in detti ospedali il 12/08/16 ospedaletto 119 e Montagnana fino 8 settembre dove è ricoverato ospedale militare riserva dell'Aquila fino al 4 ottobre 1916 dimesso e inviato in licenza di convalescenza di 20 giorni. circa 3 mesi, ti lascio questa altra indicazione .

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •