Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 23

Discussione: SM.82, missione nel Golfo Persico (allegato)

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    54

    SM.82, missione nel Golfo Persico (allegato)

    Modulo _NEW.jpgSalve a tutti e bentrovati. Qualche giorno fa un amico mi ha prestato il libretto di volo di suo padre (classe 1917) primo aviere, armiere nella famosa 205a. squadriglia dei Sorci Verdi (41° gruppo, 12° stormo) il quale a bordo dell'aerosilurante SM.84 del cap. Marino Marini partecipò alla battaglia dell'isola La Calite (tra Sardegna e Tunisia) contro il convoglio inglese Halbedt. Tra i vari rapporti delle missioni eseguite ce n'è uno del 5 settembre 1940 (vedi allegato) di cui non riesco a 'decifrare' l'obiettivo (sottolineato in rosso) del bombardamento. Dalla preposizione che precede la parola si direbbero isole. E' così? Attendo un vostro aiuto. Grazie, un saluto a tutti.

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di stecol
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,554
    Riporto quanto scritto sul volume n. 9 di "Dimensione Cielo" edito dalla Ateneo-Bizzarri negli anni '70:

    "L' 11 agosto 1940, a Roma - Ciampino, tre SM.82 «armati» passano in carico al 41° gruppo del 12° stormo B.T. ed il 2 settembre si trasferiscono a Gadurrà, in Egeo. Ma già all'alba del 4 settembre, un'azione combinata aero-navale nemica ne danneggia due che debbono pertanto rientrare in Italia per le riparazioni definitive. Il 13 ottobre giunge a Gadurrà una nuova formazione di 5 SM.82 «armati» del 41° gruppo per cui il 18 ottobre è possibile compiere una importante missione offensiva. Sul primo aereo sono il ten.col. Ettore Muti, il magg. Giovanni Raina, il cap.«Paolino» Moci che è l'unico pilota ad avere effettuato a Guidonia prove di decollo in sovraccarico a 21.300 kg. Sul secondo SM.82 sono il ten.col. Fortunato Federici, il cap. Aldo Buzzanca, il ten. Emanuele Francesco Ruspoli, sul terzo il cap. Giorgio Meyer, il ten. Adolfo Rebex, il mar. Aldo Carrera, sul quarto il cap. Antonio Zanetti, il ten. Vittorio Cecconi, il maresc. Mario Badii. Nel lunghissimo volo è fondamentale la funzione del primo SM.82: perché esso sia distinto dai gregari anche nelle ore notturne sul dorso superiore dell'ala sono dipinti dei rombi bianchi su cui è diretto il fascio luminoso di due lampade. E' anche stabilito l'impiego di comunicazioni-radio a piccolissima frequenza per riagganciare alla formazione gli aerei eventualmente staccatisi. Oltre a problemi di rotta, il collegamento con il primo SM.82 è essenziale anche per il puntamento in quanto la formazione deve sganciare ad «imitazione» di quanto deciso da Raina che sull'obiettivo deve svolgere mansioni di puntatore. Alle h.17,10 i 4 SM.82 decollano al peso totale di 19.500 kg. (di cui 1.500 come carico offensivo) e si portano sulle raffinerie di Manama (isole Bahrein), nel Golfo Persico. Poco prima di giungere sull'obiettivo (h.2,20 del 19 ottobre) Federici perde il contatto con i compagni e sgancia le bombe su altre installazioni. Raina trova oscurati i centri abitati ma illuminato a giorno il nucleo centrale delle raffinerie con le torri di distillazione per cui l'attacco è condotto con pieno successo. Gli aerei atterrano a Zula, in Africa orientale, alle h.8,40 dopo aver percorso 4.200 km. in 15 h. e 30'. In A.O.I. Moci si è fatto precedere dal quinto SM.82 che ha funzione di aero-soccorso nell'eventualità di esaurimento del carburante o di avaria sul deserto sudanese durante il volo di rientro in Italia: in tale caso, con uno speciale codice, esso verrebbe fatto intervenire in modo da atterrare nei pressi di quello costretto alla discesa forzata. Da Zula i 4 SM.82 rientrano direttamente e felicemente in Italia dopo aver compiuto una sola missione sia pure di eccezionale livello tecnico."

    Ciao
    Stefano
    É difficile volare con le aquile quando hai a che fare con i tacchini ....

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di wyngo
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    497
    Grandissimi aviatori...e grazie a tutti per i vostri contributi.
    La storia dimenticata spesso ci ricorda che anche in tempi sospetti vi erano soldati, marinai e avieri che facevano il loro dovere e molto di piu' con quel poco che avevano a disposizione!
    Stecol gli aerei li conosciamo ma si conoscono anche i dettagli del carco bellico?...la documentazione come sappiamo è nella migliore delle ipotesi scarna, quando non assente...
    Ciao Francesco
    Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza

    Leonardo da Vinci

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di gotica68
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    toscana
    Messaggi
    1,422
    [QUOTE=wyngo;469601]Grandissimi aviatori...e grazie a tutti per i vostri contributi.
    La storia dimenticata spesso ci ricorda che anche in tempi sospetti vi erano soldati, marinai e avieri che facevano il loro dovere e molto di piu' con quel poco che avevano a disposizione!

    ..giusto!!

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di wyngo
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    497
    Per ricordare degnamente quelle Persone e quegli Avieri con le iniziali maiuscole, non per l'azione bellica ma per il coraggio di volare e compiere una missione che per l'epoca nessun equipaggio con alcun velivolo aveva mai compiuto, ( gli americani e gli inglesi, propaganda nonostante, rimasero allibiti ed esterefatti nel sentire e vedere gli aerei ITALIANI sopra la raffineria).
    Vorrei postare delle immagini, trascrizioni di articoli dell'epoca e post bellici , che ricordano con toni diversi, spesso romanzati dalla propaganda e dal fatto che i risultati tattici comunque furono esigui ( mentre immensi furono quelli strategici ) quella splendida missione e i suoi esiti.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza

    Leonardo da Vinci

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di wyngo
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    497
    ...e si continua....

    - - - Aggiornato - - -

    ...e infine...

    - - - Aggiornato - - -

    ...e concludo...
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza

    Leonardo da Vinci

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    315
    Molto interessante, Io non ne sapevo niente. Certo, una goccia di carburante perso nel mare di petrolio che avevano gli alleati, ma credo che al momento ci rimasero molto male...
    Saluti

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    54
    Grazie per queste info molto dettagliate.

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218
    Due piccole notazioni:
    - nessuno si è chiesto chi fosse quel Ten. col. Ettore Muti?
    - anni fa, anche se molto, molto romanzato fu dedicato alla vicenda un film: forse ricordo male ma mi pare si titolasse "La colomba non deve volare".
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di wyngo
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    497
    Ciao Kanister
    ...credo che chiunque sappia chi era Ettore Muti...Ettore Muti - Wikipedia
    ovviamente la mia e credo la nostra focalizzazione, è andata al gesto e ai risultati...ovvero alla storia.
    Il film ,come al solito, era impreciso nella storia, nei materiali usati e la missione era ampiamente criticata e presentata come irreale...sta di fatto che le bombe caddero sulla raffineria dopo quel volo di oltre 4000 km, missione mai eguagliata da altre aviazioni, se poi ci mettiamo i velivoli e la nostra burocrazie, le spie e l'addestramento limitato o assente, diventa una vera e propria leggenda.
    Ciao Francesco
    Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza

    Leonardo da Vinci

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato