Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 26

Discussione: Simboli

  1. #11
    Banned
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Veneto
    Messaggi
    490
    vedi liliana, anche in quel testo possiamo e dobbiamo trovare una chiave di lettura.
    ancora oggi si discute se sia un falso costruito ad hoc (versione ufficiale), se sia un false flag, se sia disinformazione o se sia originale. si siscute se sia o meno di matrice ebraica e blablabla.
    il problema è un altro.
    il problema è che quanto profetizzato all'inizio del secolo in quel libercolo SI E' REALIZZATO completamente (leggere per credere).
    il problema è che le teorie propugnate dai savi sono le stesse dei moderni neocon americani, sono le stesse dei bush, dei rumsfield, dei rockfeller, dei rothschild. sono le stesse decisioni che escono dalle riunioni del bildenberg...
    sono le stesse della massoneria.
    ora...fatalità*? convergenza? mano occulta comune? stesse persone/diversi nomi?
    ragionare ragionare ragionare.
    fabio

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    175
    si, hess materialmente scritto con Hitler. Ma credo che ROsemberg non sia del tutto estraneo alla sua elaborazione. Del resto è impossibile che quel testo sia stato creato ex novo nei pochi mesi di prigionia, almeno nelle sue parti teoriche.
    Il protocollo dei savi, invece, appartiene ad uno degli episodi più controversi della storia dei "pamphlet". L'ambiente ebraico era certamente estraneo, non estranei i contenuti. Sono del parere che abbia avuto solo un ruolo di propaganda occulta, e che la sua importanza sia stata enfatizzata ad hoc.
    Sul fatto che si sia realizzato... beh, ho alcune perplessità*. Credo che più che l'ebraismo mondiale dovremmo parlare di massoneria, capitalismo organizzato super-nazionale (in pratica una specie di SIM, se accettate il paragone - triste - con la nostra storia)

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    175
    in pratica quello che ha già* scritto Fabio (vedi i neocon americani)

  4. #14
    Banned
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Veneto
    Messaggi
    490
    giampaoli:"Credo che più che l'ebraismo mondiale dovremmo parlare di massoneria, capitalismo organizzato super-nazionale "

    ahi, ahi...non posso spiegarti perchè, causa lexis, ma sei un pò fuori strada...
    non soffermarti sul dettaglio, guarda l'opera nel suo intero...
    non guardare i vasi: guarda il vasaio.
    capitalismo (oggi turbo-capitalismo), comunismo, massoneria, sette segrete, neoconservatori, sionisti, ecc...
    sono i nomi delle squadre...ma chi organizza e gestisce il campionato?

    il fatto cmq che non si possa parlare serenamente e fuori dai denti di questo argomento senza timore di qualche decreto mancino/mastella o qualche a.d.l. o qualche "volenteroso gohim" ci trascini per le pezze all'inferno , mi costringo a invitare tutti ad abbandonare questo affascinante sentiero e tornare a parlare di teschi ed ossa.

    fabio

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    175
    Tralasciamo i Savi. Rischiamo di mettere la discussione su binari troppo scoscesi (per ora).
    Parliamo di simboli e di quello che scrivevi ieri..

    Si narra che Carlo Magno (restauratore del Sacro Romano Impero), aiutato dalmonaco Alcuino, fondò un'accademia di eruditi al fine di insegnare e studiare le sette arti di Agostino. Per carlo magno le vittorie militari derivavano dalla conoscenza delle cose divine, che lo proteggevano sul campo di battaglia. Sempre secondo leggende carolingie papa Leone III consegnò a Carlo l'enchiridion, il libro che custodiva il segreto per dominare il mondo.
    Con formule e rituali, al limite di quella che in anni successivi verrà* dichiarata stregoneria (ricordiamoci che è stato un papa a donarglielo! ma non confondiamolo con i testi magici detti Grimoren avversati ferocemente dal sire germanico)
    Nell'enchidiridion ci parlava della spada del pantacolo, capace di vendicare le offese alla fede.
    La spada recava il motto:

    Deo Duce
    Ferro comite

    ossia dio conduce e la spada accompagna, pressapoco.
    Si dice ancora che Carlo Magno fondò su questa spada una organizzazione segreta per la difesa dell'impero e della fede.
    Si chiamava Santa Vehme, ossia la santa congrega (veeme = le corporazioni degli arti e dei mestieri olandesi)
    L'organizzazione fu ripresa nel 1200 da Federico II. Dopo la sua morte i suoi adepti si rinnovarono il compito di difendere la fede e il trono da ogni rivoluzione, da ogni riforma, da ogni progresso sociale.
    Qui comincia la fase oscurantista. Si trasformò in un tribunale che di notte affiggeva sulla porta del loro "imputato" la condanna che veniva eseguita all'alba. Il tribunale si diffuse capillarmente in tutta la terra tedesca, e oltre.
    Ricordate la vergine di Norimberga? Fu una loro "invenzione"
    Per farla breve: sopravvisse fino a Napoleone che la debellò.
    Ma qui comincia un altra storia.
    Molti menbri dell'aristocrazia tedesca si propongono di farla rinascere, contro l'oppressione straniera e per la riedificazione di una Germania unita.

    Nella prima guerra mondiale la ritroviamo. A capo nientemeno che Ludendorff.
    Dietrich Eckart (ecco Fabio, mi ero confuso con Meister Eickert) e Ernst Hanfstaengel (chiedo perdono, non so se si scrive così) - forse - ne hanno fatto parte.
    Quando Hitler appare sulla scena tedesca, e fa rinascere nei tedeschi la speranza di cancellare versailles e l'onte del governo comunista in baviera, e la rivoluzione spartachista che sembrava dilagare da berlino, lo stato maggiore della Santa Veheme prende la palla al balzo.

    E' questo il megafono di cui parlavi Fabio?

    Hitler venne considerato il Messia tedesco, il Fredericus Rex (nel 33 uscì un film che colpì Hitler in maniera considerevole)

    Hitler divenne il Giudice supremo, il vendicatore, federico re del mondo che crea il regno millenario dopo aver sterminato i nemici. Accederà* all'Impero universale degli ultimi giorni.
    Ecco il Fuhrer, re del mondo, fredericus, il Wotan, ossia il Profeta.

    Ma questa è una lettura, personale, di quello che, dietro le quinte, si andava consolidando dietro al nazionalsocialismo.

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    175
    Ecco Hitler che, con Hess, riceva la copia della spada di Carlo Magno


    Immagine:

    78,53*KB

  7. #17
    Banned
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Veneto
    Messaggi
    490
    ottima disamina ed interessante interpretazione, ma in tutto questo dimentichi il Germanen Orden e soprattutto la Thule Gesellshaft (a cui Hitler come Hess e molti altri "fondatori" dell'NSDAP erano iscritto negli anni venti).
    due società* segrete per cui ce ne sarebbe da parlare a iosa!
    ricordo ai non-introdotti solamente, per dare idea dell'importanza, che il simbolo della thule era una ruota solare sonnenrad/swastika...vent'ani prima della'ideazione del "partito nazionalsocialista dei lavoratori tedeschi"...
    inoltre non intendo quel "wotan ossia il profeta".
    wotan è il nome germanico di Odino, germanenwahrengott...il profeta a lungo atteso dai circoli iniziatici tedeschi, coem sottolinei, non era certo "divinizzabile" e/o associate al phanteon pagano.
    fabio

    PS (quando hai scritto meister eickhart pensavo che gli avessi dato del "maestro" -il che non è nememno sbagliato-)
    cmq dai un'occhiata a questo vecchio topic, in vena con quanto stiamo dissertando:
    http://www.milistory.net/forumtopic.asp?TOPIC_ID=1728

  8. #18
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    175
    non dimentico certo la thule, anzi. La Thule è però abbastanza conosciuta mentre la Veheme è poco citata quando si parla di nazionalsocialismo delle origini. Del German Order, invece, ha parlato molto Franco Cardini. Conosci?
    Su Wotan hai ragione.

  9. #19
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    1,986
    praticamente è questo postato da giampaoli il teschio che veniva usato dalle ss nel primo periodo,giusto ?anche io credo che "forse" lo zampino di Rosenberg nel Mein Kampf ci sia proprio x il motivo espresso da giampaoli che in un cosi breve periodo venga fuori un testo di cosi grande importanza.
    pure questa come l'altra di ieri sta divenendo uno splendido topic, complimenti ad entrambi.
    affrontare l'impari lotta contro l'ocupante con tutte le conseguenze di sacrifici e di sangue che comportava, o rinunciare, per un lungo periodo di tempo, alla prospettiva di indipendenza nazionale e alla conquista di un regime democratico

  10. #20
    Banned
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Veneto
    Messaggi
    490
    cmq, e lo dice uno che l'ha letto decine di volte, vorrei smitizzare un pò il mein kampf...si tratta di un libro assai mediocre e a tratti palloso...non è poi quel gran parto che tutti credono, via...non reputo che servissero chissà* quali mani per scrivere dei contenuti che erano ampiamente noti e condivisi all'epoca...ultranazionalismo, antisemitismo, geopolitica,ecc...in realtà* ben pochi lampi di genio ne "la mia battaglia".

    x barbudos: no, non è uguale al teschio delle SS.

    fabio

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato