Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 12 di 12

Discussione: Informazioni su agente segreto

  1. #11
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,816
    Il riaccendersi delle domande relative al "lady Irene" mi ha portato a rileggere tutto quanto ho trovato relativamente a questo aereo e devo dire che mi ha disturbato parecchio il ripetersi di termini quale "mistero" e similari.
    Ad esempio uno dei ripetuti "misteri" è stato l'uso di un ex bombardiere quale il B24 per il lancio di materiale ai partigiani.
    Chi si pone il dubbio evidentemente non ha seguito tutta la storia della guerra, limitandosi al solo periodo resistenziale.

    Vediamo quindi qualche cenno alla storia di questi B24: originariamente erano stati utilizzati grazie alla loro notevole autonomia per la caccia agli U-boote in Nord Atlantico e quando la battaglia fu vinta grazie alle nuove tecniche furono ritirati da quel servizio.
    Erano quindi già usurati ma non ancora da buttare, quindi furono trasformati in aereo trasporto, eliminando tutto ciò che non serviva, quali i vari dispositivi lancio bombe, tutte le sistemazioni per il volo ad alta quota, alcune delle mitragliatrici. Qualche membro del personale originario venne sostituito dai cosiddetti "dispatchers", cioè di coloro che materialmente dovevano occuparsi di "buttar fuori" pacchi e personale.

    Questo vale per i B24 ma anche per i B17 ed i C47 da parte USA ma anche per gli Halifax inglesi.

    Così modificati venivano usati per i trasporti in genere e per i lanci ai partigiani e del personale "misterioso" che stuzzica tanta curiosità.

    Ho cercato di spiegare nel post precedente uno dei "misteri" che riguardava invece la missioni vere e proprie.

    Comunque nessun mistero per che conosce un poco la storia.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2020
    Messaggi
    12
    Non voglio iniziare discussioni sui “misteri” e altro che sono stati raccontati su questo aereo. Certamente le cattive informazioni, i silenzi e in particolare la mancata documentazione non hanno permesso di fare chiarezza su cosa successe al “lady Irene” la notte del 4 ottobre 1944. A distanza di 77 anni dall’accaduto, credo che l’unica discussione che valga la pena di portare avanti sia dare un nome ai tre civili italiani a bordo dell’aereo.
    Mi rattrista sapere che gli americani hanno dato il giusto onore ai loro caduti, mentre nei confronti dei componenti la missione non si riesca a sapere nulla. Con estrema fatica siamo riusciti a confermare il nome del radiotelegrafista, ma del capomissione e del compagno non si conosce nulla. Erano giovani che volontariamente si sono prestati a dare il loro servizio per un ideale di libertà e meritano lo stesso rispetto degli altri.

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato