Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: SPIE,spionaggio e agenti speciali

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    467

    SPIE,spionaggio e agenti speciali

    Chi era lo 007 italiano che fingendosi spia inglese riuscì a recuperare il misterioso carteggio Mussolini-Churchill e che morì negli anni cinquanta in circostanze rimaste tuttora inspiegate? Che cosa spinse la giovane principessa indiana Noor Inayat Khan, raffinata frequentatrice dei salotti londinesi, ad arruolarsi nei servizi segreti di Sua Maestà* Britannica nel 1942, o Paul Ernst Fackeneim, ebreo, prigioniero n. 26336 al campo di Dachau, a farsi paracadutare in Palestina per una missione top-secret prima ordita e poi cinicamente fatta fallire dalle SS? Quali stratagemmi avrà* usato la bella Amy Elisabeth Thorpe, nome in codice Cynthia, americana, moglie di un diplomatico inglese, per sottrarre nel 1941 le tabelle cifranti della Marina Militare Italiana custodite nella nostra ambasciata a Washington? E che dire di Clifton James, misconosciuto attore inglese che nei mesi immediatamente precedenti il D-Day recitò la parte del generale Montgomery in una finzione organizzata per imbrogliare le carte dell`intelligence nazista?
    Alleanze, improvvisi cambiamenti di fronte, strategie di depistaggio e disinformazione, doppi e tripli giochi. Intelligenza, coraggio e senso morale messi alla prova come non mai.


    PIEKALKIEWICZ,JANUS. Spie, soldati, agenti speciali. Storia documentata delle più audaci imprese di spionaggio , dei più arditi colpi di mano, della seconda guerra mondiale.
    Milano, 1970, Bietti Coll.Supercaliedoscopio. cm.19x27, pp.500, num.figg.bn.nt. leg.ed.in t.tela,soprac.fig.

    EUR 37.00



    Immagine:

    16,8 KB

    Immagine:

    17,24 KB

    Immagine:

    12,57 KB

    Immagine:

    13,14 KB

    Immagine:

    4,89 KB
    VALCHIRIA76
    ad excelsa tendo
    ne' con speranza ne' con paura

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053
    Ottima segnalazione Valchiria, la guerra di spie viene molto guardata oggigiorno ma solo dalla parte dei vincitori, è giusto anche rendere noto che pure i vinti avevano i loro servizi segreti e i propri agenti e che realizzarono anche loro qualcosa per il proprio Paese.
    Vorrei fare una piccola integrazione, sempre se mi permetti, c'è un ottimo libro sul capo del servizio spionistico Tedesco, l'Abwehr, il titolo del libro è: Canaris, purtroppo però non mi ricordo la casa editrice [].

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Ottime segnalazioni!!!Aggiorno l'Index!!!
    Ciao![ciao2]
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    467
    Questo mi sembra particolarmente interessante.
    La fonte e' professionale!!!!



    Spie in Irlanda - Agenti tedeschi e IRA durante la seconda guerra mondiale
    Enno Stephan - Greco & Greco Ed., Milano, 2001


    Fonte: Per Aspera ad Veritatem
    Rivista di intelligence e di cultura professionale

    Il volume di Enno Stephan, giornalista e scrittore berlinese nonché Vice Presidente dell'Associazione tedesco-irlandese, è dedicato al tentativo di avvicinarsi il più possibile alla verità* storica per uno dei passaggi più delicati della seconda Guerra mondiale.
    L'intento dichiarato è quello di contribuire a ridimensionare un mito dell'ultimo conflitto mondiale: quello di un'Irlanda in apparenza neutrale, ma in realtà* favorevole alla Germania.
    à? noto come da parte del mondo anglosassone il rifiuto irlandese di concedere agli inglesi stessi l'uso delle basi navali appartenute alla Gran Bretagna fino al 1938 fu considerato come la prova decisiva dell'atteggiamento filo-tedesco dell'Irlanda. Tale ipotesi venne ulteriormente avvalorata, ricorda l'Autore, quando iniziarono a diffondersi voci, via via più insistenti, di infiltrazioni spionistiche tedesche in Eire. Le "temibili spie tedesche", infatti, si riteneva fossero responsabili, grazie alle informazioni ottenute, delle difficili e precarie condizioni in cui versavano le navi alleate nell'Atlantico, anche a seguito delle pesanti perdite subite.


    La ferita delle sei contee separate dell'Ulster, inoltre, era una questione aperta tanto per il governo ufficiale quanto per l'IRA (l'Esercito repubblicano irlandese), ed il servizio segreto tedesco pensò di poter far leva su tale contrasto per tirare dalla propria parte gli irlandesi o, quanto meno, per riuscire a predisporre una base operativa contro gli inglesi.
    Per tale motivo, nel febbraio 1939, un emissario dei Servizi tedeschi aveva avuto un incontro a Dublino con i maggiori esponenti dell'IRA.
    L'alleanza avrebbe dovuto essere vantaggiosa per entrambe le parti: i rivoluzionari irlandesi avrebbero potuto ottenere la riunificazione del Paese, i tedeschi, attraverso azioni di sabotaggio nelle contee dell'Ulster, avrebbero potuto danneggiare notevolmente la Gran Bretagna.
    VALCHIRIA76
    ad excelsa tendo
    ne' con speranza ne' con paura

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •